Collegati con noi

Politica

Di Maio chiude la festa per i 10 anni del M5S e rilancia sulle riforme: Saremo noi l’ago della bilancia

Avatar

Pubblicato

del

Ago della bilancia dei governi per i prossimi dieci anni. Così sarà il Movimento 5 Stelle. Un soggetto politico che deciderà la linea politica e i programmi da portare avanti. Con questa  assicurazione e rassicurazione Luigi Di Maio, capo politico di M5s e ministro degli Esteri, ha chiuso la due giorni di kermesse alla Mostra d’Oltremare di Napoli per festeggiare il decennale dalla nascita della ‘creatura’ voluta da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. Di Maio e’ intervenuto a 360 gradi dal palco ‘Io sono futuro’, annunciando nuove riforme, anche costituzionali e chiudendo ad alleanze con il Pd sul territorio perche’ M5s punta, semmai a “patti civici”, laddove e’ possibile, come sta accadendo in Umbria. “Mi si dice: ma allora in Campania vi alleate con De Luca? Ma neanche per sogno”, infatti, ha precisato. Nel suo discorso ampio spazio alla manovra, sulla quale, in mattinata ha riunito tutto lo staff dei ‘suoi ministri’ e con l’indicazione che il super ticket in Sanita’n sara’ abolito nel 2020, ne’ tralascia il dramma che scuote in queste ore la Turchia. Dal palco dell’Arena Flegrea, la sera prima, Di Maio si era gia’ rivolto ad attivisti e parlamentari per poi lasciare spazio al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha ricevuto un’accoglienza da star al suo arrivo e una standing ovation dalla platea del teatro napoletano. Oggi il capo politico di M5s insiste: “Abbiamo degli obiettivi da realizzare, se volete perdere tempo a litigare fra destra e sinistra non ci stiamo”. Il Movimento e’ “post ideologico”. E ancora: vederci qui con lo stesso entusiasmo di dieci anni fa e’ la risposta a chi in questi giorni, sui giornali, ha parlato di scissioni Le scissioni sono degli altri,”, non del Movimento. Quindi, Di Maio e’ tornato sull’attivita’ di governo: il Movimento non vi resta “perche’ costretto”, ma solo fino a quando si possono fare le cose con i voti”, in Parlamento,osserva. Altrimenti, si va al voto: l’attuale legge elettorale e’ operativa, anche se, “per carita’, va ritoccata dopo la riforma del taglio del numero dei parlamentari, ma questo non significa che debba essere uno strumento per restare obbligatoriamente dove ora si e'”, nota.

Intanto il capo politico di M5s annuncia che da gennaio si procedera’ alle riforme a “costo zero” sull’acqua pubblica, su un conflitto di interessi serio e sulla Sanita’, in modo da togliere dalle mani delle Regioni la nomina dei vertici. Non dimentica un’altra riforma: quella del titolo V della Costituzione per semplificare il funzionamento dello Stato. Ne’ manca di ritornare sulla necessita’ del carcere e della confisca dei beni per i grandi evasori. Significa punire, spiega, chi porta i soldi all’estero e non paga le tasse, non e’ una legge pensata per vessare i cittadini: “Quando cominceranno a terrorizzarvi dicendo che si vuole mandare in galera il cittadino comune, non sentitevi chiamatevi in causa. La battaglia e’ contro quell’un per cento che spesso ha deciso per l’altro 99 per cento. Non permetteremo, aggiunge, che si tocchino i nostri imprenditori, artigiani, commercianti, professionisti”. Se la lotta all’evasione la si vuole fare contro chi “passa cento giorni all’anno a compilare scartoffie e poi alla fine dell’anno arrivano tasse che non ha considerato e se ne vanno tutti i soldi messi da parte”, spiega, “diremo no grazie”. Niente aumento delle tasse per i cittadini ma piu’ tasse per le multinazionali che inquinano, annuncia il capo politico di M5s, per il quale l’ambiente e’ una delle priorita’.Quanto alla riorganizzazione interna del Movimento parte il percorso che da qui a dicembre portera’ gli iscritti a decidere chi deve rappresentarlo a livello nazionale e regionale. Chi si candida dovra’ presentare un progetto e non deve essere un solista ma fare squadra, spiega il capo politico, che lancia,a livello territoriale, corsi di formazione una volta al mese.

A Napoli ci sono molti big del Movimento. Non mancano Beppe Grillo e Davide Casaleggio, ci sono i ministri del governo Conte II, il presidente della Camera, Roberto Fico, che anche oggi ha incontrato gli attivisti, dal palco parla la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ma si notano alcune assenze di ex ministri e di alcuni parlamentari. Non c’e’ Alessandro Di Battista, per motivi personali, a cui Di Maio manda un grande abbraccio. Stasera il primo impegno di Di Maio sara’ , con ogni probabilita’, il vertice di maggioranza sulla prossima legge di Bilancio, poi il Cdm di domani sera. Nel mezzo il Consiglio europeo dei ministri degli Esteri che si svolgera’ in giornata: “Lavoreremo insieme per far si’ che l’Unione europea blocchi la vendita di armi alla Turchia, dice il titolare della Farnesina che chiede un applauso per l’attivista curda Hevrin Khalaf: “In queste ore abbiamo visto anche la sua morte. Vorrei salutarla con un grande applauso per il lavoro svolto”, ha detto Di Maio che ha manifestato “tutta la mia solidarieta’ alla sua comunita’”.

(1834561)

Advertisement

Politica

Il Pd frena sugli Stati Generali, Conte non reagisce ma lavora alle riforme

Avatar

Pubblicato

del

L’offensiva del Pd complica i piani del premier Giuseppe Conte sugli Stati Generali dell’economia. Il capo del governo tira dritto, ha intenzione di collocare l’appuntamento tra mercoledi’ e giovedi’ a Villa Pamphilj e lavora alacremente alla preparazione di un’iniziativa che rischia, tuttavia, di essere “svuotata” in partenza. L’annuncio del premier in conferenza stampa, ai Dem, proprio non e’ piaciuto. Non c’e’ aria di crisi di governo ma la tensione e’ altissima ed e’ alimentata dal grande nodo che si cela dietro il piano di riforme e investimenti per la fase 3: come spendere le decine di miliardi che arriveranno dall’Europa. Dopo le tensioni di ieri tra Dario Franceschini e Giuseppe Conte al Nazareno, Nicola Zingaretti in mattinata riunisce i ministri e lo stato maggiore del partito. “Non c’e’ alcuna volonta’ di contrapposizione a Conte”, premettono fonti del Pd. Ma sul merito dell’organizzazione degli Stati Generali la contrapposizione emerge, eccome. “Siamo favorevoli all’apertura di un processo che coinvolga appieno, e non in maniera superficiale, le migliori energie italiane”, precisano i Dem chiedendo un “percorso serio e adeguato” alla sfida che attende il Paese. Nel pomeriggio il vice segretario Andrea Orlando e’ ancora piu’ netto. “Noi non solo non siamo contrari ma lo abbiamo proposto noi questo passaggio. L’obiezione e’ sulla modalita’, non ci convinceva l’idea che lunedi’ si chiamassero gli Stati generali senza prima definire la proposta del governo e dire come vogliamo spendere i soldi dell’Ue”, spiega l’ex ministro dicendo “no a improvvisazioni”. Conte, per il momento, tace e lavora al piano riforme. Gli Stati generali, a questo punto, potrebbero configurarsi come una prima tappa, soprattutto di ascolto, con parti sociali, associazioni di categorie e alcune personalita’ di spicco. Il Pd, tra l’altro, chiede di allargare il confronto a tutte le forze politiche disponibili piazzando un’altra trappola nel progetto del premier. Che, in fondo, si aspettava tutto cio’ se e’ vero che, gia’ all’indomani del lancio del Recovery Fund, a Palazzo Chigi si prevedeva un “assalto” ai fondi europei. Con conseguente rischio di defenestrazione per Conte. Il tema e’ che tanto prima il governo riuscira’ a partorire questo complesso piano di semplificazioni e riforme tanto piu’ potrebbe crescere la tranche di aiuti del Recovery Fund in arrivo quest’anno. Ed e’ uno snodo cruciale, per Conte. Perche’ solo con la certezza dei soldi europei, il premier potra’ davvero fare a meno del Mes, punto sul quale Pd e M5S viaggiano in direzioni opposte e che vedono lo stesso Conte non convinto dell’attivazione. Ma il sentiero, per lui, rischia di stringersi. Le voci su un possibile partito dello stesso capo del governo agitano ulteriormente il Movimento, nel quale cresce, almeno in una parte, un certo distacco nei confronti di Conte. “Il M5S non lo fara’ mai cadere. Solo il Pd puo’ farlo. Ma se lo facesse non scommetterei che il Movimento voglia tornare al voto”, spiega una autorevole fonte pentastellata. E’ in Iv che Conte in queste ore trova una sponda. La fiscalita’ di vantaggio al Sud, il piano shock sulle infrastrutture, l’abbreviazione dei tempi della giustizia trovano Matteo Renzi in linea. Tanto che il leader Iv ironizza: “e’ bastato fare l’accordo con Italia Viva e subito altri hanno iniziato a prendere le distanze dal Primo Ministro, chissa’ perche’…”. Ma anche in Italia Viva, a Conte, si chiede concretezza. Tocchera’ al capo del governo evitare che gli Stati Generali non si trasformino in un pericoloso boomerang. Al Nazareno, in queste ore, circolava con insistenza un tweet di Pier Luigi Castagnetti: “Andate in un convento 2 giorni, tutto il Cdm, uscitene con una bozza di Piano, Risparmiateci la menata degli Stati Generali”, cinguettava l’ex segretario del Ppi.

Continua a leggere

Politica

Camera e Senato si fanno il loro Covid-center, e la casta non bada a spese

Avatar

Pubblicato

del

La situazione Covid nel Paese è buona. La paura per i 33mila e passa morti resta però sullo sfondo. Così nei palazzi del potere romano, la Camera e il Senato, le due case del nostro Legislatore, hanno deciso di fare qualcosa contro il  virus. Non per gli italiani. No, peer loro. Non parliamo dell’oggi, non parliamo del distanziamento sociale, delle questioni organizzative a Montecitorio e Palazzo Madama o dei controlli sierologici a tappeto per i 900 e passa parlamentari, oltre che dei loro collaboratori.
No, Montecitorio e Palazzo Madama hanno deciso di realizzare un ospedale multispecialistico interno con i migliori medici, le migliori apparecchiature, riservato ai loro inquilini. E hanno già messo a disposizione una cifra da  spendere: 5 milioni di euro per reclutare il personale sanitario. Il meglio per l’assistenza contro ogni rischio futuro. Coronavirus o altro. Il virus ha messo paura al Parlamento. E il motore principale della democrazia per troppi giorni ha funzionato a scartamento ridottissimo solo sulla base della paura del contagio.
Ecco, le contromisure di oggi per evitare il contagio, a partire dalla logistica, sono ottima ma non bastano più. Alla  Camera ora ci sono postazioni di voto più larghe,  accessi quasi zero per estranei e termoscanner.
Al Senato gel disinfettante, guanti, mascherine,  esami con tamponi e i test sierologici (quelli che con tanta difficoltà sono accessibili ai cittadini comuni), affidati all’ Istituto di microbiologia del Gemelli.  Per il futuro, anche per un eventuale ondata autunnale del covid 19, “presso la Camera e il Senato della Repubblica” è stato deciso che “venga allestito un Servizio di assistenza medica e infermieristica” ad hoc per la gestione delle emergenze sanitarie.
Come? “Assumendo un numero stabile di medici specializzati” in cardiologia e in medicina di urgenza e emergenza, oltre che anestesisti e rianimatori. Ma sarà garantito anche un certo numero di infermieri e di servizi accessori in regime ambulatoriale. Insomma, non i covid center inutili realizzati a Milano, ad Ancona o a Napoli, ma un ospedale di eccellenza con personale di eccellenza nel cuore del potere romano. Insomma Camera e Senato vogliono spendere ma vogliono farlo bene. Non i covid center inutilizzati di Milano, Ancona o a Napoli, dove sono stati spesi decine di milioni di euro per allestire sale di terapia intensiva avveniristiche senza avere però personale (e manco pazienti) per farle funzionare.  Il bando comune di Camera e Senato già pubblicato specifica anche che “il prezzo non è il solo criterio di aggiudicazione”. No, sarà assunto chi ha titoli tecnici e professionali eccezionali.Non si baderà allo stipendio o alla collaborazione. Si pensa a luminari della sanità per “un Dipartimento d’emergenza e accettazione (Dea) di primo o secondo livello pienamente operativo”.

Continua a leggere

In Evidenza

Baci, abbracci, strette di mano, selfie e niente mascherine: al Cis di Nola va in scena il festival dell’illegalitò con Salvini

Avatar

Pubblicato

del

Chi è il signore che detta la ricetta economica a Matteo Salvini? Chi è quest’uomo dai modi un po’ ruspanti che  spiega al leader della Lega come rilanciare l’economia italiana dopo la pandemia sanitaria? È un ex ambulante che poi si è arricchito e oggi vende abbigliamento. Oggi ha cento negozi, una famiglia intera che lo segue nelle sue avventure economiche e qualche capitombolo alle spalle recuperato con qualche concordato come da leggi della Repubblica italiana. È un signore che diversifica i suoi investimenti. E da come annuisce Salvini, che è andato  a trovarlo nei suoi sterminati depositi debordanti di merce del Cis di Nola, questo novello economista all’amatriciana è stato convincente su flat tax (lui la spiega in altro modo ma si capisce lo stesso) e sui prestiti a fondo perduto.

Ad accompagnare Matteo Salvini nella sua visita nella zona vesuviana c’era Vincenzo Catapano, sindaco di San Giuseppe Vesuviano. Il primo sindaco di un centro importante del Sud a passare sotto le insegne di Alberto da Giussano. A guardare i video della visita e le foto (anche le foto) ci sarebbe da ricordare a Salvini, al sindaco di San Giuseppe Vesuviano, all’imprenditore economista all’amatriciana e a tutti quelli che hanno scelto di pubblicare sui social questo rendez vous che in Campania la mascherina è obbligatoria, che c’è una ordinanza regionale in tal senso e che i dispositivi di protezione personale hanno finora consentito di tenere basso il livello del contagio da Covid 19. Bene, senza cattiveria, sarebbe il caso che qualcuno cominciasse a far rispettare le regole a tutti. Perchè le regole sono efficaci quando sono valide erga omnes, altrimenti vengono viste come uno sghiribizzo personale di De Luca. Catapano, poi, dovrebbe avere ancora più attenzione per il pericolo contagio già che è stato già contagiato dal covid 19 e dopo la guarigione dovrebbe stare attento. Va bene tutto della visita del leader della Lega, ma occorre ribadire che certi uomini e donne pubblici devono dare l’esempio. Distanze di sicurezza. Obbligo di mascherina dove c’è. Guanti quando si è in luoghi chiusi. Niente strette di mano a tutti. Niente baci e abbracci. E niente selfie a go go. Questo lo diciamo non per il piacere di infastidire Salvini o altri ma perchè sono regole regionali, regole sanitarie e buone pratiche quotidiane.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto