Collegati con noi

Esteri

Deduzioni fiscali per milioni di dollari, le indagini su Trump a New York coinvolgono anche la figlia Ivanka

Avatar

Pubblicato

del

Gli inquirenti newyorchesi che indagano su Donald Trump e sulla Trump Organization hanno esteso le indagini ad alcune deduzioni fiscali per milioni di dollari legate ad alcune consulenze. Una parte di questi soldi, riporta il New York Times, sarebbe finita nelle tasche di Ivanka Trump. Tali deduzioni fiscali sono finite nel mirino sia delle indagini penali condotte dal procuratore distrettuale di Manhattan Cyrus Vance sia di quelle civili portate avanti dalla procuratrice generale dello stato di New York Letitia James. Gli sviluppi delle indagini partono dal fatto che Trump, come emerso dalle dichiarazioni fiscali degli ultimi 20 anni rivelate dal Nyt, avrebbe pagato pochissime tasse sul reddito giustificandole con perdite croniche della sua azienda. In particolare Trump avrebbe ridotto il suo reddito imponibile anche grazie a deduzioni per 26 milioni di dollari riferite al pagamento di consulenze. Consulenze fatte dalla sua azienda per alcuni progetti tra il 2010 e il 2018. E alcuni di questi pagamenti sarebbero stati pagati a Ivanka Trump, che nel 2017 una volta entrata alla Casa Bianca avrebbe dichiarato di aver ricevuto pagamenti da una societa’ di consulenze da lei posseduta per oltre 747 mila dollari. Cifra che corrisponderebbe esattamente con alcune deduzioni fiscali indicate dalla Trump Organization per consulenze relative a progetti legati alla realizzazione di hotel alle Hawaii e a Vancouver, in Canada.

Advertisement

Esteri

Usava il suo seme per far nascere i bimbi in provetta, la truffa del medico della clinica della fertilità

Avatar

Pubblicato

del

Quincy Fortier negli Usa è stato uno dei pionieri dell’inseminazione artificiale. Quando è andato in pensione si è scoperto il suo segreto: usava il suo seme per inseminare le donne  che si recavano nel suo studio assieme ai mariti per poter avere un bambino.
Lo ha fatto per anni. Ovviamente senza mai dirlo alle donne che andavano da lui fidandosi ciecamente dello  stimato professionista dei bambini in provetta.Che cosa faceva Quincy Fortier? Chiedeva il seme dei mariti per la inseminazione ma poi usava il suo di seme per far nascere i bambini. L’inseminatore mascherato era un medico apprezzato. Il primo ad aprire una clinica per donne a Las Vegas.

Nel 1991 gli hanno dato il premio di “medico dell’anno” in Nevada. Epperò il dottor Fortier, scomparso nel 2006 all’età di 94 anni, non seguiva sempre la roulette russa degli spermatozoi altrui.  Per decenni ha truffato le donne che gli chiedevano un figlio usando i suoi spermatozoi. Quella che è stata scoperta non è la storia del “Superpapà” della commedia hollywoodiana.
Questo è il dramma di Wendy Babst e di (almeno) 35 persone come lei. Il rebus familiare di chi non solo scopre che ha un altro padre. Ma che il suo vero papà è l’uomo che ha ingannato la madre. E ha “sfornato” figli in batteria approfittando della sua posizione di “angelo dei bambini impossibili”. È il dramma di una detective – Wendy – che una volta in pensione, a babbo e mamma morti, vuole saperne di più sul proprio albero genealogico. E le cade in testa un ramo gigantesco. Il più vicino, quello su cui pensava di sapere tutto.

È così che comincia il documentario “Baby God” realizzato da Hannah Olson. L’ex poliziotta trova nel database del suo Dna un nome che torna e di cui non ha mai sentito parlare: Fortier. Il medico dell’inseminazione artificiale a cui si era affidata la madre è un dio maligno, “titolare” di metà del suo patrimonio genetico. La regista segue le angosce di Wendy, gli interrogativi dei fratelli acquisiti e spaesati. E non è un caso isolato.  Due dozzine di medici solo negli Usa, ricorda il Guardian , si sono macchiati dello stesso tipo di “fertility fraud”.

Continua a leggere

Esteri

Procuratrice Ny, indagini su affari Trump vanno avanti

La procuratrice dello stato di New York, Letitia James, da mesi indaga sull’azienda di famiglia di Donald Trump. Ha assicurato che le indagini si basano e si baseranno “solo sui fatti: la politica – ha detto – resta fuori dalla porta”.

Avatar

Pubblicato

del

“Le indagini sulla Trump Organization andranno avanti, eventuali provvedimenti di grazia del presidente Trump non potranno comprometterle”: lo ha detto la procuratrice dello stato di New York, Letitia James, che da mesi indaga sull’azienda di famiglia di Donald Trump. Stesso discorso per le indagini condotte dal procuratore distrettuale di Manhattan Cyrus Vance. La procuratrice ha quindi assicurato che le indagini si basano e si baseranno “solo sui fatti: la politica – ha detto – resta fuori dalla porta”.

Continua a leggere

Esteri

Funzionaria Casa Bianca bandita da ministero giustizia

amministratore

Pubblicato

del

La rappresentante della Casa Bianca al Dipartimento di giustizia, Heidi Stirrup, e’ stata bandita da qualunque edificio del ministero. Il divieto di accesso – come riporta la Associated Press – sarebbe legato al fatto che la funzionaria, molto vicina al consigliere politico di Donald Trump, Stephen Miller, avrebbe piu’ volte tentato di accedere a informazioni sensibili sulle presunte frodi elettorali denunciate dal presidente uscente. Tentativi condotti attraverso pressioni esercitate sullo staff del dipartimento.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto