Collegati con noi

Cronache

Decapita la mafia di Messina, la cosca ricostruita dai figli dei padrini in cella

Avatar

Pubblicato

del

In provincia di Messina e in altre località italiane, i carabinieri del Comando Provinciale della città dello Stretto e del R.O.S. hanno arrestato 59 persone accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico di droga, spaccio, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, violenza e minaccia, reati aggravati dal metodo mafioso. L’operazione, denominata “Dinastia”, nasce da un’inchiesta della Dda di Messina, guidata dal procuratore Maurizio de Lucia, sulla “famiglia” mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto, clan storicamente legato a Cosa nostra palermitana. L’indagine ha portato all’arresto di affiliati e gregari della cosca barcellonese che negli ultimi anni ha investito massicciamente nel settore del traffico di sostanze stupefacenti per integrare i guadagni illeciti delle estorsioni.

C’erano i figli degli storici capimafia della zona ai vertici dei clan di Barcellona Pozzo di Gotto.

I rampolli mafiosi, figli di boss detenuti, erano a capo di una struttura criminale che operava con metodo mafioso, nel traffico e nella distribuzione di fiumi di cocaina, hashish e marijuana, nell’area tirrenica della provincia di Messina e nelle isole Eolie, anche rifornendo ulteriori gruppi criminali satelliti, attivi nello spaccio minore. L’operazione ha fatto luce anche su numerose estorsioni messe a segno da anni da esponenti della famiglia mafiosa a commercianti e imprese del territorio barcellonese.

Commercianti, imprenditori, agenzie di pompe funebri, ma anche chi vinceva alle le slot machine finiva nel mirino del racket nel messinese.

I clan di Barcellona Pozzo di Gotto chiedevano soldi a tappeto.

A raccontare i particolari delle attivita’ illegali delle cosche sono diversi pentiti come Carmelo D’Amico, Aurelio Micale e Nunziato Siracusa. I collaboratori di giustizia hanno riferito che due ragazzi, avevano vinto 500mila euro giocando ad una slot-machine installata nel centro scommesse SNAI di Barcellona Pozzo di Gotto. La vincita aveva suscitato l’interesse dell’organizzazione mafiosa barcellonese che si è subito attivata per chiedere il pizzo sull’incasso, riuscendo a ottenere con le minacce 5mila euro.

Gli incassi del racket non erano più sufficienti, le vittime delle estorsioni, in difficoltà per la crisi economica, denunciano. Per questo la mafia di Barcellona Pozzo di Gotto era tornata a puntare al vecchio business della droga.

Emerge anche questo dall’indagine della Dda di Messina. A rivelare agli inquirenti il rinnovato interesse della mafia per il traffico di stupefacenti sono diversi pentiti come l’ex mafioso Alessio Alesci. “Con le estorsioni non si guadagnava piu’- ha raccontato agli investigatori – le persone denunciavano e volevano fare con la droga. C’era la crisi e le persone soldi non ne avevano e si e’ parlato di prendere la droga. La prendeva uno e valeva per tutti, il ricavato andava a tutti”. Dalle intercettazioni – nei dialoghi gli affiliati usavano un linguaggio in codice per indicare lo stupefacente – emerge che la cosca si riforniva di droga in Calabria dalla ‘ndrangheta.

Advertisement

Cronache

Papa Francesco celebra la domenica delle Palme in San Pietro vuota e cita i “veri eroi”

Avatar

Pubblicato

del

L’immensa basilica vaticana quasi vuota. Erano una quindicina le persone ammesse alla messa per le Palme celebrata da Papa Francesco, oltre ai ministranti, i cantori e qualche operatore dei media. Seduti uno per banco, e qualcuno era con la mascherina tra i fotografi ma anche tra i pochi cantori chiamati a rendere solenne la celebrazione che apre la Settimana Santa. Il pontefice ha parlato di “certezze sgretolate” ma ha anche invitato al “coraggio” e a “servire” chi ha bisogno. Ai giovani ha indicato il modello da seguire: “Guardate ai veri eroi che in questi giorni vengono alla luce: non sono quelli che hanno fama, soldi e successo, ma quelli che danno se’ stessi per servire gli altri”. Si apre cosi’ la settimana piu’ importante dei cattolici che portera’ alla Pasqua, ancora con chiese chiuse ai fedeli e celebrazioni solo in streaming. E fa discutere la proposta lanciata dal leader della Lega Matteo Salvini di riaprire le chiese per la messa di Pasqua. Ma la risposta dei vescovi resta quella di ottemperare a quanto stabilito dalle autorita’, considerato che l’Italia non e’ ancora fuori dall’emergenza coronavirus. Il presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, ha spiegato che tutto questo e’ “una sofferenza” per gli stessi vescovi: “In duemila anni di cristianesimo e’ la prima volta che celebriamo la Pasqua in una maniera cosi’ ridotta, e questo, credetemi, e’ una grande sofferenza per tutti voi, ma anche per noi sacerdoti e vescovi, vostri pastori”.

https://www.youtube.com/channel/UCkwbN2a1L1H6P9rcA7FhAqg

L’idea di Salvini non piace neanche al governatore del Veneto, Luca Zaia, leghista: “So che molti cattolici chiedono la riapertura o la possibilita’ di celebrare la Pasqua. Ma, oggettivamente, ricordo che l’Istituto Superiore di Sanita’ disse assolutamente no.

Anche perche’ in letteratura ci sono casi di grandi contagi nelle celebrazioni religiose”. Piu’ polemica la replica di un sacerdote molto attivo sui social e in tv: “Caro Salvini, oggi le chiese sono chiuse, perche’ noi preti – scrive su twitter don Dino Pirri, parroco a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) – rispettiamo la legge del nostro Paese. Obbediamo ai nostri vescovi e non a te. Non usiamo il nostro popolo, ma lo amiamo”. Contro Salvini Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana: “Ora arriva perfino a fare il ministro del culto per riaprire le chiese”, commenta. L’idea e’ respinta anche da Giuseppe Sala, sindaco di Milano, in quella Lombardia che e’ l’epicentro della epidemia: “Penso che in questi momenti la propria fede possa e debba essere anche un fatto personale e privato”. Sala era presente oggi, con il governatore della Lombardia Attilio Fontana, in un Duomo di Milano vuoto per la celebrazione dell’arcivescovo Mario Delpini. Sul ‘caso’ Salvini ha parlato anche lo showman Fiorello: “Non credo che Dio accetti le preghiere solo da chi va in chiesa. Al supermercato entra una persona per volta, che facciamo in chiesa: il prete dice la messa a un fedele per volta?”. Non sono mancate infine le messe ‘clandestine’. A Frascati, nella zona dei Castelli Romani, il vescovo, mons. Raffaello Martinelli, ha celebrato lasciando le porte aperte della cattedrale. E’ intervenuta la polizia. “C’erano le distanze…”, si giustifica il vescovo assicurando che nelle prossime celebrazioni non potendo chiudere le porte “per ragioni di sicurezza”, mettera’ una persona a controllare l’ingresso.

Nella periferia di Roma un parroco e’ salito su un balconcino del campanile della parrocchia e ha iniziato a dire la messa con un altoparlante, richiamando diversi abitanti della zona.

E’ dovuta intervenire la polizia, per far disperdere le persone. Costera’ caro l’ulivo della domenica delle Palme ad alcuni fedeli di Sulmona, che hanno preso parte alla santa messa tenuta nella chiesetta di Santa Maria degli Angeli: sul posto e’ intervenuta la polizia locale che dopo aver identificato i presenti li ha multati con una sanzione da 280 euro per essersi allontanati da casa senza una giustificata motivazione.

Continua a leggere

Cronache

Chiesa aperta e messa della domenica delle Palme: sanzionati il parroco e i fedeli. Adesso tutti in quarantena a casa

Avatar

Pubblicato

del

Niente da fare, neppure l’esempio di Papa Francesco, solo in una piazza San Pietro deserta, è bastato a certi sacerdoti: ancora c’è chi dice messa con i fedeli in chiesa, seduti tra i banchi. Non sono bastati i tanti contagi avvenuti proprio durante le funzioni religiose: matrimoni, funerali, battesimi… Ancora una volta una messa domenicale: stavolta è accaduto a Sant’Arpino, nel  Casertano dove una decina  di fedeli assisteva alla messa della domenica delle Palme quando i carabinieri sono entrati in chiesa ed hanno bloccato la celebrazione ed hanno multato il prete e i fedeli. Visto che il DPCM prende e lo stop alle funzioni religiose. Tutti i partecipanti alla messa adesso dovranno restare per due settimane in quarantena.

Stessa sorte è toccata ai sei clienti di un bar improvvisato in un garage a Santa Maria Capua Vetere: il titolare e gli avventori sono stati tutti identificati e sanzionati.

 

 

Continua a leggere

Cronache

Napoli, mancano mascherine e dispositivi di sicurezza: chiuse 7 postazioni del 118, convocata l’unità di crisi regionale

Avatar

Pubblicato

del

Chiuse sette postazioni del 118 a Napoli per la mancanza di dispositivi  di protezione sanitaria: “Un fatto gravissimo” dice Maria Grazia Di Scala, consigliera regionale campana di Forza Italia, presidente della Commissione Sburocratizzazione del Consiglio regionale della Campania in merito alla disposizione del direttore della Centrale Operativa Territoriale 118 di Napoli Giuseppe Galano con la quale, rinviando ad una contrazione delle forniture dei dispositivi di protezione sanitaria da parte dell’Asl Napoli 1, ha disposto, la scorsa notte, sospensione delle attività delle postazioni 118 del San Gennaro, del Loreto Crispi, del Chiatamone, del San Paolo, di Milano, degli Incurabili e di Municipio. A singhiozzo anche alcune ambulanze sempre per la mancanza di dispositivi di protezione individuali, anche se il direttore dell’Al Napoli 1, Ciro Verdolina, spiega che non si sono mai fermate. “C’è stato un problema di mancanza di tute – ha detto Verdoliva- e quindi per avere maggiori certezze di approvvigionamento  abbiamo convocata d’urgenza l’unità di crisi regionale”.

“Quanto accaduto, peraltro consumatosi nella più assoluta mancanza di trasparenza, – aggiunge Di Scala – è un fatto gravissimo: nella sostanza, per tantissimi napoletani è vietato ammalarsi, salvo incrociare le dita sperando che arrivasse per tempo un’ ambulanza libera di qualche postazione adeguatamente attrezzata dei necessari dispositivi di protezione”. “De Luca intervenga, spieghi le ragioni della mancata fornitura, si assuma le dovute responsabilità e le faccia assumere a chi di dovere”, conclude Di Scala

Continua a leggere

In rilievo