Collegati con noi

In Evidenza

Dal 2020 su WhatsApp arriverà la pubblicità, la piazzeranno negli stati del servizio di messaggistica

amministratore

Pubblicato

del

Facebook amplia il suo marketing inserendo la pubblicità direttamente all’interno dell’app di messaggistica. Dall’anno prossimo gli status personali mostrerano messaggi pubblicitari. Cosi è, se vi piace.
La notizia dell’arrivo delle pubblicità su WhatsApp, già attesa per l’inizio del 2019, è solo sposata al 2020. L’annuncio ufficiale sarebbe arrivato durante il Facebook Marketing Summit 2019 di Rotterdam, nel quale un portavoce della piattaforma social ha confermato che dall’anno prossimo gli utenti del servizio di messaggistica più scaricato al mondo troveranno la pubblicità all’interno della visualizzazione dello stato.
La notizia è stata poi ripresa e diffusa tramite Twitter anche da Olivier Ponteville, a capo della sezione media dell’agenzia Be Connect. In sostanza, i messaggi pubblicitari non andranno ad interrompere le chat, ma saranno inseriti all’interno della parte relativa agli status, la sezione della piattaforma che funziona in maniera del tutto simile alle storie di Instagram.
Quest’ultimo, tra l’altro, ha già inserito le pubblicità all’interno delle sue stories a partire dal 2016. Da parte di Facebook, che possiede WhatsApp e punta a unirla anche a Messenger e Instagram per permettere alle tre piattaforme di integrarsi in maniera più diretta nei loro servizi, l’aggiunta delle pubblicità all’interno degli stati dell’app di messaggistica potrebbe rappresentare anche una notevole fonte di guadagno.
Da solo, WhatsApp conta circa 1,5 miliardi di utenti e quasi 450 milioni sono le persone che usano l’app ogni giorno per scambiarsi messaggi. Sebbene non tutti gli utenti utilizzino l’opzione stato, l’ipotetica quantità di visualizzazioni per eventuali pubblicità sulla piattaforma è comunque impressionante.
Questa della pubblicità è un’ulteriore novità che va ad aggiungersi a quelle già previste per rinnovare e incrementare le funzionalità di WhatsApp. Tra queste, per esempio, c’è WhatsApp Business, che permette alle attività commerciali di utilizzare la piattaforma per avere un contatto più direttocon i propri clienti, oppure il recente annuncio di un software da poter integrare per scambiare criptovalute e lo sviluppo di un sistema di pagamenti digitali direttamente gestito attraverso l’app di messaggistica.

Advertisement

Esteri

È morta Claudia Ochoa Felix, la ‘Kim Kardashian’ del narcotraffico messicano

Avatar

Pubblicato

del

Claudia Ochoa Felix, una delle donne piu’ potenti del narcotraffico messicano, conosciuta come la ‘Kim Kardashian del Cartello di Sinaloa’, e’ morta nella notte fra sabato e ieri a Culiacan, quasi certamente a causa di una overdose. Lo scrive il quotidiano Tribuna. Secondo il giornale la donna, conosciuta anche come ‘la Imperatrice degli Antrax’, una spietata banda di killer guidata da Ismael Zambada al servizio dei boss del ‘Cartello di Sinaloa’, aveva partecipato ad una festa a base di droga e alcol e si era poi recata a Isla Musala, una zona residenziale di Culiacan. Una persona che era con lei ad un certo punto ha constatato che la donna non si risvegliava ed ha chiamato il Pronto soccorso. Un medico accorso sul posto non ha potuto pero’ fare altro che costatarne la morte. Modella di professione, Claudia aveva 34 anni e si era sposata con Jose’ Rodrigo Arechiga, detto ‘El Chino ntrax’, che era stato leader del braccio armato del Cartello di Joaquin ‘El Chapo’ Guzman.

Da qui il suo soprannome di ‘Imperatrice degli Antrax’, anche se lei aveva sempre negato di aver partecipato ad operazioni criminali, minacciando piu’ volte i media di denunce per diffamazione. Sicuramente invece faceva un ampio uso dei social network, pubblicando via Twitter o Facebook decine di foto in bikini o con costosi vestiti griffati, o immagini in cui la si vede con in pugno armi automatiche o in posa con automobili di lusso.

Continua a leggere

In Evidenza

Tutto il Bologna in visita da Sinisa al Sant’Orsola, il video esclusivo della web tv bolognese Ètv

Avatar

Pubblicato

del

Dopo la vittoria in rimonta per 4-3 a Brescia e prima di rientrare a casa, i giocatori e lo staff del Bologna ieri sera si sono fermati col bus fuori dall’ospedale Sant’Orsola dove è ricoverato l’allenatore Sinisa Mihajlovic, per condividere con lui la gioia dei tre punti. E il tecnico serbo si e’ affacciato da una finestra dell’Ematologia, per salutare. Una sorta di serenata a sorpresa, decisa durante il viaggio di ritorno del pullman e documentata da un video dell’emittente bolognese ÈTv. Squadra e staff, intorno alle 21, hanno cantato cori (“Dai Sinisa Ale'”) e l’allenatore, che da luglio è in cura per la leucemia, ha risposto: “Non me l’aspettavo. Bravi, poi mercoledi’ ne parliamo, perche’ non abbiamo fatto niente. Dove andate a festeggiare? Venite in camera mia che riguardiamo la partita”. Le immagini che vedete di seguito sono di Ètv e sono pubblicate sulla pagina Fb della webtv bolognese. Un bel documento di Alessio De Giusepe che testimonia l’affetto della squadra per Sinisa e che il mondo del calcio professionistico è fatto anche di carne, sangue e sentimenti. Non sono di soldi e diritti tv.

Continua a leggere

Ben'essere

Farina impastata con acque della sorgente ischitana “Fonte delle Ninfe di Nitrodi”, l’ultima creazione di Franco Pepe: Pizza Nympha

Avatar

Pubblicato

del

Quella che Franco Pepe ha presentato a Ischia Safari non è semplicemente una pizza ma una prelibatezza frutto non solo di un impasto di farine ed acqua ma di sapori e saperi. Forse è questo “Nympha”, la nuova pizza. La pizza gustosa e altamente digeribile. La pizza a base di farina e acqua minerale ipotermale dell’antica sorgente ischitana “Fonte delle Ninfe di Nitrodi”. E Franco Pepe, l’uomo che ha fatto della pizza un’arte, ha spiegato che “Nympha” è anche una pizza impasto di scienza e religione in in tempo in cui non erano così distinte”. Nympha nasce grazie ad acque che secondo la tradizione hanno qualità terapeutiche e che secondo il mito erano un dono del Dio greco Apollo e delle Ninfe. Sono acque di Ischia e Franco Pepe ha presentato questa sua ultima creazione a Ischia, servendola a bordo piscina dell’albergo della Regina Isabella di Lacco Ameno agli ospiti della Charity Dinner di Ischia Safari.

Dal 20o3, il Ministero della Salute ne ha riconosciuto, ufficialmente, le proprietà curative. “Dal desiderio di condividere i suoi effetti benefici deriva la nostra “Nympha”, una pizza dal nome evocativo, che ha due importanti caratteristiche: una significativa riduzione di sale e lievito, soffice e leggera già al tatto.  Tutti gli ingredienti sono delicati come l’impasto: pomodoro, olio, capperi disidratati e erbe aromatiche del parco di Nitrodi, capaci di sprigionare il proprio potere nutritivo e nutraceutico” spiega Franco Pepe usando un linguaggio a metà strada tra scienza culinaria e cultura ellenica. Davanti a questo signore che usa un’acqua curativa per realizzare una pizza, è lecito porsi una domanda: perchè non pensare di concedere a Franco Pepe una stella Michelin.

Per lui sarebbe il giusto riconoscimento di un lavoro eccellente, per la guida un segno di apertura ad altre esperienze culinarie. La pizza di Franco Pepe non sono pizzette. Ma questo lo sa solo chi ha il piacere e la pazienza di andare a Caiazzo, da Pepe in Grani, nell’altro Casertano, a gustare le sue creazioni. E a godere della sua accoglienza.

Continua a leggere

In rilievo