Collegati con noi

Napoli

Curia Napoli, vietate feste nuziali in chiesa e locali attigui

Pubblicato

del

 La Curia arcivescovile di Napoliricorda a parroci e fedeli, che nelle chiese, come anche nei locali attigui, non e’ consentito effettuare il ricevimento nuziale. “Pervengono, presso la Curia Arcivescovile, e anche agli stessi parroci, – scrive la Curia in una nota dell’ufficio stampa – richieste per effettuare il ricevimento nuziale in locali attigui alla Chiesa deputata al rito sacramentale”. “Nel disapprovare casi gia’ verificatisi, – continua il comunicato – la Curia Arcivescovile, ad evitare confusione e disorientamento nei fedeli, ribadisce quanto prescrive il Direttorio diocesano, al quale sono tenuti ad attenersi parroci, rettori e presbiteri”.

Advertisement
Continua a leggere

Economia

Pizza in crisi a Napoli? “Dovrebbe costare di piu'”

Pubblicato

del

 La Lombardia supera la Campania per numero di pizzerie, grazie anche alla diffusione di catene partenopee in trasferta, mentre gli esercenti napoletani soffrono l’aumento dei costi delle materie prime. Sul prodotto tipico piu’ noto della cucina partenopea soffiano venti di crisi, insospettabili dopo decenni di vento in poppa: e cosi’ due commissioni del Consiglio regionale organizzano una mattinata di audizioni con gli assessori competenti e gli operatori del settore, per fare il punto su iniziative a sostegno del settore. Tra le proposte, una Biennale della pizza che metta insieme tutta la filiera, dai produttori di farina e pelati fino al comparto dell’olio e della mozzarella, per ‘fare rete’ tra varie eccellenze dell’agroalimentare campano. La convocazione delle audizioni non ha a che fare con il ‘caso Briatore’ e le polemiche sulle pizze a prezzi record offerte nei ristoranti del manager, anche se gli operatori napoletani riconoscono che il prodotto, nel capoluogo campano, dovrebbe costare di piu’. Antonio Pace, presidente dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, ne e’ convinto: “Noi siamo la patria della pizza e la citta’ dove e’ universalmente riconosciuto che venga preparata la migliore pizza in assoluto. Eppure qui non la si puo’ vendere a 13-15 euro come altrove, bisogna tenere conto del contesto economico locale”. Per il presidente della commissione agricoltura del Consiglio regionale, Francesco Emilio Borrelli, il paradosso e’ che altre regioni finiscono per beneficiare delle strategie di marketing promosse qui: “Se la pizza e’ diventata grande nel mondo e’ merito dei napoletani e dei campani. Il riconoscimento dei marchi Stg e Unesco e’ frutto del lavoro tra le associazioni e le istituzioni locali e non degli imprenditori o istituzioni del Centro Nord; e’ assurdo che noi facciamo il lavoro ed altri godono delle ricadute economiche”. Il presidente della commissione lavoro del Consiglio, Carmine Mensorio, accende i riflettori anche sul versante occupazionale: “Occorre offrire garanzie chiare ai lavoratori del comparto”. La parola chiave e’ marketing territoriale. Gli assessori regionali all’Agricoltura, Nicola Caputo, e al Lavoro, Antonio Marchiello, sono pronti a sostenere iniziative per la promozione della pizza made in Napoli e in Campania. Caputo ipotizza la Biennale, le associazioni sono pronte a un tavolo di lavoro comune. Tutti d’accordo su un punto, dalla qualita’ non si prescinde: la folla di turisti che invade Napoli quest’estate, assaporando pizze, deve essere il miglior ambasciatore dell'”unicita’” del prodotto locale. Con buona pace delle pizze vip di Briatore.

Continua a leggere

Cronache

Blackout ai Colli Aminei di Napoli, guasto da riparare ma energia erogata

Pubblicato

del

E’ tornata normale da oltre un’ora l’erogazione della corrente elettrica in tutte le abitazioni della zona collinare di Napoli interessate ieri pomeriggio da un blackout che ha riguardato migliaia di persone, tra viale Colli Aminei e via Nicolardi. I tecnici di E-distribuzione spiegano che si e’ trattato di un doppio guasto su cavi interrati, probabilmente legato alle forti ondate di calore. E’ stato installato quindi un cavo-attrezzo esterno, una sorta di by-pass alle linee danneggiate, ed e’ stata montata una power station, un grande gruppo di continuita’. Tutto cio’ ha consentito di ripristinare l’erogazione di energia elettrica senza che i clienti dovessero attendere la riparazione definitiva del guasto, che richiedera’ piu’ tempo. Un primo gruppo di utenze ha ricevuto la corrente gia’ intorno alle 20:30, poi l’erogazione ha raggiunto via via le altre famiglie.

Continua a leggere

Napoli

Napoli tre consiglieri lasciano il M5s per seguire Di Maio

Pubblicato

del

Nel consiglio comunale di Napoli si spacca il Movimento 5 stelle: tre consiglieri su sei passano a ‘Insieme per il futuro’ seguendo la scelta del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. A sostenere l’ex esponente di primo piano dei pentastellati saranno: Gennaro Demetrio Paipais, Fiorella Saggese e Flavia Sorrentino, eletti con la lista del M5s alle amministrative di ottobre. Restano, invece nel gruppo del Movimento 5 Stelle: Ciro Borriello, Salvatore Flocco e Claudio Cecere.  Il nuovo gruppo consiliare di ‘Insieme per il futuro’ esordirà martedì in occasione della prossima seduta del consiglio comunale. Capogruppo sarà Flavia Sorrentino, che ricopre anche la carica di vicepresidente del Consiglio. La decisione era già nell’aria da qualche giorno, dopo la scelta di Di Maio di abbandonare i suoi ex compagni pentastellati. Oggi l’ufficializzazione dopo l’incontro tra Paipais e lo stesso titolare della Farnesina, oggi a Napoli per una serie di appuntamenti istituzionali.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto