Collegati con noi

Cronache

Covid e svuotacarceri, appello di Maresca: curare i criminali pericolosi in carcere, evitiamo altri casi Zagaria

Pubblicato

del

Catello Maresca. Dopo 12 anni alla Direzione distrettuale antimafia è oggi Sostituto Procuratore Generale

Passa la seconda ondata del Covid e puntuali sono ricominciate le proteste dei detenuti e dei loro familiari. Il Governo ed il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (il DAP) si muovono per scongiurare un’altra Caporetto.
L’obiettivo dovrebbe essere quello di assistere dignitosamente i detenuti con patologie all’interno delle carceri. Il rischio è che vengano mandati a casa pericolosi delinquenti. È già accaduto nel corso della prima emergenza epidemiologica.
A tal proposito, se l’esperienza conta, anche e soprattutto per evitare di commettere gli stessi errori, val la pena di ricordare quello che è successo a marzo.
Rivolte simultanee dei detenuti in molti istituti di detenzione. Sistema penitenziario colto di sorpresa, o comunque non adeguatamente predisposto per fronteggiare l’emergenza. E poi le scarcerazioni indistinte con molti pericolosi delinquenti, anche mafiosi, mandati per mesi in vacanza domiciliare con il differimento della pena.

Non è mia intenzione tornare sulla questione delle colpe o delle responsabilità, dopo che i dirigenti di quel DAP sono stati quasi tutti rimossi o “dimissionati”, ma mi preoccupo affinché tali situazioni incresciose non abbiano mai più a ripetersi. Perché sbagliare è umano, anche se molto grave per chi riveste ruoli istituzionali di rilievo, ma perseverare è diabolico.
Il Governo è intervenuto inserendo l’art. 30 nel decreto ristori ed ha pensato di replicare la medesima misura del cosiddetto “indultino”, che prevede la detenzione domiciliare per i detenuti che non debbano scontare più di 18 mesi di reclusione, anche come residuo di altra pena. Dovrebbero essere stati esclusi dal beneficio i mafiosi e gli autori di delitti più gravi.
Nel frattempo anche il DAP sta correndo ai ripari per evitare le conseguenze della diffusione del virus nelle carceri.
Mi preoccupano, da tecnico studioso del fenomeno mafioso, almeno due aspetti di una strategia che sembra improntata al solito opinabile principio di svuotare le carceri il più possibile senza fare, fino in fondo con chiarezza, distinzione tra tipologie di delinquenti. E soprattutto con pochi insufficienti interventi strutturali.

La prima criticità è legata al nuovo “indultino”, riproduzione di quello previsto a marzo dall’art. 123 del decreto cura Italia.
Con una modifica introdotta, cogliendo in parte una mia indicazione, già pubblicata a maggio su questo giornale. Viene, infatti, previsto il divieto di scioglimento del cumulo delle pene per i reati di mafia e di terrorismo.
La questione è molto tecnica, ma sostanzialmente può essere spiegata dicendo che con il precedente art. 123 del decreto cura Italia sono usciti dal carcere mafiosi come Antonio Noviello, del clan dei Casalesi, condannato ad oltre 16 anni per reati di stampo mafioso e reati comuni. L’indultino di marzo consentiva, infatti, la scarcerazione anticipata – in periodo di covid – di questi soggetti, anche se dovevano finire di scontare una pena inferiore a 18 mesi per reati comuni.
Con le nuove norme questo non sarà più possibile. Ma non sempre. Perché è stata inserita una eccezione dell’eccezione. E cioè questo avverrà solo se i reati sono connessi. E vi risparmio ulteriori tecnicismi.
La conclusione è che si tratta di una norma che scontenta tutti, che verosimilmente avrà una applicazione modesta e non risolverà il problema del sovraffollamento delle carceri.

Peraltro, non essendo stata pubblicata la relazione di accompagnamento non è dato sapere se, in questi 6 mesi dopo il primo lockdown, sia stata fatta una previsione sull’impatto della norma.
Quindi, a mio modesto parere, il sovraffollamento resterà e i giudici di sorveglianza saranno chiamati ad esprimersi sulle situazioni critiche senza sostanziali novità, né migliorie rispetto a marzo.
E qui entra in gioco la seconda criticità che è legata alla circolare del DAP del 22 ottobre con cui si danno disposizioni ai Provveditorati ( organi periferici che coordinano gli istituti carcerari) per la gestione del rischio covid all’interno del carcere. Ci si preoccupa- giustamente – della gestione dei detenuti covid, ma mancano totalmente indicazioni sulla “gestione straordinaria” dei detenuti con patologie diverse anche gravi, in un momento nel quale il servizio sanitario nazionale è in emergenza assoluta.
Mi chiedo se lasciare la delega alle Asl (ancora competenti per legge per i profili sanitari di tutta la platea carceraria) senza l’indicazione di tempi, modalità di effettuazione di cure ed esami clinici, ed eventuali “corsie prioritarie” per i detenuti più pericolosi, non sia scelta operativa rischiosissima.

Pasquale Zagaria. Detenuto al 41 bis scarcerato ad aprile per evitare che si contagiasse

Si veda cosa è accaduto per il boss Pasquale Zagaria, mandato a casa ad aprile, per l’impossibilità di effettuare controlli medici per la riconversione a centro covid dell’ospedale dove veniva curato.
Allo stato delle disposizioni un detenuto, anche al 41 bis, a cui non sarà assicurata la richiesta necessaria terapia sanitaria, a causa, ad esempio, della temporanea chiusura/sospensione del servizio medico per emergenza covid, temo che rischi di andare a casa sulla base dell’art. 147 c.p.


Non mi risulta siano stati fatti screening precisi delle patologie più diffuse ed analisi del rischio-scarcerazioni per i mafiosi con patologie. Con conseguente logico potenziamento delle strutture/reparti sanitari interessati.
Dall’altro lato, almeno questo, la famigerata circolare del 21 marzo ( definita da molti la vera svuotacarceri) resta ancora sospesa.
Auspico che non si ripeta una storia già vista. E rispetto a queste critiche costruttive mi aspetto non infastidite repliche piccate, ma chiare risposte rassicuranti, cui seguano fatti concreti. Non siamo più disponibili ad accettare scuse postume con non chiare assunzioni di responsabilità, né tantomeno goffi tentativi di buttare la croce sui giudici, che in genere non dispongono di corrispondenti strumenti mediatici per difendersi efficacemente.
Non so più in che lingua bisogna dirlo. Così non va bene. Così non si affronta l’emergenza. È sbagliato. È pericoloso.
Ad inizio marzo, molto prima del pur meritorio dottor Giletti che colse il nostro grido di dolore su La 7 e che ne ha fatto poi quasi una battaglia personale, ebbi a denunciare la questione pubblicamente dalle pagine di Juorno.it.
Lanciai l’allarme e suggerì una possibile soluzione.
Con atteggiamento da soloni presuntuosi all’epoca si sottovalutò la questione. Ed abbiamo visto tutti come è andata a finire. Cerchiamo di non replicare una delle pagine più buie nella lotta alle mafie nel nostro Paese.
Serve un intervento immediato, coraggioso ed efficace. I mafiosi vanno curati, ma va fatto esclusivamente all’interno del circuito carcerario. E l’opinione pubblica ha diritto, dopo tutto quello che è accaduto in primavera, di sapere quali siano gli strumenti e le strategie che si sono adottate per evitare il peggio.

(Le foto e i video in questo editoriale del dottor Catello Maresca sono materiale di archivio di Juorno.it e sono immagini e filmati relativi alle rivolte in carcere del 7,8, 9 marzo che causarono 14 morti, decine di feriti e danni per milioni di euro alle strutture penitenziarie italiane) 

Advertisement

Cronache

Papa: democrazia arretra, reagire a seduzioni autoritarie

Pubblicato

del

Dalla patria della democrazia papa Francesco lancia l’allarme sull'”arretramento” – non solo in Europa – di questa forma di governo. “Qui e’ nata la democrazia. La culla, millenni dopo, e’ diventata una casa, una grande casa di popoli democratici: mi riferisco all’Unione Europea e al sogno di pace e fraternita’ che rappresenta per tanti popoli”, dice il Pontefice parlando alle autorita’ e alla societa’ civile della Grecia nel Palazzo presidenziale di Atene, dove e’ giunto stamane da Cipro. “Non si puo’, tuttavia, che constatare con preoccupazione come oggi, non solo nel Continente europeo, si registri un arretramento della democrazia”, avverte. Essa “richiede la partecipazione e il coinvolgimento di tutti e dunque domanda fatica e pazienza. E’ complessa, mentre l’autoritarismo e’ sbrigativo e le facili rassicurazioni proposte dai populismi appaiono allettanti”. Secondo Francesco, “in diverse societa’, preoccupate della sicurezza e anestetizzate dal consumismo, stanchezza e malcontento portano a una sorta di ‘scetticismo democratico’”. Ma “c’e’ pure uno scetticismo nei confronti della democrazia – spiega ancora – provocato dalla distanza delle istituzioni, dal timore della perdita di identita’, dalla burocrazia”. E il rimedio a cio’ “non sta nella ricerca ossessiva di popolarita’, nella sete di visibilita’, nella proclamazione di promesse impossibili o nell’adesione ad astratte colonizzazioni ideologiche”, ma “nella buona politica”, in quanto “arte del bene comune”. Bergoglio, citando anche De Gasperi, punta il dito contro le “polarizzazioni” che “animano la democrazia ma rischiano di esasperarla”. E indica come “amplificate dalla comunicazione virtuale, si diffondono ogni giorno paure e si elaborano teorie per contrapporsi agli altri”. Si deve invece “passare dal parteggiare al partecipare; dall’impegnarsi solo a sostenere la propria parte al coinvolgersi per la promozione di tutti”. Un richiamo importante del Pontefice riguarda la Unione europea, che lui vede “lacerata da egoismi nazionalistici”, ed “anziche’ essere traino di solidarieta’, alcune volte appare bloccata e scoordinata”. E “se un tempo i contrasti ideologici impedivano la costruzione di ponti tra l’est e l’ovest del continente”, ricorda, oggi e’ “la questione migratoria” ad aprire “falle anche tra il sud e il nord”. Per questo, alla vigilia della sua visita ai rifugiati di Lesbo, isola sulla quale ritornera’ domani dopo la visita di cinque anni fa, esorta “nuovamente a una visione d’insieme, comunitaria, di fronte alla questione migratoria” e incoraggia “a rivolgere attenzione ai piu’ bisognosi perche’ secondo le possibilita’ di ciascun Paese siano accolti, protetti, promossi e integrati nel pieno rispetto dei loro diritti umani e della loro dignita’”. Proprio loro, i migranti, per papa Francesco, “sono i protagonisti di una terribile moderna odissea”. Ma la loro accoglienza, “piu’ che un ostacolo per il presente”, “rappresenta una garanzia per il futuro, perche’ sia nel segno di una convivenza pacifica con quanti sempre di piu’ sono costretti a fuggire in cerca di casa e di speranza”. Nel suo discorso, che ha la portata di un manifesto politico – presenti la presidente della Repubblica Ekaterini Sakellaropoulou e il premier Kyriakos Mitsotakis, con i quali il Papa ha avuto due separati incontri -, entra anche l’auspicio che “gli impegni assunti nella lotta contro i cambiamenti climatici siano sempre piu’ condivisi e non siano di facciata, ma vengano seriamente attuati. Alle parole seguano i fatti, perche’ i figli non paghino l’ennesima ipocrisia dei padri”. E inoltre una forte sollecitazione alla difesa della vita e contro l’eutanasia: “La vita e’ infatti un diritto, non la morte, la quale va accolta, non somministrata”. Ma la conclusione e’ ancora contro il serpeggiare dei nuovi nazionalismi e delle “seduzioni” autoritarie. “Vi esorto a far progredire questo Paese nell’apertura, nell’inclusione e nella giustizia – afferma -. Da questa citta’, da questa culla di civilta’ si e’ levato e sempre si levi un messaggio che orienti verso l’Alto e verso l’altro; che alle seduzioni dell’autoritarismo risponda con la democrazia; che all’indifferenza individualista opponga la cura dell’altro, del povero e del creato, cardini essenziali per un umanesimo rinnovato, di cui hanno bisogno i nostri tempi e la nostra Europa”.

Continua a leggere

Cronache

Agguato a Roma, ucciso a colpi di pistola in palazzo

Pubblicato

del

Ucciso a colpi di pistola, nelle prime ore del mattino, mentre entrava in ascensore. Omicidio nel quartiere Primavalle, alla periferia di Roma. La vittima e’ Adrian Pascu, un 30enne romeno con precedenti alle spalle per furto, ricettazione e stupefacenti. E’ stato trovato a terra, insanguinato, nell’androne del palazzo in cui abitava in via Francesco Maria Greco. Almeno tre i colpi di pistola esplosi. A dare l’allarme e’ stato il postino intorno alle 8. L’uomo ha notato la porta dell’ascensore aperta e avrebbe avvertito un lamento. Inutili i soccorsi per il 30enne. E ora sono in corso indagini della polizia per risalire a chi ha premuto il grilletto. I pm di Roma procedono per omicidio. Per terra, accanto al corpo, sono stati trovati tre bossoli sul pavimento. Da una prima ricostruzione, Pascu stava entrando in ascensore per rientrare a casa quando si e’ imbattuto nel killer. Probabilmente chi ha sparato lo attendeva gia’ nel palazzo e conosceva i suoi orari. Ha aspettato che aprisse la porta dell’ascensore per sparare. All’interno della cabina dell’elevatore sono stati trovati i segni dei proiettili. Si ipotizza che sia stato centrato da tre colpi, ma sara’ l’autopsia a stabilirlo con certezza. La polizia scientifica ha effettuato a lungo i rilievi per isolare tracce utili per far luce sulla vicenda. Al vaglio le telecamere di videosorveglianza della zona. E gli investigatori sono ora al lavoro per individuare l’autore dell’omicidio che sembra essere un’esecuzione in piena regola. Non si esclude che l’agguato sia avvenuto diversi minuti prima del ritrovamento, addirittura intorno alle 6.30. Forse il killer ha utilizzato un silenziatore e cosi’ l’allarme e’ scattato solo quando il postino e’ arrivato nello stabile. I poliziotti in queste ore stanno ascoltando conoscenti, amici del giovane e altri condomini del palazzo per poter acquisire elementi utili alle indagini. Si scava nella vita del trentenne per chiarire se recentemente abbia avuto problemi con qualcuno e ricostruire come abbia trascorso le ultime ore di vita. Proprio Pascu qualche anno fa racconto’, ospite di una puntata della trasmissione “Siamo noi” di Tv2000, la sua vita. Una lunga testimonianza del suo arrivo in Italia a 13 anni, in compagnia di alcuni amici, sperando in una vita migliore. Poi l’esperienza del carcere, dopo aver commesso alcuni furti, e il lavoro da pizzaiolo che aveva trovato con il sogno nel cassetto di aprire un’attivita’ sua. Al momento gli investigatori non escludono alcuna pista dietro l’omicidio compresa quella di un regolamento di conti.

Continua a leggere

Cronache

Studentessa tenta il suicidio, salvata dal professore

Pubblicato

del

Chiede alla professoressa di interrompere l’interrogazione perche’ deva andare in bagno, invece sale all’ultimo piano della scuola, entra in una classe vuota, apre una finestra e vi accosta un banco, sul quale sale in piedi, affacciandosi nel vuoto da sei metri d’altezza. Se non e’ finita in tragedia, questa mattina in un istituto di Vigevano, lo si deve alla prontezza dell’insegnante, che dopo pochi minuti, non vedendo ritornare l’allieva, ha dato l’allarme sguinzagliando i suoi compagni per cercarla, e a uno di loro che e’ uscito in cortile e l’ha vista affacciata alla finestra. E soprattutto a un altro insegnante, che e’ stato il primo a raggiungerla, le ha parlato da qualche metro di distanza, poi e’ riuscito ad avvicinarsi, l’ha afferrata e tratta in salvo. La giovane, 16 anni, e’ stata successivamente accompagnata in ospedale per accertamenti. “Dobbiamo ringraziare la prontezza di riflessi e il sangue freddo del nostro docente – dice il dirigente scolastico – il suo e’ stato un gesto davvero eroico. Siamo rimasti tutti molto provati, ma c’e’ stata anche una reazione positiva: intorno alla ragazza si sono stretti i suoi docenti e i compagni, che hanno cercato di tranquillizzarla e le hanno mostrato vicinanza in un momento di fragilita’”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto