Collegati con noi

Cronache

Costretto dal clan a vendere l’azienda? Assolti i fratelli del boss Zagaria

Avatar

Pubblicato

del

La Corte di Appello di Napoli ha confermato la sentenza di assoluzione, con la formula “il fatto non sussiste”, per Pasquale, Carmine ed Antonio Zagaria, fratelli del boss dei Casalesi Michele Zagaria, per Filippo, Raffaele e Francesco Capaldo, nipoti del boss (sono i figli di Beatrice Zagaria), e per gli altri tre imputati Ciro Benenati, Pasquale Fontana e Nicola Diana. Tutti erano stati già assolti in primo grado. Erano accusati di estorsione con l’aggravante mafiosa commessa nei confronti dell’imprenditore del settore lattiero-caseario Roberto Battaglia, che aveva denunciato gli Zagaria, finendo anche sotto scorta (il dispositivo di sicurezza gli è stato revocato un anno e mezzo fa). La Procura generale aveva chiesto per tutti condanne da sei a 14 anni di carcere, ma i magistrati d’appello hanno condiviso l’impostazione dei difensori degli imputati, che puntavano sull’inattendibilità di Battaglia, emersa dalle dichiarazioni del pentito Massimiliano Caterino, ex braccio destro del boss Michele Zagaria, che aveva raccontato che Battaglia era amico dei fratelli Zagaria tanto da aver preso parte anche al matrimonio di Carmine Zagaria.

Il capo dei capi del clan dei Casalesi. Fu catturato grazie al lavoro di Catello Maresca e all’impegno eccezionale di tanti uomini e donne delle forze di polizia

Battaglia, difeso da Gianluca Giordano e Carlo De Stavola, ha sempre sostenuto che era stato costretto a partecipare all’evento. Dalle indagini messe in moto dalle denunce di Battaglia, e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, era emerso che Battaglia era stato costretto a vendere parecchi beni aziendali per rientrare da un debito usuraio di 600 milioni di lire; i soldi gli erano stati prestati dell’imputato Ciro Benenati, titolare di una concessionaria d’auto, che è stato condannato in un diverso processo a 4 anni per usura con l’aggravante mafiosa. Lo stesso Benenati si sarebbe poi rivolto agli Zagaria per recuperare il credito verso Battaglia, che sarebbe rimasto vittima di minacce e pressioni fino ad essere costretto a vendere beni per dare i soldi agli Zagaria; i giudici non hanno però creduto a Battaglia, ritenendolo vicino ai fratelli del boss. I legali di Battaglia avevano anche chiesto di sentire il collaboratore di giustizia Nicola Schiavone, figlio del capoclan Francesco “Sandokan” Schiavone, che aveva raccontato che Benenati era un venditore d’auto a disposizione del clan, ma la Corte ha rigettato la richiesta. Nel collegio difensivo degli imputati c’erano, tra gli altri, Andrea Imperato, Angelo Raucci, Romolo Vignola.

Advertisement

Cronache

‘Ndrangheta, il boss Nicolino Grande Aracri si pente: è una svolta epocale nella lotta alla mafia calabrese

Avatar

Pubblicato

del

Una decisione che potrebbe segnare una svolta epocale nella lotta alla ‘ndrangheta. E’ quella presa dal boss Nicolino Grande Aracri che ha iniziato a collaborare con i magistrati della Dda di Catanzaro guidati da Nicola Gratteri. Grande Aracri e’ il boss indiscusso dell’omonima cosca che da Cutro, un piccolo paese del Crotonese, ha assunto un ruolo di primo piano nel panorama della criminalita’ organizzata calabrese, estendendo i propri tentacoli al nord Italia ed in particolare in Emilia Romagna, come confermato dal processo Aemilia. La sua ambizione lo ha anche portato a compiere un passo “rivoluzionario” nel contesto ‘ndranghetistico, quello di cercare di coinvolgere altri boss nel tentativo di abbandonare la dipendenza dal crimine di Reggio Calabria e formare una Provincia autonoma con base a Cutro. “Una famiglia di ‘ndrangheta di serie A che ha interessenze in Emilia Romagna oltre che in tutto il crotonese, fino ad arrivare a Catanzaro” ha sempre definito i Grande Aracri il procuratore Gratteri. Arrivato al vertice criminale con la violenza – fece uccidere il boss di cui era luogotenente, Antonio Dragone, facendogli sparare con un bazooka – e per questo condannato a diversi ergastoli, la sua strategia e’ stata pero’ sempre improntata all’imprenditorialita’ e, soprattutto, come diceva lui stesso, avvicinare e legare a se “i cristiani buoni”, vale a dire colletti bianchi, rappresentanti istituzionali, politici, professionisti, imprenditori, meglio se con addentellati nella massoneria. Ed e’ proprio tra questi ambienti che certamente non mancheranno le fibrillazioni dopo la notizia del “pentimento” di Grande Aracri. Il boss, che era detenuto nel carcere di Opera, circa un mese fa, ha chiesto di poter parlare con i magistrati della Dda catanzarese. La Procura osserva uno stretto riserbo su cosa sia successo poi, ma secondo quel che si e’ appreso, Grande Aracri avrebbe gia’ fatto alcune dichiarazioni, anche se, probabilmente, si tratta di quelle iniziali previste per l’inizio della collaborazione. Di certo cose da dire ne ha, e tante. Se veramente decidera’ di mettere a conoscenza i magistrati di tutto quello che e’ a sua conoscenza, la lotta alla ‘ndrangheta avrebbe una accelerazione impressionante in tutta Italia e consentirebbe di svelare i torbidi intrecci che legano ‘ndranghetisti a politici, amministratori e colletti bianchi infedeli.

Continua a leggere

Cronache

Terrore in casa del campione della Roma Smalling: 3 banditi l’hanno sequestrato con la famiglia e costretto a cedere soldi e gioielli

Avatar

Pubblicato

del

Rapina nella notte in casa del giocatore della Roma Chris Smalling. Secondo quanto si e’ appreso, tre uomini armati sono entrati nell’abitazione in zona Appia e lo hanno costretto ad aprire la cassaforte, rubando Rolex e gioielli. Sulla vicenda indaga la polizia. In casa oltre al calciatore ci sarebbe stata la moglie. Entrambi sarebbero illesi.

 

Continua a leggere

Cronache

Molesta donna che chiede aiuto, indagato sindaco

Avatar

Pubblicato

del

Si reca dal sindaco del suo paese, oltre che imprenditore, per chiedere un aiuto a trovare lavoro al figlio neo-laureato ma per tutta risposte riceve avance e molestie. A portare alla luce la vicenda è stata l’inchiesta della Procura di Crotone che ha portato all’emissione di un’ordinanza di custodia agli arresti domiciliari per il sindaco di Petilia Policastro Amedeo Nicolazzi, provvedimento che non e’ stato eseguito in quanto si trova ricoverato in gravi condizioni in un ospedale romano per il Covid. Il fatto risale alla fine di luglio del 2018. La donna, dopo avere incontrato in precedenza il sindaco al quale aveva consegnato il curriculum del figlio, torna da Nicolazzi per chiedere aiuto. Il sindaco, pero’, la molesta. Tutto il dialogo, con le richieste di Nicolazzi e le risposte imbarazzate ed impaurite della donna, viene pero’ registrato dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Crotone che gia’ indagavano sul sindaco per un’altra vicenda. Oggi l’epilogo. Di entrambe le vicende. il Gip di Crotone, infatti, oltre all’ordinanza per Nicolazzi ne ha emessa un’altra, sempre ai domiciliari, per l’ex vicesindaco Francesca Costanzo e ha disposto il divieto di dimora in provincia di Crotone per l’attuale vicesindaco Vincenzo Ierardi, il consigliere comunale Antonio Curcio, la componente dello staff del sindaco Marilena Curcio, il direttore del Dipartimento prevenzione dell’Asp di Crotone Domenico Tedesco, il tecnico comunale Sebastiano Rocca e l’imprenditore edile Palmo Garofalo, indagati, a vario titolo, per peculato, falsita’ ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, corruzione in atti giudiziari, soppressione, distruzione e occultamento di atti, concussione e violenza sessuale. Nicolazzi e’ accusato di concussione e violenza sessuale per la vicenda della donna e di corruzione in atti giudiziari per altro. Costanzo, con Marilena Curcio e l’aiuto di Antonio Curcio e di Garofalo Palmo, invece si sarebbero appropriati di derrate del progetto “Lotta alla poverta’” per distribuirle, a fini elettoralistici, a chi non ne aveva titolo, anche a personaggi legati al crimine organizzato. Nicolazzi, la Costanzo, Ierardi, Rocca e Tedesco, sono indagati anche per il tentativo di far togliere ad un imprenditore, un’ammenda per violazioni in materia di tutela della sicurezza sui luoghi di lavoro. Per questo avevano portato alcuni beni alimentari al dirigente Asp. Si reca dal sindaco del suo paese, oltre che imprenditore, per chiedere un aiuto a trovare lavoro al figlio neo-laureato ma per tutta risposte riceve avance e molestie. A portare alla luce la vicenda e’ stata l’inchiesta della Procura di Crotone che ha portato all’emissione di un’ordinanza di custodia agli arresti domiciliari per il sindaco di Petilia Policastro Amedeo Nicolazzi, provvedimento che non e’ stato eseguito in quanto si trova ricoverato in gravi condizioni in un ospedale romano per il Covid. Il fatto risale alla fine di luglio del 2018. La donna, dopo avere incontrato in precedenza il sindaco al quale aveva consegnato il curriculum del figlio, torna da Nicolazzi per chiedere UN aiuto. Il sindaco, pero’, la molesta. Tutto il dialogo, con le richieste di Nicolazzi e le risposte imbarazzate ed impaurite della donna, viene pero’ registrato dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Crotone che gia’ indagavano sul sindaco per un’altra vicenda. Oggi l’epilogo. Di entrambe le vicende. il Gip di Crotone, infatti, oltre all’ordinanza per Nicolazzi ne ha emessa un’altra, sempre ai domiciliari, per l’ex vicesindaco Francesca Costanzo e ha disposto il divieto di dimora in provincia di Crotone per l’attuale vicesindaco Vincenzo Ierardi, il consigliere comunale Antonio Curcio, la componente dello staff del sindaco Marilena Curcio, il direttore del Dipartimento prevenzione dell’Asp di Crotone Domenico Tedesco, il tecnico comunale Sebastiano Rocca e l’imprenditore edile Palmo Garofalo, indagati, a vario titolo, per peculato, falsita’ ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, corruzione in atti giudiziari, soppressione, distruzione e occultamento di atti, concussione e violenza sessuale. Nicolazzi e’ accusato di concussione e violenza sessuale per la vicenda della donna e di corruzione in atti giudiziari per altro. Costanzo, con Marilena Curcio e l’aiuto di Antonio Curcio e di Garofalo Palmo, invece si sarebbero appropriati di derrate del progetto “Lotta alla poverta’” per distribuirle, a fini elettoralistici, a chi non ne aveva titolo, anche a personaggi legati al crimine organizzato. Nicolazzi, la Costanzo, Ierardi, Rocca e Tedesco, sono indagati anche per il tentativo di far togliere ad un imprenditore, un’ammenda per violazioni in materia di tutela della sicurezza sui luoghi di lavoro. Per questo avevano portato alcuni beni alimentari al dirigente Asp.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto