Collegati con noi

Ambiente

Corigliano Rossano, è l’ambientalista Flavio Stasi il sindaco della neonata terza città di Calabria

Avatar

Pubblicato

del

Flavio Stasi, ingegnere, 35 anni, è il primo sindaco di Corigliano Rossano, la nuova città calabrese, nata dalla fusione dei comuni di Corigliano Calabro e Rossano. Sostenuto dalla “coalizione civica per Flavio Stasi sindaco” approda al ballottaggio raggiungendo il 41% delle preferenze, affronta poi il suo avversario Giuseppe Graziano, due settimane dopo, ottenendo il 72% delle preferenze dei cittadini. Un risultato schiacciante che non da adito ad alcuna polemica sulla volontà popolare di cambiare, abbandonando la “vecchia” politica. I cittadini di Corigliano Rossano, terza città più grande della Calabria, prima della stessa regione per estensione del territorio e primo comune della provincia di Cosenza con quasi 100 mila abitanti, tutti numeri enormi che fanno di questa città il centro dell’attenzione regionale, hanno scelto Flavio Stasi come loro Sindaco, conoscendolo per le sue battaglie ambientaliste, per le sue scelte coraggiose e le sue battaglie contro lo scempio del territorio degli scorsi anni. Flavio Stasi, infatti, già consigliere comunale d’opposizione nella scorsa consiliatura, inizia la sua attività ambientalista con una sua associazione di ragazzi spinti dall’amore per il proprio territorio. Negli anni conduce battaglie importanti contro il depauperamento di questa area, avvenuto anche in termini di servizi e strutture. Fa lo sciopero della fame per protestare contro la chiusura del Tribunale di Rossano (avvenuta comunque) dopo una occupazione di due settimane. Blocca la ferrovia Taranto-Reggio Calabria contro la cancellazione dei treni a lunga percorrenza che dalla Calabria andavano verso il Nord Italia, blocca il Porto di Corigliano contro il progetto di realizzazione al suo interno del centro di raccolta rifiuti dell’intera provincia di Cosenza. Una serie di lotte ambientalistiche ad ampio raggio che gli garantiscono un’attenzione particolare da parte dei cittadini di questo territorio. Da queste esperienze e dall’amore dimostrato verso questo territorio nasce grazie al suo impegno un laboratorio politico, ambientalista, verde, giovane e molto lontano dalla politica “tradizionale” che lo porta, nei mesi scorsi a candidarsi alla carica di Sindaco di Corigliano Rossano con l’appoggio di solo 5 liste di estrazione civile, apartitiche, e molto giovani (la sua candidata più giovane infatti è una liceale di 18 anni appena). Nei suoi comizi Flavio Stasi parla dei problemi del territorio e delle eventuali soluzioni da adottare, non attacca mai i suoi avversari, ne risponde alle loro accuse. Una lunga campagna elettorale piena di incontri con la gente e sostenuta da un entusiasmo trascinante che dopo il ballottaggio di domenica scorsa lo consacra, con il 72% delle preferenze, primo sindaco di Corigliano Rossano.

Testo e foto sono di Alfonso di Vincenzo/KONTROLAB

 

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Ambiente

Assegnati gli Oscar Green 2019 della Coldiretti per la Campania, ecco i giovani vincitori

Avatar

Pubblicato

del

Trentatré progetti presentati e sei vincitori nella finale regionale della Campania di Oscar Green 2019, che premia i giovani agricoltori innovatori e organizzato da Coldiretti. La cerimonia di premiazione c’è stata a Castello del Matese, in provincia di Caserta, presso l’azienda agricola Falode.

Vince la categoria Campagna Amica Pietro D’Elia dell’azienda agricola La Mela di Teggiano (Salerno), con il “peperone sciuscellone snack”.

Nella categoria creatività, con la crema slim body alla cipolla ramata, vince Francesca Barbato dell’azienda Gb agricola di Montoro (Avellino).

Per la categoria fare rete il premio va a Maria Concetta Del Grosso dell’azienda agricola Del Grosso Cormano di Baselice (Benevento), che vince per la seconda volta l’Oscar Green con la pasta al mais rosso a basso contenuto glicemico.

Per la categoria impresa 4.terra vince, con il progetto super kiwi a basso consumo di acqua, Margherita Granata dell’azienda agricola Pianese di Villaricca (Napoli).

Il progetto agrifamily center per le lavoratrici agricole fa vincere la categoria noi per il sociale a Milena Pepe dell’azienda vitivinicola Tenuta Cavalier Pepe di Sant’Angelo All’Esca (Avellino).

Infine, vince la categoriasostenibilità Antonio Della Rocca dell’azienda agricola Fattoria della Rocca di Caiazzo (Caserta), che ha realizzato un omogeneizzato per neonati a basso colesterolo e senza conservanti a base di carne marchigiana Igp e olio extravergine. A fare da madrine al premio sono state Veronica Barbati, delegata nazionale di Coldiretti Giovani Impresa, e Claudia Sorbo, neodelegata regionale della Campania.

L’Oscar Green è stato preceduto dal convegno “Agricoltura e innovazione nelle aree protette”. Ne hanno discusso Alberto Fortelli, ricercatore in Scienze della Terra dell’Università Federico II di Napoli, il presidente Parco del Matese Vincenzo Girfatti, il presidente Camera di Commercio di Caserta Tommaso De Simone, la delegata nazionale Coldiretti Giovani Impresa Veronica Barbati. Le conclusioni saranno affidate a Sonia Palmeri, assessore al Lavoro Regione Campania, e Gennarino Masiello, vicepresidente nazionale Coldiretti. In sala trecento giovani agricoltori provenienti da tutta la regione, che partecipano alla giornata conclusiva di AgriCampus, terza edizione del raduno regionale delle nuove leve della Campania.

 

 

Continua a leggere

Ambiente

La denuncia di Unicef e Organizzazione mondiale della sanit: 1 persona su 3 senza acqua potabile sicura

Avatar

Pubblicato

del

Nel mondo, una persona su tre non ha accesso all’acqua potabile sicura. Lo rivela il rapporto ‘Progress on drinking water’, di Unicef e Organizzazione mondiale della sanita’, che punta i riflettori sulle disuguaglianze nell’accesso alla risorsa acqua. Non solo: “Piu’ della meta’ del mondo – denunciano – non ha accesso a servizi igienico-sanitari sicuri”. Il “mero accesso all’acqua non basta. Se e’ sporca o insicura, non stiamo aiutando i bambini a livello globale”, afferma Ann Naylor dell’Unicef. Infatti, sottolinea Naylor, “se l’acqua non e’ pulita, sicura da bere o e’ troppo lontana da raggiungere, e se l’accesso ai servizi igienici e’ limitato, allora non stiano lavorando a favore delle nuove generazioni”.

Secondo il Rapporto, circa 2,2 miliardi di persone a livello mondiale non dispongono di servizi per l’acqua potabile, 4,2 miliardi non dispongono di servizi igienici sicuri. Per 3 miliardi di persone, inoltre, non e’ possibile neppure lavarsi le mani disponendo di acqua e sapone in casa. Secondo Unicef e Oms, dunque, se “progressi significativi sono stati fatti per l’accesso universale di base all’acqua, ci sono tuttavia grandi differenze nella qualita’ dei servizi forniti”. “Se i vari paesi falliranno negli sforzi per garantire acqua sicura e servizi igienico-sanitari – ha avvertito Maria Neira, Director Department of Public Health dell’Organizzazione mondiale della sanita’ – continueremo a vivere insieme a malattie che gia’ da tempo sarebbero dovute essere nei libri di storia: malattia come diarrea, colera, tifo, epatite A e malattie tropicali dimenticate. Investire in acqua, sanita’ e igiene e’ vantaggioso per la societa’ sotto molteplici aspetti ed e’ – rileva – una base essenziale per la salute pubblica”.

Continua a leggere

Ambiente

Mare senza plastica, tra le 32 località “regine” dell’estate 2019 ci sono Ischia e Capri

amministratore

Pubblicato

del

Inquinamento. Porre rimedio alla dispersione della plastica nell’ambiente per la scarsa sostenibilità e la difficile biodegradabilità

In tutto sono 32 le località dell’estate 2019 che puntano a un mare senza plastica. E’ il nuovo simbolo ‘plastic free’, entrato a far parte della guida di Legambiente e Touring club italiano, a contraddistinguerle per segnalare i Comuni che hanno adottato misure di riduzione della plastica monouso sul proprio territorio. La guida, ‘Il mare piu’ bello 2019′, ne mette in fila 32: San Vito Chietino (Ch), Maratea (Pz), Castellabate (Sa), Pollica (Sa), Capri (Na), Ischia(Na), Sperlonga (Lt), Riomaggiore (Sp), Vernazza (Sp), Bordighera (Im), Otranto (Le), Isole Tremiti (Fg), Carloforte (Sud Sardegna), Domus de Maria (Sud Sardegna), Realmonte (Ag), Capo d’Orlando (Me), Taormina (Me), Favignana (Tp), Noto (Sr), Malfa (Me), Santa Marina Salina (Me), Lampedusa e Linosa (Ag), San Vito lo Capo (Tp), Pantelleria (Tp), Campo nell’Elba (Li), Capoliveri (Li), Marciana Marina (Li), Porto Azzurro (Li), Castiglione della Pescaia (Gr), Follonica(Gr), Scarlino (Gr), Chioggia (Ve).

L’isola Verde dal mare cristallino. Il delizioso borgo di Ischia Ponte visto dal Castello Aragonese

Si tratta – spiega Legambiente – di “realta’ all’avanguardia nella lotta alla plastica” che “dimostrano come sia tanto urgente quanto possibile vietare l’uso delle stoviglie di plastica, stimolando il ‘riutilizzo’ sui propri territori, e anticipando i tempi previsti per la direttiva europea sul monouso approvata a fine marzo”. Alla presentazione della guida, oggi a Roma, l’artista delle Cinque Terre Margot Bertonati ha poi consegnato a Legambiente il ‘pesce spazzino’, dal ventre squarciato e carico di bottiglie di plastica, affinche’ faccia il giro d’Italia a bordo di Goletta Verde “per sensibilizzare i cittadini sui danni dell’inquinamento da plastica nei nostri mari”. Infine si e’ chiuso anche ‘MedSeaLitter’, un progetto cofinanziato dal fondo europeo di sviluppo regionale (Interreg Med) e guidato dal parco nazionale delle Cinque Terre, per sviluppare all’interno del bacino del Mediterraneo un protocollo per il monitoraggio dei macro rifiuti galleggianti e dei rifiuti ingeriti all’interno dell’ecosistema.

Capri. Più che un isola è un incanto per la sua bellezza. Da quest’anno è anche completamente plastica free

 

Continua a leggere

In rilievo