Collegati con noi

Sport

Cori razzisti contro i napoletani e Koulibaly, Salvini dice no alla sospensione, De Magistris lo attaca e il calcio Napoli fa silenzio: la squadra osserverà regole Fifa e Uefa

Avatar

Pubblicato

del

Lo chiamano caso Koulibaly. E divide. Soprattuto il mondo della politica.  Matteo Salvini ribadisce l’inopportunità di fermare un match qualora l’arbitro dovesse trovarsi alle prese con cori razzisti del tipo di quelli di San Siro contro  Koulibaly. “Il Napoli non fa bene a fermarsi in caso di cori razzisti, perché lascia uno sport bello come il calcio in mano a pochi violenti e pochi deficienti”, avverte il leader Leghista nonostante le perplessità del suo ‘numero due’ nella Lega, Giancarlo Giorgetti che ha più volte detto che “valgono le regole Uefa e Fifa”, che prevedono l’interruzione momentanea degli incontri. Pronta la replica piccata di Luigi de Magistris, che si schiera con il club azzurro e difende Carlo Ancelotti: ”Sostengo in pieno la posizione della squadra del Napoli e della società azzurra. Mentre non condivido affatto Salvini, quel che dice è inaccettabile, parla proprio lui che va ad abbracciare un pregiudicato per vicende attinenti allo stadio e poi, di fronte a reiterati cori razzisti, fa il tollerante…”. “In qualità di ministro dell’Interno dovrebbe garantire condizioni di sicurezza, agibilità e ordine pubblico, allo stadio”, dice  il sindaco di Napoli che lancia una provocazione: ”Per me un’idea simbolica ed efficace in questo caso, è quella di sedersi al centro del campo e di aspettare che si creino le condizioni di civiltà sportiva per riprendere la partita di calcio”. Che poi è quello che sostiene Ancelotti che ha preciso mille volte che il Napoli si ferma sul campo non lascia il campo in caso di cori razzisti.

 

Il Napoli calcio, invece, preferisce non replicare al vicepremier, perché, raccontano, non vuole alimentare nuove polemiche su una questione che andrebbe risolta semplicemente applicando il protocollo, che è molto chiaro in proposito, come sottolineato da Nicola Rizzoli, designatore arbitrale, nel novembre scorso ai microfoni di ‘Radio Anch’io Sport’, che ha parlato di sospensione temporanea della partita. Secondo Rizzoli, infatti, in caso di ripetuti cori razzisti, non c’è discrezione, la gara va fermata, poi spetta al responsabile dell’ordine pubblico decidere se sospenderla definitivamente o meno. Rispetto alla presa di posizione di Salvini, insomma, il presidente del club azzurro Aurelio De Laurentiis e mister Ancelotti, non cambiano idea, ma chiedono l’applicazione delle regole, come hanno fatto i vertici Uefa, Fifa e Figc, e, da ultimo Giorgetti. Una linea che Ancelotti, riferiscono, potrebbe sviscerare nei prossimi giorni un una conferenza stampa. ”Valgono le regole Uefa e Fifa”, che prevedono l’interruzione momentanea dei match, ha precisato ieri il sottosegretario con delega allo Sport, contraddicendo il suo ministro dell’Interno e lasciandolo, almeno mediaticamente, isolato. Rizzoli, inoltre, fanno notare, spiegò nel dettaglio la ‘procedura’ da far valere in casi simili a quello che ha visto come protagonista il difensore senegalese del Napoli, Kalidou Koulibaly: bisogna fermare la partita, fare un annuncio, e qualora i cori continuino, fare un altro annuncio con tutte le squadre a centrocampo, dopodichè si interrompe la sfida e si va negli spogliatoi dove il responsabile dell’ordine pubblico deciderà se sospendere o meno la partita. Non solo, altro aspetto importante, spiegato da Rizzoli, raccontano, è che a poter chiedere l’interruzione momentanea del match direttamente all’arbitro sono ‘legittimati’ il giocatore oggetto di insulti razzisti o il capitano della squadra, mentre l’allenatore può farlo soltanto tramite il quarto uomo.

Advertisement

Sport

Franck Ribery ha deciso di vestire la maglia della Fiorentina. Oggi le visite

Marina Delfi

Pubblicato

del

Due anni di contratto a 4 milioni più bonus per alcune centinaia di migliaia di euro legato al numero di partite giocate e Franck Ribery diventa un calciatore della Fiorentina. Oggi dovrebbe arrivare la firma per vedere l’asso francese, per 12 anni bandiera del Bayern Monaco, vestire la maglia viola. Ribery è atteso questa mattina a Firenze, proveniente da Monaco dove risiede con la famiglia, a bordo di un aereo privato.

La trattativa è stata lunga ed è stata portata avanti grazie al paziente lavoro del direttore sportivo della Fiorentina di Rocco Commisso, DanielePradè. Adesso manca solo qualche dettaglio, in queste ore farà le visite mediche e poi il calciatore, che ha 36 anni, andrà a rinforzare la rosa a disposizione di mister Vincenzo Montella. A dispetto dell’età non più verde il suo fisico è integro e “vola come sempre in mezzo al campo”, parola di Gianni Bianchi, fisioterapista di Franck fin dal 2010.

Continua a leggere

Sport

Balotelli è tornato: Non ho paura di fallire a Brescia e voglio la Nazionale

Avatar

Pubblicato

del

Serio, misurato, risposte stringate per una conferenza flash durata meno di 13 minuti. Mario Balotelli, all’inizio della sua nuova avventura al Brescia, tradisce una grande emozione e cerca di evitare ogni polemica con un obiettivo ben chiaro nella testa: ”Aiutare la squadra a crescere, farmi aiutare dai compagni e andare all’Europeo”. Balotelli, accompagnato dall’agente Mino Raiola, dal fratello Enock e dai suoi amici piu’ stretti, si presenta cosi’ al suo primo giorno da giocatore del Brescia. Accolto da almeno 500 tifosi in delirio, Mario si e’ affacciato da una finestra dell’hotel che ha ospitato la sua conferenza e poi ha lanciato una maglia col numero 45, lo stesso che lo ha accompagnato in carriere e che prendera’ anche al Brescia. ”Scegliere Brescia? Non e’ stato poi cosi’ difficile decidere di ripartire da qui. Alla fine – aggiunge Balotelli – penso che questo posto mi possa dare piu’ rispetto a qualsiasi altro. Questa e’ la mia citta’. Io non ho certo paura di fallire: sono qui per far crescere la squadra e crescere ancora anche io attraverso l’aiuto dei miei compagni. Voglio destabilizzare la squadra? Si, ma in senso positivo”. Accanto a Balotelli il presidente del Brescia, Massimo Cellino, che ha mostrato verso il nuovo arrivato un atteggiamento quasi paterno: ”Siamo qui perche’ Mario ha voluto essere qui. Cerchiamo di aiutarlo tutti quanti: dobbiamo essere piu’ noi e la squadra ad aiutare lui che lui ad aiutare noi e la squadra. Lasciamolo in pace e non mettiamogli troppa pressione addosso”. Il discorso vira poi sulla Nazionale. ”Certo che andare all’Europeo è’ un mio obiettivo. Con Mancini – racconta Balotelli – mi sono sentito il giorno del mio compleanno: mi ha fatto gli auguri”.

”Penso – precisa successivamente  – che prima della nomina di Mancini a ct della Nazionale la mia eventuale convocazione non dipendesse da me. Mancini invece e’ giusto: gli altri prima di lui cosi’ cosi’. Ora, comunque, dipende tutto da me”. Tuttavia, l’attaccante si riporta presto sull’argomento Brescia: ”Non ho mai ricevuto tanto affetto come qui in questi giorni e adesso voglio ripagare la fiducia. Cosa mi ha detto mia mamma quando le ho parlato della possibilita’ del Brescia? E’ scoppiata a piangere e non la smetteva piu’. Io le ho detto: ”dai pero’, ora aiutami a decidere”. Insomma, e’ felicissima e lo sono anche io pensando a mio papa’ Franco: questo per lui sarebbe stato un sogno che si realizza, vedere suo figlio con questa maglia”. Da Brescia potrebbe partire il suo riscatto? ”Magari questo lo pensate voi, io non penso affatto che sia cosi’. Ad ogni modo la mia e’ una scelta di cuore”. Un accenno , da sempre un impegno civile di Balotelli. ”Sono appena tornato – risponde ad alcune domande -, non voglio pensare a questo. Mi limito a sperare che non si ripetano piu’ certi episodi del passato e che le cose siano migliorate”.

Continua a leggere

Sport

Puskas Award, Quagliarella sfida Messi e Ibra per il gol più bello dell’anno scorso

Avatar

Pubblicato

del

Fabio Quagliarella sfiderà, tra gli altri, Lionel Messi e Zlatan Ibrahimovic nell’assegnazione del premio per il gol più bello della scorsa stagione calcistica. E’ quanto ha deciso la Fifa svelando i dieci candidati in lizza per il premio Puskas le cui votazioni termineranno il prossimo 1 settembre e a cui partecipano anche le calciatrici. Nel 2018 il riconoscimento e’ andato a ‘Momo’ Salah del Liverpool. Il capitano della Sampdoria e’ stato inserito nella top ten dalla Fifa per la sua prodezza di tacco nella partita di campionato del 2 settembre scorso al ‘Ferraris’ contro ilNapoli. Ecco la lista completa dei dieci giocatori in corsa per i Puskas Award: Matheus Cunha (Bra): Bayer Leverkusen-RB Lipsia (Bundesliga) del 6 aprile 2019; Zlatan Ibrahimovi (Sve), Toronto-La Galaxy (Mls) del 15 settembre 2018; Lionel Messi (Arg) Real Betis-Barcellona (Liga) del 17 marzo 2019; Ajara Nchout (Cmr), Camerun-Nuova Zelanda (Mondiali donne) del 20 giugno 2019; Fabio Quagliarella, Sampdoria-Napoli del 2 settembre 2018; Juan Fernando Quintero (Col), River Plate-Racing Club (Superliga argentina) del 10 febbraio 2019; Amy Rodriguez (Usa), Utah Royals-Sky Blue (Nwsl) del 16 giugno 2019; Billie Simpson (Nir), Sion Swifts Ladies-Cliftonville Ladies [Women’s Nifl Premiership] del 9 agosto 2018; Andros Townsend (Ing), Manchester City-Crystal Palace (Premier League) del 22 dicembre 2018; Daniel Zsori (Rom), Debrecen-Ferencvaros (Serie A ungherese] del 16 febbraio 2019.

Continua a leggere

In rilievo