Collegati con noi

Politica

Conte sceglie i vice e avverte, mai con Calenda e Renzi

Pubblicato

del

Il presidente del M5s Giuseppe Conte ha scelto i suoi vice, optando per una squadra di persone che, nella galassia pentastellata, nel complesso sono ritenute a lui vicine. Sono due donne, la vicepresidente del Senato Paola Taverna, nel ruolo di vicaria, e la viceministra allo Sviluppo economico Alessandra Todde. E tre uomini: il vicecapogruppo alla Camera Riccardo Ricciardi, il deputato Michele Gubitosa e il senatore Mario Turco. L’annuncio e’ arrivato nel corso dell’assemblea congiunta dei gruppi parlamentari. Non sono mancati i malumori e gli interventi di critica. Quando nel pomeriggio i nomi hanno cominciato a circolare, c’era chi aveva minacciato di abbandonare l’incontro a meta’ per protesta. E poi c’e’ l’esito delle amministrative, che pesa ancora, come e’ emerso da qualche intervento acceso, anche dell’ex ministro Vincenzo Spadafora, sembra. Pure la segreteria non convince tutti: gli “scontenti” chiedevano nomi “nuovi”, che dessero il senso del rinnovamento, magari una squadra che non fosse composta di “fedeli” e con piu’ donne: erano considerate papabili anche Chiara Appendino e Lucia Azzolina. Conte ha aperto l’incontro con un bilancio delle Comunali e tracciando la rotta delle alleanze. E ha assestato un colpo al progetto di Ulivo a cui sta lavorando il segretario del Pd Enrico Letta, che vorrebbe una coalizione che va da Matteo Renzi al M5s. Bene il dialogo con il Pd, ma non con Iv non con Calenda, ha detto Conte senza badare alla diplomazia. “Solleviamo Calenda dal dilemma e gli diciamo: forse non ti sei accorto che nessuno di noi si e’ mai dichiarato disponibile ad averti come alleato”. E poi, a Matteo Renzi, nemmeno citato con nome e cognome: “Non abbiamo nulla a che vedere con persone che, accecate dall’egolatria e dall’odio politico, sono andati in tv a parlare male del nostro Paese” durante la pandemia”. L’analisi del voto e’ stata cruda: il risultato e’ “nel complesso deludente – ha detto Conte – Non possiamo assolverci, dobbiamo incassare questa lezione e decidere cio’ che vogliamo fare, cio’ che vogliamo essere e cio’ che non vogliamo essere”. Conte non ci sta a prendere per se’ tutte le responsabilita’. “Dobbiamo lavorare sui territori – ha spiegato – Non e’ il tempo delle lamentele del piangerci addosso, dobbiamo essere i primi a credere nella ripartenza del movimento”. Il primo lavoro che lo impegnera’ sara’ calmare le acque nel Movimento, che sono agitate. Come ha dimostrato il braccio di ferro con il capogruppo alla Camera, Davide Crippa. Il suo mandato scade a inizio 2022, in concomitanza con l’elezione del presidente della Repubblica. E fra i ‘contiani’ c’era chi auspicava un suo passo indietro. La mediazione e’ stata un anticipo di qualche settimana. Conte ha teso la mano. “Ringrazio Davide Crippa e Ettore Licheri, nei giorni scorsi abbiamo avuto un confronto per i tempi sul rinnovo dei direttivi, alla Camera la scadenza coincide con l’elezione del presidente della Repubblica, avevo chiesto che la scadenza fosse anticipata, il direttivo della Camera ci e’ venuto incontro e sono stati anticipati i tempi per non interferire con i tempi dell’elezione del presidente della Repubblica”.

Advertisement

In Evidenza

La ministra della Giustizia Marta Cartabia: mai più casi Maresca

Pubblicato

del

Un magistrato non solo deve essere imparziale ma anche sembrarlo. Il caso Maresca continua a infuriare. Catello Maresca è un magistrato per anni al lavoro a Napoli che oggi è allo stesso tempo un  magistrato a Campobasso e un politico diventato consigliere comunale del centrodestra a Napoli. “Oggi sono circolate non so sulla base di quali fonti delle informazioni sbagliate sul caso Maresca. La proposta che farò alle forze di maggioranza è come un caso come quello non possa mai più ripetersi”. Cosi’ la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, ad Atreju, discute del caso Maresca. “Che un giudice possa svolgere contemporaneamente, anche e lontano dal suo distretto, funzioni giudiziarie e politiche non deve accadere. C’è una stella polare della magistratura che deve essere non solo praticata ma anche percepita. Non importa se si tratta di cariche elettive locali, ne’ per queste, ne’ a maggiore per quelle parlamentari”.

Continua a leggere

Politica

Luigi de Magistris attacca Maresca: fa il magistrato a Campobasso e il politico a Napoli, è una vergogna

Pubblicato

del

 “Il candidato sindaco di Napoli Catello Maresca ritorna a esercitare le funzioni di magistrato, a Campobasso, continuando pero’ a essere contestualmente consigliere comunale e presunto capo dell’opposizione. E’ una vergogna che si possa fare il politico e il magistrato allo stesso tempo”. Lo afferma l’ex sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che pone il tema “della questione morale perche’ mentre scrivi una sentenza detti un comunicato politico, mentre tieni una requisitoria ti prepari il comizio. Parliamo – prosegue – dello stesso magistrato che prima di mettersi in aspettativa per candidarsi nella citta’ dove aveva espletato le funzioni di pm stava facendo campagna elettorale da mesi”. De Magistris dice di provare “amarezza per i tanti magistrati e i tanti cittadini che come me vogliono credere in una magistratura autonoma e indipendente”.

Continua a leggere

Politica

Cartabia: è imminente la riforma del Csm

Pubblicato

del

E’ “imminente” la riforma del Csm e dell’ordinamento giudiziario.Lo ha annunciato la ministra della Giustizia, Marta Cartabia . “Dal sistema giustizia i cittadini si attendono che i giudici siano indipendenti, autonomi, competenti. Si attendono che i loro diritti processuali siano pienamente rispettati e che le decisioni giudiziarie siano accurate e adeguatamente motivate – ha detto Cartabia, intervenendo da remoto, alla seconda edizione del Global Dialogue of Justice Leaders – Ma si aspettano anche che la risposta alla loro domanda di giustizia arrivi in tempi ragionevoli. Si aspettano efficienza. Queste sono le componenti fondamentali di un sistema giudiziario affidabile, credibile e meritevole della fiducia dei cittadini, per il quale il governo italiano sta lavorando”.  Quello a cui ha partecipato la ministra e’ uno degli eventi organizzati durante la Global week for justice, ospitato quest’anno dal governo della Lettonia e organizzato da Ocse, Open Government Partnership (Ogp) e Pathfinders for Peaceful, Just and Inclusive Societies. Nella riunione a cui hanno partecipato ministri della giustizia e giuristi internazionali si e’ parlato di cooperazione nazionale e globale secondo i punti tracciati dall’Agenda 2030. La Guardasigilli ha partecipato in particolare alla sessione: “People-centred justice transformation”. Sono stati ricordati i principi per le buone prassi nei sistemi di giustizia lanciati dall’Ocse che mirano a sviluppare una giustizia incentrata sui bisogni delle persone. La ministra ha sottolineato come l’Italia abbia fatto proprie tali buone pratiche nell’insieme delle riforme che il ministero della Giustizia sta portando avanti.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto