Collegati con noi

Esteri

Con Boris Johnson fuori gioco il Governo mostra fragilità ed incompetenza

Avatar

Pubblicato

del

Manca quella forza, spesso anche eccessiva, che il primo ministro dedicava giornalmente per la guida del Paese. Incominciano cosi gli attacchi verso questo governo claudicante. Emily Maitlis, conduttrice del programma di attualità della BBC, Newsnight, ha criticato mercoledì 8 Aprile i funzionari del governo britannico per il linguaggio usato sull’argomento Covid 19. In una clip che è stata ampiamente condivisa sui social media, Maitlis ha aperto il famoso programma serale criticando i politici per aver insinuato che quelli con un atteggiamento da “combattente” potrebbero sopravvivere al virus.
Maitlis ha dichiarato che “il linguaggio usato dal governo a volte è banale e fuorviante. Non si sopravvive al Covid 19 attraverso la forza e la forza del carattere, come ci dicono i colleghi del Primo Ministro”. Emily si riferiva soprattutto alle parole usate dal segretario degli Esteri britannico Dominic Raab sostituto del Primo Ministro, il quale aveva affermato che Boris Johnson  – avrebbe battuto il virus perché era un “combattente”. Inoltre, l’idea che la malattia fosse come un “livellatore” tra ricchi e poveri è errata. “Coloro che lavorano in prima linea in questo momento – autisti di autobus, infermieri, operatori domestici, personale ospedaliero e negozianti sono sproporzionatamente i membri meno pagati della nostra forza lavoro” ed “hanno maggiori probabilità di contrarre la malattia perché sono più esposti”.
Boris Johnson è ormai fuori pericolo ma questa fortuna che si ritrova è dovuta al fatto che è stato monitorato da un team medico a Downing Street ed è andato in ospedale nel momento giusto sotto consiglio dei dottori. Questa è un opportunità che molti non hanno o non avranno.
Ora senza il capo tutti i giovani ministri sembrano muoversi in un modo confuso e lontani dallo standard solito ed efficiente a cui si è abituati. Anche il ministro Priti Patel sembra aver perso il suo carisma ora che non è affiancata da Boris Johnson. Patel è stata accusata di eludere il controllo sulla gestione da parte del governo, della crisi del coronavirus.
Il ministro dovrebbe rispondere alle domande dei parlamentari della commissione per gli affari interni dei Comuni, per le crescenti preoccupazioni del pubblico per quanto riguarda il rapporto polizia-pandemia.
Patel ha suscitato l’ira del presidente della commissione, Yvette Cooper dei Labour, poiche’ continua a spingere la dovuta sessione verso la fine di Aprile. Quindi a sei settimane dopo che Boris Johnson ha iniziato ad imporre i severi ostacoli alla vita normale degli inglesi. Le lettere pubblicate dalla commissione rivelano come i due parlamentari si siano scontrati sulla questione, con Cooper che avvertiva Patel “bisogna essere pronti a rispondere alle domande pubbliche senza indugio”. Purtroppo, Priti Patel non ha ancora presieduto nanche i briefing giornalieri di Downing Street sul Covid-19. Con Dominic Raab che gioca ad essere primo ministro, tutti aspettano impazienti di rivedere Boris Johnston al numero 10 di Downing Street anche perche ci aspettano decisioni importanti. Per quanto riguarda la Brexit, sembra un vantaggio il fatto che questa emergenza virus non debba essere discussa con l’unione Europea come sta avvendo invece per l’italia. Chissa’, forse questa situazione potrebbe realmente segnare la fine dell’unione Europea.
Intanto il governo senza Boris Johnson, incomicia a scontrarsi con un opposizione Labour rafforzata dal nuovo leader. Boris avra’ molto su cui lavorare al suo ritorno.

Advertisement

Esteri

Deutschland über alles, questo dice la sentenza della Corte Costituzionale tedesca: Germania, al di sopra di tutto. Ora vi è tutto chiaro?

Giovanni Mastroianni

Pubblicato

del

La governance teutonica non sa davvero più come dirlo a noi altri: la Germania è superiore sia all’Unione Europea che alle nazioni che ne fanno parte. Eppure lo sentiamo ogni volta quando ascoltiamo l’inno tedesco che tradotto così inizia “La Germania sopra tutto, sola al mondo senza par, se fedele, se concorde, le sue lotte sosterrà”. Cosa non ci è ancora chiaro? Allora, con santa pazienza il 5 Maggio scorso, quando eravamo in piena transizione pandemica tra la fase 1 e la fase 2, si è dovuta persino scomodare la Corte Costituzionale tedesca che con un secco verdetto di sette voti contro uno, nell’accogliere parzialmente i ricorsi contro il quantitative easing presentati, tra gli altri, da autorevoli esponenti del partito conservatore bavarese (CSU), ha colto l’occasione per statuire che l’acquisto di titoli di Stato da parte della  Banca Centrale Europea viola la Costituzione tedesca in quanto tange irrinunciabili interessi nazionali. Proprio così, la Corte di Karlsruhe ha consacrato anche a livello costituzionale che la Germania, quando non gradisce norme o indirizzi europei, semplicemente non li applica. La bomba è così innescata e c’è anche di più,  perché dal tono e dal tenore di questa dirompente sentenza si avvisa che d’ora in poi gli amici d’oltralpe non si scomoderanno neanche più ad indirizzare le politiche comunitarie, soprattutto economiche e finanziarie, attraverso la loro influenza diretta o indiretta (le stesse che hanno permesso di distruggere la Grecia garantendo però il recupero dei capitali Franco Tedeschi in modo “straordinario”) ma si pretende che dovranno essere le sovranazionali Istituzioni Comunitarie a chiedere gradimento o permesso ogni qual volta avranno l’ardire di immaginare azioni che potranno incidere sui loro affari. Tutti in ginocchio insomma, perché la Germania è uber alles. Forse qualche distrattone lo stava tralasciando.

Karlsruhe. La sede della Corte Costituzionale tedesca

Ma c’è un piccolissimo problema. Il fragore di un simile provvedimento è stato tanto e tale che gli altri paesi europei, anche quelli più servili, non potranno più fare finta di niente, ma soprattutto non potranno più farlo i burocrati di Bruxelles, che a Berlino si sono sempre rivolti guardando sempre dal basso verso l’alto.

Così la Commissione europea, nell’annunciare una inevitabile procedura d’infrazione contro la Germania vede costretta Ursula von der Leyen a dover rammentare, addirittura (!), il basilare concetto del primato del Diritto comunitario su quello nazionale di tutti, ma proprio di tutti gli stati membri. Staremo a vedere cosa accadrà a breve perché di qui si segna davvero il futuro dell’Europa, con buona pace dei padri fondatori del calibro, tra gli altri, di Churchill, De Gasperi, Iotti, Jean Monnet, Schuman, Weiss, Kohl,  Mitterrand, in quanto se tale esempio giudiziario sarà replicato da altri Stati (invero qualche tentativo passato si è già registrato) o addirittura ribadito dalla stessa Corte Costituzionale del regno dei Goti anche per altre questioni, allora non sarà più possibile arrestare il processo di autodistruzione della UE che questa pronuncia ha già innescato. E l’assordante silenzio che si protrae da quasi un mese ad oggi rimbomba ancor più forte della recentissima uscita della Gran Bretagna dall’Unione. Figuriamoci se il fiero popolo inglese poteva tollerare tutto ciò.

Intanto, cosa ne pensa la politica italiana? L’occasione sarebbe stata ottima per intraprendere tutta una serie di azioni da condividere con gli altri partner europei e così avviare un serio tavolo di riforma dell’Europa che sta tradendo gli stessi principi di solidarietà, fraternità e libertà sui quali è stata fondata. Ma salvo qualche intervento senza seguito, sporadiche frasi abbaiate qua e là ed un puntuale anche se moscissimo monito di Gentiloni (Commissario europeo per l’economia), poi solo il nulla, perché adesso l’attenzione dei governanti italici è tutta rivolta sulla pandemia nostrana che dopo morte e distruzione, non di certo scongiurata, offre ghiotte prospettive del business da ripresa che già rinsalda atipiche alleanze politiche ed amministrative tutte made in Italy. E così attendiamo le prossime mosse della Commissione europea, mentre tutti ci sorbiamo questo amaro provvedimento che mortifica ogni nazione dell’Unione, tutte tranne ovviamente la Germania che si conferma sopra tutto, sola al mondo senza par.

Giovanni Mastroianni

Continua a leggere

Esteri

Trump pronto a firmare un decreto per limitare il potere di Twitter, Facebook e altri social

Avatar

Pubblicato

del

“Le grandi imprese dell’hi-tech stanno facendo tutto quello che è in loro potere per censurare le elezioni del 2020. Se questo dovesse succedere perderemmo la nostra libertà, e io non permetterò che accada!”. Lo twitta Donald Trump che aggiunge: “Ci hanno provato nel 2016 e hanno perso. Ora impazziranno. Restate sintonizzati!!”, scrive il presidente americano che rafforza l’ipotesi di una stretta sui social in arrivo nelle prossime ore.  Il presidente americano Donald Trump è pronto a firmare nelle prossime ore un decreto che contiene una stretta sui social media. Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca Kayleigh McEnany senza pero’ rivelare alcun dettaglio. L’annuncio dopo che Trump ha accusato i social media, da Twitter a Facebook, di reprimere le voci dei conservatori, minacciando addirittura una loro chiusura.

Continua a leggere

Esteri

Proteste e tafferugli a Minneapolis contro i poliziotti accusati di aver ucciso l’afroamericano George Floyd

Avatar

Pubblicato

del

 Lanci di sassi e di bottiglie contro la polizia e alcuni negozi saccheggiati nella seconda serata di proteste a Minneapolis, dove centinaia di persone hanno manifestato davanti al commissariato di polizia a cui appartenevano i quattro poliziotti licenziati e accusati di aver ucciso George Floyd, un afroamericano di 46 anni. Altre centinaia di persone si sono ritrovate davanti all’abitazione del poliziotto immortalato in un video in cui si vede che soffoca Floyd premendo sul suo collo con un ginocchio.

La polizia si e’ schierata in tenuta antisommossa e ha minacciato il lancio di gas lacrimogeni e l’uso di proiettili di gomma come la sera prima. Il capo della polizia ha lanciato un appello invitando i manifestanti ad esprimere la propria rabbia e le proprie ragioni in maniera pacifica, ma alcuni negozi sono stati saccheggiati, con diverse persone fuggite con televisori, capi di abbigliamento e generi alimentari.

La folla davanti al commissariato e quella davanti alla casa del poliziotto che ha soffocato George Floyd ha intonato incessantemente slogan chiedendo il carcere per gli agenti coinvolti e protestando per il fatto che siano ancora a piede libero, anche se licenziati in tronco. I muri davanti la casa dell’agente nel mirino, Derek Chauvin, sono stati riempiti con le scritte “killer” e “assassino”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto