Collegati con noi

Corona Virus

Comitato Bioetica: sul vaccino decide l’adolescente

Pubblicato

del

La scelta sul vaccino anti Covid per gli adolescenti deve rispettare la volonta’ dell’adolescente, anche quando e’ in disaccordo con i genitori. Ad affermarlo e’ un parere del Comitato Nazionale di Bioetica appena pubblicato, che comunque esclude l’ipotesi di obbligo, mettendo invece l’accento sulla necessita’ di un’informazione accurata ad adulti e ragazzi, che coinvolga anche la scuola. “Se la volonta’ fosse in contrasto con quella dei genitori – si legge nel documento intitolato “Vaccini COVID-19 e adolescenti” -, il Comitato ritiene che l’adolescente debba essere ascoltato da personale medico con competenze pediatriche e che la sua volonta’ debba prevalere, in quanto coincide con il migliore interesse della sua salute psico-fisica e della salute pubblica”. Nel caso in cui gli adolescenti facciano parte di categorie particolarmente a rischio, continuano gli esperti, “emerge in forma ancora piu’ pressante l’obbligo dei genitori (rappresentanti legali) di garantire ai propri figli il miglior interesse; e’ importante ricorrere al comitato di etica clinica o ad uno spazio etico e, come extrema ratio, al giudice tutelare”. Non si deve ricorrere all’obbligo, spiega il documento redatto dal Presidente Lorenzo d’Avack e dalla Vicepresidente vicaria Laura Palazzani, con la partecipazione di tutti i componenti del Comitato, neppure nel caso opposto. “Il Comitato ritiene importante e auspicabile che l’adolescente sia informato che la vaccinazione e’ nell’interesse della sua salute, della salute delle persone prossime e della salute pubblica. In ultimo appare comunque corretto, dal punto di vista bioetico, non procedere all’obbligo di vaccinare in mancanza di una legge, ma porre in essere misure atte a salvaguardare la salute pubblica”. La vaccinazione dei piu’ giovani resta per il Cnb fondamentale per salvaguardare la loro salute e contribuire a contenere l’espansione del virus nell’ottica della salute pubblica, in particolare in vista del rientro a scuola. Per convincerli l’invito e’ puntare sulla comunicazione. “Si evidenzia l’importanza dell’informazione rivolta ai genitori, che dovra’ essere calibrata in base all’eta’ dell’adolescente, con particolare attenzione al bilanciamento di rischi e benefici, diverso rispetto agli adulti e agli anziani. L’informazione deve essere rivolta anche agli adolescenti, auspicabilmente mediante un foglio informativo prima del vaccino, affinche’ possano partecipare in modo consapevole. Tale informazione deve essere accompagnata da azioni di sensibilizzazione e di educazione dei genitori e degli insegnanti, con attivazione di specifiche iniziative nella scuola”. Al momento secondo la dashboard della Presidenza del Consiglio dei Ministri sono poco piu’ di 800mila gli under 19 che hanno completato la vaccinazione, mentre circa 1,5 milioni ha ricevuto solo una dose. Intanto arriva una buona notizia per gli under 60, e fra questi molti giovani, che si sono sottoposti alla prima dose di vaccino con AstraZeneca e che ora possono completare il ciclo vaccinale con un vaccino a Rna: secondo l’Oms, infatti, la vaccinazione eterologa con quest’ordine aumenta l’efficacia dell’immunizzazione. L’Oms Europa ha anche invitato a raggiungere il prima possibile le categorie piu’ fragili.

Advertisement

Corona Virus

Allarme covid, oltre 83 contagiati infetti e aumentano i ricoveri in intensive

Balzo dei contagi Covid e dei tamponi, e, dopo oltre tre settimane di stabilità, sale al 3% l’occupazione delle terapie intensive. Dopo il calo dei numeri nel fine settimana, nelle ultime 24 ore e’ stata toccata quota 83.555 nuovi casi in Italia contro i 24.747 di ieri, mentre e’ boom di antigenici e molecolari con 717.400 test contro gli appena 100.959 tamponi effettuati ieri.

Pubblicato

del

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute svelano la corsa del virus in questa ondata estiva. Bisogna risalire al 22 marzo scorso per trovare un numero verso i 100mila (furono registrati 96.365 nuovi positivi) mentre l’ultimo dato piu’ alto si era verificato lo scorso 8 febbraio, con 101.864 contagi in un giorno. Numeri che dimostrano che questa del Covid “e’ una sfida aperta”, dice il ministro della Salute, Roberto Speranza al 25/mo Congresso nazionale dell’Anaao Assomed, a Napoli. “Dovremo prepararci per campagna di vaccinazione in autunno”. Ragionevole, secondo il presidente del Consiglio superiore di Sanita’ (Css), Franco Locatelli, “una campagna vaccinale per over50”. Intanto e’ attesa, il 30 giugno prossimo, del tavolo con le parti sociali, per l’esame del Protocollo sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, che “consenta di fissare un nuovo quadro di regole del dopo-emergenza”. Tra i provvedimenti anche l’uso della mascherina in ufficio. In tal senso, spiega il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, “la posizione del governo e’ la solita, ovvero una forte raccomandazione. Saranno le associazione di categoria a rinnovarne o meno l’utilizzo”. A livello generale sull’uso della mascherina, “l’obbligo – dice il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri – oggi non serve e non avrebbe molto senso, perche’ tra 15-20 giorni il picco sara’ gia’ passato”. Sul fronte della pressione sugli ospedali, dopo oltre tre settimane di stabilita’, l’occupazione delle terapie intensive con pazienti Covid sale al 3% in 24 ore lo stesso valore che segnava esattamente un anno fa, quando pero’ di questi tempi girava una variante molto meno contagiosa. Sempre comunque ampiamente sotto il livello di allerta del 10%. Stabile invece al 9%, l’occupazione dei posti letto nei reparti di area non che pero’ cresce in 12 regioni, raggiungendo il 21% in Sicilia e Umbria, seocndo il quadro tracciato dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) con gli ultimi dati riferiti a lunedi’ 27 giugno. Il 27 giugno di esattamente un anno fa la percentuale dei ricoveri ordinari era invece del 3%. In particolare, l’occupazione dei posti nelle terapie intensive cresce in Pa Bolzano (2%) e Piemonte (2%) mentre cala nel Lazio (6%) e in Molise (3%). E’ invece stabile in 15 regioni o province autonome. Per quanto riguarda l’occupazione dei reparti in area non critica la percentuale cresce in Abruzzo (al 9%), Basilicata (14%), Calabria (18%), Campania (10%), Liguria (11%), Marche (8%), Molise (9%), Pa Bolzano (16%), Pa Trento (9%), Sardegna (8%), Sicilia (21%) e Umbria (21%). Nelle ultime 24 ore le vittime sono state 69 (ieri 63) mentre sono 237 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 3 in piu’ di ieri e 6.035, ovvero 162 in piu’ di ieri, i ricoverati nei reparti ordinari. Gli attualmente positivi sono 773.450, quindi 34.599 in piu’ nelle ultime 24 ore. Ora pero’ siamo in un “tempo nuovo e abbiamo strumenti che ci sognavamo due anni fa, quando tutti noi speravamo nell’arrivo di vaccini, di monoclonali e di antivirali”, dice il ministro Speranza, ribadendo il principio che “nessuno si salva da solo” ed e’ “fondamentale dare una mano a tutti i paesi del mondo sulla campagna di vaccinazione”. Guardando a oriente, la Cina annuncia che la quarantena obbligatoria per gli arrivi dall’estero si riduce da 3 settimane a 10 giorni, mentre Pechino e Shanghai hanno azzerato i casi di Covid-19, per la prima volta dopo quattro mesi. (

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, Sileri: servirà vaccinazione ogni anno come influenza

Pubblicato

del

“Questo virus avra’ bisogno di una protezione di comunita’ ogni anno, come accade con il virus influenzale. Io non so se nel 2023 sara’ questo il virus che circolera’ o un altro. Verra’ identificato nell’emisfero australe il virus che piu’ circolera’ e da li’ verra’ preparato un vaccino aggiornato, come viene fatto ogni anno per l’influenza”. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, facendo il punto sul Covid-19 a Morning News, su Canale 5. Per Sileri “non dobbiamo preoccuparci e vivere in maniera ossessiva la presenza di questo virus”. La situazione di oggi “e’ il modo in cui il virus passa da una fase di pandemia verso una fase di endemia. Un passaggio che abbiamo accelerato grazie alla vaccinazione di massa”. Per il sottosegretario “dobbiamo invece concentrarci sull’ottenimento quanto prima di vaccini aggiornati, altrimenti a ottobre qualche problema in piu’ lo avremo”.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid alza ancora la testa,nodo mascherine al lavoro

Pubblicato

del

Curve Covid stabili. Verso l'estate senza mascherine

 Nuovo aumento dei ricoveri dei pazienti Covid, con le curve in crescita, mentre si attende la decisione, prevista entro la settimana, per il mantenimento delle mascherine nei luoghi di lavoro. Il tavolo fra Ministero del Lavoro, Salute, Sviluppo economico e Inail, e’ stato convocato per il 30 giugno con le parti sociali con l’obiettivo di arrivare alla sottoscrizione di un testo aggiornato del Protocollo sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, che “consenta di fissare un nuovo quadro di regole del dopo-emergenza”. Al tempo stesso il ministero del Lavoro fa sapere di non sottovalutare “l’impennata dei contagi che ha caratterizzato le ultime settimane”. Il Protocollo ancora in vigore prevede tra le altre misure l’obbligo dell’uso delle mascherine in tutti i casi di condivisione degli ambienti di lavoro. L’Agenas, (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) registra a livello nazionale una crescita di un punto percentuale dei ricoveri nei reparti di area non critica rispetto a quattro giorni fa: oggi arrivano al 9% di saturazione mentre il 23 giugno erano all’8% (stabile invece al 2% l’occupazione delle terapie intensive). Una crescita indicata anche dai dati giornalieri del ministero della Salute: i ricoverati nei reparti ordinari sono 5.873, ovvero 341 in piu’ di ieri. Nelle rianimazioni ci sono 234 pazienti, in aumento di 7. E si prevede nelle prossime settimane una risalita dei casi. Nelle ultime 24 ore, in seguito al noto effetto week end, sono stati 24.747, circa la meta’ di ieri, e le vittime sono invece 63, in aumento rispetto alle 44 di ieri. Eseguiti 100.959 tamponi con il tasso di positivita’ stabile al 24,5%. Sull’andamento dei contagi il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, spiega che l’attuale ondata “sara’ autolimitante come le altre, nel senso che durera’ ancora qualche settimana, poi ovviamente si spegnera’”. Il professore Fabrizio Pregliasco parla invece di casi “sottostimati”: “prima o poi Omicron ce la faremo tutti, e’ un disastro, perche’ il virus sfugge” e colpisce “anche chi e’ guarito e anche i vaccinati. E’ vero che Omicron crea situazioni meno pesanti ma c’e’ il rischio di incremento ulteriore nel numero dei casi, che sono sottostimati, saranno circa 100mila al giorno”, afferma, suggerendo di proteggersi con la mascherina “anche al mare”. In Italia i positivi certificati “sono almeno 600mila ma in realta’ saranno il doppio, piu’ di un milione”, spiega l’esperto, che conferma la previsione di un picco a luglio e ipotizza l’arrivo di una nuova variante in autunno. Per Massimo Ciccozzi, epidemiologo del Campus biomedico di Roma “siamo nel pieno dell’ondata di Omicron 5, ma era prevedibile. Stiamo vivendo quello che e’ stato vissuto in Portogallo prima di noi”. Il picco arrivera’ probabilmente tra 3-4 settimane e a questo seguira’ il plateau e la discesa dei casi, afferma. “Il fatto che il virus giri in estate, certamente perche’ e’ stata tolta ogni protezione, ci fa dire che il Covid ancora non e’ arrivato nella sua fase finale” spiega il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) Giorgio Palu’. Intanto dal rapporto redatto dalla commissione Covid-19 dell’Accademia dei Lincei, presieduta dal Nobel Giorgio Parisi, arriva l’indicazione che i vaccini sono cruciali per riuscire a battere il virus sul tempo, evitando la comparsa di nuove varianti, ma per raggiungere questo obiettivo dovranno essere distribuiti equamente in tutto il mondo, compresi i Paesi piu’ poveri.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto