Collegati con noi

Economia

Come cambia il reddito di cittadinanza, dai disabili alle offerte di lavoro, dagli incentivi ai furbetti del matrimonio

amministratore

Pubblicato

del

Offerta di lavoro da 858 euro, pensione di cittadinanza in contanti, qualche aiuto in piu’ ai disabili, stretta sui finti divorzi. Nel corso dell’esame parlamentare del decretone, il reddito ha subito piccole e grandi modifiche, qualcuna in piu’ rispetto a quota 100. E nel giorno del voto di fiducia alla Camera arriva pero’ l’alert da parte dell’Inps: esaurito il plafond per finanziare il Reddito, le domande saranno sospese e a seconda dei fondi messi a disposizione successivamente dal ministero del Lavoro e dell’Economia i benefici potranno anche essere rivisti al ribasso. Ecco le novita’ principali del provvedimento, che per il via libera definitivo dovra’ comunque tornare in Senato.

OBBLIGO LAVORO SOLO CON SALARIO DA 858 EURO – L’ottica del salario minimo, nuovo obiettivo dei 5S, si proietta sul reddito. L’obbligo di accettare un’offerta congrua scattera’ quindi solo se il salario superera’ del 10% il beneficio massimo, quindi 78 euro in piu’ di 780 euro. Le offerte potranno essere destinate anche a chi un lavoro gia’ lo ha ma rientra nella categoria dei cosiddetti working poor, chi cioe’ e’ povero ma non disoccupato.

STRETTA SU FURBETTI DIVORZIO – Contro il fenomeno delle false separazioni per rientrare negli standard del reddito e’ stata introdotta una norma ad hoc: per le separazioni e i divorzi avvenuti dopo il primo settembre servira’ un verbale dei vigili. Intervento anche sui genitori single: anche se madre e padre non sono ne’ sposati ne’ conviventi, l’Isee dovra’ essere comprensivo di entrambe le situazioni patrimoniali e reddituali.

REQUISITI PIU’ RIGOROSI PER STRANIERI – Gli extracomunitari dovranno farsi certificare reddito e composizione del nucleo familiare dal Paese di origine, con traduzione in italiano e validazione del consolato. Reddito e pensione non si potranno peraltro richiedere se si posseggono case da oltre 30.000 euro non solo in Italia ma anche all’estero.

ATTENZIONE A DISABILI E GENITORI CON FIGLI PICCOLI – I genitori di minorenni saranno tenuti ad accettare un’offerta di lavoro solo entro 250 km dalla residenza e non piu’ in tutta Italia, anche in caso di terza offerta. Per le famiglie (numerose) con disabili sono state invece ritoccate le scale di equivalenza, facendo lievitare il beneficio massimo di 50 euro.

STATO NON VEDRA’ LE SPESE, PENSIONE ANCHE CASH – Per tutelare la privacy dei beneficiari, le singole spese effettuate con la card del reddito non potranno essere monitorate. Il vincolo, pensato per evitare che il denaro ricevuto venga speso in gioco d’azzardo, salta di fatto anche per le pensioni, che potranno essere erogate in contanti e non solo sulla carta Rdc.

NIENTE BENEFICI PER CHI HA GUAI CON LA GIUSTIZIA – Reddito e pensione vengono sospesi non solo in caso di condanna definitiva e di latitanza (cosi’ come disposto anche per il normale assegno previdenziale), ma anche se si e’ solo indagati o imputati.

INCENTIVI ANCHE PER APPRENDISTI, MAXISANZIONI PER NERO – Il bonus per l’assunzione di beneficiari del reddito varra’ anche per i contratti di apprendistato, non piu’ solo a tempo pieno e indeterminato. Verra’ invece revocato in caso di licenziamento entro 3 anni dall’assunzione. Le sanzioni incrementate del 20% contro il lavoro nero di stranieri irregolari e minori sono estese anche all’impiego sommerso dei beneficiari del reddito.

ACCORDO CON LE REGIONI SUI NAVIGATOR – Dal 2020 gli enti potranno assumere 3.000 persone (rispetto ai 6.000 precedenti) da destinare ai centri per l’impiego e dal 2021 ulteriori 4.600, anche per stabilizzare i propri precari. Il costo e’ 120 milioni nel 2020 e 304 milioni dal 2021. Al potenziamento dei centri per l’impiego vengono destinati ulteriori 340 milioni in tre anni.

NIENTE TETTO D’ETA’ PER RISCATTO LAUREA – Le agevolazioni previste scatteranno anche per gli ultra quarantacinquenni. Resta pero’ il limite temporale del 1996: la detrazione del 50% scatta solo per coloro che sono “privi di anzianita’ contributiva al 31 dicembre 1995”.

ANTICIPO TFS STATALI FINO A 45.000 EURO – Per i dipendenti pubblici in pensione con quota 100 l’anticipo del trattamento di fine servizio sale da 30.000 a 45.000 euro. Potra’ essere richiesto anche dagli statali gia’ in pensione.

PIU’ TEMPO PER LA PACE CONTRIBUTIVA – I ‘buchi’ potranno essere coperti e saldati in dieci anni, con 120 rate mensili, non piu’ in tre anni con 60 rate.

ADDIO FINESTRE PER PENSIONAMENTO LAVORATORI GRAVOSI –

Per l’accesso all’ape social e alla pensione con quota 41 a chi esercita professioni gravose non servira’ piu’ aspettare la finestra di 3 mesi dalla maturazione dei requisiti.

ASSUNZIONI NELLA SANITA’ PER COPRIRE BUCHI QUOTA 100 – Gli enti e le aziende del servizio sanitario nazionale potranno avviare le procedure per l’assunzione anche per coprire le uscite in corso d’anno. Da luglio via libera anche ad oltre 500 assunzioni ai Beni culturali.

Advertisement

Economia

Studio della Cgia: molte grandi imprese italiane sono sparite ma le piccole e medie sono leader in Europa

Avatar

Pubblicato

del

Sebbene le nostre Pmi (piccole e medie imprese) siano leader in Europa, il nostro sistema produttivo ha ancora dei forti elementi di criticità. Sino alla prima metà degli anni ’80, segnala la Cgia, l’Italia era tra i leader mondiali nella chimica, nella plastica, nella gomma, nella siderurgia, nell’ alluminio, nell’informatica e nella farmaceutica. Grazie al peso di molte grandi imprese pubbliche e private (Montedison, Montefibre, Pirelli, Italsider, Alumix, Olivetti, Angelini, Eni), lo sviluppo ruotava attorno a questi comparti. A distanza di 40 anni abbiamo perso terreno e leadership in quasi tutti questi settori. “In Italia – spiega Paolo Zabeo – le grandi imprese si sono pressoche’ estinte, non certo per l’eccessiva numero delle piccole aziende, ma per l’incapacita’ di questi grandi player di reggere la sfida della globalizzazione”. Per la Cgia si deve guardare con piu’ attenzione al mondo delle imprese, specie alle piccole e alle micro, visto che la tassazione resta su livelli insopportabili, il credito viene concesso con il contagocce, l’ammontare del debito commerciale della nostra Pa verso i propri fornitori e’ di 57 miliardi di euro, di cui circa la meta’ e’ riconducibile ai mancati pagamenti.

Le performance delle nostre Pmi (sotto i 250 addetti) e delle micro imprese sono molto positive, anche a livello europeo, per numero delle attivita’, fatturato, valore aggiunto e occupati. Siamo primi in Ue per numero di imprese (oltre 3.719.000) e pur constatando che anche negli altri paesi il peso delle Pmi e’ molto simile al nostro, il ruolo delle nostre micro aziende, invece, ci vede primeggiare, soprattutto quando ci confrontiamo con paesi nostri omologhi come la Germania. In termini di fatturato, invece, l’Italia e’ al quarto posto in UE con 2.855 mld di euro all’anno (2016). Solo Germania (6.195 mld), Regno Unito (3.976 mld) e Francia (3.696 mld) hanno un risultato superiore al nostro. Tuttavia, quando analizziamo l’incidenza prodotta dalle nostre Pmi sul totale fatturato, tra i big non abbiamo rivali. E cosi’ anche relativamente al valore aggiunto delle nostre Pmi e delle piccolissime aziende. A fronte di 14,5 mln di occupati in Italia (dato al netto dei lavoratori del pubblico impiego e di alcuni comparti economici rilevanti), 11,4 lavorano presso le Pmi, di cui 6,5 nelle micro imprese. In entrambi i casi, l’incidenza sul totale occupati sbaraglia qualsiasi altro grande paese Ue. Cosi’ anche per quanto riguarda le microimprese (44,9% sul totale occupati).

Continua a leggere

Economia

Reddito di cittadinanza, oltre la metà degli assegni sotto i 500 euro

amministratore

Pubblicato

del

Oltre la meta’ degli assegni gia’ pronti per il reddito di cittadinanza viaggia sotto i 500 euro al mese: si tratta degli importi destinati a quasi 274 mila richieste (il 58%) delle prime 473 mila domande elaborate dall’Inps. Quasi il 21% (oltre 97 mila) si piazza tra i 500 e i 750 euro, oltre il 21% si attesta oltre i 750 euro (oltre 101 mila). Importi che tra la fine di aprile e l’inizio di maggio cominceranno ad essere accreditati sulla nuova carta prepagata, la cosiddetta CartaRdc, distribuita dalle Poste.

L’Istituto respinge le critiche esplose, sulla rete, intorno a chi lamenta di ricevere solo poche decine di euro dalla nuova misura di integrazione al reddito introdotta con l’obiettivo di combattere la poverta’ e dare un posto di lavoro a chi non lo ha, con l’aiuto dei prossimi navigator e dei centri per l’impiego. Le polemiche sui bassi importi “creano sconforto”, dice il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, che e’ stato anche il ‘padre’ del reddito di cittadinanza. E rilancia sul “successo enorme” della misura. “Girano tante falsita’: solo il 7% di chi ha ottenuto il reddito di cittadinanza ha tra 40 e 50 euro. Sono appena 30 mila persone”, tiene a sottolineare parlando da Crotone, dove si trova per inaugurare i nuovi ambulatori medici dell’Istituto. Delle fasce di importo dei pagamenti finora elaborati, l’Inps sottolinea come il 71% superi i 300 euro: quasi 337 mila degli importi erogati. E dopo la presa d’assalto della pagina facebook “Inps per la famiglia”, dedicata alle informazioni e alla comunicazione diretta con gli utenti proprio sul reddito di cittadinanza, ed il caso delle risposte piccate con il profilo dal nome “Candy Candy forza Napoli”, il numero uno dell’Inps fa anche sapere che l’operatrice del sito incappata nel battibecco non e’ una stagista, “e’ una nostra funzionaria, che non ha retto alla pressione. Ieri sera – racconta – ho chiamato la nostra dipendente, che ha passato la giornata in ospedale per lo stress che ha subito dalla vicenda. Ha avuto tutta la mia comprensione e solidarieta’. Certamente bisogna tenere sempre toni consoni al servizio e sono sicuro che quella funzionaria lo fa. Spesso, pero’, accade che ci sia una pressione” sui funzionari. Tridico ricorda che “in appena un mese” sono state presentate 800 mila domande per l’Rdc. “Per il Rei erano 80 mila. L’Inps ha dato risposte in un mese in modo efficiente”.

Intanto, pero’, si apre un fronte anche sulla pensione di cittadinanza (il reddito per gli over 67), che sarebbe per pochi e con effetti molto contenuti. L’attuale meccanismo “esclude” la maggioranza della platea dei pensionati e anche nel caso in cui si rientri, il beneficio economico si ferma a qualche decina di euro, secondo i conti che fa la Uil. In sostanza, dice il sindacato con il segretario confederale Domenico Proietti che ha curato un’analisi ad hoc, solo nel caso del pensionato single che vive in affitto, senza altri redditi, si arriva a percepire il beneficio “non superiore comunque a 76 euro mensili”. Inoltre “e’ priva di una curva di salvaguardia” e fa si’, sempre secondo il sindacato, che un pensionato che percepisce un assegno frutto di anni di contribuzione disponga, al netto delle tasse, di “un reddito inferiore del 6% rispetto ad un pensionato che beneficia della pensione di cittadinanza”.

Continua a leggere

Economia

I consumatori accusano Ryanair, sovratassa occulta sui bebè

Avatar

Pubblicato

del

Sui voli Ryanair spunta a sorpresa la sovrattassa bebè da 25 euro. Un costo aggiuntivo applicato in automatico – e senza che venga evidenziato – quando nell’acquistare il biglietto si seleziona la tipologia del passeggero come previsto nell’elenco adulti, ragazzi, bambini o neonati. A denunciare questo tipo di pratica ‘non trasparente’ è Federconsumatori che parla dell'”ultima trovata della compagnia aerea irlandese, che ormai non è più molto low cost, considerando la lunga lista di supplementi applicati ai prezzi base”. In questo caso “il nuovo balzello è il ‘supplemento neonati’, cioè un extra di 25 euro a tratta per bambini al di sotto dei due anni” spiega l’organizzazione dei consumatori secondo cui “il supplemento, già di per sè assurdo, appare ancora più ingiustificato se si considera che i bimbi devono viaggiare in braccio ai genitori con una cintura apposita fornita dal personale di bordo: l’utente, quindi, si trova a pagare di piu’ senza ricevere alcun vantaggio ne’ servizi aggiuntivi”.

Ryanair. Sciopero del personale 25 e 26 luglio

Per di piu’, avverte Federconsumatori “nella fase di selezione del numero e della tipologia dei viaggiatori l’applicazione del sovrapprezzo per il bebe’ non viene chiaramente evidenziata”, ma nel momento in cui si seleziona un neonato tra i passeggeri appare solo un messaggio in cui si legge che “i bebe’ di eta’ inferiore ai 2 anni devono sedere in grembo all’adulto accompagnatore”, senza alcun cenno al supplemento. Cosi’, i 25 euro a tratta vengono automaticamente inclusi nel prezzo del biglietto e l’acquirente li ritrova nel conto finale solo nell’ultima fase della prenotazione. “Una prassi non del tutto trasparente”, osserva Federconsumatori rimarcando che “ancora una volta Ryanair – che e’ appena diventata la prima compagnia a non offrire la gratuita’ per i minori di due anni – si muove sul filo della legalita’, adottando una condotta estremamente discutibile sotto il profilo della chiarezza e dell’attenzione al cliente”.

Continua a leggere

In rilievo