Collegati con noi

In Evidenza

Cinema, Marra racconta lo sport più ricco e controverso del mondo con “Altre Storie – La zona nera del calcio”

Avatar

Pubblicato

del

Il 2 luglio arriva in sala con Altre Storie La zona nera del calcio, quella dei perdenti in un mondo pieno di soldi: e’ li’ che vive Bartolomeo (Massimo Ghini) procuratore sportivo, ormai senza speranze e pieno di debiti, protagonista di ‘La volta buona’ di Vincenzo Marra, gia’ alla Festa del Cinema di Roma nella sezione parallela di Alice e da domani, con grande coraggio, al cinema. Bartolomeo negli anni ha sprecato le tante occasioni che ha avuto, anche per il vizio del gioco che gli ha fatto perdere soldi e famiglia, e ora passa le giornate nei campetti di periferia sperando di trovare il nuovo Maradona. A un certo punto gli arriva, pero’, dall’amico Bruno (Max Tortora) l’invito a raggiungerlo in Uruguay per conoscere Pablito (l’argentino 11enne Ramiro Garcia, che gioca nella Roma Calcio a 5), baby calciatore con molto talento che potrebbe sfondare nel calcio italiano. Bartolomeo, dopo aver incontrato il ragazzino, lo porta in Italia, ma il viaggio e il sogno si complicano quando l’uomo scopre che Pablito ha problemi di salute e che dunque il suo futuro calcistico e’ a rischio. “Questo film e’ un po’ un omaggio a Mario Monicelli che, dopo aver visto due miei documentari a Napoli, ha creduto in me prima di tutti – spiega Vincenzo Marra -. Cosi’ quando ho saputo della sua morte di getto ho scritto questa storia, pensando di fargli un doveroso omaggio”.

Va detto che questa dedica a Monicelli non e’ affatto casuale, perche’ i personaggi brutti, sporchi e cattivi, ma pieni di una nascosta umanita’, di ‘La volta buona’ ricordano molto quelli del regista toscano. “La mia e’ una storia diritta, lineare, ma piena di allegorie. Tra queste – continua Marra che aveva gia’ dedicato al mondo del calcio un bel documentario come ‘Estranei alla massa’ – sicuramente c’e’ anche quella dell’emigrazione che nel caso di una giovane promessa del calcio, non si sa perche’, non viene vista in maniera negativa”. E ancora il regista, che nel 2001 con ‘Tornando a casa’ aveva conquistato Nanni Moretti: “Nei personaggi che ho inventato per La volta buona c’e’ comunque un comune denominatore, ovvero il senso di frustrazione, come quando ci capita di vedere un vecchietto che compra il suo gratta e vinci sperando nella fortuna”. Dice infine Massimo Ghini: “Il tema del film non e’ solo legato allo sport, al calcio, ma all’unanimita’ dei personaggi, a queste vite disperate, cattive e ciniche che si incontrano. Quando ho letto il film – conclude l’attore – ho subito pensato a una sceneggiatura di Luciano Vincenzoni per Dino Risi”.

Advertisement

In Evidenza

Barcellona più forte, il Napoli è fuori dalla Champions

Avatar

Pubblicato

del

Nou Camp deserto. Sulle tribune solo i calciatori e persone degli staff delle squadre. Tutti indossano le mascherine. Sul rettangolo verde Napoli e Barcellona si daranno battaglia per superare il turno. Messi e soci sono favoriti, ma il Napoli non sarà lì a guardare nè farà lo sparring partner.

Insigne recupera, con Mertens e Callejon formerà il tridente di attacco. Dall’altra parte ci saranno Messi, Suarez e Griezmann. Passano due minuti  e Mertens si ritrova sul piede sinistro l’occasione più bella, ma la palla si stampa sul palo esterno di Der Stegen. Il Napoli resta in attacco, pressa il Barcellona. È buona la partenza. Il Napoli palleggia bene, arriva facile sotto la porta dei catalani. Il Barcellona però è sempre uno squadrone e bisogna fare attenzione. E infatti al primo angolo (regalato), dormita collettiva dell’intera difesa, Suarez va in gol di testa dopo aver commesso un fallo evidente a tutti. Solo che il Var non dice nulla. E l’arbitro regala il gol. As Al 22 minuto, Messi fa certamente un capolavoro, ma l’intera difesa del Napoli partecipa all’impresa dell’argentino.

E siamo già sul 2 a 0.  Al 29 sempre Messi, sempre da solo in area mette la palla dentro su ennesimo errore clamoroso di Mario Rui. Qui l’arbitro, invece, annulla. Sostiene che la palla è stata presa col braccio da Messi. Anche in questo caso il tocco con la mano lo vede solo lui. Al minuto 40 Koulibaly in area perde tempo, Messi lo anticipa e lui lo scalcia. Non con cattiveria ma commette rigore. L’arbitro non lo vede, ma al Var se ne accorgono.

 

Il penalty lo batte Suarez e spiazza Ospina. Siamo sul 3 a 0. Secondo tempo sulla falsariga del primo. Napoli aggressivo ma inconcludente, Barcellona di rimessa sempre pericolosissimo. Nei primi venti minuti del secondo tempo non accade quasi nulla. Il Napoli mette dentro Lozano e Politano al posto di Zielinsky e Callejon per provare a velocizzare l’attacco ma succede poco o nulla.

 

Il Barcellona ha la partita saldamente nelle sue mani. In difesa, Koulibaly e Mario Rui non hanno fatto una partita buona e il Barcellona riesce a far paura ad ogni folata offensiva. Il Napoli ci prova ma il Barcellona difende bene. Al minuto 85 Politano prende un palo con un colpo di testa male controllato da Der Stegen. A pochi secondi dalla fine grande tiro di Di Lorenzo, ma Der Stegen respinge. Il Barcellona va avanti, il Napoli fuori è fuori dalla Champions.

Continua a leggere

Esteri

La rabbia in piazza a Beirut, rischio guerra civile: attacco ai ministeri e assalti alle sedi di Hezbollah

Avatar

Pubblicato

del

La rabbia di una citta’ devastata e di un intero paese, scivolato da mesi nel baratro del collasso economico e politico, e’ scoppiata, con azioni senza precedenti da parte dei manifestanti anti-governativi. Dimostranti hanno preso d’assalto e occupato la sede del ministero degli esteri, nel cuore di Beirut colpita dall’esplosione di martedi’ scorso. Altri manifestanti hanno ‘impiccato’ un manichino del leader degli Hezbollah, Hasan Nasrallah, a un finto patibolo eretto a piazza dei Martiri. Nelle violenze di strada un poliziotto e’ morto e i feriti sono almeno 150. Questo mentre i vertici istituzionali continuano a prendere tempo rispetto alla pericolosa spirale di violenza in corso nel paese: il premier Hassan Diab e’ intervenuto con un laconico discorso tv, lanciando ai suoi stessi alleati governativi un “ultimatum” di due mesi, evocando elezioni anticipate. “Sono pronto ad assumere la responsabilita’ per i prossimi due mesi fino a che i partiti non troveranno un accordo sulla prossima fase. Lunedi’ proporro’ al governo elezioni anticipate”, ha detto Diab dal Serraglio, la sede governativa che sovrasta la zona del parlamento e Piazza dei Martiri, teatro di una vera e propria guerriglia urbana. Diab invoca “il momento della responsabilita’ collettiva. Vogliamo una soluzione per tutti i libanesi”, ha detto il premier, promettendo, come gia’ fatto nei giorni scorsi, che “presto emergera’ la verita’” sull’esplosione di martedi’ scorso, nel quale sono state uccise piu’ di 150 persone, 5mila sono rimaste ferite, anche gravemente, 300mila sono rimasti senza casa. In quello che appare come una svolta negli eventi in rapida evoluzione, i manifestanti in piazza hanno espresso la loro ira anche, e soprattutto, contro il leader degli Hezbollah filo-iraniani, Hasan Nasrallah.

E’ considerato dalla comunita’ sciita libanese e mediorientale un leader politico e religioso “intoccabile” soprattutto per il fatto che e’ un ‘sayyid’, un discendente del profeta Maometto. La scena del manichino di Nasrallah ‘impiccato’ a un finto patibolo in piazza dei Martiri ha suscitato l’attesa reazione di centinaia di suoi seguaci, che dal vicino quartiere di Zoqaq al Blatt hanno provato a scendere verso la piazza ma sono stati fermati da un cordone di militari sul Ring, la sopraelevata che si affaccia su piazza dei Martiri. Negli stessi concitati momenti, nel cuore di Ashrafiye, uno dei quartieri di Beirut piu’ colpiti dalla potente esplosione del 4 agosto, decine di attivisti guidati da un manipolo di veterani dell’esercito in pensione, hanno assaltato la sede del ministero degli esteri, considerato da tempo un feudo del partito del presidente della Repubblica Michel Aoun e di suo genero, l’ex ministro Gibran Bassil. Gli assalitori hanno sfondato la porta sopra le antiche scale di pietra e hanno strappato dal muro foto di Bassil e di Aoun, fracassandole a terra, pestandole, sputandoci sopra e pronunciando pesanti offese. Gli assalitori hanno appeso degli striscioni alle finestre di palazzo Bustros, con su scritto: “Beirut capitale della rivoluzione”. Stesse scene, qualche ora dopo, al ministero dell’economia. Un altro striscione recita: “Fuori le armi da Beirut”, in riferimento al fatto che da piu’ parti si e’ affermato in questi giorni che l’esplosione del porto possa essere stata provocata non da un “incidente” – come hanno affermato le autorita’ in un primo momento e come ha detto lo stesso Nasrallah nel suo discorso di venerdi’ – ma dalla detonazione di un deposito di missili di Hezbollah. In serata, altri manifestanti hanno preso d’assalto la super-fortificata sede dell’Associazione delle Banche, vicino a piazza dei Martiri. E altri attivisti si sono diretti alla sede del ministero dell’energia. Una guerriglia che rischia di non fermarsi.

Continua a leggere

Esteri

Decine i dispersi a Beirut, si cerca ancora ma le speranze sono poche

Avatar

Pubblicato

del

Il fumo sale ancora da cumuli di cenere e macerie nel ‘Ground Zero’ del porto di Beirut, dove squadre di soccorritori libanesi, italiani e di altri paesi, giunti in Libano subito dopo la potentissima esplosione di martedi’ scorso, fanno una corsa contro il tempo sperando di salvare gli ultimi superstiti. La detonazione ha distrutto gran parte del porto di Beirut, dove rimangono ancorate relitti di imbarcazioni. La nave da crociera Orient Queen e’ riversa sul fianco destro. I membri dell’equipaggio sono morti. E sono tra le 154 persone uccise. Tra queste vittime ci sono anche 43 siriani, molti dei quali operai del porto. Delle oltre 5mila persone ferite, 120 sono in condizioni gravi e il bilancio potrebbe aggravarsi. E si contano ancora 60 dispersi. “Lavoriamo giorno e notte per trovare i dispersi ma le speranze sono appese a un filo”, afferma il generale Jean Nohra, a capo delle operazioni di soccorso dell’esercito libanese, durante una caotica conferenza stampa improvvisata di fronte a decine di giornalisti locali e stranieri assiepati nell’area del porto di Beirut. Secondo il ministero della sanita’ libanese, delle 154 vittime 25 non sono state ancora identificate. “Per ora abbiamo ritrovato soltanto brandelli di corpi… difficile dire a chi appartengano… alcuni sono stati identificati come i vigili del fuoco giunti qui dopo la prima esplosione. Sono stati disintegrati, erano vicinissimi al luogo della seconda e piu’ potente esplosione”. Ma il generale Nohra e il suo collega, il colonnello Roger Khoury, non vogliono rispondere alle insistenti domande dei giornalisti sulle cause del primo incendio, verificatosi martedi’ pomeriggio, dentro o forse vicino l’Hangar n.12, dove erano stoccate le 2.700 tonnellate di nitrato di ammonio esploso in maniera devastante pochi istanti dopo. I due militari si limitano a dire che sono incaricati di fornire “informazioni tecniche sulle operazioni di soccorso”. L’Italia e’ presente nel ‘Ground Zero’ del porto di Beirut con una squadra di 17 esperti, tra vigili del fuoco e esercito, specializzati nel monitoraggio dell’ambiente potenzialmente contaminato proprio per proteggere il lavoro delle squadre di soccorritori. Queste sono coordinate dal Gruppo dell’Onu per la ricerca e il soccorso internazionale (Insarag) di cui fanno parte, oltre ai militari libanesi, squadre di soccorritori di vari paesi arabi ed europei. I loro gazebo si distinguono dall’imbarcazione militare messa a disposizione dalla marina libanese per mostrare ai giornalisti la zona disastrata dal mare. La sagoma sfigurata dei granai mostra il lato occidentale intatto, quello orientale distrutto. Gommoni militari si alternano sulle zone della ricerca subacquea. La linea dell’orizzonte e’ sempre la stessa ma le facciate dei palazzi sono tutte devastate. Un’ambulanza corre da una parte all’altra del porto. Si sparge la voce del ritrovamento di un corpo, “ma e’ senza vita”, afferma il generale Nohra. “Era uno dei tecnici della sala operativa, travolta da un pontile di ferro spesso diversi metri. Sapevamo che era ancora li’ sotto. Sono giorni che cercavamo di tirarlo fuori”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto