Collegati con noi

Esteri

Cina, le città blindate dalla polizia dopo le proteste

Pubblicato

del

La Cina difende ad oltranza la linea della ‘tolleranza zero’ al Covid e blinda le città con migliaia di agenti dopo le proteste anti-lockdown che si sono diffuse in tutto il Paese. A Shanghai, dopo due giorni di turbolenze e scontri, la polizia ha arrestato due persone: anche il reporter della Bbc Edward Lawrence è stato fermato, portato via in manette e picchiato. L’episodio, il cui video è finito sui social, ha provocato l’ira di Londra, causando anche altre reazioni internazionali, tra cui l’appello del presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier (che ha affermato di “capire” i manifestanti), quello dell’Onu alle autorità cinesi affinché sia rispettato il diritto di manifestare in modo pacifico e la “ferma” condanna della Federazione dei media europei (European Broadcasters Union) contro “le intollerabili intimidazioni e aggressioni ai danni di giornalisti in Cina”.

A Pechino, invece, il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha riferito che l’arresto di Lawrence era avvenuto “perché non si è identificato come giornalista”, mentre in precedenza una nota della Bbc aveva addirittura riferito che, secondo la polizia, “era stato portato via per non fargli contrarre il Covid tra la folla”. Sulle manifestazioni Zhao ha poi assicurato che la “lotta contro il Covid-19 avrà successo” grazie alla guida del Partito comunista e al sostegno del popolo cinese, accusando “forze con secondi fini” di collegare le 10 vittime per l’incendio divampato la scorsa settimana a Urumqi alle draconiane misure anti-virus che avrebbero rallentato i soccorsi. Come invece sostengono migliaia di post sui social media in mandarino e all’estero. I media ufficiali hanno ignorato le proteste, le maggiori dalle tragiche vicende di Piazza Tienanmen del 1989.

Nulla sulla Cctv e sul Quotidiano del Popolo, la voce del Pcc, che ha dedicato piuttosto uno dei suoi articoli alle direttive della leadership per “attuare con rigore scientifico l’incremento dell’efficienza dei lavori di contenimento della pandemia”, mentre il Paese continua a registrare casi in aumento, saliti domenica per la prima volta oltre quota 40.000. A partire da Pechino e Shanghai, le manifestazioni si stanno trasformando nel test più duro per la leadership cinese e per lo stesso Xi dalla sua salita al potere nel 2012. L’esasperazione sociale si è mischiata con la radicata paura per il virus e a Shanghai i manifestanti nel fine settimana hanno chiesto apertamente per la prima volta un passo indietro del Pcc e dello stesso Xi, insieme a una maggiore libertà. L’area di Urumqi Road della città, epicentro delle proteste, è stata transennata e presidiata dalle forze dell’ordine per evitare nuove turbolenze dopo quelle che nel weekend, secondo i calcoli della Cnn, sono state registrate in 16 città.

I fogli bianchi, diventati il simbolo della rivolta, sono però apparsi ancora in iniziative individuali e diffuse nel Paese, fino a diventare una prova di condivisione del disagio sui social media, anche in mandarino. Un allentamento della ‘tolleranza zero’ era attesa dopo il Congresso del Partito comunista di metà ottobre che ha affidato al presidente Xi un inedito terzo mandato di fila alla segreteria generale. La nuova scommessa di Goldman Sachs è che la Cina potrebbe smetterla con i lockdown prima di aprile 2023, con qualche possibilità di un’uscita “disordinata”, ha sostenuto Hui Shan, capo economista cinese della banca d’affari Usa: una svolta nel secondo trimestre ha la più alta probabilità di verificarsi, pari a circa il 60%. Una previsione che non è affatto detto possa bastare a placare la frustrazione diffusa contro una politica che da modello di lotta al Covid è diventata per lo stesso Xi un innegabile motivo di imbarazzo mondiale.

Advertisement

Esteri

Turchia, i Vigili del Fuoco salvano la vita a due persone sotto le macerie

Pubblicato

del

Appena il tempo di montare le loro attrezzature e subito si sono dati da fare ed hanno salvato la vita a due persone. Ci hanno messo nove ore di intervento le squadre USAR (Urban Search And Rescue) dei Vigili del fuoco ma poi sono riuscite a trarre in salvo un ragazzo di ventitré anni bloccato tra le macerie di una palazzina di quattro piani crollata ad Antiochia. Intervento estremamente complicato durante il quale sono state numerose le scosse di assestamento. Per estrarre il 23enne c’è voluto tanto tempo   perché era sotto tre solai che avevano ceduto con una gamba incastrata sotto un termosifone. Non c’è stato invece nulla da fare per una bambina: i vigili del fuoco hanno estratto il corpo privo di vita e lo hanno consegnato alle autorità turche. A poca distanza, nella vicina città di Hatay, c’è un altro gruppo di italiani che sta cercando di mettere in salvo due persone: “sotto le macerie di due diversi palazzi abbiamo recepito le voci di due persone che sono state in grado di rispondere, un ragazzo di 16 anni che si trova in un sottoscala ed una donna di 65 anni all’interno di una abitazione. Adesso il nostro team è al lavoro per cercare di estrarli dalle macerie. Al momento abbiamo sentito la loro voce”, spiega l’infermiere Samuele Pacchi partito anche lui con gli Usar della Toscana, che ammette: “siamo costretti a scegliere chi salvare sulla base di dati oggettivi. Sono scene disperate, le persone si inginocchiano, piangono e ci implorano di intervenire. Diventa davvero difficile dire di no, ma purtroppo – afferma – siamo costretti a dover fare una scelta

Un grande risultato, questo l’obiettivo con cui i vigili del fuoco erano partiti due giorni fa dall’Italia. Poco dopo, i vigili del fuoco USAR (Urban Search And Rescue) provenienti dalla Toscana e dal Lazio sono riusciti a salvare un altro giovane sepolto sotto le macerie di una palazzina. Sono quindi due i ragazzi che per ora Vigili del fuoco italiani sono riusciti a tirare fuori dagli edifici crollati in due distinte operazioni di soccorso ad Antiochia.

Continua a leggere

Esteri

Twitter bloccato e arresti, Erdogan stronca le proteste

Pubblicato

del

I gemiti sempre più flebili e sempre più rari che si levano ancora dalle macerie sono più potenti delle proteste sui social per i ritardi nei soccorsi ma Erdogan fa mea culpa solo in parte e tra le rovine di Hatay punta il dito sui provocatori e silenzia Twitter. Mentre il bilancio provvisorio del sisma che ha colpito Turchia e Siria va oltre le peggiori previsioni e oltrepassa la mostruosa cifra di oltre 11.700 morti e 53.000 feriti, tutto quello che ha da dire il presidente è che “inizialmente ci sono stati problemi negli aeroporti e sulle strade, ma oggi le cose stanno diventando più facili e domani sarà ancora più facile”. Un ottimismo ostentato che suona sinistro di fronte alle macerie delle aree devastate al confine con la Siria dove Erdogan è arrivato oggi a chiedere, nonostante tutto, “unità e solidarietà”.

“Abbiamo mobilitato tutte le nostre risorse. Daremo il nostro sostegno alle famiglie”, ha rassicurato l’uomo forte di Ankara, ma il messaggio è un altro e punta a difendere una sola linea, la sua. “Vi chiedo espressamente di non dare un’opportunità ai provocatori”, ha scandito. Poco dopo è arrivata la notizia che Twitter, dove si erano moltiplicate proteste e critiche per i ritardi nei soccorsi, ha smesso di funzionare. Proprio sul social, Kemal Kilicdaroglu, leader del principale partito di opposizione (il Partito popolare repubblicano), si era scagliato contro Erdogan accusandolo di essere “responsabile” della “lenta reazione” nella gestione dei soccorsi e denunciando che il governo non ha mai spiegato dove siano finiti i 4,6 miliardi di dollari raccolti con la cosiddetta ‘tassa sui terremoti’ imposta dopo il violento sisma del 1999. Certo non nella prevenzione dei disastri e nello sviluppo dei servizi di emergenza, ha denunciato a sua volta il giornalista turco Can Dundar, in esilio in Germania, vaticinando la fine politica di Erdogan: “Salito al potere con un terremoto, se ne andrà con un terremoto” che “lo seppellirà tra le macerie”. Intanto, a causa di post “provocatori” diciotto persone sono state fermate dalla polizia e cinque sono state arrestate, ha riferito la tv di stato turca Trt.

E probabilmente non basterà a placare la rabbia della gente il “sostegno” annunciato da Erdogan di circa 500 euro per ciascuna famiglia colpita. Gli edifici distrutti sono 6.444, gli sfollati almeno 300.000. Non si contano le persone che passano la notte accanto a fuochi di fortuna all’aperto, solo una coperta addosso per ripararsi dal gelo, e difficilmente basteranno i resort di lusso di Antalya, Alanya, Mersin, dove il presidente ha promesso di ospitare gli sfollati. Ancora più drammatica la situazione in Siria. Ad Aleppo si rischia un’epidemia di colera, ha avvertito la Fondazione Avsi. E parte anche la polemica internazionale sull’impatto delle sanzioni imposte nel 2011 contro il regime di Bashar al-Assad che impedirebbero o rallenterebbero la consegna di aiuti.

“Respingo categoricamente l’accusa che le sanzioni possano aver alcun impatto sugli aiuti”, ha detto il commissario Ue per la gestione delle crisi Janez Lenarcic rispondendo indirettamente anche al nunzio apostolico, il cardinale Mario Zenari, secondo cui “questa prova così tragica sarà un test, una prova di umanità sia per la Siria sia per la comunità internazionale”. Anche il ministro degli Esteri Antonio Tajani è intervenuto sul tema: “Siamo comunque al lavoro per far arrivare quanto possibile anche in Siria”, ha assicurato il titolare della Farnesina, spiegando che il ministero degli Esteri si sta adoperando per “inviare materiale sanitario, veicoli e beni di prima necessità attraverso il Libano”. Non ci sono ancora notizie invece di Angelo Zen, e neppure – ha annunciato Tajani in serata – di una famiglia italiana di origine siriana residente in Lombardia: tre adulti e tre minori che risultano dispersi ad Antiochia.

E mentre la terra continua a tremare – una nuova scossa di magnitudo 5,3 si è registrata a Dogansehir – i tentativi disperati dei soccorritori turchi e delle squadre arrivate da decine di Paesi di salvare ancora qualcuno dalle macerie proseguono. Quasi un miracolo la piccola di 18 mesi estratta viva dopo 56 ore a Kahramanmaras, nel sud del Paese. E i due ragazzi salvati dai vigili del fuoco italiani proprio ad Antiochia. O Khadir, il bambino di 12 anni tirato fuori dopo 62 ore da un palazzo crollato a Nurdagi, vicino a Gaziantep, e sopravvissuto perché protetto dal corpo della madre. O ancora la bimba di 8 anni rimasta intrappolata per 40 ore a Salqin, nel nord ovest della Siria, e portata in salvo, gli occhi sbarrati per lo shock ma in buone condizioni. I piccoli sono i più resistenti. Ma il tempo sta per scadere anche per loro e presto si potranno solo seppellire i morti.

Continua a leggere

Esteri

Biden sfida i repubblicani: voglio finire il lavoro

Pubblicato

del

“Finiamo il lavoro insieme”: è il refrain del discorso di Joe Biden sullo stato dell’ Unione, nel quale ha rivendicato i suoi (innegabili) successi, tracciato la futura agenda come se fosse gia’ il programma elettorale della sua attesa ricandidatura e lanciato un appello per una collaborazione bipartisan ai repubblicani. Senza però rinunciare ad attaccarli in più di un’occasione, venendo ricambiato con interruzioni e insulti come “bugiardo”.

Un discorso ottimista di 73 minuti, dove il presidente ha alternato sapientemente i toni riflessivi ed ecumenici a quelli più fieri e combattivi. Consapevole che il lavoro si può finire solo trovando compromessi con il Grand Old Party, che ora controlla la Camera, ma sapendo che diversamente potrà fare la sua campagna scaricando le colpe dello stallo sugli avversari, come fecero Bill Clinton e Barack Obama con il Congresso diviso.

Biden ha dedicato solo il finale alla politica estera, ribadendo l’impegno “a restare al fianco dell’Ucraina finche’ necessario” e mettendo in guardia la Cina che gli Usa agiranno ogni volta che Pechino “minaccera’ la nostra sovranità, come abbiamo dimostrato la scorsa settimana”, con l’abbattimento del presunto pallone-spia. Il presidente ha cominciato con un’apertura scherzosa verso il neo speaker della Camera Kevin McCarthy: «non voglio rovinare la tua reputazione ma non vedo l’ora di lavorare con te». “Se abbiamo potuto lavorare insieme nell’ultimo Congresso – ha poi continuato – non c’è motivo per cui non possiamo farlo in questo nuovo. La gente ci ha inviato un messaggio chiaro.

La lotta per la lotta, il potere per il potere, il conflitto per il conflitto non ci portano da nessuna parte. Questa è sempre stata la mia visione per il paese: ripristinare l’anima della nazione, ricostruirne la spina dorsale, la classe media, per unire il paese”. Quindi ha citato il suo piano per l’economia americana, “che è nella posizione migliore al mondo per crescere”: “stiamo costruendo un’economia in cui nessuno è lasciato indietro. I posti di lavoro stanno tornando, l’orgoglio sta tornando per le scelte che abbiamo fatto negli ultimi due anni.

Questo è un progetto per le tute blu (gli operai, ndr) per ricostruire l’America. Il mio piano economico riguarda l’investimento in luoghi e persone che sono stati dimenticati”. Biden ha delineato poi la sua roadmap: la riforma della polizia, il divieto delle armi d’assalto, il ripristino del diritto d’aborto (con la minaccia di veto su qualsiasi bando a livello nazionale), il ‘made in Usa’ per il materiale da costruzione nei progetti federali, la sfida climatica come “minaccia esistenziale”, la tutela dei minori contro lo sfruttamento dei social, un fisco più giusto con la minimum tax per i ricchi e la quadruplicazione delle tasse sul buyback delle grandi aziende, come quelle petrolifere, “che fanno profitti scandalosi pagando zero di tasse federali”.

E la difesa del welfare, contro i tagli evocati dai repubblicani al social security (la previdenza) e a Medicare (l’assistenza sanitaria per gli ultra 65enni). “Bugiardo”, gli hanno gridato Marjorie Taylor Green ed altri parlamentari Gop, con Biden pronto a mostrare le copie delle loro proposte ma anche a incassare abilmente la levata di scudi: “mi piaccono le conversioni”. Scintille in aula anche quando il presidente ha accusato il Grand Old Party di tenere l’economia Usa “ostaggio” del tetto al debito che non vuole alzare. Biden non ha dimenticato neppure un accenno all’assalto al Capitol del 6 gennaio 2021: “due anni fa, la nostra democrazia ha affrontato la sua più grande minaccia dai tempi della guerra civile. Oggi, benchè ferita, la nostra democrazia rimane indomita e intatta. La storia dell’America è una storia di progresso e resilienza…Siamo l’unico paese ad uscire piu’ forti da ogni crisi”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto