Collegati con noi

In Evidenza

Chiude il Festival di Sanremo, Amadeus e Fiorello sono stati la coppia da festival vincente

Avatar

Pubblicato

del

E alla fine la metamorfosi e’ compiuta. Il bravo presentatore e l’infallibile scaldapubblico, il gaffeur inconsapevole e il badante 2.0, il solito ignoto e il re del karaoke si sono presi il festival. Sanremo laurea Amadeus e Fiorello come coppia da show: il gioco di sponda e’ riuscito, la complicita’ ha spazzato via le polemiche della vigilia, ‘Ciuri’ ha contagiato ‘Ama’, come dimostra lo sketch iniziale, con Amadeus travestito da De Filippi per onorare la scommessa degli ascolti. “I vertici Rai ci hanno proposto di fare il Sanremo bis: la risposta la daremo alla fine di questa puntata, la settimana prossima”, annuncia Fiore, tra il serio e faceto, all’inizio della serata che incoronera’ il vincitore, ironizzando sulla durata extralarge del festival. L’apertura e’ sulle note dell’inno nazionale, perfetto per suggellare un festival che ha unito ancora una volta l’Italia, mantenendosi sempre sopra il 50% di share, risultati che non si vedevano da vent’anni.

Fiorello riparte subito dal caso Bugo-Morgan: “Ieri sera la’ dietro era peggio di Paura e delirio a Las Vegas, c’era Rita Pavone che giocava a burraco con Dua Lipa, Piero Pelu’ che struccava Achille Lauro… “. Poi si avvicina a Jose’, il figlio di Amadeus in prima fila: “Quando e’ iniziato il festival aveva otto anni, oggi ne ha undici”. E ai vertici Rai: “Non si puo’ fare cosi’, un festival che dura 600 ore, Sanremo ha fagocitato tutto. Zingaretti, Salvini, dove siete? Dove state Sardine, Cinque Stelle? Ho visto Floris che parlava di pensioni con Elettra Lamborghini”. Entra Amadeus in versione De Filippi, con tanto di imitazione di ‘queen Mary’: i due amici ballano e cantano Un mondo d’amore di Gianni Morandi. E mentre “da capo al mondo” arrivano via Twitter i complimenti di Jovanotti, gli ex ragazzi di via Massena, cresciuti a pane e Radio Deejay, salutano il loro mentore Claudio Cecchetto. Per un Ama che diventa performer, un Tiziano Ferro che si rivela monologhista: “La felicita’ non e’ un privilegio, e’ un diritto.

A 40 anni – sottolinea a due settimane dal compleanno – penso proprio non ci sia bisogno di raccontare da che parte sto. La mia storia si scrive da se’. Maniacalmente innamorato delle persone, tutte. Estremista da sempre dalla parte dei deboli. Dio non commette errori. E non credo abbia iniziato il 21 febbraio 1980. Non sono sbagliato. Nessuno lo e’. Non accetto speculazioni sul tema. Non provateci nemmeno. Ho 40 anni ormai”, scandisce visibilmente emozionato. “Parole da gigante di Tiziano Ferro. Chapeau!”, twitta il segretario del Pd Nicola Zingaretti. Nel festival del ‘bacismo’, al termine della sua Me ne frego Achille Lauro stampa velocemente le labbra su quelle del fidato Boss Doms: il travestimento – altro trend di Sanremo 2020 – di questa sera e’ Elisabetta I Tudor, viso incorniciato da decine di perle, parrucca, gorgiera e crinolina. Fiorello accorre per il selfie di rito: “Lui e’ talmente avanti che e’ gia’ lunedi’”. Piero Pelu’ trasforma l’Ariston in un tempio del rock trascinando il pubblico con Gigante: la sorpresa e’ lo ‘scippo’ della borsetta a un’elegantissima signora. Sembra divertirsi questa sera nella sua esibizione su No grazie anche il rapper della discordia Junior Cally. A tutto ritmo i Pinguini Tattici Nucleari con Ringo Starr. Francesco Gabbani dedica la sua Viceversa “a tutte le persone deboli”, Rita Pavone da’ una scossa con Niente (resilienza 74). Amadeus consegna le chiavi dell’Ariston a Mara Venier: la conduttrice di Domenica in scende la scala togliendosi i tacchi, imitata poi da Tosca che emoziona ancora con Ho amato tutto. Tornano sul palco Diletta Leotta vestita da Palma d’oro, Sabrina Salerno e Francesca Sofia Novello. Il superospite e’ Biagio Antonacci con un medley dei suoi successi.

Advertisement

Esteri

Libano, un Paese che merita la felicità

Giovanni Mastroianni

Pubblicato

del

Noi Italiani abbiamo un rapporto speciale con il Libano, così lontano eppure così vicino. Lo abbiamo da sempre consolidato nel campo culturale e commerciale, poi nella cooperazione internazionale. Oggi il Libano è martoriato come molte delle aree Medio Orientali ma forse paga un prezzo alto proprio per la sua marcata identità, che lo rende unico e dunque non assimilabile e quindi incorporabile nelle realtà vicine. Purtroppo da decenni questo Paese meraviglioso vive uno stato di inquietudine che nell’esplosione di Beirut dello scorso 4 Agosto, un giorno maledetto dove hanno trovato morte e dolore centinaia di cittadini inermi e soprattutto incolpevoli, ha raggiunto un picco inimmaginabile. Così oggi la rabbia esplode e si riversa nelle strade dove giovani e meno giovani chiedono le dimissioni del Governo e l’avvio di quelle riforme che rappresentano il nullaosta anche per il 250 milioni di euro promessi dalla “Conferenza dei Donatori”, assolutamente necessari per il ripristino delle scuole e strutture ospedaliere anch’esse rase al suolo e assolutamente necessarie per far ripartire la capitale e l’intero Stato.

Eppure questa Nazione fino al 1975, l’anno della sanguinosa guerra civile dalla quale è cominciato un calvario di assalti, invasioni e guerriglia continua, era considerata la “Francia del Medio Oriente”, punta di riferimento di arte e di moda, figlia di una cultura ricca e fantasiosa, assolutamente all’avanguardia ma con salde radici millenarie,  aperta al mondo ed ai tanti turisti che qui incontravano storia, lusso, profumi e sensazioni uniche.  Oggi le catene dell’oppressione politica e militare hanno rallentato ogni sviluppo economico e culturale, ma non del tutto, perché malgrado ciò i tanti talenti, valenti e valorosi, nel cui sangue scorre una genetica di grande cultura e sensibilità artistica, sperano e si impegnano per un futuro migliore e quindi continuano a lavorare, a studiare e a lottare per realizzare questo sogno, e anche quando sono costretti ad espatriare mantengono sempre un legame forte con il “Paese dei Cedri”, come nel caso di Abir Alì, giovane donna libanese che grazie ad un eccellente percorso di studi internazionalistici, nei quali con grinta e determinazione si è sempre distinta sia in patria che oltre i confini nazionali, in particolare negli USA ed Europa,  è riuscita a scalare la carriera diplomatica che di recente l’ha portata a ricoprire i massimi ruoli di rappresentanza in Roma e poi Amsterdam. Con il Libano sempre nel cuore Abir è legatissima all’Italia che considera una seconda casa. Ma il 4 Agosto era in patria, proprio nell’amatissima Beirut, quando le mura della sua abitazione hanno tremato come scosse da un violento terremoto.

Invero, dopo l’onda d’urto dell’esplosione che ha devastato la capitale, facendo appello a tutta la calma di cui  è stata capace, Abir ha rimesso a posto i pezzi di ciò che le era stato distrutto attorno e di ciò che si era spezzato dentro, e senza perdersi d’animo si è subito rialzata andando incontro al proprio destino ed oggi manda un messaggio profondo, che rappresenta un vero manifesto di rinascita, espresso con la singolare dignità e compostezza capace di rappresentare il meglio del suo Popolo ed il sentimento di fratellanza che pervade l’animo di chi, pur avendo assistito da lontano a questa tragedia, se ne sente comunque colpito in prima persona: ”Negli ultimi giorni, sono stata commossa dal numero di messaggi, telefonate e-mail di amici provenienti da tutto il mondo e anche da conoscenze con cui ho perso il contatto molto tempo fa. E negli ultimi giorni, nonostante la mia situazione di casa, lavoro da 18 a 20 ore al giorno. Non ho avuto il tempo di piangere. Ma Beirut non sarà mai in lutto. Beirut vivrà e sarà sempre la mia amata città.”.  Cara Abir, il futuro del Libano è nelle mani di come te non si ferma di fronte alle difficoltà e finanche alla morte e alla distruzione, e continua a lavorare e a ricostruire senza lasciare spazio al lutto, ma solo alla vita e alla speranza di un futuro migliore che di certo conquisterete.  A presto a Beirut, noi Vi saremo sempre vicini.

 

Continua a leggere

Cronache

Massacrarono un carabiniere che cercava di sedare una rissa e lo derubarono: arrestati gli ultimi due della banda

Avatar

Pubblicato

del

Identificati e arrestati due responsabili dell’aggressione e del pestaggio dell ‘appuntato scelto dei Carabinieri Giovanni Ballarò, aggredito una settimana fa mentre filmava nel centro di Castellammare alcuni giovani coinvolti in una rissa: si tratta di pregiudicati stabiesi ritenuti responsabili di violenza aggravata a pubblico ufficiale e di lesioni personali pluriaggravate ai danni del militare.
I carabinieri del reparto operativo di Castellammare di Stabia coordinati dalla Procura di Torre Annunziata hanno analizzato le immagini girate dal carabiniere aggredito e quelle stravolta dal sistema di videosorveglianza della zona ed hanno identificato l’aggressore più violento, quello che aveva preso il militare a pugni e calci e l’ultimo arrivato in ordine di tempo che, arrivato a bordo di un motociclo, si era pure lui scagliato sul carabiniere e lo aveva preso ripetutamente a calci mentre era per terra. Con questi arresti sono stati identificati tutti gli aggressori ed assicurati alla giustizia.

Massacrano un carabiniere che prova a sedare una lite e lo derubano del borsello, il video delle bestie in branco che picchiano: 4 sono già in galera

Continua a leggere

In Evidenza

Mercato, il Real vuole Dybala mentre Matuidi va verso il Miami. Napoli e Gattuso: tre anni assieme

Avatar

Pubblicato

del

In Spagna sono sicuri, il Real Madrid ha pronta una maxi-offerta per Paulo Dybala. Sul tavolo della Juve una valutazione complessiva di oltre 100 milioni di euro tra cash e una contropartita tecnica. Che la Juve la possa prendere in considerazione, poi, e’ un’altra questione. Due, secondo Marca che riprende rumors italiani, i giocatori che i merengues sarebbero disposti a sacrificare per raggiungere la Joya argentina: Isco o Toni Kroos, entrambi graditi al neo allenatore bianconero Andrea Pirlo. In effetti la Juventus non avrebbe intenzione di privarsi di Dybala, a maggior ragione se Cristiano Ronaldo decidesse di lasciare Torino. Il tormentone del calciomercato e’ dunque servito. Intanto il club bianconero dopo la delusione per l’eliminazione dalla Champions League ha deciso di voltare subito pagina e di iniziare immediatamente a programmare il futuro. Ai saluti il francese Blaise Matuidi, che giochera’ in America con l’Inter Miami. Intesa trovata con il club di David Beckham e, secondo i media francesi, visite mediche gia’ oggi a Parigi. L’obiettivo della Juve e’ quindi quello di ringiovanire la rosa, per cui l’addio di Matuidi non sara’ l’unico in casa bianconera. In partenza, infatti, ci sono anche Sami Khedira e Gonzalo Higuain. In casa Lazio prosegue la trattativa per David Silva. Se nei giorni scorsi l’affare aveva subito un’accelerazione – con tanto di conferme dal papa’ del giocatore -, nelle ultime ore i segnali sono sempre piu’ positivi. I contatti proseguono: si lavora su un triennale, ultimi dettagli da definire con il centrocampista spagnolo, 34 anni, in scadenza di contratto col Manchester City. Ieri ha giocato gli ultimi 9′ della sfida contro il Real Madrid, provera’ a salutare i Citizens con la Champions League. Il Napoli e Gattuso insieme per tre anni. Il tecnico ha incontrato il presidente dei partenopei Aurelio De Laurentiis a Capri, un paio d’ore di colloqui e l’intesa per il futuro. Raggiunta l’intesa si e’ parlato di mercato. Tra i nomi sul taccuino dei dirigenti partenopei quello dell’esterno del Real Madrid, Reguilo’n (che piace anche al Chelsea), Boga, Under e Veretout. Dal punto di vista delle cessioni, Koulibaly e’ sempre in cima alla lista dei desideri del Manchester United che pero’ non e’ intenzionato ad assecondare la richiesta di De Laurentiis che valuta il difensore senegalese 100 milioni di euro. Vuole la Juve Arkadiusz Milik: il Napoli lo valuta 40 milioni. Salutata la Roma, potrebbe tornare in Italia, ma stavolta destinazione Inter, Chris Smalling. Il difensore inglese, infatti, non rientra nei piani dello United.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto