Collegati con noi

Sport

Champions, l’Atalanta espugna l’Anfield Road deserto con i gol di Ilicic e Gosens

Avatar

Pubblicato

del

L’uno-due terribile Ilicic-Gosens in uno scorcio di secondo tempo, con lo sloveno che non segnava dal poker di Valencia del 10 marzo scorso, e l’Atalanta si vendica in casa del Liverpool dopo la manita rimediata a Bergamo lil 3 novembre scorso. La duecentesima panchina di Gian Piero Gasperini in nerazzurro e’ bagnata ad Anfield Road dalla piu’ bella e convincente delle vittorie. Quella della Dea e’ un’impresa, che la rilancia prepotentemente nel gruppo D di Champions League, e verso gli ottavi. 7 punti, sempre a braccetto con l’Ajax, a meno 2 dal gong, con lo scontro tra la squadra di Amsterdam e quella inglese e i Reds, primi a quota 9, bisognosi dei punti della certezza per gli ottavi. L’Atalanta parte senza centrattacco, con Ilicic-Gomez davanti e Pessina tra le linee dedito a rientri per controllare Wijnaldum, e lo sloveno per poco non approfitta (4′) del retropassaggio corto di Salah: mira alta davanti alla lunetta dell’area. Ben piu’ pericoloso il sinistro in corsa di Gosens una cinquina cronometrica piu’ tardi, imbeccato da Romero dalla sua meta’ campo: Alisson difende il legno di competenza.

Al 10′ il tedesco recupera palla sulla trequarti sinistra innescando Gomez dal limite, radente a lato di non molto; due giri di lancetta e Gollini allontana la minaccia sulla punizione dentro di Milner. I Reds non hanno spazi e concludono solo i bergamaschi, ancora con Ilicic, al 22′, col corpo troppo sbilanciato all’indietro da posizione centrale sulla seconda palla concessa di testa da Tsimikas sul cross a rientrare di Freuler. I bergamaschi giocano semplice, eppure risultano insidiosi, con Gosens (27′) a maledire il controllo difettoso nei pressi dell’area piccola dopo l’imbucata precisa nuovamente del fantasista mancino. A dieci dalla pausa (1′ di recupero), la sbracciata di Wijnaldum a Ilicic all’ingresso in area pare evidente, ma Del Cerro sorvola. L’unica vera amnesia atalantina nella prima frazione e’ di Romero, che al 38′ provoca l’assist di Origi per Salah costringendo Gollini a uscire frettolosamente. L’egiziano firma di persona anche il pericolo successivo (43′), quando sullo schema da punizione da lontano di Milner la respinta in tuffo di Toloi dopo la combinazione Jones-Tsimikas da sinistra ne innesca l’ingresso da destra e la botta alle stelle col piede sbagliato.

Nella ripresa, la punizione a due di Gomez con Freuler per il contatto Neco Williams-Gosens fa il solletico da fuori al portiere brasiliano (3′), che poi evita al pallone basso del capitano atalantino di finire preda dello smarcatissimo Ilicic (7′). Al quarto d’ora e’ proprio lui a sbloccarla correggendo in spaccata di destro l’ammollo dell’argentino dal vertice sinistro al culmine di un’azione corale a oiu’ tocchi con la partecipazione di Gosens e Freuler. E in capo a quattro minuti Gosens azzecca il taglio col sinistro al volo sulla quasi-fotocopia, con Hateboer a fare da sponda. A nulla sono valsi i quattro avvicendamenti di Klopp (Robertson, Fabinho, il triplettista dell’andata Jota e Firmino per Tsimikas, Wijnaldum, Origi e il Faraone); oltre meta’ frazione ecco Zapata per Ilicic per tenere alta la squadra, alla mezzora lo zoppicante autore del bis cede il posto a Mojica. La sola concessione e’ il possesso (55 per cento a 45 circa per i Reds), Duvan (37′) in asse con Freuler e Pessina calcia alto il possibile tris. Al 40′ entrano Minamino per Matip e Miranchuk per Pessina: finisce cosi’.

Advertisement

Sport

L’Inter vince il derby col Milan e va in semifinale di coppa Italia

amministratore

Pubblicato

del

La pennellata di Eriksen, travestitosi per una sera da uomo della provvidenza, regala all‘’Inter uno dei derby piu’ pazzi degli ultimi anni, tra scontri in campo, l’infortunio dell’arbitro Valeri e un super recupero. Il Milan va ko infatti solo al 52′ della ripresa per una punizione del centrocampista danese, inserito come mossa della disperazione da Conte (che saltera’ le prossime due gare di campionato per squalifica dopo lo scontro con Maresca a Udine) nel finale e capace di regalare ai nerazzurri la vittoria per 2-1 che vale la semifinale di Coppa Italia contro la vincente della sfida tra Juventus e Spal.

L’epilogo di una stracittadina magari poco divertente dal punto di vista tecnico, ma che ha regalato sicuramente emozioni. Protagonista nel bene e nel male Zlatan Ibrahimovic: lo svedese prima regala il vantaggio alla squadra di Pioli, poi poco prima dell’Inter fa esplodere la rabbia di Lukaku con rissa sfiorata e nella ripresa si fa espellere per doppia ammonizione, aprendo alla rimonta interista, con il pareggio su rigore dello stesso belga e poi, quasi all’ultimo respiro, la punizione di Eriksen. Un derby aperto da un’accoglienza un po’ troppo calorosa da parte delle due tifoserie, con circa 1.500 tifosi nerazzurri ad attendere la squadra fuori da San Siro nonostante le norme anti-Covid. In campo domina il turnover ma non troppo, con Conte e Pioli che fanno riposare soltanto alcuni dei big.

Il Milan parte meglio, anche se il tecnico rossonero perde quasi subito Kjaer per un problema muscolare alla coscia sinistra. L’Inter alza i ritmi e trova un super Tatarusanu su un mancino ravvicinato di Lukaku, ma nel momento migliore dei nerazzurri e’ il solito Ibrahimovic a trascinare i suoi, regalando il vantaggio al Milan con un destro a incrociare da posizione defilata che sbatte sul palo e si insacca per il suo 499/o gol in carriera con i club. Gli uomini di Conte reagiscono con un colpo di testa di Sanchez salvato sulla riga da Hernandez e da Tomori, ma e’ nel finale di primo tempo che la gara si scalda sul serio, con lo scontro tra Lukaku e Ibrahimovic. Tra i due volano parole grosse: “Vai a fare le sue stronz… vodoo, piccolo asino”, le parole dello svedese, “vaffa… a te e tua moglie, vuoi parlare della madre? Figlio di putt…”, la risposta del belga. Uno scontro che prosegue anche verso gli spogliatoi, con Lukaku trattenuto a fatica dai compagni e dal team manager. Episodio che porta a due gialli pesanti, perche’ l’attaccante nerazzurro era diffidato (saltera’ la semifinale d’andata), mentre a inizio ripresa Ibrahimovic si fa espellere per doppia ammonizione. Conte si gioca la carta Hakimi, con il passaggio alla difesa a 4. Ma serve un “regalo” di Leao, che stende ingenuamente Barella in area, con Valeri che solo al Var concede il rigore trasformato da Lukaku per il pareggio. L’Inter alza la pressione, ma il protagonista diventa lo stesso fischietto romano, costretto a uscire intorno al 35′ per un infortunio muscolare che porta ad uno stop di circa 8′ della gara. Nel finale ci provano Hakimi e Vidal, ma il protagonista nel finale diventa Tatarusanu, che salva prima su Lautaro poi su Lukaku da due passi nel maxi recupero da 10′. E quando i supplementari sembrano ormai una certezza, la pennellata di Eriksen dal limite manda i titoli di coda: Inter in semifinale, con vista sulla Juve. Milan che si lecca le ferite pensando gia’ al campionato e alla sfida con il Bologna di sabato.

Continua a leggere

In Evidenza

F1, Leclerc riparte da Ferrari 2018: la Rossa mi mancava

amministratore

Pubblicato

del

“Si torna al volante della ‘bestia’, mi e’ mancato molto tutto questo”. Riparte la stagione di Charles Leclerc alla guida della Ferrari, una rossa del 2018 in attesa di togliere i veli alla monoposto che partecipera’ al Mondiale 2021 al via in Bahrain il 28 marzo. Il pilota monegasco e’ sceso in pista a Fiorano al volante della SF71H del 2018: 113 giri per il ferrarista, guarito pochi giorni fa dal Covid. Prima di salire nell’abitacolo Leclerc ha immortalato nelle proprie Stories su Instagram il garage di Fiorano all’interno del quale si nota il cofano motore con il numero #16 che contraddistingue le vetture del monegasco da quando esordi’ in F1 con la Sauber nel 2018. Alle 9.30 in punto di questa mattina Leclerc e’ uscito dai box della pista di Fiorano per un installation lap sulla SF71H del 2018 dando formalmente il via alla stagione 2021 della scuderia di Maranello. Il pilota monegasco, che e’ tornato al volante a 44 giorni dal Gran Premio conclusivo della stagione 2020, disputato il 13 dicembre ad Abu Dhabi, oggi ha dunque avuto modo riprendere contatto con la squadra, le procedure e la guida di una monoposto di Formula 1. Leclerc ha seguito un programma articolato, provando diverse partenze e lavorando in previsione del nuovo campionato che prendera’ il via a marzo con i test pre-stagionali. Ad osservare attentamente il pilota del Principato di Monaco c’era il suo compagno di squadra Carlos Sainz che domani gli dara’ il cambio sulla stessa monoposto. Per lo spagnolo si trattera’ dell’esordio assoluto al volante di una Ferrari di Formula 1. Sainz sara’ in pista anche nella mattinata di giovedi’, mentre nel pomeriggio lascera’ il posto a Mick Schumacher, pilota della Ferrari Driver Academy che in questa stagione sara’ impegnato in Formula 1 con l’Haas F1 Team. Venerdi’ sulla SF71H si alterneranno invece il tedesco, che girera’ al mattino, e Callum Ilott, collaudatore della scuderia, che salira’ in macchina nel pomeriggio.

Continua a leggere

In Evidenza

Olimpiadi salve, approvato il decreto per l’autonomia del Coni

Avatar

Pubblicato

del

Sembra scongiurato il pericolo di una mancata partecipazione dell’Italia alle Olimpiadi paventato a causa della mancata autonomia del nostro Comitato Olimpico Nazionale. Infatti il consiglio dei ministri di questa mattina, riunitosi sotto la presidenza di Giuseppe Conte ha approvato un decreto-legge recante misure urgenti in materia di organizzazione e funzionamento del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) su proposta dello stesso Conte e del ministro per le Politiche giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora. È stato l’ultimo atto proposto e firmato dal presidente del Consiglio Conte prima di consegnare le dimissioni nelle mani del Capo dello Stato.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto