Collegati con noi

Politica

Centrodestra apre una riflessione sul voto, Berlusconi a Roma per un vertice

Pubblicato

del

Dialogare, riflettere, mediare, ricucire. All’indomani della scoppola elettorale, nel centrodestra si cerca faticosamente di rimettere in piedi la coalizione evitando pericolose fughe in avanti. Silvio Berlusconi torna a Roma – non veniva nella capitale dai giorni appena successivi all’insediamento del governo Draghi – e a questo punto il vertice, non ancora fissato, potrebbe tenersi molto presto. Quindi tutti al lavoro perche’ questo attesissimo momento di confronto comune possa essere utile a uscire tutti insieme dall’impasse. Ognuno cerca di fare la propria parte. Ieri, a caldo, Giorgia Meloni aveva attaccato la leadership parlando di “coordinamento” e soprattutto aveva dedicato una battuta ruvida sugli elettori “disorientati” da un centrodestra diviso tra chi appoggia l’esecutivo e chi ne sta orgogliosamente fuori. Oggi, la stessa leader di Fratelli d’Italia, torna sui suoi passi negando di aver chiesto a Lega e Forza Italia di abbandonare la maggioranza. Anche Matteo Salvini evita toni accesi, con lo scopo di recuperare un ruolo di federatore, di tornare a essere il punto di riferimento per tutti. E lo fa recuperando un profilo di leader piu’ vicino alla politica dell’esecutivo. Dopo aver ascoltato le reprimende azzurre sulle sue critiche eccessive al governo Draghi, il segretario leghista non strappa contro la ministra Lamorgese. Sabato, poche ore dopo l’assalto alla Cgil, arrivo’ persino a chiedere le sue dimissioni. Stasera, invece, dopo l’informativa al Senato, sempre il segretario leghista punzecchia chi ha preso il suo posto al Viminale, boccia il suo operato, paragona gli idranti di Trieste al Cile, ma non arriva a pronunciare la parola fatidica “dimissioni”. Anche sul fronte delle pensioni, malgrado le scaramucce in Consiglio dei Ministri, da Via Bellerio trapela una certa soddisfazione per aver “evitato il ritorno della Legge Fornero”. Atteggiamento molto gradito a Forza Italia che vede in questa parziale svolta ‘governista’ e moderata una novita’ positiva, nel solco di una centrodestra non estremista, non subalterno alle proteste no-vax, ma liberale e responsabile, insomma come lo vorrebbe Silvio Berlusconi. Ovviamente c’e’ un’area della Lega che la pensa in modo assai diverso, che non vede di buon occhio l’alleanza con i ‘giallorossi’. Claudio Borghi, in due tweet successivi, va dritto sulle cause della sconfitta e dell’astensionismo che ha penalizzato i candidati del centrodestra. “Il coro (sinistro) e’ unanime: ha vinto Draghi, hanno perso i sovranisti, ci vuole piu’ green pass, piu’ Europa piu’ moderati. Insomma piu’ Pd”.

Advertisement

Politica

Corsa al Quirinale, sondaggio Euromedia: Draghi, Berlusconi e Cartabia tra i papabili per i dopo Mattarella

Pubblicato

del

E’ il presidente del Consiglio, Mario Draghi, il più votato come successore del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, secondo un sondaggio di Euromedia Research sulla “Corsa al Quirinale”. L’istituto di ricerca guidato da Alessandra Ghisleri, ha chiesto a un campione di mille persone chi desidererebbe al Quirinale per il prossimo settennato. Con il 14,2% l’attuale premier è risultato il più votato. Al secondo posto, con il 12%, Silvio Berlusconi. Sul podio anche un nome femminile, quello di Marta Cartabia, attuale ministro della Giustizia, al terzo posto del gradimento con il 10,3%. Il 7,5% degli intervistati vedrebbe bene al Colle Romano Prodi, che si piazza al quarto posto prima di un’altra donna, Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato, con il 7,3%. Seguono, Paolo Gentiloni, commissario europeo per gli Affari Economici, al 6,8%, Gianni Letta con il 5,7%, l’ex presidente della Camera Pierferdinando Casini al 4,4%. L’ex ministro degli Esteri Emma Bonino è al 4%, l’ex sindaco di Roma Walter Veltroni raggiunge il 3,6%, l’ex presidente del Senati Marcello Pera il 3%. Dario Franceschini, ministro della Cultura, è al 2,6%. Il presidente del M5S Giuseppe Conte è all’2,1%, l’ex presidente del Consiglio, Giuliano Amato all’1,2%. C’è un 1,5% che ha indicato altri nomi e un 13,8% che non si è pronunciato sul prossimo presidente della Repubblica. Il sondaggio è stato realizzato il 24 novembre su base nazionale.

Continua a leggere

Economia

Miniproroga cartelle, 9 giorni in più per pagare

Pubblicato

del

Un po’ piu’ di tempo per chi e’ in debito con l’Agenzia delle entrate, ma e’ una mini proroga. Il governo ha intenzione di intervenire sulla “rottamazione ter” delle cartelle di pagamento, facendo slittare dal 30 novembre al 9 dicembre il termine ultimo per saldare le rate in scadenza nel 2020 e 2021. La misura dovrebbe entrare a far parte del decreto fiscale all’esame delle commissioni Finanze e Lavoro del Senato, atteso in Aula alla meta’ della prossima settimana. La proposta del governo non rispecchia le richieste dei partiti: Lega, Pd e Forza Italia avevano presentato emendamenti per un rinvio almeno al 31 dicembre. FdI per andare anche oltre, quando sara’ finito lo stato di emergenza. “Non possiamo prendere in giro i contribuenti – ha protestato la senatrice azzurra Roberta Toffanin – Con un ordine del giorno, appoggiato dalle commissioni Finanze e Lavoro e anche dall’opposizione, impegneremo il governo affinche’ riprogrammi la scadenza con la Legge di Bilancio”. Anche per una questione di risorse, andare oltre il 2021 non sara’ semplice. Col termine al 9 dicembre (che, considerati i 5 giorni di tolleranza, di fatto diventa il 14) “si riesce a ottenere il versamento entro l’anno – ha spiegato la sottosegretaria all’Economia, Cecilia Guerra – e quindi la misura non deve essere coperta” da nuovi stanziamenti. In ogni caso, ha aggiunto la sottosegretaria, “il tema posto dai partiti con l’ordine del giorno verra’ preso in seria considerazione”. La stessa tempistica della rottamazione ter riguarda il “saldo e stralcio” delle cartelle, ossia la riduzione dei pagamenti dovuti da contribuenti che dimostrino di essere in grave difficolta’ economica. “Prorogare di dieci giorni rottamazione, stralcio e saldo, acconti di Irpef, Irap, Ires, delle addizionali e imposte sostitutive e’ una timida carezza laddove servirebbe una forte iniezione di fiducia”, ha dichiarato la capogruppo di Forza Italia al Senato Anna Maria Bernini. Sembra invece sulla via dell’approvazione in commissione la “correzione” alla norma approvata con il decreto Infrastrutture che ha limitato la portata dei tir per i trasporti eccezionali e che rischia – secondo Confindustria – di “fermare il Paese” con “il rallentamento delle consegne di materiali alle industrie meccaniche, alle costruzioni, alla manifattura” e conseguente “blocco degli impianti produttivi”. Un altro intervento potrebbe riguardare le norme introdotte dal decreto fiscale al Patent box, ovvero alla tassazione agevolata sui redditi che le imprese producono grazie all’uso di software protetti da copyright o di brevetti industriali. Secondo le aziende, la nuova versione della misura rischia di creare confusione e incertezze. Il governo sarebbe quindi orientato a rimodulare le norme per garantire che non ci siano interventi retroattivi sulle agevolazioni ottenute dalle imprese per l’anno 2020 e per fare si’ che la maxi deduzione introdotta col nuovo decreto fiscale sia cumulabile agli altri incentivi per la ricerca e lo sviluppo. In piu’, l’obiettivo sarebbe quello di fare in modo che le imprese possano recuperare i costi spesi nel caso in cui siano arrivate ad ottenere un nuovo brevetto. In base al programma di Palazzo Madama, martedi’ l’Aula dovrebbe cominciare a discutere il decreto fiscale. L’andamento dei lavori lascia pero’ presagire uno slittamento a mercoledi’. I lavori in commissione dovrebbero terminare infatti lunedi’ sera: degli oltre 300 emendamenti, un terzo dovrebbe essere bocciato per mancanza di coperture, un terzo dovrebbe essere ritirato e l’altro terzo votato. Fra i temi che le commissioni dovranno affrontare c’e’ anche quello proposto con un emendamento dal leader della Lega, Matteo Salvini, per introdurre un bonus per i genitori separati che non riescono a pagare l’assegno di mantenimento a figli o ex coniugi, dopo la crisi Covid. La norma, che in un primo momento era stata dichiarata inammissibile, e’ stata riammessa dal presidente del Senato Elisabetta Casellati. (

Continua a leggere

Politica

Draghi e Macron firmano davanti a Mattarella il “Trattato del Quirinale”: così si rafforza la sovranità Ue

Pubblicato

del

Roma – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Presidente della Repubblica Francese, Emmanuel Macron e il Presidente del Consiglio Mario Draghi, al termine dell’incontro per la firma del “Trattato per una cooperazione bilaterale rafforzata” 
(Foto di Paolo Giandotti – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

“La nostra sovranità, intesa come capacità”di indirizzare il futuro come vogliamo noi, può rafforzarsi solo attraverso una gestione condivisa delle sfide comuni. Vogliamo favorire e accelerare il processo di integrazione europea” ha detto Mario Draghi, il premier italiano, nella conferenza stampa con il presidente francese,”Emmanuel Macron,”dopo la firma del Trattato del Quirinale. “Per essere sovrani – spiega Draghi – occorre che l’Europa sappia proteggersi, sappia difendere i propri confini, bisogna creare una vera difesa europea. Questo trattato aiuta questa difesa europea che naturalmente è complementare alla Nato, non è sostitutiva: un’Europa più forte, fa la Nato più forte. Questo è uno dei primi e più fondamentali passi verso cui è diretto questo trattato”. “Voglio ringraziare il Presidente Macron per l’appoggio dato all’Italia durante la nostra presidenza del G20. La Francia può contare sul pieno sostegno dell’Italia nell’imminente semestre di presidenza dell’Unione Europea” ha detto Draghi.

Con il Trattato del Quirinale “creeremo una visione geopolitica comune: condividiamo la visione europea e internazionale”, contribuiremo a costruire una “difesa europea comune piu’ forte che contribuisca alla Nato, avremo una cooperazione rafforzata nellla lotta contro le migrazioni illegali e i trafficanti, per proteggere le frontiere esterne dell’Europa” ha spiegato il presidente francese Emmanuel Macron, emozionato e anche molto grato per l’accoglienza ricevuta in ogni palazzo della politica romana, prima, durante e dopo la firma del Trattato del Quirinale. Ma che cos’è questo trattato?

Un lungo preambolo e 12 articoli, con altrettanti capitoli di cooperazione tra Italia e Francia. E’ lungo 14 pagine il Trattato del Quirinale firmato questa mattina dal premier Mario Draghi e dal presidente francese Emmanuel Macron. Nel preambolo si afferma tra l’altro “l’obiettivo di un’Europa democratica, unita e sovrana per rispondere alle sfide globali che le Parti si trovano ad affrontare; riaffermando a questo proposito l’impegno comune ad approfondire il progetto europeo in linea con la responsabilita’ condivisa quali Paesi fondatori, nel rispetto dei valori dell’Unione e del principio di solidarieta’”. I capitoli del trattato vanno dagli affari esteri, la sicurezza e difesa, alla cooperazione economica, industriale e digitale. E ancora: politiche migratorie, giustizia e affari interni, istruzione, spazio, sviluppo sociale, alla cultura e i giovani, la cooperazione transfrontaliera. Insomma un trattato che sancisce non solo l’amicizia tra i due Paesi e popoli ma che rilancia anche la cooperazione in ogni ambito tra Francia e Italia dopo un passato recente di difficili, per non dire burrascosi rapporti diplomatici. Lo ricorderete, erano i tempi del primo Governo conte e dei ministri Salvini e Di Maio che in politica estera annegano le loro difficoltà interne. E con la Francia, all’epoca, arrivammo addirittura al ritiro dell’ambasciatore francese da Roma. Per fortuna ora la situazione è eccellente.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto