Collegati con noi

Cultura

Caos pandemia, parla l’epistemologo Angelo Turco: giornalisti impreparati, politici confusi e liti tra medici-clinici e scienziati-ricercatori

Avatar

Pubblicato

del

Durante la pandemia, il professor Angelo Turco, africanista e studioso di teoria ed epistemologia della geografia, prorettore prima e ora professore emerito all’Università IULM di Milano, ha tenuto su Juorno il corso digitale “Epistemologia della pandemia. Come funziona la mente dei ricercatori che provano a battere Covid 19”.

Angelo Turco. Africanista, professore emerito all’Università Iulm di Milano

Lo scopo era quello di spiegare come il sapere scientifico viene prodotto e poi diffuso al grande pubblico, in un momento in cui sulla scena si affollavano medici, virologi ed epidemiologi e fra mille informazioni, spesso discordanti fra loro, la gente non riusciva ad orientarsi e a comprendere con chiarezza cosa stesse accadendo. Oggi il contenuto di quel corso è diventato un articolo, che è stato appena pubblicato sulla rivista scientifica “Documenti Geografici”.

Professor Turco, il suo corso è stato appena pubblicato in forma di articolo. Si ritiene soddisfatto? Qual è il suo bilancio del corso tenuto su Juorno?

Sì, sono molto soddisfatto perché è l’articolo di apertura di un fascicolo molto importante di oltre 400 pagine, che raccoglie una cinquantina di contributi sul Covid-19. Si tratta di un importante riconoscimento da parte della comunità scientifica. Il risultato finale del corso è stato buono, perché, a conti fatti, è come se questo corso fosse stato tenuto in un anfiteatro frequentato in media da 700 studenti. Un bel successo reso possibile dalle tecnologie digitali e naturalmente dalla disponibilità di Juorno e del direttore Paolo Chiariello. 

Come giudica il modo in cui gli scienziati hanno comunicato la pandemia?

È una vicenda che continuo a seguire con interesse. Intanto si è chiarito che, quella che all’epoca del corso poteva apparire come una confusione di linguaggi, un intersecarsi di diversi punti di vista, adesso è invece diventato uno scontro aperto fra le due anime storiche della cultura epidemiologica: da una parte virologi, epidemiologi, infettivologi, che studiano come il virus si propaga e attacca l’organismo, dall’altra parte, i clinici, quelli cioè che studiano perlopiù il malato e osservano come il suo corpo reagisce alle diverse terapie. Allo stato attuale del dibattito, i clinici spingono apertamente per una ripresa quasi senza limiti della vita ordinaria, mentre gli epidemiologi predicano cautela, continuando a temere una ripresa della virulenza epidemica. Io sto dalla parte di questi ultimi. Ai clinici imputo un grave errore di valutazione, cioè quello di basare l’intero ragionamento sulla situazione italiana, senza tenere conto di ciò che avviene nel resto del mondo. Questa non è una semplice epidemia, ma una pandemia. E nei due principali focolai al mondo, Stati Uniti e Brasile, le cose stanno andando in modo molto diverso dall’Italia; non si possono fondare delle decisioni basandosi solo su ciò che avviene in Italia.

Cosa può dirci invece della comunicazione politica sul Covid? In molti casi è sembrata un mezzo per rafforzare la propria immagine e racimolare consensi.

È un aspetto rilevante della faccenda, perché la comunicazione gioca un ruolo primario. Da una parte abbiamo appurato che gli scienziati non sono buoni comunicatori, nel senso che nel comunicare i risultati delle proprie ricerche hanno lasciato vaste aree di ambiguità, che sono state sfruttate dai giornalisti, che cercano conferme alle tesi che intendono dimostrare, ma soprattutto dai politici. I politici, giocando sull’ambiguità, non dicono cose inesatte, ma cose più o meno compatibili con quello che forse intendeva comunicare lo scienziato in questione. Così ha luogo lo sfruttamento mediatico e politico della posizione degli scienziati. É stato così non solo in Italia, ma anche negli Stati Uniti, in Brasile e in altre parti d’Europa. 

Qual è il significato del ricorso ossessivo al linguaggio bellico nel racconto del virus? 

Credo sia un linguaggio virulento e peraltro inappropriato rispetto alle modalità con cui ci riferiamo alla metafora bellica; il riferimento costante è alla guerra tradizionale, con battaglie frontali, grandi e ordinati dispiegamenti. Oggi invece ci troviamo di fronte a nuove guerre: i conflitti in Libia, in Siria e in Iraq non hanno niente a che vedere con le guerre tradizionali e le immagini usate per raccontare l’epidemia sono del tutto inadeguate.

Quali conseguenze potrebbe avere la pandemia sul piano geopolitico? 

Sul piano geopolitico il tema portante è quello del vaccino. Chi arriva prima al vaccino, si intesta un primato non solo scientifico, ma anche morale, candidandosi di diritto alla guida di una globalizzazione che tutti hanno interesse a strappare agli Stati Uniti. La candidatura della Cina al riguardo è molto forte e il vaccino – che la Cina ha promesso di mettere immediatamente e gratuitamente a disposizione di tutti – è l’ombrello etico attraverso cui accreditarsi come grande potenza morale davanti ai grandi cataclismi, alle emergenze e ai rischi che il mondo corre, salvo contraddirsi immediatamente con le sue politiche non-ambientaliste: la Cina oggi è, assieme agli Stati Uniti, il Paese che maggiormente contribuisce alla degradazione ambientale.

Le chiedo infine un giudizio sul comportamento assunto dai giornali e dai media nella narrazione del Covid-19.

È stato un comportamento tutto sommato corretto dal punto di vista professionale, ma fatalmente inadeguato dal punto di vista delle tecniche e dei linguaggi utilizzati per raccontare la pandemia, perché i giornalisti non erano assolutamente preparati per un evento di questo genere e anche da un punto di vista tecnico capivano molto poco di quello che stava succedendo. Ad esempio, la forte tensione fra medicina clinica e ricerca epidemiologica, che ha radici antichissime, meriterebbe di essere trattata con maggiore attenzione e capacità di lettura, invece viene trattata come una partita di calcio: ognuno si fa la sua opinione e facciamo gli schieramenti da stadio.

Dobbiamo continuare a stare sul pezzo, anche perché effettivamente non sappiamo che cosa succederà nei prossimi mesi. Se riuscissimo a mettere a punto dei farmaci specifici, pensati e sviluppati appositamente per contrastare gli effetti del virus, allora potremmo stare più tranquilli.

Advertisement

Cultura

Vista Mare, con la Fondazione Premio Napoli sul giardino pensile del Palazzo Reale di Napoli si legge Raffaele La Capria

Avatar

Pubblicato

del

I Luoghi di Napoli, Magie e Incanti, la rassegna organizzata dalla Fondazione Premio Napoli e curata dal Presidente Domenico Ciruzzi e Stefano Valanzuolo è approdata sul giardino pensile del Palazzo Reale, un luogo, oramai difficilmente visitabile di una bellezza mozzafiato che permette di avere sul golfo e su parte della città la visione  che si erano riservati re e viceré per affermare il loro potere, ma anche per avere il polso degli umori popolari. Idealmente c’è tutto il Mediterraneo alla vista del mare dai giardini ed è proprio per questo che la Fondazione ha scelto questo sito per una delle tappe della rassegna titolandola “Vista mare: immagini dal Mediterraneo”. Ogni incontro della rassegna vede una scrittrice o uno scrittore scegliere pagine dedicate a Napoli, e un’attrice o un attore prestare corpo e voce per rinnovare la pratica antica e nobile della lettura pubblica. La musica, che ha il compito di fornire complemento emotivo alle parole e al gesto, è affidata agli strumenti e alle voci di protagonisti della scena contemporanea, italiana e internazionale. Questo quarto appuntamento ha visto l’attore Antonello Cossia, artista poliedrico e curioso, leggere brani scelti da Alessio Forgione, scrittore della nuova scuola partenopea.  A letture finite, dove si è spaziato tra le opere di Raffaele La Capria e lo stesso Forgione è arrivata  la musica del Fabrizio Bosso Quartet, la formazione che vede a fianco del celebre trombettista, il pianista Julian Oliver Mazzariello, il contrabbassista Jacopo Ferrazza e il batterista Nicola Angelucci, quartetto che con le sue note jazz ha ribadito l’internazionalità che questa città conosce e pratica da secoli. Il protagonista assoluto, però, è rimasto il Giardino pensile come lo saranno gli altri luoghi che toccherà la rassegna, Giardino che rappresenta un esempio mirabile di incontro tra natura e architettura, fin dal suo progetto iniziale voluto da Carlo di Borbone. Un restauro accurato, frutto di un paziente lavoro di ricerca conclusosi nel 2018, ne ha restituito l’aspetto ottocentesco, a partire dall’assetto botanico che è quello originario per tipologia e disposizione delle piante, tra cui spiccano le essenze di rose e agrumi. Quello di ieri come i prossimi saranno ingressi liberi su prenotazione (premionapoli.it oppure scabec.it/iluoghidinapoli). L’affluenza del pubblico è subordinata alle restrizioni imposte dalla normativa vigente per gli spettacoli, ma ciascuna delle serate viene ripresa dalle telecamere per fare in modo che un pubblico più vasto, attraverso le immagini, possa fruire degli eventi. La documentazione filmata dei dieci appuntamenti sarà post prodotta in un unico documentario che fisserà nel tempo questa esperienza che vede la città di Napoli regista e, potremmo dire, attrice protagonista. La rassegna è realizzata in collaborazione con la Direzione regionale Musei Campania con il coordinamento artistico di Alfredo Contieri, Alfredo Guardiano, Carmen Petillo e Francesco Morra  con l’organizzazione e la promozione di Scabec spa.

 

 

 

 

Continua a leggere

Cultura

L’identità di Raffaello nel volto ricostruito in 3D

Avatar

Pubblicato

del

Dopo secoli di controversie la tecnologia ha finalmente ‘localizzato’ definitivamente i resti di Raffaello Sanzio. I resti custoditi nella tomba del Pantheon a Roma, ha trovato uno studio dell’universita’ di Tor Vergata, appartengono al pittore di Urbino. La conferma viene dalla prima ricostruzione facciale in 3D fatta a partire da un calco dei resti del pittore che e’ stata confrontata con gli autoritratti conosciuti dell’artista. Lo studio, annunciano gli stessi scienziati, sara’ prossimamente sottoposto per la pubblicazione alla rivista Nature. “Questa ricerca – dice Olga Rickards, antropologa molecolare dell’universita’ – fornisce per la prima volta una prova concreta che lo scheletro riesumato nel Pantheon nel 1833 appartiene a Raffaello e apre la strada a possibili futuri studi molecolari sui resti scheletrici, volti a convalidare questa identita’ e a determinare alcuni caratteri del personaggio correlati con il DNA come ad esempio i caratteri fenotipici (colore degli occhi, dei capelli e della carnagione), la provenienza geografica e la presenza di eventuali marcatori genetici che predispongono per malattie”. La ricerca e’ stata condotta in collaborazione con la Fondazione Vigamus e l’Accademia Raffaello di Urbino. “Finora – spiega Mattia Falconi, associato di Biologia molecolare a Tor Vergata – nonostante l’accuratezza delle indagini svolte in quell’anno (1833) dall’anatomista Antonio Trasmondo, principale artefice dell’ultima riesumazione di Raffaello, eseguita con i metodi non risolutivi del tempo ma all’avanguardia per l’epoca, non vi era certezza che i resti ritrovati e conservati nel Pantheon fossero realmente quelli del Sanzio”. Per fugare i dubbi e’ stato utilizzato un calco in gesso del cranio di Raffaello prodotto dal formatore Camillo Torrenti nel 1833 in occasione della riesumazione dell’artista. Inizialmente e’ stato determinato il profilo biologico dell’individuo in esame. La ricostruzione e’ stata eseguita manualmente al computer. Infine, la ricostruzione e’ stata confrontata con gli autoritratti di Raffaello e con dipinti di altri autori al fine di valutare la possibilita’ che il pittore fosse il soggetto rappresentato. “L’analisi morfologica e metrica del calco – spiega Falconi – ci ha permesso di stabilire che il cranio, mostrando caratteristiche fisiche compatibili con l’aspetto del personaggio, poteva appartenere a Raffaello Sanzio, giustificando in questo modo una eventuale fase di ricostruzione 3D del volto. I risultati finali ottenuti sono coerenti e completamente sovrapponibili con il profilo del grande Urbinate che ci e’ stato trasmesso da prove storiche e dalle sue opere artistiche”.

Continua a leggere

Cultura

Al museo MADRE arriva Carlo Verdone e la Fotografia aspetta da sempre delle risposte

Avatar

Pubblicato

del

Nulla di nuovo sotto al sole (Ecclesiaste 1,10)

Frase usata, riusata e abusata, ma tuttora ricca di significato e satura di amara verità. Può, però una frase determinare le vite, le usanze, le tradizioni di intere popolazioni per migliaia di anni senza che esse tentino minimamente di cambiarle? Non spezzarle e sorpassarle, ma minimamente cambiarle, no, pare di no, pare che questo non si voglia proprio fare, anche, perché, forse è meglio che tutto cambi per non cambiare nulla e questo è il gattopardismo che ci ha sempre accompagnato e ancora ci accompagnerà. Nella querelle che ha accompagnato Clouds and Colors/Nuvole e Colori, , mostra fotografica del regista Carlo Verdone, si legge in trasparenza, come una sorta di carta velina che difficilmente può nascondere, tra le critiche alla mostra e alla gestione museale che ha ospitato l’esibizione, una chiara rivendicazione basata sul paradigma: perché lui si e altri no? Perché è famoso di suo? Perché è una operazione di marketing?  Perché è una merce di scambio? Perché è simpatico e conosce la dirigenza museale e curatoriale? Nessuno di questi quesiti, alcuni molto piccati e ben argomentati, ha però toccato il nervo che realmente è scoperto nelle istituzioni e  nella visione dei fruitori della fotografia, tutti, presi anche da una sorta di egocentrismo, nessuno si è chiesto ciò che è realmente la percezione della fotografia in questo paese, a che punto sia l’educazione visiva e cosa si fa e cosa facciamo tutti e cosa potremmo fare di più per far offrire sempre più opportunità di crescita della percezione visiva a chi non riceve da parte delle istituzioni e dei grandi canali multimediali informazioni simili. Ci meraviglia la Mostra di Carlo Verdone al Museo MADRE, ma pur apprezzando le due o tre o quattro importantissime iniziative legate alla fotografia, non si è percepito il Museo MADRE e le altre istituzioni museali cittadine come protagoniste attive nella divulgazione programmata e non occasionale della Fotografia stessa. Chiediamoci quando in città si sia sviluppato un serio discorso o dibattito sulla fotografia? E non solo in città, ma anche nel paese, infatti non è passato molto tempo dalla pubblicazione di un ignobile bando pubblico che chiedeva ai fotografi e non fotografi di fornire al MIBACT  immagini  a titolo puramente gratuito, con la ventilata ricompensa di una “certa” visibilità. Ecco, questa è l’esatta temperatura della considerazione che in Italia, e nella nostra città di riflesso, si ha della fotografia, tutta, a qualsiasi campo essa faccia riferimento. In città abbiamo e ancora abbiamo grandi fotografi/artisti, fotogiornalisti, cerimonialisti, fotografi di moda e di architettura, ma ancora aspettiamo quella che dovrebbe essere un istituto stabile della Fotografia, sia esso pubblico o privato. Villa Pignatelli continua nei suoi sforzi immani a presentarsi come Casa della Fotografia, ma senza alcuna risorsa reale che le permetta di programmare un percorso di conoscenza e valorizzazione che vada avanti negli anni.

Solo da poco tempo si percepisce la volontà da parte delle dirigenze passate e attuali di approfondire e sostenere questi discorsi, ma sempre con le difficoltà derivanti dai mancati sostegni economici sempre prospettati dall’alto, ma mai adempiuti. Ci meraviglia la mostra di Verdone al Museo MADRE, per altro, esposta non nei saloni centrali, ma nella più “riservata” e nascosta Sala delle Colonne, e forse bisognerebbe capire anche il perché di questa dislocazione, forse subliminale  segnale di discrezione da parte della istituzione oppure  volutamente scelto perchè ritenuto il posto che dove si può relegare la fotografia?  Ci meraviglia? Ma forse dovremmo chiedere al MADRE quale  siano le prossime mostre, che programmi hanno per la fotografia e per la sua divulgazione, come potranno rapportarsi alla fotografia nazionale, quella vera, quella attiva, quella che è nazionalmente e internazionalmente conosciuta e riconosciuta e ciò dovremmo chiederlo non solo al MADRE, ma a tutte le istituzioni museali cittadine che non hanno certamente brillato nella programmazione fotografica, pur anch’esse, sforzandosi di far entrare fotografie all’interno delle loro mura. La querelle di questi giorni, non avrebbe dovuto essere solo incentrata sulla qualità delle fotografie del buon regista e sulla opportunità di esporlo in un museo prestigioso, credo che questa opportunità di critica che ci è stata loro malgrado offerta, debba essere l’occasione per chiedere senza indugi l’esatta considerazione che le istituzioni museali, ma tutte, senza distinzioni, abbiano della fotografia e dei suoi protagonisti.

Non basterà una risposta di cortesia, che lascerebbe il tempo che trova, ma è doveroso chiedere alle istituzioni museali, ma a tutte, senza distinzioni, cosa abbiano intenzione di programmare nel corso dei prossimi anni per la fotografia nazionale e prima di tutto per quella cittadina. Napoli è una città fucina di fotografi artisti e autori, è la città che per prima si è dotata di un corso di laurea specialistica in fotografia presso l’Accademia di Belle Arti dal quale si è calcolato che nel corso degli anni, circa il  65% dei laureati ha trovato collocazione lavorativa e professionale in ambiente inerente la materia studiata e poi percorsa, sia essa con l’apertura di attività professionali individuali sia con l’insegnamento in città o in altre località del territorio nazionale. Una città dove Istituti, centri, laboratori e strutture organizzate, formano fotografi che poi si distinguono nei panorami professionali e sui mercati del lavoro. Oggi, dopo quello che molti, a ragion veduta, hanno definito Cloud and Colors/Nuvole e Colori, come lo scivolone del Museo MADRE, si deve cogliere l’occasione di chiedere a voce ferma quale sia la considerazione che in futuro la fotografia dovrà aspettarsi dalle istituzioni museali, bisognerà che rispondano e sta a tutti noi chiedere fermamente le risposte,  per capire se la Fotografia vedrà nascere la stagione della ricerca e della valorizzazione dei talenti, oppure se rimarrà relegata nel campo del marketing e del vacuo sensazionalismo.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto