Collegati con noi

Politica

Caos Mes, stop di Di Maio e scontro nel centrodestra

Avatar

Pubblicato

del

A pochi giorni dal voto in Parlamento, il Mes diventa la riforma della discordia e scoppia il caos. Al ‘no’ ribadito nettamente dai 5 Stelle sull’uso dei 37 miliardi europei vincolati alle spese sanitarie, si aggiunge ora la virata di Forza Italia. Silvio Berlusconi cede all’ultimatum della Lega e annuncia che votera’ contro la riforma del fondo salva Stati, prevista in Aula il 9 dicembre. Una capovolta per il partito dell’ex premier – da sempre favorevole a quei soldi, unico nel centrodestra – che segna la ‘resa’ del Cav (almeno per un giorno) a Matteo Salvini, protagonista di un aut aut inequivocabile. “Se qualche membro dell’opposizione, approva la riforma, finisce di essere un compagno di strada della Lega”, sentenzia il leader su Facebook. Il messaggio ha un unico destinatario. E cosi’ poco dopo e’ proprio Berlusconi a intervenire: “Il 9 dicembre non sosterremo in Parlamento la riforma del Mes”. Insomma si piega, ricompattando apparentemente il centrodestra, ma lasciando all’interno molte ferite. In particolare dentro Forza Italia: l’improvviso ‘no’ annunciato dal presidente spiazza parecchi forzisti che leggono la novita’ come l’ennesima conferma di un centrodestra sempre piu’ a trazione leghista, con Salvini che alza la voce e detta la linea. Le chat del partito esplodono, tanti i perche’ chiesti sulla nuova posizione, considerando anche che molti parlamentari azzurri fanno parte dell’intergruppo di Camera e Senato nato a ottobre a favore del Mes.

Da qui la richiesta di un chiarimento immediato alle due capigruppo, Gelmini e Bernini, ma alla fine il confronto viene rinviato per evitare il peggio. Anche alla luce della “batteria” degli altri azzurri che seguono la linea del partito: il si’ al Mes non cambia, l’unico No e’ alla riforma. A questo punto il voto, che proprio ieri il ministro dell’Economia Gualtieri aveva precisato e’ scisso dall’uso del fondo per l’Italia, si fa pericoloso per la maggioranza. Soprattutto al Senato, dove potrebbe non avere i numeri a sufficienza per approvare le nuove regole del Meccanismo europeo di stabilita’. Il rischio che parecchi parlamentari nel Movimento 5 stelle si sfilino, al momento del voto, esiste. Del resto il no al Mes non e’ un mistero per i pentastellati. Lo ricorda Di Maio, fermo sui “lacci e lacciuoli che non ci possiamo permettere”. E quindi sui social chiude: “La riforma del Mes e’ peggiorativa e finche’ ci sara’ il M5s al governo, non si usera’. Anche perche’ non ci sono i numeri in Parlamento. Il dibattito non ha neanche ragione di esistere”. Salvini fa un passo in piu’ e a margine della visita al parco archeologico di Centocelle, alla periferia di Roma, associa il voto sulla riforma alla fedelta’ della coalizione.

Centrodestra. Berlusconi attacca Salvini che è pronto a lanciare un’Opa su Fi

Forte del sostegno di Fratelli d’Italia, storicamente contrari al Mes, getta la palla nel campo dell’altro alleato di centrodestra, chiedendo di esporsi. Del resto una settimana fa era stato il ‘capitano’ a dover incassare lo schiaffo di Berlusconi sul voto allo scostamento di bilancio votato in Parlamento per l’emergenza sanitaria. La Lega aveva “ceduto” al richiamo alla responsabilita’ lanciato dal numero uno di Forza Italia. Adesso arriva il pareggio, o la rivincita a seconda dei punti di vista. Dopo le parole del Cav segue un coro di ringraziamenti e Salvini rilancia: “Anche oggi abbiamo dimostrato che il centrodestra unito vince”. Ancora di piu’ si intesta la ‘vittoria’ Giorgia Meloni, che ringrazia Berlusconi “per averci seguito sul tema del Mes e aver deciso di votare No insieme a noi il 9 dicembre in Parlamento”. E rimarca il punto segnato dalla coalizione: “Sara’ l’ennesima prova di unita’ e di compattezza di un centrodestra che la maggioranza sperava inutilmente di riuscire a dividere”. Che ci sia caos se ne accorgono pure in Francia: “Vorrei ringraziare Roberto Gualtieri per il suo coraggio politico” sul Mes, dice il ministro delle Finanze di Macron, Bruno Le Maire che osserva: “L’unico Stato della zona euro in cui questa questione e’ diventata un’importante questione di politica interna e’ stato l’Italia”. Del resto le tensioni sul fondo dividono da tempo Pd e M5s. Tensioni non sono mancate nemmeno nel vertice di maggioranza che si e’ svolto in mattinata a Palazzo Chigi.

Advertisement

Politica

Governo rivede piano vaccini. Ira Conte, no ai tagli

Avatar

Pubblicato

del

Dopo i ritardi di Pfizer, quelli di AstraZeneca: il governo e’ costretto a rimettere mano al piano vaccini e a rivedere gli obiettivi, con il premier Giuseppe Conte che attacca le case farmaceutiche e definisce “inaccettabili” i tagli annunciati da AstraZeneca. I ritardi “costituiscono gravi violazioni contrattuali che producono danni enormi all’Italia, il nostro piano e’ stato elaborato sulla base di impegni contrattuali liberamente assunti” e per questo, dice, “ricorreremo a tutti gli strumenti e a tutte le iniziative legali per rivendicarne il rispetto”. Gia’ lunedi’ il governo si muovera’ contro Pfizer su tre canali: una diffida per inadempimento e un esposto ai pm per potenziale danno alla salute, entrambi da presentare nel nostro paese, e una richiesta a nome del governo e delle Regioni al foro di Bruxelles per inadempimento. Anche l’Ue vuole vederci chiaro sui ritardi e ha convocato l’azienda inglese lunedi’, indicando due obiettivi: avere un programma chiaro che consenta di pianificare le consegne e accelerare la distribuzione. Ma il governo deve fare i conti anche con altre due problemi sul tavolo: l’allarme che arriva da diversi centri vaccinali regionali, tra cui Lombardia, Sicilia ed Emilia Romagna, sulla mancanza di siringhe di precisione, e la necessita’ di evitare che le varianti del Covid, da quella inglese a quella sudafricana che preoccupa molto di piu’, facciano esplodere i contagi anche in Italia come gia’ avvenuto in diversi paesi europei. Sul primo punto arriva la smentita di Arcuri: “E’ falso”, sono state distribuite meno siringhe “per la banale ragione che Pfizer ci ha inviato un numero inferiore di fiale di vaccino”. Sul rischio varianti, invece, la questione e’ piu’ complessa tanto che l’esecutivo, lo dice il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza, sta valutando la possibilita’ di un “innalzamento delle misure”. Il piano vaccini, dunque. Il governo, con il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia, ha convocato le regioni assieme a Speranza e Arcuri per aggiornare quello presentato dal ministro della Salute al Parlamento il 2 dicembre. Le prime dosi di Astrazeneca, se il vaccino avra’ il via libera dell’Ema, arriveranno il 15 febbraio, poi ancora il 28 e il 15 marzo. In base al piano inziale, nel primo trimestre del 2021 sarebbero dovute arrivare in Italia 28 milioni e 269mila dosi. Una quantita’ che, ormai e’ evidente a tutti, non sara’ rispettata: entro la fine di marzo le dosi a disposizione saranno meno di 15 milioni, dunque circa la meta’ di quanto previsto. Astrazeneca ha infatti confermato la riduzione a causa di un problema alla produzione, un taglio del 60% che, hanno spiegato sia Conte sia Arcuri, per l’Italia significherebbe passare da 8 milioni a 3,4 milioni di dosi. Alle quali si dovrebbero aggiungere gli 8,7 milioni di Pfizer (se l’azienda americana tornera’ alle forniture iniziali) e il milione e 300mila di Moderna. Una situazione che ha fatto suggerire al governatore del Veneto Zaia, presente all’incontro, che “qualora vi sia un via libera di Ema ai vaccini russo o cinese si possa ricorrere anche a questa soluzione”. Si tratta dunque di rivedere gli obiettivi, come conferma il presidente del Consiglio superiore di Sanita’ Franco Locatelli: “la riduzione della capacita’ produttiva di AstraZeneca richiedera’ la rimodulazione della campagna”. Si dovrebbe riuscire a centrare l’impegno prioritario, vaccinare entro marzo tutti gli operatori sanitari e sociosanitari, ospiti e personale delle Rsa, over 80 e pazienti fragili, oncologici, cardiologici e ematologici. In tutto quasi 7 milioni di italiani. Ma non le altre categorie: i 13 milioni e 400mila italiani tra i 60 e i 79 anni, i 7 milioni e 400mila con almeno una comorbilita’ cronica, oltre al personale dei servizi essenziali: insegnanti e personale scolastico, forze di polizia, personale delle carceri e detenuti. C’e’ poi da tener conto anche di un altro elemento. Quando l’Ema dara’ il via libera al vaccino di AstraZeneca, sottolinea ancora Locatelli, bisognera’ vedere “che tipo di approvazione verra’ data”, se sara’ cioe’ “condizionata a determinati parametri di eta’ piuttosto che di percentuale di copertura vaccinale”. In sostanza, se come sembra il vaccino verra’ consigliato per la popolazione sotto i 55 anni, l’Italia dovra’ individuare nuovi criteri per definire le categorie prioritarie, dando la precedenza ai piu’ giovani.

Continua a leggere

Politica

Conte sfida ancora Renzi, ultima chiamata ai moderati: sulla giustizia il Governo rischia la sfiducia

Avatar

Pubblicato

del

Contarsi di nuovo in Aula, registrare una maggioranza numerica anche su un tema divisivo come la giustizia. Giuseppe Conte sembra aver imboccato questa via. C’è ancora chi gli consiglia di dimettersi prima del voto in Senato sulla relazione del ministro Alfonso Bonafede, per provare a incassare un “ter”. Ma senza aver stretto prima un patto politico per una nuova maggioranza, il passaggio sarebbe assai pericoloso. Dunque, si va alla conta. C’è in maggioranza la consapevolezza che dopo una sconfitta in Aula difficilmente il Quirinale potrebbe lasciare che il governo – e il suo premier – vadano ancora avanti come fatto fino a oggi. Ma la scommessa e’ che i numeri – magari complici alcune assenze in FI e una nuova astensione di Iv – ci saranno. Dopo, potrebbe aprirsi il ‘giro di valzer’ finale per allargare la maggioranza ai moderati di centro, ad (almeno parte di) Forza Italia e a una pattuglia di renziani di Italia viva. I numeri (e i nuovi gruppi) per andare avanti e arrivare a fine legislatura oggi non ci sono. Lo testimonia il fatto che al Senato si rischia di non avere i voti neanche per far slittare da mercoledi’ a giovedi’ il voto sulla giustizia. Lo registra il Pd, lo segnalano i timori crescenti tra i parlamentari di maggioranza. Non si puo’ rischiare – inizia a trapelare dalle fila Dem e pentastellate – di precipitare verso le elezioni per il veto posto da Conte, ma anche dai vertici Pd e M5s su Matteo Renzi. Goffredo Bettini e Andrea Orlando in due assemblee locali Dem rassicurano che non e’ quello l’obiettivo, ma aggiungono che rischia di essere l’esito. Lo dice lo stesso Silvio Berlusconi, citando le scelte cui sara’ chiamato il presidente Sergio Mattarella. Ma la scommessa del leader di Iv e’ che proprio per evitare il voto, inizi presto a vacillare la linea del Nazareno e dei vertici M5s secondo cui non c’e’ alternativa a Conte. Renzi ha deciso in questa fase di tacere e Iv ufficialmente non ha ancora scelto una linea: se arriveranno segnali positivi dal governo, c’e’ chi non esclude di astenersi. Ma secondo chi ha sentito il leader di Iv l’orientamento sarebbe il No alla relazione di Bonafede, perche’ e’ un voto “sul ministro non sul governo”. A quel punto per Conte si aprirebbe una sfida rischiosa perche’ i numeri, e’ il ragionamento, potrebbero essere assai risicati o mancare: anche i piu’ dialoganti del centrodestra, da Fi, a Cambiamo e Udc, non possono votare a favore, Sandra Lonardo potrebbe astenersi e un ex M5s Lello Ciampolillo, che contro il ministro si schierava in passato, avrebbe difficolta’ a dire Si’. Dalla maggioranza fanno un ragionamento diverso: non solo la linea del No potrebbe spaccare Iv – di qui una possibile virata verso l’astensione – ma alcune assenze ‘tattiche’ in FI renderebbero il passaggio meno problematico del previsto, perche’ non serve una maggioranza assoluta. Dal M5s negano che, come ipotizza qualcuno anche tra i Dem, Bonafede possa dimettersi prima della relazione. E gli uffici del ministro starebbero lavorando a una relazione che non tocca temi come la prescrizione ma pone al centro i fondi del Recovery fund e anche le riforme che l’Europa ci chiede, a partire da quelle gia’ incardinate in Parlamento. Nella bozza del Recovery, dicono fonti vicine al ministro, i fondi per la giustizia sono saliti a 750 milioni a 2,750 miliardi: ben 2,3 miliardi dovrebbero andare ad assunzioni. Votare contro la relazione sarebbe – e’ il ragionamento – votare contro il Recovery fund. Bastera’? Conte sembra pronto a verificarlo in Aula, per poi aprire la partita finale con i moderati di centro, magari passando da dimissioni e Conte ter, con la prospettiva di un’alleanza antisovranista. Non sfuggono al premier le pressioni di parte degli azzurri per le larghe intese. I gruppi di Fi, raccontano fonti di centrodestra, sarebbero in queste ore solcati da forti fibrillazioni, per la linea portata al Colle da Tajani con Salvini e Meloni, del voto anticipato. Ecco perche’, raccontano, Berlusconi decide di intervenire con una nota, a sottolineare le larghe intese come via proposta da Fi, ma rifiutata da Pd e M5s. La spinta dei moderati, da Gianni Letta a Mara Carfagna e Renato Brunetta, sarebbe quella di farsi promotori dell’unita’ nazionale, in nome della responsabilita’. Se gli alleati di centrodestra rifiutassero le larghe intese, c’e’ chi propone una maggioranza Ursula con Pd e M5s (e magari anche con Iv). Impossibile con Conte premier, dice Tajani. Ufficialmente nessuno si dissocia. Ma i contiani tengono aperto il dialogo con gli azzurri: che centristi e un gruppo di forzisti passino in maggioranza, e’ una via non ancora chiusa.

Continua a leggere

Politica

Relazione sulla giustizia del ministro Bonafede, parla Orlando: segnale politico o andiamo a sbattere

Avatar

Pubblicato

del

“Mercoledì si andrà a votare la relazione sulla giustizia del ministro Bonafede. Sarà un passaggio molto difficile, non si discuterà davvero della relazione di Bonafede, ma della politica sulla giustizia che è stata fatta nei mesi scorsi. Non solo su quel terreno è difficile allargare la maggioranza, ma è difficile tenere insieme la maggioranza acquisita. Quindi riteniamo che ci voglia una iniziativa politica del governo e del ministro Bonafede per dare il segnale di un fatto nuovo senza il quale si rischia di andare a sbattere”  ha detto il vicesegretario Pd Andrea Orlando nel suo intervento all’assemblea del Pd di Parma. Insomma Orlando, che è stato ministro della Giustizia prima di Bonafede, non ha feeling con l’esponente grillino e non apprezza nessuna delle iniziative intraprese da quando è a via Arenula. Dalle carceri alla prescrizione, Orlando non ha mai negato di non condividere nulla di quello che ha fatto Bonafede. E ora, con educazione, gli sta dicendo che è meglio cambiare linea o cambiare ministro. Altrimenti sulla relazione di Bonafede il Governo salta.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto