Collegati con noi

Cinema

Cannes, ancora scandalo Kechiche con nuovo “Mektoub” in corsa per Palma d’oro

Avatar

Pubblicato

del

Ipnotico, disturbante, sensuale, voyeuristico, hard, stordente il nuovo film di Abdellatif Kechiche ‘Mektoub, My Love: Intermezzo’, in corsa per la Palma d’oro, e’ tutto questo e anche di piu’. Il regista franco-tunisino porta in gara il fluviale racconto – da quattro ore, nella copia arrivata al festival c’e’ lo sconto di 15 minuti – della fine di un’estate, mettendo in scena una giornata al mare e un’eterna nottata in discoteca di un gruppo di giovani bellissimi, apparentemente spensierati e instancabili, la cui gioia di vivere e’ una continua esplosione di sensi. Sono gli stessi che aveva raccontato nel primo Mektoub, My Love, canto Uno (in concorso nel 2017 alla Mostra del cinema di Venezia): giovani di origine tunisina che vivono a Sete, sulla costa francese vicino Montepellier, alla fine degli anni ’90 quando il fondamentalismo religioso non aveva contagiato le comunita’ maghrebine e Al Qaeda era lontano. Il regista di Cous Cous (Leone d’argento a Venezia 2007) e della Vita di Adele (Palma d’oro 2013) torna a scandalizzare la Croisette. Nel film, una lunga provocazione sessuale con l’insistente, maniacale, incessante filmare l’ondeggiante sedere delle sue bellissime protagoniste, 18enni o poco piu’, ammiccanti e sexy. Quando lo spettatore e’ tramortito da questo ingombrante lato b filmato in ogni angolazione, arriva poco prima della terza ora lo schiaffo che lo sveglia: un cunnilingus da film porno con durata realistica di 15 minuti, giusto il tempo per Ophelie (Ophelie Bau) di arrivare all’orgasmo. Nella lunga notte in discoteca, bevendo alcolici e ballando lap dance, con i corpi che si strusciano l’uno all’altro, sfiorano quelli dei maschi, queste ragazze si lasciano andare ad un ritmo indolente che sembra voler catturare l’essenza epicurea della loro giovinezza. E la cinepresa di Kechiche e’ li’ a coglierne ogni fremito. O a seguirne i movimenti un po’ da lontano come fa l’alter ego del regista, Amin (Shain Boumedine), che e’ diventato un forestiero trasferendosi a Parigi a studiare cinema e che torna a Sete solo per passare l’estate e scattare fotografie. Ophelie e Amin sono legati da amicizia (o anche altro?), ma la ragazza ha un segreto: ha scoperto di essere incinta di Tony (Salim Kechiouche) che svolazza da una giovane all’altra, mentre lei tra due settimane si sposera’ con Clement, militare di stanza in Iraq. Dopo la techno dance e tutto quello che e’ capitato durante la notte, Amin si sveglia con accanto Charlotte (Alexia Chardard), si alza e va via. L’estate e’ finita.

Advertisement

Cinema

Cinema d’animazione e fumetto, ‘Cartoon club’ compie 35 anni

amministratore

Pubblicato

del

Compie 35 anni ‘Cartoon Club’, Festival internazionale del Cinema d’animazione, del fumetto e dei games, che con le sue 150mila presenze rappresenta la kermesse di settore piu’ importante dell’estate. L’edizione 2019, dal 13 al 21 luglio a Rimini, prevede un programma ricco di proiezioni, incontri con autori, mostre, spettacoli e progetti speciali nei luoghi piu’ suggestivi del centro storico. Come ogni anno, inoltre, l’anima piu’ giocosa e commerciale del Festival e’ in piazzale Fellini a Marina Centro, con la 23/a edizione di ‘Riminicomix’, mostra mercato del fumetto e dei games. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

‘Cartoon Club’ inizia sabato (ore 17) con l’apertura delle mostre. Alle 19.30 ad Augeo Art Space vernissage di ‘Time after time’, dedicata al raffinato lavoro di Antonio Lapone, disegnatore (notissimo in Francia) che firma il manifesto di Cartoon Club 2019. Poi, l’esposizione ‘Topolino: da 70 anni la via italiana alla Disney’, allestita al Museo della Citta’: una vetrina sull’arte del fumetto Disney che estende e completa la mostra in corso a Fico a Bologna, con circa 40 ulteriori materiali originali o d’epoca in omaggio al 70/o anniversario del periodico ‘Topolino’. Al Museo della Citta’ sono allestite inoltre ‘Tutto questo accade qui. Bonfa e Casty, l’avventura continua! Da Cattivik a Topolino’, mostra didattica con curiosita’ e inediti (fino al 28/7); ‘Il meraviglioso mondo di Andrea Romoli’ (28); ‘Marcello Toninelli-50 anni a fumetti’ (21); ‘Comicsgames. Contaminazioni tra fumetti e videogames’ (28); ‘Obiettivo Cartoon-a volte ritornano?’ (28). ‘Cartoon Club’ conferma inoltre l’attenzione verso il sociale con il nuovo progetto ‘Super@bility-fumetti cartoon disabilita”.

Continua a leggere

Cinema

Paura per Tinto Brass, il regista dell’erotico: è in terapia intensiva

Avatar

Pubblicato

del

Un malore nella notte. L’ambulanza che arriva subito. Il ricovero. La paura. Da poche ore Tinto Brass è  ricoverato all’ospedale Sant’ Andrea di Roma. “È in terapia intensiva, la prognosi è ancora riservata – sospira la moglie, Caterina Varzi  -. Stanno facendo degli accertamenti, si tratta di un momento delicato e deve stare sotto osservazione”. La situazione è precipitata lunedì sera, nella villa di Isola Farnese dove il regista vive da molti anni. “Fino all’ora di cena tutto bene, poi gli è salita la febbre e alla fine ho dovuto chiamare un’ambulanza perché stava male”. Brass ha 86 anni e nove anni fa fu colpito da un ictus che gli cancellò di colpo la memoria, recuperata poi in pieno. Era il 16 maggio del 2010 e in quei difficili giorni si cementò il legame con Caterina. Superata l’emorragia cerebrale, al risveglio trovò lei accanto al letto e lì rimase fino a quando fu dimesso. L’ anno prima Varzi, un tempo avvocata e ricercatrice universitaria con la passione della psicanalisi, era stata protagonista di un suo cortometraggio, «Hotel Courbet», dove lui l’aveva eletta “musa ermeneutica”. Diventata compagna di vita, l’ha sposata in seconde nozze il 3 agosto di due anni fa. Il regista stava seguendo alcuni progetti: una nuova versione di “Paprika”, suo film erotico degli anni ’90; da settembre avrebbe voluto aprire la casa di Isola Farnese alle proiezioni di “Salon Kitty” (1975) a gruppi di studenti.

Continua a leggere

Cinema

Cinema, incassi record per la malefica “Annabelle 3” ma va forte anche Toy Story 4

Avatar

Pubblicato

del

Entra subito al vertice della classifica Cinetel del week end, ‘Annabelle 3′, terzo capitolo della saga con protagonista la famigerata bambola malefica dell’universo della serie tv The Conjuring, che incassa 1.466.597 euro in cinque giorni. Il film, che segna il debutto alla regia di Gary Dauberman, gia’ sceneggiatore della serie, scalza al secondo posto ‘Toy Story 4’, il quarto episodio del film d’animazione della Walt Disney che in due settimane ottiene 3.652.321. Nuovo ingresso per la commedia all’italiana ‘Restiamo amici’, nello stile dei modelli amati da Antonello Grimaldi con Michele Riondino e Violante Placido, che e’ anche una storia di amicizia in cui si riflette l’Italia di oggi, che incassa in 4 giorni 177.029 euro e conquista il quarto posto, preceduta dall’ultimo capitolo dei supereroi ‘Avengers:endgame’ che totalizza 30.043.573 euro in 11 settimane. Slittano dal terzo al quinto posto ‘Nureyev-The White Crow’ con 489.076 euro in due settimane e dal secondo al sesto ‘Arrivederci professore’ che incassa complessivamente di 1.216.058 euro. Li seguono ‘Pets 2-Vita da animali’ che ottiene 110.565 euro per un totale di 3.293.078 in 5 settimane e ‘Alladin’ della Walt Disney con 105.779 euro per un totale di 14.989.091 in 7 settimane. New entry anche in chiusura con ‘Escape Plan 3-L’ultima sfida’ di John Herzfeld con Sylvester Stallone che, aspettando di tornare con il suo ultimo ‘Rambo’, si diverte a giocare con lo stereotipo del suo personaggio di duro “tutto d’un pezzo”, con un incasso in 4 giorni di 98.878 euro e ‘Ti presento Patrick’ di Mandie Fletcher che vede la triste vita di Sarah, lasciata dal fidanzato e disperata, messa a soqquadro da un esuberante e micidiale carlino ricevuto in eredita’ dalla nonna, che chiude la classifica con 78.556 euro. Il totale incassi del weekend trascorso e’ di 3.562.045 euro, +6% rispetto a una settimana fa.

Continua a leggere

In rilievo