Collegati con noi

Economia

Campania, Bankitalia: nel 2023 l’economia rallenta

Pubblicato

del

Nel 2023 l’economia della Campania ha rallentato per l’indebolimento della domanda interna. Secondo le stime della Banca d’Italia, basate sull’indicatore ITER, l’attività economica è cresciuta dello 0,7 per cento (0,9 in Italia), risentendo in particolare della stagnazione dei trimestri centrali dell’anno. È quanto emerge dal rapporto di Bankitalia ‘L’Economia della Campania’, presentato oggi. Il rallentamento dell’attività economica è risultato diffuso tra i comparti dell’economia regionale. Secondo le stime fornite da Prometeia, nei servizi e nelle costruzioni la crescita del valore aggiunto è stata più contenuta rispetto all’anno precedente; nell’industria manifatturiera la dinamica è invece divenuta negativa. I risultati delle indagini sulle imprese segnalano nella manifattura un forte ridimensionamento della quota di aziende con una crescita del fatturato in termini reali rispetto al 2022; il saldo tra queste e quelle che hanno registrato un calo delle vendite è passato da ampiamente positivo a negativo. Nei servizi le imprese che hanno ampliato il fatturato in termini reali hanno ancora prevalso su quelle con una riduzione ma il saldo si è significativamente ridimensionato rispetto al 2022. L’andamento del comparto ha beneficiato dell’espansione dei flussi turistici che, a sua volta, ha favorito la crescita del traffico portuale e aeroportuale di passeggeri. La forte decelerazione dell’edilizia ha risentito delle limitazioni normative per l’accesso al Superbonus introdotte a inizio del 2023. Il settore è stato comunque sostenuto dall’accelerazione degli investimenti in opere pubbliche; vi hanno concorso l’approssimarsi della scadenza del ciclo di programmazione FESR 2014-20 e le spese per l’attuazione degli interventi finanziati dal Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Dalle indagini risulta che la quota di imprese campane dell’industria e dei servizi che hanno aumentato la spesa per investimenti in termini reali si è ridimensionata ma è stata ancora superiore a quella delle imprese che l’hanno ridotta; nell’industria manifatturiera il saldo tra i due gruppi è stato tuttavia negativo. Per il 2024 le aspettative di riduzione della spesa per nuovi impianti e macchinari sono ampiamente prevalenti tra le imprese. Le prospettive sul fatturato restano incerte: la quota di aziende che prevede una crescita delle vendite supera solo moderatamente quella con attese di un calo. L’aumento delle esportazioni campane è proseguito a tassi sostenuti, riconducibile per quasi due terzi al comparto farmaceutico; aumenti di rilievo sono stati registrati anche nell’automotive, le cui vendite estere sono cresciute significativamente sui mercati nordamericani ed europei. Nel corso dell’anno i prestiti alle imprese hanno gradualmente rallentato per poi ridursi moderatamente nei mesi finali; per quelle di minori dimensioni si è intensificata la riduzione iniziata nel 2022.

Alla dinamica negativa avrebbero concorso i rimborsi per i prestiti, anche per la minore convenienza a rinnovare i debiti in scadenza. Le riserve di liquidità in rapporto ai debiti bancari a breve termine sono rimaste su livelli elevati, anche per le imprese di dimensioni minori. Il costo del credito ha continuato a crescere; per le operazioni di investimento i tassi di interesse sono aumentati nel 2023 di oltre 2 punti percentuali. Nel 2023 l’occupazione ha continuato a espandersi, sostenuta sia dall’aumento degli occupati alle dipendenze sia da quello dei lavoratori autonomi. Relativamente ai lavoratori dipendenti, i nuovi contratti, al netto delle cessazioni, hanno riguardato prevalentemente posizioni lavorative a tempo indeterminato, cui hanno contribuito le numerose trasformazioni di contratti già in essere. Il tasso di occupazione è salito e rimane significativamente più elevato per coloro che possiedono un diploma di laurea. La popolazione attiva è aumentata, principalmente per effetto di una tendenza di lungo periodo determinata dall’innalzamento dell’età di pensionamento e dall’aumento della popolazione più anziana; tuttavia, in assenza di altri cambiamenti, il calo demografico comporterà nel 2042 una riduzione della popolazione attiva di circa un quinto.

Il tasso di disoccupazione è rimasto pressoché stabile e si è ulteriormente ridimensionato il ricorso a misure di integrazione salariale. L’aumento dell’occupazione ha sostenuto quello del reddito disponibile, che è ancora diminuito in termini reali ma in misura più contenuta rispetto all’anno precedente per l’indebolimento dell’aumento dei prezzi al consumo, soprattutto nella parte finale del 2023. L’elevata quota di famiglie in stato di povertà assoluta ha contribuito al più ampio ricorso dei nuclei al reddito o alla pensione di cittadinanza; alla fine del 2023, a conclusione della vigenza di tali interventi, poco più di un ventesimo delle famiglie campane risultava beneficiario di queste misure.

I consumi in termini reali si sono ancora ampliati, superando i livelli del 2019. Pur in un contesto di miglioramento del clima di fiducia, la dinamica è stata però più contenuta dell’anno precedente, risentendo della perdita di potere d’acquisto. La crescita del debito delle famiglie si è significativamente attenuata. L’aumento è stato sostenuto soprattutto dal credito al consumo, in particolare dai prestiti finalizzati per l’acquisto di autoveicoli. Il calo delle richieste di nuovi mutui si è in parte riflesso nella riduzione del volume delle compravendite immobiliari residenziali, risentendo anche del più elevato costo dei finanziamenti. Nel 2023 i prestiti al settore privato non finanziario (famiglie e imprese) hanno rallentato. L’andamento dei finanziamenti ha riflesso il calo della domanda di credito di imprese e famiglie, che ha risentito dell’aumento dei tassi d’interesse; le politiche di offerta delle banche sono state improntate a una maggiore prudenza, a causa di una più elevata percezione del rischio. I principali indicatori relativi alla rischiosità dei prestiti si sono mantenuti su livelli storicamente contenuti, pur mostrando un lieve peggioramento per le famiglie e per le imprese delle costruzioni.

È proseguita la decelerazione dei depositi bancari di imprese e famiglie; per queste ultime la dinamica delle giacenze liquide ha riflesso anche la riallocazione del risparmio verso attività più remunerative. È infatti cresciuto sensibilmente il valore dei titoli a custodia detenuti dalle famiglie campane, principalmente quello dei titoli di Stato, trainato sia da un aumento delle quantità di titoli acquisiti sul mercato secondario sia dall’afflusso di risorse verso nuove emissioni caratterizzate da un maggior rendimento rispetto ad attività più liquide. Nel 2023 la spesa degli enti territoriali campani ha continuato a crescere, sostenuta principalmente dall’aumento di quella corrente per acquisti di beni e servizi e di quella per il personale; quest’ultima ha riflesso anche il recente rafforzamento dell’organico del servizio sanitario che tuttavia rimane, in rapporto alla popolazione, più contenuto rispetto alla media delle regioni a statuto ordinario.

Alla dinamica della spesa complessiva ha contributo in misura significativa anche quella in conto capitale, per l’aumento degli investimenti diretti e dei contributi alle imprese. Relativamente alle opere finanziate con risorse del Pnrr, a fine 2023 risultavano aggiudicate gare per lavori di importo pari ai due terzi delle risorse destinate complessivamente alla regione. L’avanzamento degli affidamenti era tuttavia inferiore per i lavori la cui gestione è di competenza delle amministrazioni comunali, cui sono riferibili oltre i quattro quinti del numero di procedure messe a gara. In Campania questi enti possono avvalersi di una dotazione organica e di un grado di digitalizzazione dell’offerta di servizi inferiore alla media nazionale; più contenuto è inoltre il ricorso a procedure di e-procurement.

Advertisement

Economia

L’unicorno green che piace ai vip nel mirino della Sec

Pubblicato

del

Tre anni fa puntava a quotarsi, oggi è sotto indagine della Sec. E’ una storia tutta americana quella dell’unicorno green, Aspiration Partners. Una fintech, con sede a Los Angeles, che ha legato il suo successo iniziale all’idea di combinare le transazioni finanziarie con la responsabilità ambientale. Nei fatti Aspiration ha ridisegnato il panorama bancario americano con una carta di debito progettata per gli acquisti sostenibili. Oltre a questo ha anche promesso di eliminare tutti i titoli legati ai combustibili fossili dal suo portafoglio.

La quotazione in Borsa, con una valutazione della società che si aggirava attorno a 2 miliardi di dollari, avrebbe comportato un bel ritorno, dal punto di vista economico, per una lista di investitori che hanno sostenuto Aspiration per oltre un decennio. Tra questi l’ex ad di Microsoft Steve Ballmer ma anche gli attori Leonardo DiCaprio, Orlando Bloom, Robert Downey Jr e la supermodella e attrice Cindy Crawford.

Un successo che ha anche agevolato la strada verso il Congresso americano di Andrei Cherny, il suo cofondatore e un tempo amministratore delegato che è in corsa come candidato pro clima nelle combattutissime primarie democratiche del distretto dell’Arizona. Cherny, peraltro, gode dell’appoggio dell’ex presidente Bill Clinton e del sindaco di Phoenix Kate Gallego. Le elezioni si terranno alla fine del mese. Ora però Aspiration deve fare i conti con un’indagine da parte delle autorità statunitensi, tra cui il Dipartimento di Giustizia e la Securities and Exchange Commission.

Il passo falso ha avuto origine dal frettoloso tentativo di avviare una nuova linea di business – e così di aumentare il fatturato – vendendo servizi di sostenibilità, come la piantumazione di alberi, ad altre aziende. Il sospetto è che i ricavi siano stati gonfiati da accordi dubbi e , per lo più, in troppo breve tempo. Un’indagine da parte di Bloomberg ha fatto emergere come, tra gli accordi, ci fosse quello con una sinagoga di Beverly Hills che per 25.000 dollari al mese avrebbe partecipato a progetti di riforestazione in tutto il mondo. E poi quello con un’associazione no-profit che avrebbe dovuto pagare ad Aspiration una somma quasi 10 volte superiore delle sue entrate annuali.

Un altro cliente era una LLC, ossia una società a responsabilità limitata, sconosciuta e creata anonimamente pochi giorni dopo l’accordo con la fintech. Un numero insolito di clienti era poi costituito da celebrità colombiane, tra cui un attore e diversi calciatori in pensione.

Continua a leggere

Economia

Da permessi per costruire 1,7 miliardi, Lombardia regina

Pubblicato

del

In Lombardia non si arresta il boom della crescita immobiliare, a Milano come altrove, e la Regione anche nel 2023 si conferma la regina del gettito proveniente dai permessi per costruire che lo scorso anno è ammontato complessivamente a 1,7 miliardi. Una cifra che, dopo il crollo nel periodo della pandemia, si è mantenuta abbastanza costante ma con grandissimi divari tra le varie regioni e città italiane. Il superbonus questa volta non c’entra. Essendo queste entrate prevalentemente legate alle nuove costruzioni e ai cambi di destinazione d’uso, l’andamento non è stato condizionato in modo significativo dall’enorme volume di investimenti trainati dal 110%.

Quest’ultimo potrebbe aver marginalmente inciso soltanto laddove, nell’ambito di una ristrutturazione di un immobile, i proprietari avessero colto anche l’occasione per fare ampliamenti che abbiano determinato un aumento del cosiddetto “carico urbanistico”. “La distribuzione di queste risorse sul territorio nazionale è fortemente sbilanciata e disomogenea. I soli comuni lombardi hanno incassato, nell’arco del 2023, 433,3 milioni di euro. Una cifra record ma che non è inedita, bensì una conferma di una tendenza ormai consolidata” commenta Veronica Potenza, che ha elaborato i dati. Guardando al totale degli oneri incassati da tutti i comuni del Paese nell’ultimo quinquennio, emerge infatti che la “locomotiva d’Italia” ha globalmente incamerato oltre 2,1 degli 8,5 miliardi totali. Se sommati ai 182 milioni riscossi dai vicini comuni veneti, i proventi derivanti dalle nuove costruzioni in queste due regioni nel 2023 hanno raggiunto quota 35% del totale nazionale.

Complessivamente secondo i dati estratti dal Siope+ (Mef), elaborati dal Centro Studi Enti Locali, i comuni dell’Italia settentrionale hanno incassato circa un miliardo, poco meno del 60% delle risorse registrate a livello nazionale. Centro e Mezzogiorno si sono spartiti equamente il restante 41%, andato alle 4 regioni centrali per il 21%, a quelle insulari per il 6% e a quelle dell’Italia meridionale per il 14%. In ottica procapite però i conti cambiano e a primeggiare è infatti il Trentino Alto Adige, i cui comuni hanno incassato oneri per un valore equivalente a 62 euro ad abitante, contro i 43 della Lombardia, i 39 delle Marche, i 38 del Veneto, i 37 della Toscana, i 36 dell’Emilia Romagna, i 31 della Liguria, i 30 del Piemonte, i 29 della Valle d’Aosta, i 27 del Lazio, i 26 della Puglia, i 19 dell’Umbria, i 17 della Basilicata e della Sicilia, i 16 della Campania e i 15 della Sardegna e dell’Abruzzo.

Fanalini di coda Molise, Calabria e Friuli Venezia Giulia, rispettivamente con 12, 10 e 9 euro pro-capite. Restringendo il campo al singolo comune, in vetta troviamo la capitale per la quale i permessi a costruire hanno portato in dote un tesoretto da quasi 99 milioni di euro. Al secondo posto c’è Milano, con 73,3 milioni, seguita da Torino con poco meno di 26,2 milioni. Nove i comuni, tutti al di sotto del 5mila abitanti, che hanno invece chiuso l’anno senza aver incassato un solo euro da inserire in questa specifica voce del bilancio.

Continua a leggere

Economia

Lufthansa taglia stime, rosso da 427 milioni in semestre

Pubblicato

del

Un 2024 complicato per il gruppo Lufthansa. Il colosso tedesco dei cieli taglia le stime sugli utili per l’intero anno, avvertendo che per la stessa compagnia aerea “sta diventando sempre più difficile raggiungere il pareggio di bilancio” a causa di costi unitari “più elevati” e prezzi dei biglietti “in calo”. Lufthansa Airlines segna un rosso di 427 milioni nei primi sei mesi. L’utile operativo rettificato del gruppo è ora stimato tra 1,4 miliardi e 1,8 miliardi di euro, in netto calo rispetto alla previsione precedente di circa 2,2 miliardi. Il flusso di cassa rettificato sarà “significativamente inferiore” al miliardo, rispetto all’obiettivo precedente di almeno un miliardo, spiega il gruppo di Colonia.

In base ai dati preliminari, il gruppo nel secondo trimestre dell’anno registra un utile operativo rettificato di 686 milioni di euro, in discesa da 1,1 miliardi dello stesso periodo dell’anno scorso, e un cash flow di 573 milioni. Mentre Lufthansa Airlines, la principale compagnia del gruppo, chiude il trimestre con un utile di 213 milioni, circa 300 milioni in meno rispetto ai 515 milioni del secondo trimestre del 2023. Nel complesso, nei primi sei mesi Lufthansa Airlines registra una perdita di 427 milioni di euro rispetto ad un utile di 149 milioni dello stesso periodo del 2023. “Lufthansa Airlines è stata particolarmente colpita dalle sfide poste dal trend negativo del mercato e dalle inefficienze nelle operazioni di volo di Lufthansa e Cityline, anche a causa del ritardo nella consegna degli aeromobili”, spiega il gruppo tedesco, anticipando che avvierà un “programma di rilancio completo”, senza però scendere nei dettagli.

Per le altre compagnie aeree passeggeri così come per Lufthansa Technik e Lufthansa Cargo, si prevede che i guadagni per la seconda metà dell’anno siano “in linea di massima al livello dell’anno precedente, in alcuni casi superiori”. I risultati finali verranno diffusi il 31 luglio prossimo. Il gruppo Lufthansa comprende oltre 300 società tra controllate e partecipate, con un portafoglio di aziende che si compone di network carrier, vettori point-to-point e società di servizi per il trasporto aereo. Tra le compagnie controllate direttamente spiccano Austrian Airlines, Brussels Airlines e Swiss International. E da qualche giorno, dopo il via libera dell’Ue, anche Ita Airways è entrata a far parte della galassia. Il gigante tedesco acquisirà dall’azionista Mef una quota di minoranza del 41% di Ita attraverso un aumento di capitale di 325 milioni di euro, per poi salire in una seconda fase – entro il 2033 – al 100% della compagnia azzurra, per un investimento totale di 829 milioni.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto