Collegati con noi

Cronache

Cade dal carro carnevale, batte la testa e muore: aveva appena 4 anni

Avatar

Pubblicato

del

Un bambino di 4 anni è morto ieri sera cadendo da uno dei carri allegorici che sfilavano per le vie di Sciacca (Ag) uno dei comuni siciliani dove questa ricorrenza è più sentita. La manifestazione è stata annullata. Secondo una prima ricostruzione il bimbo è stato messo sul carro che era fermo ma appena il trattorista si è messo in movimento il bambino è caduto per terra sbattendo la testa. E’ stato subito portato in ospedale ma non c’e’ stato nulla da fare.

Il bambino era stato messo sul carro “Volere volare”, dell’associazione “E ora li femmi tu”, mentre era fermo, dal padre che voleva scattargli qualche foto. Appena il carro trainato da un trattore si e’ messo in movimento il bimbo ha perso l’equilibrio cadendo a terra e sbattendo la testa. Il bambino è stato portato nell’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca dove sono andati anche i familiari, straziati, e il sindaco Francesca Valenti. Il carnevale a Sciacca si era aperto ieri ma i carri hanno cominciato a sfilare ieri sera. La polizia indaga e la procura di Sciacca ha aperto un’inchiesta.

Advertisement

Cronache

Sgombero per Casapound, il sindaco Virginia Raggi: via dalla sede storica di Roma

Avatar

Pubblicato

del

‘Dovete lasciare lo stabile’. Una comunicazioni che sembra non lasciare spazio a dubbi tanto da far dire in un tweet al vice ministro dell’economia e delle Finanze laura Castelli, di aver “appena saputo che e’ stato ordinato lo sgombero da Via Napoleone III a Casapound. Ci lavoriamo da tanto, finalmente si ristabilisce la legalita’. @virginiaraggi”. Una notizia che la sindaca della capitale commenta con soddisfazione, “Finalmente qualcosa si muove sullo sgombero del palazzo occupato abusivamente da Casapound in centro a Roma. Ripristiniamo la legalita’”, scrive poco dopo in un tweet Ma che la strada dello sgombero non sara’ semplicissima lo si evince dalle parole del responsabile romano del movimento di estrema destra, Davide Di Stefano, che invece replica di aver partecipato “solo un incontro sulla richiesta di sgombero che si e’ svolto in questura con una rappresentanza di Casapound”. Insomma quella di oggi potrebbe rappresentare una giornata decisiva per quella che nella capitale e’ ritenuta una delle occupazioni storiche. Proprio nei giorni scorsi la sindaca aveva preso carta e penna e inviato due lettere al ministro della Difesa Lorenzo Guerini e a quello dell’Economia Roberto Gualtieri chiedendo lo sgombero di due occupazioni abusive di Casapound Italia. Si trattava appunto della “storica” sede di via Napoleone III, nel cuore del quartiere Esquilino, e di una nuova occupazione di un complesso edilizio di Ostia, in via delle Baleniere, gestita da un’associazione spalleggiata da Casapound Italia. Al Ministero dell’Economia, proprietario dell’edificio all’Esquilino, la sindaca aveva chiesto lumi circa l’iter di sgombero dell’immobile “occupato illegalmente da 15 anni”. A Guerini la prima cittadina ha chiesto “di ripristinare la legalita’ negli immobili di Ostia” di proprieta’ dell’Aeronautica Militare. Le due lettere il 28 maggio dopo quella che probabilmente e’ stata la proverbiale goccia versata proprio a Ostia, dove qualche giorno prima la sindaca – che ha ricevuto solidarieta’ pressoche’ unanime – e’ stata costretta a rimanere in macchina per mezz’ora a causa di una contestazione guidata dal leader locale del movimento, il consigliere municipale Luca Marsella. “Casapound – aveva detto qualche giorno fa – ce l’ha con me perche’ ho rotto sia a Ostia che a Roma. Nessuno degli stabili e’ del Comune altrimenti avrei avviato lo sgombero”. Finora ha potuto agire solo nell’ambito delle sue competenze: a fine luglio scorso era andata di persona a bussare al palazzo dell’Esquilino, occupato dal 2003, per notificare il provvedimento di rimozione della scritta abusiva in marmo sulla facciata, poi cancellata dagli stessi militanti ai primi di agosto per evitare l’intervento coatto dei tecnici comunali. Contro la sede di Casapound e’ in piedi una procedura di sgombero avviata lo scorso 19 luglio dal Demanio, accompagnata da una denuncia alla procura di Roma. La Corte dei Conti ha calcolato un danno erariale di 4,6 milioni per omessa disponibilita’ del bene e mancata riscossione dei canoni da parte del Demanio stesso e del Miur.

Continua a leggere

Cronache

Palazzo Fienga da fortino di camorra del clan Gionta a commissariato di polizia di Torre Annunziata

Avatar

Pubblicato

del

A Palazzo di Governo, in una riunione presieduta dal Prefetto, Marco Valentini, alla presenza del Vice Capo della Polizia preposto all’attività di Coordinamento e Pianificazione delle Forze di Polizia, del Direttore dell’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata, del Direttore Centrale dei Servizi tecnico-logistici e della Gestione Patrimoniale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, dei vertici locali delle Forze dell’ordine, del Responsabile Servizi Territoriali della Direzione Regionale Campania dell’Agenzia del Demanio e del Sindaco di Torre Annunziata, si è discusso della ipotesi di un riutilizzo a fini pubblici di Palazzo Fienga, complesso immobiliare confiscato al clan camorristico Gionta, sito in Torre Annunziata. Un complesso immobiliare simbolo della camorra oplontina. L’orientamento condiviso nel corso dell’incontro è stato, anche per l’alto valore simbolico che il complesso immobiliare riveste nel contesto territoriale di riferimento, l’interesse ad allocazione di presìdi ed uffici delle Forze di polizia. Entro la fine del prossimo mese di giugno sarà composto un quadro analitico delle specifiche esigenze dei diversi corpi che sarà definito, in occasione di una prossima riunione, presso l’Ufficio Tecnico logistico della Polizia di Stato Campania e Molise, di concerto con i comandi interessati.

Successivamente sarà attuata, previa convenzione con l’Agenzia del Demanio la progettazione dell’intervento sul Palazzo, il quale, in quanto inserito nel progetto “Recupero beni esemplari” dal Tavolo di indirizzo e verifica dell’attuazione delle strategie nazionali di utilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata, potrà beneficiare di finanziamenti del Fondo per lo sviluppo e la coesione gestito dal Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Continua a leggere

Cronache

Il capo della setta satanica si faceva chiamare Diavolo e abusava sessualmente anche di minori, arrestato

Avatar

Pubblicato

del

Si presentava come un ‘diavolo-vampiro’, con poteri sovrannaturali: una maschera per plagiare ragazzi e ragazze spesso ancora minorenni, portati alla “cieca obbedienza e totale accondiscendenza”, con la promessa di realizzare i propri desideri e poi spinti a partecipare a rituali (‘Il morso del vampiro’) esoterici e a subire abusi sessuali. Ora è stato arrestato il 23enne italiano, nato in Russia, studente universitario, residente a Montemurlo (Prato), che, qualificandosi come “il Diavolo”, si era messo a capo di una setta satanica da lui creata, cinque anni fa, “al fine di ottenere da ogni componente del gruppo la cieca obbedienza e totale accondiscendenza a qualunque sua richiesta mediante inganno, violenza e minacce”. Il giovane, che operava nel Pratese, è ritenuto responsabile “di aver ridotto e mantenuto in uno stato di profonda soggezione diverse persone, alcune delle quali anche minori, abusando della loro condizione di inferiorità psichica e approfittando di situazioni di vulnerabilità per compiere violenze sessuali”. Per questo motivo il gip del Tribunale di Firenze, su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo toscano, ha emesso nei suoi confronti l’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, con l’accusa “di riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù, violenza sessuale e pornografia minorile”. Al 23enne sono state contestate 13 violenze sessuali, alcune delle quali commesse su minori. Nello scorso febbraio era stato perquisito.

Il provvedimento, eseguito questa mattina dalla polizia, raccoglie l’esito delle articolate indagini, svolte dalla squadra mobile di Firenze, diretta da Antonino De Santis, con la collaborazione del Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine di Roma, e coordinate dalla Procura della Repubblica di Firenze, che sono iniziate nell’aprile del 2019 a seguito della segnalazione da parte della madre pratese di due figli di 17 e 18 anni all’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici. La mamma aveva espresso preoccupazione perchè da alcuni mesi i suoi due ragazzi si comportavano in modo anomalo e partecipavano a incontri nei boschi. Durante l’inchiesta, diretta dal sostituto procuratore Angela Pietroiusti, gli inquirenti hanno assunto “importanti informazioni dalle vittime” ed eseguito complessi accertamenti tecnici sul traffico telefonico e sui profili social dell’indagato 23enne. È stato così possibile ricostruire, spiegano gli investigatori, “un contesto di soggezione continuata indotto mediante inganno, minacce e violenza, contraddistinto da una visione distorta della realtà” nella quale il leader della setta era considerato “il Diavolo”, con capacità e poteri sovrannaturali, e “i suoi seguaci entità non umane che, al fine di acquisire più poteri, sarebbero stati costretti a rituali di ogni genere, anche di natura sessuale”. La setta sarebbe stata creata nel settembre 2015 e avrebbe praticato “i suoi riti propiziatori” fino al febbraio scorso. Nel corso dei cinque anni di attività avrebbe avuto una ventina di adepti, con un’età variabile tra i 14 e i 21 anni, tutti della provincia di Prato.

A tal proposito il giovane avrebbe fatto credere a tutti gli appartenenti al gruppo che erano persone prescelte, che nelle precedenti vite avevano avuto un’altra identità sovrannaturale (Amon, Atena, Banshee, Aracne, Eva, le Sette Furie, Ares, ecc. erano ad esempio i nomi loro affidati dalle presunte reincarnazioni) e che la loro missione era quella di “salvare il mondo”. Il 23enne avrebbe così sottoposto i suoi adepti a una serie di domande su presenze estranee invisibili, quali vampiri e lupi mannari, al fine di convincerli a fare una specifica richiesta al diavolo mediante la stipulazione di un patto in ragione del quale gli dovevano essere fedeli e mantenere il segreto per evitare disgrazie e sofferenze a sé stessi e alle proprie famiglie. Per dimostrare di essere immortale, il 23enne si sarebbe addirittura fatto stringere il collo con le mani da un fidato appartenente al gruppo per poi cadere a terra fingendosi morto fino a quando non si sarebbe rialzato rimettendo a posto l’osso del collo e la trachea.

Il giovane a capo della setta avrebbe inoltre asserito che ogni persona che si avvicinava al gruppo e seguiva i suoi precetti poteva acquisire gli stessi suoi poteri sovrannaturali attraverso una serie di rituali: premere con forza il proprio indice sul loro occhio; dare morsi sulle braccia con fuoriuscita di sangue; afferrare la testa premendo forte sulle tempie; imporre di inalare incensi e cristalli; farsi inviare tramite Whatsapp immagini di corpi nudi facendo credere che le foto sarebbero state viste da un’entità cibernetica denominata ‘Hydra’; costringerli, infine, con violenza fisica e minacce di morte, rivolte anche ai loro familiari, a compiere e a subire, in diverse occasioni, rapporti sessuali di vario tipo. Gli adepti, anche minorenni, versavano in condizioni di totale sudditanza nei confronti dell’indagato. Molte vittime, hanno spiegato gli investigatori, venivano attratte dalla promessa di sbloccare le loro potenzialità e risolvere i loro problemi di isolamento, solitudine finanche, talvolta, di depressione.

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto