Collegati con noi

Cronache

Buttafuori investiti davanti alla discoteca Qube di Roma, arrestati dalla polizia 2 fratelli

Avatar

Pubblicato

del

Dopo 10 giorni di indagini hanno un volto i due ragazzi a bordo dell’auto che l’altro sabato ha seminato il panico davanti al Qube, nota discoteca della Capitale, piombando sulle persone ancora in fila all’entrata e investendo due buttafuori. Si tratta di due fratelli di 27 e 30 anni, con vari precedenti alle spalle. Sentendosi alle strette si sono presentati oggi pomeriggio negli uffici della Squadra Mobile di Roma e sono stati arrestati. La polizia, dopo averli identificati, gli stava dando la caccia da giorni. A loro carico l’autorita’ giudiziaria aveva gia’ emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con le accuse di tentato omicidio in concorso aggravato dall’odio razziale per alcune frasi urlate ai buttafuori della discoteca, cittadini senegalesi. A condurre le indagini gli investigatori della Sezione omicidi della Squadra mobile di Roma, coordinati dalla Procura. Erano circa le 3 di notte quando l’auto nera di grossa cilindrata a tutta velocita’ punto’ le transenne del locale dov’e’ c’era ancora gente in fila per entrare. Dopo aver preso la strada contromano, la macchina investi’ due buttafuori all’esterno del locale seminando il panico tra i presenti e danneggiando anche diversi veicoli in sosta. A dare l’allarme alcuni giovani che assisterono alla scena. Qualcuno filmo’ con il cellulare quello che era accaduto e i video shock sono diventati ben presto virali. Nelle immagini si vedeva l’auto piombare sulla folla, le transenne cadere per terra, il parapiglia e si sentivano le urla mentre la macchina ripartiva con una persona sul cofano. La polizia fin da subito ha ricostruito che i due ragazzi visibilmente ubriachi erano stati respinti all’ingresso della discoteca. Cosi’ sarebbe scattata la ‘punizione’. I buttafuori, soccorsi, sono stati trasportati in ospedale in codice giallo e poi giudicati guaribili in 10 e 14 giorni. Il giorno successivo gli investigatori hanno ritrovato la macchina, danneggiata e con la presenza di tracce ematiche, in zona Colli Aniene, nello stesso quadrante della citta’ della discoteca. Si e’ cosi’ risaliti alla proprietaria, che sarebbe la compagna di uno dei fratelli.

Advertisement

Cronache

Pasqua tragica a Monopoli per un 26enne: gli va per traverso un boccone e muore soffocato

amministratore

Pubblicato

del

Un boccone di carne ha causato la morte per soffocamento di un 26 enne di Monopoli, Bari. Il giovane era a casa dello zio per il pranzo pasquale e quando i commensali riuniti a tavola si sono accorti che stava soffocando hanno provato a fare le manovre per liberargli la gola ma non ci sono riusciti così hanno allertato il 118. Giunto in ospedale però neppure i medici sono riusciti ad estrarre il pezzo di carne che nel frattempo aveva istruito le vie respiratorie del giovane ed hanno effettuato una tracheotomia ma ormai era troppo tardi e il giovane è morto. Sulla vicenda indaga la polizia anche se con ogni probabilità si è trattato di una tragica fatalità.

Continua a leggere

Cronache

Salerno, donna accoltellata al cuore per strada dal suo stalker

Avatar

Pubblicato

del

Tragedia della follia  a Salerno.  Un uomo ha accoltellato una giovane romena. La donna è ora al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio e ruggi d’Aragona e la sua vita è appesa ad un filo: alla 39enne è stato inferto un colpo al cuore. L’uomo è stato invece bloccato da alcuni carabinieri di pattuglia in centro che sono accorsi sul luogo della tragedia ed hanno fermato l’accoltellatore nell’immediatezza dei fatti. La donna era da tempo oggetto di morbose attenzioni di quell’uomo che ha precedenti proprio per stalking..

Continua a leggere

Cronache

Pasqua a Napoli: tutti in fila per Caravaggio a Capodimonte

Avatar

Pubblicato

del

Lunghe file al museo di Capodimonte per la mostra “Caravaggio Napoli”: solo nel lunedi’ in albis 2396 ingressi. Molti visitatori hanno scelto il biglietto integrato (con 1 solo euro di differenza infatti e’ possibile visitare anche il museo con le preziose collezioni e le altre due mostre in corso: Depositi di Capodimonte e Jan Fabre). A dieci giorni dall’inaugurazione, l’esposizione ha superato i 10mila ingressi e si prepara alle prossime festivita’: 25 aprile e 1 maggio. Positivo anche il confronto con lo scorso anno: nonostante la Pasqua 2018 coincidesse con la prima domenica ad ingresso gratuito, tutto il weekend di Pasqua 2019 fa registrare un incremento del 30%. Soddisfatto il direttore Sylvain Bellenger: “Siamo giunti a queste festivita’ con un’offerta culturale variegata: ben 3 mostre (Caravaggio, Fabre e Depositi) e un museo sempre piu’ accessibile con tutte le sezioni aperte, dalla ritrovata collezione De Ciccio all’Armeria Farnesiana e borbonica fino all’arte contemporanea”.

Continua a leggere

In rilievo