Collegati con noi

Cronache

Brigate Rosse, ex terroristi arrestati in Francia: finita la protezione d’Oltralpe

Avatar

Pubblicato

del

Con l’operazione “Ombre Rosse” sette ex terroristi sono stati arrestati a Parigi dalle autorità francesi su richiesta dell’Italia. L’operazione voluta dal Presidente Macron è stata condotta dall’Antiterrorismo della polizia nazionale francese (Sdat) in collaborazione con il Servizio di cooperazione internazionale della Criminalpol e con l’Antiterrorismo della Polizia italiana e con l’esperto per la sicurezza della polizia italiana nella capitale francese. I sette sono ex membri delle Brigate Rosse italiane, condannati in Italia per atti di terrorismo commessi negli anni ’70 e ’80. Altri tre sono ancora ricercati.

Il Presidente Francese Macron

Si tratta di un’operazione importante perché ancora tanti familiari delle vittime del terrorismo non hanno avuto giustizia, per la quale è arrivato il plauso e la soddisfazione del presidente del Consiglio Mario Draghi.

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi

LE DICHIARAZIONI DOTT. GIUSEPPE SPINA  DIRETTORE SCIP – SERVIZIO DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE DI POLIZIA/ Video

http://www.poliziadistato.tv/c_KWmIvCA2kp

La decisione di trasmettere alla giustizia i dieci nomi (sulle 200 persone che l’Italia da anni reclama dalla Francia) e’ stata presa dal presidente Emmanuel Macron. Gli italiani fermati questa mattina in Francia compariranno entro 48 ore di fronte alla procura generale della Corte d’appello di Parigi, prima che un giiudice stabilisca le misure cautelari (la conferma dell’arresto o il rilascio condizionale) che rimarranno in vigore fino a che non sarà completato l’esame della richiesta di estradizione.

Gli ex brigatisti arrestati sono Marina Petrella, Giovanni Alimonti, Enzo Colavitti, Roberta Cappelli, Giorgio Pietrostefani, Sergio Tornaghi, Luigi Bergamin e Narciso Manenti.

Raffaele Ventura, Maurizio Di Marzio e Luigi Bergamin sono per il momento irreperibili

Le schede/ Ex Brigate Rosse Giovanni Alimonti, che deve scontare una pena di 11 anni, 6 mesi e 9 giorni; Enzo Calvitti, condannato a 18 anni, 7 mesi e 25 giorni; Sergio Tornaghi, Roberta Cappelli e Marina Petrella invece sono stati condannati all’ergastolo.
Ex Lotta Continua Giorgio Pietrostefani deve scontare 14 anni, 2 mesi e 11 giorni.
Ex Nuclei Nuclei Armati Contropotere Territoriale Narciso Manenti condannato all’ergastolo per l’omicidio dell’appuntato dei carabinieri Giuseppe Gurrieri, avvenuto a Bergamo il 13 marzo del 1979, condanna alla quale si aggiungono 2 anni e mesi 6 di reclusione per ricettazione e detenzione e porto abusivo di armi , e 3 anni e 6 mesi per associazione sovversiva e partecipazione a banda armata.
Ex Proletari Armati per il Comunismo Luigi Bergamin ha una pena definitiva da scontare di 16 anni e 11 mesi di reclusione in quanto ideò l’omicidio del maresciallo Antonio Santoro, il capo degli agenti di polizia penitenziaria ucciso a Udine il 6 giugno 1978 da Cesare Battisti.

In fuga ci sono:
Luigi Bergamin , considerato l’ideologo dei Proletari armati per il comunismo, il cui membro più noto  è Cesare Battisti, arrestato nel gennaio 2019 in Bolivia dopo una lunga latitanza ed estradato in Italia. Bergamin è stato condannato per l’omicidio del macellaio Lino Sabbadin ma la sua pena sarebbe vicina alla prescrizione.
L’ex brigatista Maurizio Di Marzio, 5 anni residui da scontare, partecipò con Giovanni Alimonti al tentativo di sequestro del vice questore Nicola Simone, rimasto gravemente ferito. La sua condanna scadrebbe il 10 maggio.
Raffaele Ventura, esponente delle Formazioni comuniste combattenti, ha un cumulo di condanne per oltre 20 anni e fu riconosciuto anche tra i responsabili in concorso morale per l’omicidio del vice brigadiere Antonino Custra avvenuto nel maggio del ’77 a Milano durante una manifestazione.

Giorgio Pietrostefani, fondatore con Adriano Sofri di Lotta Continua. Condannato a 22 anni, con Sofri, come mandante dell’omicidio Calabresi per il quale si è sempre dichiarato innocente, come gli altri imputati (tranne Leonardo Marino). Dopo 2 anni di carcere si è rifugiato in Francia

Advertisement

Cronache

Condanna di Berlusconi per frode fiscale, dopo 8 anni i giudici di Strasburgo chiedono all’Italia di “spiegare”

Avatar

Pubblicato

del

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha rivolto al governo italiano, che dovrà rispondere entro il prossimo 15 settembre, alcune domande precise relative al processo per frode fiscale che portò alla condanna di Silvio Berlusconi. Accadde otto anni fa. La Cassazione quel giorno del 1 agosto 2013 rese definitiva la condanna a quattro anni di reclusione ( un anno condonato) per frode fiscale. Al fondatore di Forza Italia ed ex presidente del Consiglio quella condanna costò la  decadenza dalla carica di senatore, quella lunga e complessa vicenda giudiziaria continua a occupare i giudici di Strasburgo. I giudici hanno (ri) tirato fuori il fascicolo numero 8683/14, intitolato “Berlusconi contro Italia”, che giaceva sui loro tavoli dall’inizio del 2014, ed hanno posto al Governo italiano in carica (quello di oggi è presieduto da Mario Draghi) alcune domande. “Il ricorrente signor Silvio Berlusconi ha beneficiato di una procedura dinanzi a un tribunale indipendente, imparziale e costituito per legge? Ha avuto diritto a un processo equo? Ha disposto del tempo necessario alla preparazione della sua difesa?”. Berlusconi ha scontato la pena, è stato riabilitato. Oggi è in Parlamento europeo, rieletto. Il verdetto del 2013 però  ha effetti  importanti su versanti di non poco conto. Il diritto della Fininvest a detenere le quote eccedenti il 9,99 per cento di Banca Mediolanum, contestato proprio a causa della perdita dei requisiti di “onorabilità” è uno dei tanti effetti deleteri di quella sentenza che si chiede di riformare.. Per provare a rimuovere quell’ostacolo i suoi avvocati hanno proposto alla Corte d’appello di Brescia la revisione del processo milanese, che però appare un risultato complicato da raggiungere; e, sia pure con i tempi lentissimi dei ricorsi europei, continuano a percorrere anche la strada di Strasburgo. La folta e qualificata pattuglia di avvocati composta da Andrea Saccucci, Franco Coppi, Niccolò Ghedini, Bruno Nascimbene, Keir Starmer e Steven Powles ha presentato alla Corte una ricostruzione dei fatti in cui si ripercorre la complessa vicenda giudiziaria che, insieme a tre pronunce di prescrizione per alcuni reati contestati, è arrivata fino alla dichiarazione di colpevolezza dell’imputato Berlusconi da parte del tribunale e della Corte d’appello di Milano nel 2012 e nel 2013, confermate dalla Cassazione il 1 agosto 2013.

Secondo il collegio difensivo di Berlusconi quel processo  è zeppo di presunte violazioni dei diritti della difesa che vanno dai mancati riconoscimenti del legittimo impedimento dell’ex premier a partecipare a cinque udienze al drastico taglio dei testimoni richiesti dalla difesa, dal rigetto dell’istanza di trasferimento del processo ad altra sede alla mancata traduzione in italiano di alcuni documenti provenienti dall’estero, e altro ancora. Si tratta di contestazioni già presentate ai giudici di merito e di legittimità italiani. In Italia però queste eccezioni furono respinte dai togati italiani. Ma dopo il verdetto definitivo gli avvocati non si sono arresi, e ritenendo che fossero stati lesi alcuni principi sanciti dalla Convenzione europea sui diritti dell’uomo hanno deciso di proseguire la loro battaglia a Strasburgo. Dove i giudici, al termine di un vaglio di ammissibilità durato sette anni, hanno stabilito di chiedere conto delle “doglianze” di Berlusconi al governo italiano. Chiamato a fornire risposte scritte ai quesiti. “L’azione per la quale il ricorrente è stato condannato – domanda la Corte – costituiva reato secondo il diritto nazionale al momento in cui è stata commessa? Il ricorrente si è visto infliggere una pena più grave rispetto a quella applicabile al momento in cui la violazione è stata commessa, in ragione della mancata applicazione delle circostanze attenuanti? Il ricorrente è stato processato due volte per la stessa offesa sul territorio dello Stato?”. L’Italia risponderà prevedibilmente di no, in linea con i magistrati che hanno emesso le sentenze e svolto accertamenti successivi; come quelli che a Roma hanno recentemente archiviato l’indagine su ipotetiche irregolarità nell’assegnazione della causa alla sezione feriale della Cassazione. Alle osservazioni del governo replicheranno i difensori di Berlusconi, in un contraddittorio scritto che precederà il verdetto finale. Dai tempi del tutto imprevedibili. Anche perchè a giudicare dalla celerità con cui la Cedu ha vagato le richieste di Berlusconi, diciamo che anche in Europa i giudici non scherzano quanto a tempi eterni della giustizia

Continua a leggere

Cronache

Bufera procure, depositato decreto ispezione al server di Napoli usato per inchiesta su Palamara

Avatar

Pubblicato

del

Il decreto con cui le procure di Napoli e Firenze hanno disposto un’ispezione al server è stato depositato. Si tratta degli accertamenti disposti dai pm di Perugia nell’ambito dell’udienza preliminare che coinvolge l’ex consigliere del Csm Luca Palamara. Sul server di Napoli sono transitate le intercettazioni con il trojan eseguite nei confronti di  Palamara. La verifica è stata svolta venerdì scorso dal personale specializzato della polizia postale. La relazione con i risultati dell’accertamento verra’ depositata nei prossimi giorni. L’udienza davanti al gup di Perugia è stata quindi rinviata al 27 maggio prossimo quando ad essere ascoltati dovrebbero essere proprio i tecnici della polizia postale. I tecnici sono quelli che hanno svolto gli accertamenti utili a capire quali sono stati i passaggi sul server e il funzionamento del trojan.

Continua a leggere

Cronache

Omicidio dell’attivista gay Vincenzo Ruggiero, la Cassazione conferma l’ergastolo per Ciro Guarente

Avatar

Pubblicato

del

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna all’ergastolo per il 39enne Ciro Guarente, imputato per l’omicidio dell’attivista gay Vincenzo Ruggiero, avvenuto ad Aversa (Caserta) il 7 luglio 2017. Guarente – hanno accertato i tre gradi di giudizio – si presento’ ad Aversa a casa di Ruggiero e lo uccise a colpi di pistola, quindi fece a pezzi il corpo, lo cosparse di acido muriatico e cemento, e nascose le parti in un autolavaggio a Ponticelli, periferia orientale di Napoli. I resti furono ritrovati dai carabinieri sotto un massetto di cemento, nel punto dove solitamente c’era il cane da guardia, ma qualche frammento osseo della testa e di un braccio non e’ ancora stato rinvenuto. Guarente, ex marinaio, era geloso del fatto che la sua fidanzata, la trans Heven Grimaldi, convivesse in quel periodo con Ruggiero ad Aversa, e penso’ di vendicarsi dell’attivista gay. Dopo aver cercato di depistare le indagini, Guarente (difeso da Dario Cuomo) ha pero’ confessato il delitto e ha collaborato con gli inquirenti della Procura di Napoli Nord indicando il complice che gli aveva dato la pistola, una calibro 7,65, usata per il delitto, Francesco De Turris, arrestato e condannato all’ergastolo in un diverso processo.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto