Collegati con noi

Politica

Bonus eco-scooter anche nel 2020, class action rinviata

Avatar

Pubblicato

del

Niente class action fino a ottobre, sconti per chi acquista motorini ecologici rottamando i vecchi due ruote inquinanti anche nel 2020 e altri due anni di sperimentazioni sugli animali degli effetti di droghe, fumo e alcol. Sono le ultime novita’ contenute nella bozza del decreto Milleproroghe che arrivera’ domani sul tavolo del Cdm. Quasi una ‘seconda manovra’, per ora 37 articoli con un centinaio di slittamenti, che potrebbe lievitare ancora accogliendo, tra l’altro, la proroga per il piano di risanamento dell’Inpgi, la cassa di previdenza dei giornalisti. La legge di Bilancio, intanto si avvicina al voto finale della Camera, previsto per lunedi’, con qualche scaramuccia in commissione Bilancio. Alle opposizioni che attaccano sostenendo che vi siano “7 o 11 miliardi di microtasse” risponde questa volta Italia Viva, con Luigi Marattin: si tratta di appena 1,19 miliardi, con la parte piu’ consistente dovuta all’inasprimento su giochi e tabacchi. Le altre sono azzerate, come nel caso delle auto aziendali, o ridotte, come plastic e sugar tax. I tecnici dei vari ministeri sono intanto al lavoro per far salire sull’ultimo ‘treno’ di fine anno misure che finora non hanno trovato posto, come il “diritto a innovare”, cioe’ la creazione di aree ‘free’ per la sperimentazione di droni o mezzi a guida autonoma.

Ed e’ in preparazione anche una rivoluzione per lo Spid, il Pin unico con cui accedere ai servizi online della pubblica amministrazione, che sara’ sempre gratuito e gestito solo dallo Stato attraverso PagoPa. Agli attuali provider (che oggi rilasciano l’identita’ digitale) restera’ la sola distribuzione del Pin che sara’ abbinato, per chi ancora non ce l’abbia, al rilascio della carta d’identita’ digitale. Nella bozza del decreto rientrano anche i dettagli operativi per far partire le notifiche digitali di avvisi e multe. Ad agitare gli animalisti, intanto, la scelta di consentire per altri due anni di fare test sugli animali degli effetti delle “sostanze da abuso” ma anche di sperimentare gli xenotrapianti, cioe’ gli studi sui trapianti di tessuti o organi da animale a uomo. La proroga e’ bocciata anche da Leu che chiede invece di rispettare lo stop previsto da inizio 2020, sostenendo, come spiega Loredana De Petris, “l’appello di 200 scienziati” al ministro della Salute Roberto Speranza. Tra le proroghe l’esecutivo prevede poi di concedere anche nel 2020 il bonus fino a 3mila euro per chi rottama motorini Euro0-Euro3 per acquistare mezzi ibridi o elettrici. Previsto anche un anno in piu’ di tempo per i Ris per completare il trasferimento di circa 3800 profili genetici “ignoti” alla Banca nazionale del Dna. Mentre gli albergatori delle aree colpite dal sisma del 2016 e 2017 avranno tempo fino a fine giugno 2022 per adeguarsi alle norme antincendio. Confermati, al momento, lo slittamento di sei mesi per le norme sulle intercettazioni, il rinvio al 2022 della fine del mercato tutelato dell’energia e lo stop agli aumenti dei pedaggi autostradali di inizio anno. Le class action, invece, potranno partire solo da ottobre, con uno slittamento di 6 mesi, tra le proteste dei consumatori. Nelle bozze rimane anche il pacchetto per la P.a, che va dalla proroga per la stabilizzazione dei precari a quella delle possibilita’ di assumere per il comparto di sicurezza e i vigili del fuoco. Tra le decine di norme anche le proroghe fino a marzo per la nomina dei vertici di Agcom e Garante per la Privacy e il cambio della governance di Sport e Salute Spa, la societa’ che ha sostituito Coni servizi, che ha provocato le dimissioni dell’attuale presidente, Rocco Sabelli.

Advertisement

Politica

Asse Parigi-Berlino per Mes light ma cercano una intesa con l’Italia

amministratore

Pubblicato

del

Asse Parigi-Berlino su una versione light del Meccanismo europeo di stabilita’ per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Ma l’Italia dice no: la risposta adeguata, insiste il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, non puo’ che passare per l’emissione comune di bond europei. In vista dell’Eurogruppo di martedi’ i ministri Le Maire e Scholz si presenteranno con una posizione comune, che appoggia tutte le misure a breve termine, incluso l’utilizzo del Mes con condizionalita’ molto alleggerite. Una posizione cui pero’ continua a opporsi Roma perche’, e’ il ragionamento ripetuto dal governo italiano, il Mes resta “uno strumento inadeguato a gestire questa crisi” e potrebbe essere sfruttato solo cambiando completamente pelle e diventando un fondo per la lotta alla pandemia, senza condizionalita’, mantenendo dello schema attuale, di fatto, “solo il nome”. In giornata la Commissione aveva cercato di diversificare il dibattito, allontanandolo dalla battaglia anche ideologica sui Coronabond contro il Mes, invitando a parlare delle altre opzioni sul tavolo. “Ce ne sono molte in preparazione” aveva detto il vicepresidente della Commissione Ue responsabile dell’economia, Valdis Dombrovskis, cercando di attirare l’attenzione sugli strumenti operativi da subito per arginare le perdite. Dagli aiuti di Stato allentati, estesi proprio oggi fino a fine anno, al nuovo piano da 200 miliardi per le imprese della Banca europea degli investimenti. L’Eurogruppo di martedi’ avra’ un’agenda molto ricca. L’Europa aggiunge munizioni all’arsenale con cadenza quasi quotidiana, per rendere la risposta economica il piu’ potente possibile. E anche per dare l’immagine di un’Unione d’accordo quasi su tutto. Oltre alla Bei, che portera’ al tavolo la creazione di un fondo di garanzia di 25 miliardi per offrire alle imprese europee liquidita’ per investimenti, c’e’ poi il Sure, lo schema da 100 miliardi che la Commissione Ue ha messo in campo per rimpolpare la cassa integrazione dei 27, e il re-indirizzamento dei fondi strutturali. A tutto questo, l’Eurogruppo dara’ il suo ok senza riserve. Ma quando si arrivera’ a discutere del post-crisi, cioe’ di come – e se – ne usciranno le economie e i conti dei Paesi piu’ in difficolta’, la discussione si animera’. Il lavoro preparatorio fatto dagli sherpa dei ministri e’ avanzato su un solo punto: il Meccanismo europeo di stabilita’. Questo perche’ il Mes e’ l’unico strumento ufficialmente sul tavolo fin dal primo momento, visto che e’ l’arma europea contro gli shock economici, l’unica che puo’ intervenire finanziariamente quando un Paese entra in difficolta’ e non riesce a fare fronte ai pagamenti. Vista l’esperienza della Grecia e degli altri salvataggi, in queste settimane di negoziati e contatti tutti i 19 sono almeno d’accordo ad alleggerire le condizioni per ottenere gli aiuti. “Non ci devono essere assurde condizionalita’ e non ci sara’ nessuna troika nel Paese”, assicura il ministro dell’economia tedesco Olaf Scholz, descrivendo il lavoro che si fa in queste ore. L’idea e’ di avere un solo tipo di condizionalita’, uguale per tutti, che leghi l’utilizzo degli aiuti all’emergenza, quindi sufficientemente vaga da non esporre le debolezze di nessun Paese. La Francia si allinea alla Germania sul Mes, ma non rinuncia al ruolo di mediazione tra il Nord e il Sud. Sul tavolo dell’Eurogruppo ci sara’ quindi anche la proposta francese di dare vita a un fondo temporaneo, gestito dalla Commissione Ue, che emetta bond sul mercato con garanzie comuni. Parigi e’ infatti convita che, anche se tutti accettassero politicamente l’idea degli eurobond, non sara’ mai un’operazione di breve termine. Il direttore generale del Mes, Klaus Regling, ricorda che per dare vita ad uno strumento del genere servirebbero dai 7 mesi a un anno. Ma l’economia, soprattutto di chi è piu’ malmesso, non puo’ aspettare cosi’ tanto. Chi e’ contrario al Mes, Italia in testa, lo e’ anche perche’ non lo ritiene sufficiente: un prestito pari al 2% del Pil del proprio Paese non basta a rilanciare l’economia. Ma per tutto il resto, c’e’ la Bce: l’attivazione del Mes e’ il prerequisito che consentirebbe alla Bce di tirare fuori il suo bazooka, cioe’ l’Omt. Le consentirebbe di acquistare titoli di Stato in quantita’ illimitata, di fatto azzerando il rischio sul debito.

Continua a leggere

In Evidenza

Gli affanni mentali del nonnetto di Bergamo che usa soldi pubblici per sputare addosso a Napoli e al Sud

Avatar

Pubblicato

del

Soffermiamoci anche oggi sulla prima pagina del quotidiano Libero. Un giornale che ha come ragione sociale quella di insultare Napoli e il Sud ed interpretare le notizie in base agli affari del proprietario più o meno occulto (ma di questo si occupa la Guardia di Finanza). L’altra particolarità di questo giornale è quella di poter scrivere la qualunque facendosela pagare con i soldi pubblici, dunque anche con le risorse dei contribuenti del Sud puntualmente offesi ad libitum. Oggi l’arzillo nonnetto bergamasco, Vittorio Feltri, si esercita con il Paese di Pulcinella. Poi piazza il titolone centrale sulla “quarantena alla napoletana” con fotone schiacciato preso da lontano. In questo caso, un bravo il fotografo,  ha usato un teleobiettivo per accentuare la sensazione di schiacciamento. È una tecnica mistificatoria usata spesso quando non si vuole dare la reale percezione delle distanze e delle presenze. I fotografi professionisti lo sanno e non ricorrono a queste tecniche. Però il nonnetto di Bergamo doveva far sembrare  i napoletani uno addosso all’altro e quella foto era ottima per l’occorrenza. E pure ci sta che si critichi l’eccessiva, inutile presenza in strada di gente, a Napoli come a Padova, come a Genova. Ci sono le misure di distanziamento sociale e devono essere rispettate da tutti. Però il nonnetto di Bergamo si diverte a sfottere i napoletani, perchè lui è fatto così, va in erezione (in senso figurato, data l’età) quando il giorno dopo sotto i suoi profili social trova gli insulti di chi ci casca nelle sue provocazioni e invece della pernacchia lo manda affanculo, magari anche con qualche kitemmuorto. Traduzione per chi risiede nelle valli padane, seriane, bergamasche: il kitemmuorto è quando qualcuno ti ricorda i morti anche lontano dalla data della giornata della loro commemorazione. E così, pure questa mattina, come fa sempre da anni, nel corso di una vita professionale di corte, e passando da una corte all’altra, servendo però sempre più o meno gli stessi padroni e padrini, nonno Vittorio si starà divertendo a commentare qualche insulto e starà godendo (ognuno gode come può) sulle presunte incazzature di napoletani e palermitani insolentiti.

 

Devo dire che le questioni che pone nonno Vittorio sono spiacevoli. Perchè di Vittorio Feltri, almeno a me, non fa più specie quel vago e disgustoso modo razzista di approcciare qualunque cosa dei napoletani e dei meridionali. A me non danno fastidio i suoi affanni mentali che poi diventano quasi sempre motivi per vomitare insulti, epiteti razzisti, espressioni squallide e luogo-comuniste su Napoli e sul Sud. No, questo è Feltri. Lui era così prima, è così anche in tempi di epidemia. L’infezione in questo caso non è il covid 19 ma il suo razzismo che purtroppo fa proselitismo.

Quello che a me infastidisce, lo ripeto, non è quello che scrive Feltri (per inciso, secondo me Crozza lo fa meglio il nonnetto bergamasco razzistello e un po’ rincoglionito dall’età e dal cicchetto ) ma il mezzo che usa e i soldi con cui viene pagato. La vergogna di questo Paese non è consentire libertà d’insulto ad un vecchietto che ha problemi seri di ossigenazione al cervello. No, il problema è consentire all’ineffabile direttore-cabarettista di Libero, bergamasco di nascita e razzista di adozione, sempre più a corto di idee, di aver percepito anche quest’anno soldi di finanziamento pubblico per il suo giornale.  Anche quest’anno, il nonnetto della bergamasca, ha incassato 5,4 milioni di euro dal Dipartimento per l’Editoria di Palazzo Chigi. E con questi soldi fa questo giornale. Questi soldi li potrà spendere per continuare ad insultare non solo Napoli, il Sud ma anche Palazzo Chigi, il Quirinale e l’intelligenza degli italiani. Tanto lui salva dal vaniloquio quotidiano fatto di turpiloquio solo i suoi padrini e padroni. Ricordo male o doveva essere abolito, o è stato abolito, il finanziamento pubblico ai giornali di partito e alle finte cooperative di giornalisti? Comunque ecco l’’elenco dei primi dieci giornali percettori di soldi:

  1. Dolomiten (6,1 milioni di euro)
  2. Avvenire (5,5)
  3. Libero (5,4)
  4. Il Manifesto (3)
  5. Il Quotidiano del Sud (2,9)
  6. Primorsky Dnevnik (2,6)
  7. Cronacaqui (2,3)
  8. Corriere di Romagna (2,2)
  9. CronacheDi (1,3)
  10. Quotidiano di Sicilia (1).

A buon intenditor, poche parole.

Continua a leggere

Politica

Giorgia Meloni: vedo in Conte più volontà di collaborare con opposizioni

Avatar

Pubblicato

del

“Finora” gli incontri fra il premier Conte e i leader dell’opposizione “sono stati una cosa piu’ di forma che di sostanza, molto raramente le proposte che abbiamo formulato sono state considerato. Oggi mi e’ parso di vedere in Conte e nei ministri una maggiore volonta’ di collaborazione, che pero’ e’ da verificare nei prossimi giorni”. Lo ha detto la leader di Fdi, Giorgia Meloni, durante la registrazione di Fuori dal Coro, in onda stasera su Rete 4.

Continua a leggere

In rilievo