Collegati con noi

Esteri

Bombe al fosforo a Mariupol, colpito ospedale Azov

Pubblicato

del

Negli abissi dell’inferno di Azovstal piomba l’incubo delle armi chimiche. La grande paura che aleggiava sull’acciaieria trasformata in fortino dagli ultimi resistenti ucraini del reggimento Azov e dei marines, quella dell’impiego di mezzi non convenzionali per stanarli dai tunnel che li proteggono, assume contorni sempre piu’ drammatici. “Questa notte e’ stata una notte con un numero colossale di bombe al fosforo. Cinquanta attacchi aerei, razzi, colpi di artiglieria, e tutto cio’ che un barbaro puo’ usare contro l’umanita’”, ha denunciato il vice comandante del battaglione, Svyatoslav Palamar, aggiungendo anche che e’ stato “bombardamento l’ospedale da campo militare che si trova nell’acciaieria Azovstal: ci sono morti e nuovi feriti. La sala operatoria e’ distrutta”. In un video diffuso dall’account Telegram di Azov, i soccorritori scavano tra le macerie lasciate dai raid, tra urla e persone terrorizzate. I combattenti ucraini promettono pero’ di non arrendersi, mentre il governo di Kiev assicura “che si difendera’ con tutti i mezzi, compresi gli attacchi ai magazzini e alle basi degli assassini russi”, rivendicando che il mondo “riconosce questo diritto”. Non si sblocca neppure la situazione dei circa mille civili intrappolati nell’impianto siderurgico, in gran parte donne e bambini. Neppure il tour diplomatico tra Ankara, Mosca e Kiev del segretario generale dell’Onu Antonio Guterres e’ servito finora ad aprire i corridoi umanitari. Secondo il sindaco di Mariupol, Vadym Boychenko, in citta’ cresce anche il rischio di epidemie, tra cui il colera, “a causa della mancanza di acqua e cibo e delle condizioni igieniche sempre piu’ difficili”, anche perche’ “migliaia di corpi stanno andando in decomposizione sotto le macerie”. Il controllo di Mosca sulla citta’ portuale appare ormai abbastanza consolidato, al punto che, secondo il Pentagono, nonostante lo scontro su Azovstal, parte delle truppe starebbe gia’ lasciando la citta’ diretta a nord-ovest verso un nuovo obiettivo: Zaporizhzhia. Le accuse sui crimini russi rimbalzano anche dal Donbass. Gli Stati Uniti hanno affermato di aver ricevuto informazioni credibili che alcuni ucraini che volevano arrendersi vicino a Donetsk sono stati giustiziati. Washington ha anche ricevuto relazioni che documentano “esecuzioni di persone alle quali erano state legate le mani, torture e violenze sessuali contro donne e ragazze”. Secondo gli americani, “questi rapporti suggeriscono che le atrocita’ non sono il risultato di un’azione individuale, ma un modello inquietante di abusi sistematici in tutte le aree in cui sono impegnate le forze russe”. L’offensiva avanza intanto sulla direttrice strategica di Izyum, centro nell’oblast orientale di Kharkiv, dove sarebbe giunto anche il capo di stato maggiore delle forze armate di Vladimir Putin, il generale Valery Gerasimov, per sovrintendere personalmente alle operazioni. “Le forze russe hanno spostato unita’ aeree e fino a 500 unita’ di attrezzature militari per rafforzare le loro capacita’ offensive”, ha affermato lo Stato maggiore di Kiev, spiegando che “l’offensiva piu’ massiccia si registra a Slobozhanskyi e nella direzione di Donetsk”, con diverse vittime. E tra gli uccisi c’e’ anche un britannico che combatteva nelle file ucraine, il veterano dell’esercito Scott Sibley, mentre un suo connazionale risulta disperso. I rinforzi per Mosca arrivano anche dalla Libia, dove secondo il Financial Times oltre un migliaio di mercenari del gruppo Wagner – mille siriani e circa 200 russi – sono stati trasferiti sul fronte ucraino. Il contingente di soldati prezzolati sul terreno si aggirerebbe sulle 5mila unita’. Ma la resistenza ucraina non molla, come dimostra anche l’annuncio dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk di cancellare per la minaccia di attacchi la parata del 9 maggio, anniversario della vittoria contro i nazisti durante la Seconda guerra mondiale, rinviandola a dopo l’eventuale conquista dell’intero territorio.

Advertisement

Esteri

Uomo armato in una scuola della Russia fa una carneficina, 6 morti e 20 feriti

Pubblicato

del

Sei persone sono rimaste uccise e altre 20 sono rimaste ferite in una sparatoria nella scuola n. 88 di Izhevsk. Lo ha riferito l’ufficio stampa del ministero dell’Interno della repubblica russa dell’Udmurtia, che su Telegram ha precisato che “la polizia ha trovato il corpo dell’uomo che ha aperto il fuoco. Secondo quanto riferito, si sarebbe suicidato. Al momento, si sa che sei persone sono morte e circa 20 ferite per le sue azioni, ma il numero delle vittime è in corso di aggiornamento”, In precedenza, il presidente dell’Udmurtia, Alexander Brechalov, aveva affermato che era stato ucciso un dipendente della scuola e che fra le vittime c’erano anche alcuni bambini. (Crc/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 26-SET-22 10:34 NNNN

Continua a leggere

Esteri

Russia, l’imprenditore pro-Putin ammette: ho fondato io la milizia Wagner

Pubblicato

del

L’uomo d’affari russo Yevgeny Prigozhin, considerato molto vicino al presidente Vladimir Putin, ha ammesso di aver fondato il gruppo di mercenari Wagner, confermando che unita’ della milizia privata sono attive in America Latina e Africa. Prigozhin, in un comunicato, spiega che fondo’ il gruppo per mandare combattenti nel Donbass nel 2014: “In quel momento, il primo maggio 2014, nacque un gruppo di patrioti, che piu’ tardi prese il nome di Btg Wagner”. L’imprenditore aveva in passato negato ogni collegamento con Wagner.

Continua a leggere

Esteri

Il premier polacco su Twitter: congratulazioni Giorgia Meloni!

Pubblicato

del

“Congratulazioni Giorgia Meloni!”. E’ il tweet con cui il premier polacco Mateusz Morawiecki esulta dopo gli exit poll delle elezioni italiane. Meloni e Morawiecki all’Eurocamera fanno entrambi parte del gruppo Ecr.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto