Collegati con noi

Sport

Benevento coriaceo deve arrendersi all’Atalanta

amministratore

Pubblicato

del

L’Atalanta conserva la seconda piazza a discapito di un Benevento alla ricerca del miracolo per issarsi dal terzultimo posto nelle ultime due prove col gia’ retrocesso Crotone e un Torino ancora in bilico. Ma quanta fatica per rompere il ghiaccio al 22′ sull’asse Malinovskyi-Muriel e anche per raddoppiare con Pasalic verso meta’ della seconda frazione. Gasperini rispolvera il 4-2-3-1 contro il 5-3-2 di Inzaghi cosi’ denso da costringere i padroni di casa estenuanti manovre ai fianchi. Due sole le chances nella prima meta’ del primo tempo, tra 7′ e 8′, con Pessina a girarsi dall’area (a lato) supportato da Romero e Muriel sull’onda lunga del primo corner e Zapata a strozzare il sinistro sul la di Gosens poco oltre il limite. Montipo’ smanaccia il cross teso di Muriel (14′), mentre di la’ il primo tentativo di qualunque giocata e’ lo stesso numero a rientrare di Improta (21′) bloccato da Gollini in presa alta.

Quindi l’azione del vantaggio, con l’accentrato ucraino a restituire palla al capocannoniere atalantino (22 in A, 26 in stagione) per il tocco sotto pressoche’ di punta ad anticipare l’uscita del portiere. Nonostante la supremazia, i bergamaschi rischiano sul primo angolo altrui corretto dalla sponda di Glik per la botta di Barba: Romero s’intromette nella traiettoria deviandola oltre il montante. E’ il 24′ e piove a dirotto, tanto che Gollini non si fida a trattenere il secondo tiro dalla bandierina di Viola alzandolo per concedergliene un terzo.

Se meta’ gara si chiude a 2’30” dall’intervallo con la doppia occasione Gosens-Zapata sul filtrante basso dalla trequarti dell’assistman dell’1-0, col colombiano a servire il tedesco stoppato da Glik e incapace di insaccare sulla ribattuta, la ripresa inizia subito con un paio di invenzioni di Muriel, che punta di mancino chiamato da Gosens il primo palo difeso da Montipo’ ed esplode un destro pretenzioso (alto) dai 20 metri (4′).

Il connazionale Zapata (12′) non controlla sull’ennesimo affondo del migliore in campo, ma i cambi del tecnico atalantino risolvono la pratica: e’ il 22′ quando Pasalic, subentrato a Pessina, s’inserisce col sinistro a rimorchio di Zapata, favorito dal velo di Miranchuk, fresco cambio dell’apripista.

Advertisement

Sport

F1:Verstappen-Hamilton prove di pace, Ferrari spinge

Avatar

Pubblicato

del

Le prove di pace, o solo di una tregua, tra Lewis Hamilton e Max Verstappen e la voglia della Ferrari di continuare a stupire come a Silverstone. E, come se si stesse ancora in Inghilterra, tra i big di Red Bull e Mercedes continua il botta e risposta a distanza dopo l’incidente nel Gp a cui e’ seguita una telefonata del campione del mondo all’olandese volante per chiarirsi su quanto accaduto alla Copse. Un impatto tremendo quello della Red Bull del leader del Mondiale con una penalita’ di 10 secondi ad Hamilton reputata non sufficiente dalla Red Bull: tant’e’ che e’ stata presentata richiesta di revisione a questa sanzione. Nell’attesa del responso definitivo, Verstappen ha confermato la sua versione e le accuse a Hamilton: “Ho perso punti per colpa sua, e’ stato aggressivo e irrispettoso poi a festeggiare mentre io ero in ospedale”. Nella conferenza all’Hungaroring e’ arrivata la replica di Hamilton: “Non sapevo fosse in ospedale. L’ho chiamato e penso ci sia ancora rispetto tra di noi”. Sul fronte Ferrari c’e’ ottimismo in vista di una gara su una pista quella dell’Hungaroring, vicino a Budapest, considerata favorevole alla Rossa: E Leclerc ha subito precisato l’obiettivo del weekend: “Direi che l’Hungaroring non e’ una delle mie piste preferite, perche’ i sorpassi sono difficili e il minimo errore penalizza pesantemente il tempo sul giro dal momento che la lunghezza e’ di poco superiore ai quattro chilometri. Pero’ dovrebbe essere adatta alla nostra vettura e quindi spero che potremo essere al vertice del gruppo di centro”. Il monegasco ha poi tracciato un bilancio della prima meta’ della stagione, sia a proposito del lavoro svolto sulla vettura che per quanto riguarda l’affiatamento con il nuovo compagno di squadra: “Credo sia evidente che sono stati fatti grandi progressi rispetto allo scorso anno – ha affermato – e di questo va dato atto a tutta la squadra, in pista come a Maranello. Carlos e io abbiamo contribuito lavorando in maniera affiatata tra noi per aiutare a far crescere la SF21 in tutte le aree. Siamo entrambi molto competitivi e cerchiamo di batterci a vicenda, ma sempre nell’interesse del team”. A Sainz l’Hungaroring non dispiace: “E’ impegnativo per le temperature che possono essere molto elevate e anche dal punto di vista dell’assetto non e’ facile trovare subito il bilanciamento ideale, perche’ inizialmente l’asfalto e’ molto sporco e migliora moltissimo man mano che le vetture girano”. Lo spagnolo vuole una domenica positiva prima della pausa: “Credo che ci siano le condizioni per andare in vacanza sereni, perche’ dovremmo poter lottare al vertice del gruppo di centro e, magari, ambire anche ad una posizione sul podio se ci dovesse essere una gara movimentata. Sara’ molto importante non sbagliare nulla perche’ come al solito i valori in campo saranno molto serrati”. Infine anche allo spagnolo e’ stato chiesto un parere sulla prima meta’ della sua stagione con la scuderia: “Sono soddisfatto di come e’ andata fin qui. Tra qualifica, pit stop, gara, gestione gomme e sorpassi, da parte mia c’e’ stato un progresso molto buono rispetto alla prima gara. Sono fiducioso che nella seconda parte della stagione si potra’ vedere un Carlos piu’ costante e nel complesso ancora migliore”.

Continua a leggere

In Evidenza

Olimpiadi di Tokyo, Italia d’oro nel doppio pesi leggeri donne con Federica Cesarini e Valentina Rodini

Avatar

Pubblicato

del

L’Italia è medaglia d’oro nel doppio pesi leggeri donne di canottaggio. Alle Olimpiadi di Tokyo 2020 Federica Cesarini e Valentina Rodini hanno concluso la loro gara davanti alla Francia e all’Olanda.   “E’ stata un’emozione incredibile: io non avevo capito niente di quello che era successo, ma ora ‘sono in pace'”. Cosi’ ai microfoni di Raisport Federica Cesarini che con Valentina Rodini ha vinto al fotofinish (con soli 14 centesimi di vantaggio sulla Francia e 49 sull’Olanda) la medaglia d’oro del doppio pesi leggeri delle Olimpiadi di Tokyo 2020.

“Sapevamo che – ha detto Rodini – sarebbe stata durissima fino alla fine e Federica e’ stata bravissima nel gestire la gara”. Alla sesta giornata di gara, con il doppio pesi leggeri donne del canottaggio, composto da Federica Cesarini e Valentina Rodini, e’ finalmente arrivato il secondo oro dell’Italia alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Il primo era stato conquistato nella prima giornata nel taekwondo da Vito Dell’Aquila. Il medagliere italiano e’ quindi salito a due ori, sei argenti e nove bronzi.

Continua a leggere

In Evidenza

Accordo Tim-Dazn sul campionato di Serie A, nessun rilievo dall’Agcom

Avatar

Pubblicato

del

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha concluso il procedimento cautelare relativo ad alcune clausole dell’accordo fra TIM e DAZN per la visione delle partite del campionato di calcio di Serie A nel triennio 2021-2024. Secondo l’Autorità, alla luce delle misure presentate dai due operatori, allo stato non sussistono elementi per intervenire.

Tali misure mirano, nel loro complesso, ad evitare possibili discriminazioni nella fruizione del servizio DAZN riconducibili all’attivazione del servizio da parte di utenti che utilizzano servizi di connessione internet diversi da quelli offerti da TIM. Al riguardo, le Parti hanno rappresentato che sin dal 1° agosto sarà possibile disporre dei contenuti DAZN con TIMVision senza la necessità di dover sottoscrivere un abbonamento con TIM.

Oltre a conservare una piena libertà nell’applicare sconti e promozioni, DAZN si è impegnata a fornire servizi per la visione sul digitale terrestre delle partite in caso di problemi di connessione. Più in generale, l’assegnatario dei diritti per la visione di tutte le partite del campionato di calcio di Serie A ha garantito la fruizione del servizio a tutti gli utenti che hanno installato l’App DAZN, a prescindere dall’operatore di riferimento, attraverso apposite iniziative tecniche di interconnessione con gli operatori di rete, ponendo in essere i necessari investimenti infrastrutturali.

L’Antitrust ha quindi chiuso il procedimento cautelare, ritenendo che le iniziative e le modifiche all’accordo da parte di TIM e di DAZN siano idonee, allo stato, a impedire che durante il procedimento di accertamento si produca un danno grave e irreparabile per la concorrenza. Allo stesso tempo l’Autorità giudica le misure adeguate a garantire, in vista dell’inizio del campionato di Serie A, che i consumatori finali abbiano la libertà di scegliere fra le diverse alternative disponibili e si possano assicurare la migliore qualità del servizio.

A tal fine, l’AGCM continuerà a monitorare l’effettiva implementazione delle misure prospettate.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto