Collegati con noi

Corona Virus

Balzo di casi con 143 mila contagi e 157 morti: la pandemia non è finita

Pubblicato

del

La nuova ondata dovuta alle varianti di Omicron fa impennare ancora i casi di Covid-19 e i decessi in Italia. Salgono a 142.967 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore, un livello che non si raggiungeva dal 28 gennaio. Le vittime sono invece 157, non si avevano tanti decessi da fine aprile. E sono oltre mezzo milione i tamponi effettuati: non accadeva da marzo. Nelle regioni, intanto, si e’ messa in moto la macchina organizzativa per la quarta dose agli over 60 dopo il via libera dell’Aifa e la circolare del ministro Speranza. “La pandemia da Covid e’ tutt’altro che finita”, avverte l’Organizzazione mondiale della Sanita’. Secondo il ministero della Salute attualmente sono 1.350.481 gli italiani positivi al Coronavirus. Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici e molecolari, 550.706 tamponi con il tasso di positivita’ che si attesta al 26%. Era da marzo che non si registrava un numero cosi’ alto di tamponi. A sovrapporsi al bollettino quotidiano anche i dati di Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali. La percentuale di posti nei reparti ospedalieri di area non critica occupati da pazienti Covid, sale di un punto nell’arco di 24 ore in Italia arrivando al 15%. E’ stabile invece al 4% la percentuale delle terapie intensive occupate. Entrambi i parametri erano, esattamente un anno fa, al 2%. In molte regioni e’ ripartita la macchina organizzativa per la quarta dose dopo il via libera di Aifa, ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanita’ all’estensione per gli over 60: viene raccomandata, con vaccino a mRNA, se e’ trascorso un intervallo minimo di almeno 120 giorni dalla prima dose di richiamo o dall’ultima infezione successiva al richiamo. E resta la raccomandazione per le persone “con elevata fragilita’” a partire dai 12 anni. In molte regioni la prenotazione si puo’ fare online gia’ dal 13 luglio e stanno riaprendo diversi hub vaccinali. La somministrazione potra’ essere fatta anche presso il proprio medico di medicina generale e nelle farmacie che hanno aderito alla campagna vaccinale. “Dopo un periodo di stallo sono ricominciate le richieste per la quarta dose di vaccino anti-Covid”, spiega Silvestro Scotti, segretario della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) che non vede criticita’ nelle dosi disponibili quanto piuttosto “nella riduzione del servizio nei mesi estivi e la necessita’ del recupero di periodi di riposo”. “Le farmacie sono pronte ad affrontare questa nuova fase della campagna vaccinale anti-Covid”, afferma il segretario di Federfarma Roberto Tobia che consiglia alle singole regioni “di attivarsi il prima possibile per prendere accordi con le aziende sanitarie locali cosi’ da rifornire il prima possibile le farmacie”. Ad oggi – secondo il sito dell’Unita’ di completamento della campagna vaccinale – sono state somministrate 1.348.490 quarte dosi al 30,49% della platea potenzialmente interessata. “Se l’emergenza e’ adesso, vaccinatevi e fate il richiamo adesso. Questo non escludera’ la possibilita’ di fare un’altra dose di vaccino bivalente in autunno”, sottolinea l’infettivologo americano Anthony Fauci. Per il fisico Giorgio Sestili, fondatore della pagina Facebook ‘Coronavirus – Dati e analisi scientifiche’, “potremmo essere in prossimita’ del picco, che probabilmente potrebbe arrivare gia’ nei prossimi giorni”. Secondo il fisico, dopo settimane in cui si era osservato un incremento dei casi di Covid-19 fino al 50%-60% negli ultimi sette giorni, si rileva un “forte rallentamento”, con una crescita del 4%. L’andamento di ricoveri e decessi “continua invece a crescere: i primi sono aumentati del 20%, contro il 30% della settimana scorsa” e “stanno aumentando notevolmente i decessi, con un +43% e un totale di 629 negli ultimi 7 giorni”. Sono numeri che, osserva Sestili, “non devono stupirci, considerando che rispecchiano la fase di maggiore crescita dei contagi registrata fra due e tre settimane fa”. Vale a dire che i decessi oggi “sono crescita perche’ due settimane fa aumentavano i contagi”.

Advertisement

Corona Virus

Crescono ricoveri,casi Covid ‘sottostimati del 50%’

Pubblicato

del

Aumentano i ricoveri Covid sia nei reparti sia nelle terapie intensive, con i casi sottostimati del 50%, e cresce l’attenzione per l’influenza il cui picco dovrebbe essere nelle feste di Natale. Mentre gli esperti lanciano l’allerta a non travestire il Covid-19 da influenza, confondendo i sintomi e trattandola in modo non adeguato dal punto di vista farmacologico. Con il rischio che le prossime festivita’ natalizie vedano non solo un picco di casi di influenza, ma anche, come si teme negli Usa, di una nuova ondata di Covid. Secondo il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe relativo al periodo 25 novembre-1 dicembre, rispetto ai 7 giorni precedenti, sono saliti i ricoveri nei reparti (+11,1%) e quelli nelle terapie intensive (+28%), e si osserva anche un aumento dei decessi pari al 9,5%. I nuovi casi sono sostanzialmente stabili ma la circolazione virale è sottostimata almeno del 50%. “Il numero dei nuovi casi settimanali non è più un indicatore affidabile della circolazione virale, sottostimata almeno del 50%”, rileva il presidente della Fondazione, Nino Cartabellotta. Il numero dei positivi non è affidabile, aggiunge, “sia per l’utilizzo diffuso di tamponi ‘fai da te’, sia per il mancato testing di persone asintomatiche o paucisintomatiche”. “Gli ingressi giornalieri in terapia intensiva – rileva invece il direttore operativo della Fondazione Gimbe, Marco Mosti – aumentano con una media mobile a 7 giorni di 40 ingressi al giorno rispetto ai 30 della settimana precedente”.

Nello stesso periodo si osserva anche un aumento dei decessi da 580 a 635, ossia 55 in più, 14 dei quali riferiti a periodi precedenti. raggiungendo numeri che non si registravano da metà agosto. Sul fronte vaccinazioni anti Covid-19, sempre secondo il report Gimbe, sono ancora in calo in Italia, sia nella prima dose (-1,3%) sia nella terza e la quarta (che al momento ha una copertura del 26,9%), mentre sulla quinta non si hanno ancora dati ufficiali; le persone non vaccinate nel nostro Paese sono 6,7 milioni. Attenzione a non travestire il Covid-19 da influenza, confondendo i sintomi e trattandolo in modo non adeguato, spiega il virologo Francesco Broccolo, dell’Università di Milano Bicocca. “Le due condizioni devono essere distinte, ma stiamo invece assistendo ad un unico trattamento teso a ridurre la febbre e spesso all’utilizzo del tutto inappropriato di antibiotici, errato sia per Covid che per influenza”, osserva l’esperto. “E’ grave – aggiunge – che non si gestiscano più i casi di Covid. Fare la diagnosi differenziata è molto difficile perché i sintomi di Covid e influenza sono simili, ma non si fa nemmeno il test. Basterebbe invece fare un test antigenico rapido per diversificare i casi e i relativi trattamenti”. Va considerato, infatti, ha detto ancora il virologo, che stanno avanzando nuove varianti, come BQ.1 e BQ.1.1, e al momento è probabile avere più casi di Covid-19 che di influenza”.

Secondo Fabrizio Pregliasco, virologo e professore all’Università Statale di Milano, il picco dell’influenza sarà “nel periodo natalizio quando si arriverà a 150mila casi giornalieri, per un totale stagionale di 10 milioni di casi a Capodanno. Farà dei morti, come sempre, il range delle persone che vengono a mancare per l’influenza vanno dai 5mila ai 20mila”. E negli Usa si registra un forte aumento dei ricoveri per covid durante l’ultima settimana. Si tratta della crescita piu’ elevata da molti mesi: 35.000 pazienti hanno dovuto ricorrere a cure ospedalieri per gravi sintomatologie del Sars-cov2. Questi si aggiungono all’ondata di ricoveri per influenza e virus respiratori che stanno gia’ colpendo l’Unione da piu’ di un mese: nella settimana successiva alla festa del Ringraziamento, 20.000 americani sono finiti in ospedale per complicazioni influenzali. Gli esperti temono una nuova ondata di covid tra fine dicembre e gennaio, favorita’ dalle festivita’, dai parties in famiglia e con amici.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid: in Campania aumentano ricoveri in intensiva e in degenza

Pubblicato

del

Calano i contagi in Campania, complice anche un numero inferiore di test. Secondo i dati del Bollettino della Regione Campania sono 933 i neo positivi al Covid su 5863 test esaminati. Ieri il tasso di incidenza era pari al 17,98%, oggi cala al 15.91%. Un decesso nelle ultime 48 ore; due deceduti in precedenza ma registrati ieri. Negli ospedali aumentano a 20 i posti letto occupati nelle terapie intensive (+3 rispetto a ieri) e a 382 quelli in degenza (+10 rispetto a ieri).

Continua a leggere

Corona Virus

In Italia contagio Covid in crescita. Oms: fine vicina ma cautela

Pubblicato

del

In Italia il Covid-19 non molla la presa e, anche questa settimana, fa registrare curve in salita a partire dall’occupazione dei posti letto ospedalieri, con reparti e terapie intensive che vedono aumentare sensibilmente i pazienti ricoverati. Anche i decessi segnano una crescita del +9,5% e questo trend generale, avvertono gli esperti, è destinato a durare ancora. Tuttavia, rassicura l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), almeno il 90% della popolazione globale ha una immunità al Covid e ciò rende più vicina la fine della fase di emergenza della pandemia, anche se la cautela è d’obbligo.

“Si stima che il 90% della popolazione mondiale abbia raggiunto una qualche forma di immunità al virus SarsCoV2 o in seguito a precedenti infezioni o per la vaccinazione. Di conseguenza siamo vicini a dire che la fase di emergenza della pandemia sia finita, ma non è ancora finita – ha detto il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus -. Sono perciò ancora necessari sorveglianza, test, sequenziamento e vaccinazioni: interrompere queste attività significa creare le condizioni perfette che potrebbero portare all’emergere di una nuova variante in grado di causare una mortalità significativa”.

Il monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità e ministero della Salute evidenzia però parametri per ora in aumento nel nostro Paese. L’indice di trasmissibilità Rt ha raggiunto quota 1,14, superiore alla soglia epidemica dell’unità. L’incidenza dei casi è invece stabile e pari a 386 per 100.000 abitanti. E se rimane contenuto l’impatto complessivo sugli ospedali, l’occupazione dei posti letto è in aumento sia nelle aree mediche che in Terapia Intensiva. Il tasso di occupazione in intensiva sale infatti al 3,2% e quello in aree mediche al 13,3%. Aumentano inoltre da cinque a sette le Regioni in cui l’occupazione dei reparti ordinari da parte dei pazienti Covid si colloca sopra la soglia di allerta fissata al 15%.

A scattare la fotografia dell’andamento dell’epidemia sono anche i dati pubblicati settimanalmente dal ministero della Salute, che segnalano una lieve diminuzione dei nuovi casi ed una crescita dei decessi. Nella settimana 25 novembre – 1 dicembre, rileva il ministero, si registrano 227.440 nuovi casi con una variazione di -0,7% rispetto alla settimana precedente; 635 deceduti con una variazione di +9,5%; 1.324.969 tamponi con una variazione di +3,8%. Il tasso di positività è di 17,2% (-0,7%). E scendono da 6 a 3 le Regioni a rischio alto (Emilia Romagna, Liguria e Marche).

L’andamento epidemiologico nel mese di novembre in Italia “indica che solo i contagi sono entrati in una fase di stabilità, mentre gli altri indicatori sono in chiara crescita”, rileva l’epidemiologo Cesare Cislaghi. Lettura analoga da parte del virologo Fabrizio Pregliasco, che sottolinea come i modelli matematici “dicono che ci sarà ancora una crescita dei parametri epidemici per qualche settimana e che non siamo in una fase di plateau. Per questo, va rinnovato l’invito alla vaccinazione per coloro che si sono immunizzati o che sono guariti dalla malattia da oltre 4 mesi”. Attualmente, rileva, “siamo in una situazione di crescita”. In questo contesto, “ribadisco il consiglio di fare la quarta dose, soprattutto per le categorie a rischio, insieme alla vaccinazione antinfluenzale. Inoltre, anche coloro che si sono vaccinati o che sono guariti dal Covid da oltre 4 mesi dovrebbero effettuare un’ulteriore vaccinazione”.

Eppure, ricorda il ministro della Salute Orazio Schillaci, meno del 30% della platea di riferimento ha fatto la seconda dose booster. E intanto corre anche l ‘influenza come non avveniva dalla stagione 2009-2010, l’anno della pandemia da influenza ‘suina’. Secondo gli ultimi dati della rete di sorveglianza InfluNet dell’Istituto Superiore di Sanità, nella scorsa settimana sono stati 771mila gli italiani messi a letto da sindromi simil-influenzali, pari a 12,9 ogni mille. Sono oltre 2,5 milioni quelli che hanno contratto l’infezione dall’inizio della stagione.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto