Collegati con noi

Politica

Ballottaggi test nazionale, in gioco Roma e Torino

Pubblicato

del

Roma, Torino e Trieste. E poi sette capoluoghi di provincia. Sono 65 i Comuni al voto per i ballottaggi: 5 milioni gli italiani chiamati alle urne domani e lunedi’. La tornata ha una forte valenza nazionale. E’ un’occasione per misurare la forza dei partiti ed e’ un test sulle alleanze. In mancanza di apparentamenti, soprattutto a Roma e a Torino il centrosinistra puo’ misurare il peso degli elettori M5s disposti a sostenere i candidati Pd. Per il centrodestra si tratta di un sondaggio sui rapporti di forza interni, anche alla luce del fatto che a Roma corre Enrico Michetti, indicato da FdI, e a Torino Paolo Damilano, considerato vicino al ministro leghista Giancarlo Giorgetti. Che sia un esame nazionale lo dimostra anche il peso che ha avuto il dibattito sul neofascismo, dopo l’assalto alla Cgil. Con il centrodestra che ha disertato la manifestazione dei sindacati, considerata un intervento a gamba tesa. “A Roma – ha detto Matteo Salvini – la sinistra fa campagna elettorale, nel giorno del silenzio, inseguendo fascisti che, per fortuna, non ci sono piu'”. In questo clima, rientra un’altra scia di polemiche, soprattutto nella Capitale, con le accuse di antisemitismo a Michetti per alcuni suoi interventi scovati negli archivi di Radio Radio. Lui si e’ scusato: e’ stata una “imperdonabile leggerezza”. L’ultima bufera e’ scoppiata per una considerazione che Michetti fece sulla presenza di immigrati fra i soccorritori a Rigopiano: “Li’ ci debbono essere persone che sanno il fatto loro”. Gli animi sono accesi: “Fascista, ricordati piazzale Loreto” e’ stato scritto al comitato elettorale di Michetti: un atto condannato da tutti gli schieramenti. Nei capoluoghi di regione, il centrosinistra e’ fiducioso a Roma, dove pero’ Michetti parte con 3 punti di vantaggio, e a Torino. Conquistarle “sarebbe un trionfo”, ha detto nei giorni scorsi Enrico Letta. Mentre a Trieste il voto al primo turno da’ il candidato di centrodestra, Roberto Dipiazza (46,92%), in netto vantaggio su quello di centrosinistra, Francesco Russo (31,65%). Nella Capitale, a far sperare il centrosinistra sono le dichiarazioni di voto in favore di Roberto Gualtieri arrivate dal leader del M5s, Giuseppe Conte, e da Carlo Calenda che, da candidato sindaco, al primo turno ha ottenuto quasi il 20%. Nessun endorsement, invece, dalla sindaca uscente, Virginia Raggi. Quello romano e’ il confronto decisivo. La conquista del Campidoglio, strappato al M5s, ha una forza simbolica tale da condizionare il giudizio sull’intera tornata. Altra partita accesa e’ a Torino, portata via al M5s. Non e’ un caso che per la chiusura della campagna elettorale la’ siano confluiti i leader nazionali: Salvini e Antonio Tajani per Damilano, Letta per Stefano Lo Russo. Anche nel capoluogo piemontese non ci sono stati ne’ l’apparentamento Pd-M5s ne’ una dichiarazione di voto della sindaca uscente Chiara Appendino. A rassicurare il centrosinistra e’ l’esito del primo turno: il suo candidato ha ottenuto quasi cinque punti in piu’ di quello del centrodestra. I capoluoghi di provincia al voto sono Varese, Savona, Latina, Benevento, Caserta, Isernia e Cosenza. La Lega vorrebbe conquistate una delle sue citta’ ‘emblema’, Varese, sfidando con Matteo Bianchi il sindaco uscente Davide Galimberti, sostenuto a una coalizione con Pd e M5s. Pd e M5s insieme anche a Isernia, con Pietro Castrataro che corre contro il sindaco Gabriele Melogli (centrodestra). A Savona Marco Russo (centrosinistra) si presenta al ballottaggio con i 10 punti in piu’ al primo turno su Angelo Schirru (centrodestra). A Latina, sul palco col candidato Vincenzo Zaccheo sono saliti Salvini, Meloni e Tajani. Zaccheo e’ stato due volte sindaco della citta’. Contende il posto al primo cittadino, Damiano Coletta (centrosinistra). A Benevento corre l’ex ministro Clemente Mastella che, con una formazione civica, non ha vinto al primo turno per un soffio (49,37%). Lo sfida Luigi Diego Perifano (centrosinistra). A Cosenza entrambi i candidati, di centrodestra e centrosinistra, si chiamano Francesco Caruso. A Caserta corrono il sindaco uscente Carlo Marino (centrosinistra) e Gianpiero Zinzi (centrodestra).

Advertisement

In Evidenza

La ministra della Giustizia Marta Cartabia: mai più casi Maresca

Pubblicato

del

Un magistrato non solo deve essere imparziale ma anche sembrarlo. Il caso Maresca continua a infuriare. Catello Maresca è un magistrato per anni al lavoro a Napoli che oggi è allo stesso tempo un  magistrato a Campobasso e un politico diventato consigliere comunale del centrodestra a Napoli. “Oggi sono circolate non so sulla base di quali fonti delle informazioni sbagliate sul caso Maresca. La proposta che farò alle forze di maggioranza è come un caso come quello non possa mai più ripetersi”. Cosi’ la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, ad Atreju, discute del caso Maresca. “Che un giudice possa svolgere contemporaneamente, anche e lontano dal suo distretto, funzioni giudiziarie e politiche non deve accadere. C’è una stella polare della magistratura che deve essere non solo praticata ma anche percepita. Non importa se si tratta di cariche elettive locali, ne’ per queste, ne’ a maggiore per quelle parlamentari”.

Continua a leggere

Politica

Luigi de Magistris attacca Maresca: fa il magistrato a Campobasso e il politico a Napoli, è una vergogna

Pubblicato

del

 “Il candidato sindaco di Napoli Catello Maresca ritorna a esercitare le funzioni di magistrato, a Campobasso, continuando pero’ a essere contestualmente consigliere comunale e presunto capo dell’opposizione. E’ una vergogna che si possa fare il politico e il magistrato allo stesso tempo”. Lo afferma l’ex sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che pone il tema “della questione morale perche’ mentre scrivi una sentenza detti un comunicato politico, mentre tieni una requisitoria ti prepari il comizio. Parliamo – prosegue – dello stesso magistrato che prima di mettersi in aspettativa per candidarsi nella citta’ dove aveva espletato le funzioni di pm stava facendo campagna elettorale da mesi”. De Magistris dice di provare “amarezza per i tanti magistrati e i tanti cittadini che come me vogliono credere in una magistratura autonoma e indipendente”.

Continua a leggere

Politica

Cartabia: è imminente la riforma del Csm

Pubblicato

del

E’ “imminente” la riforma del Csm e dell’ordinamento giudiziario.Lo ha annunciato la ministra della Giustizia, Marta Cartabia . “Dal sistema giustizia i cittadini si attendono che i giudici siano indipendenti, autonomi, competenti. Si attendono che i loro diritti processuali siano pienamente rispettati e che le decisioni giudiziarie siano accurate e adeguatamente motivate – ha detto Cartabia, intervenendo da remoto, alla seconda edizione del Global Dialogue of Justice Leaders – Ma si aspettano anche che la risposta alla loro domanda di giustizia arrivi in tempi ragionevoli. Si aspettano efficienza. Queste sono le componenti fondamentali di un sistema giudiziario affidabile, credibile e meritevole della fiducia dei cittadini, per il quale il governo italiano sta lavorando”.  Quello a cui ha partecipato la ministra e’ uno degli eventi organizzati durante la Global week for justice, ospitato quest’anno dal governo della Lettonia e organizzato da Ocse, Open Government Partnership (Ogp) e Pathfinders for Peaceful, Just and Inclusive Societies. Nella riunione a cui hanno partecipato ministri della giustizia e giuristi internazionali si e’ parlato di cooperazione nazionale e globale secondo i punti tracciati dall’Agenda 2030. La Guardasigilli ha partecipato in particolare alla sessione: “People-centred justice transformation”. Sono stati ricordati i principi per le buone prassi nei sistemi di giustizia lanciati dall’Ocse che mirano a sviluppare una giustizia incentrata sui bisogni delle persone. La ministra ha sottolineato come l’Italia abbia fatto proprie tali buone pratiche nell’insieme delle riforme che il ministero della Giustizia sta portando avanti.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto