Collegati con noi

In Evidenza

Aurelio De Laurentiis a ruota libera: dal Napoli a Maradona, alla Super Lega e ai fondi per l’Italia e il Sud

Valeria Grasso

Pubblicato

del

Aurelio De Laurentiis, il patron del Napoli ospite al ‘Passepartout Festival’ di Asti abbandona il silenzio stampa e fa risentire la sua voce. Ha spaziato dal calcio, alla Superlega , dalla cultura partenopea a Maradona. Tra le sue idee, tra l’altro, un documentario sul Napoli che racconterà in tre stagioni la storia del club, dalla sua fondazione, agli anni felici di Diego fino alla sua presidenza.

I GIOCATORI ‘NAPOLETANI’ NELLE LORO NAZIONALI

“Hanno fatto due gol su tre credo. Quanto pesa l’evento? Poi mi chiedono l’aumento, speriamo pesi meno (ride, ndr) senza togliere nulla all’Italia”.

NAPOLI e la CULTURA Partenopea

“C’è una grande cultura partenopea, fatta anche di strada che non va abbandonata, ma bisogna utilizzarla anche per attrarre i visitatori. La città ha una grandissima forza, gli manca una classe dirigente all’altezza, Il coraggio glielo dai se gli dai denaro da investire. Io ho la scorta alle partite, ma a Napoli da solo la rifiuto, mi voglio sentire libero. Anche se mi scrivono ‘ti uccidiamo’ perchè forse  ho fatto arrestare qualcuno, con me il compromesso non esisterà mai! Io quando vado a dormire non devo avere problemi, infatti mi addormento subito e mi sveglio molto presto. Non avrò mai problemi di coscienza”.

DIEGO ARMANDO MARADONA 

“E’ stato unico ed irripetibile, la fortuna e sfortuna è che ce l’hanno avuto i napoletani. La sfortuna è che con un calcio malato delle istituzioni non si può sempre vincere lo Scudetto, Maradona gli ha portato due scudetti perchè veniva veramente da altrove. Mio figlio ci sta facendo una fiction. Faremo 3 stagioni, sarà tipo come la serie su Jordan con interviste, 150 personaggi: da prima della nascita del 1926, quando il simbolo era il cavallo che poi per i disastri divenne asino, il famoso ‘ciuccio”, fino al 1984, poi dal 1984 con Maradona al 2001, e poi la mia gestione”.

DE LAURENTIIS SUL BARI 

“Il Sindaco di Bari mi chiamò e mi chiese di interessarmi. Mi disse che era fallito e come il Napoli potevo resuscitarlo. Mi chiese di scrivergli 2 pagine, me ne vennero fuori 30 e mi incitò a prenderlo. Mio figlio era a Londra per una serie Amazon, non ne voleva sapere nulla’, poi dopo 2 ore ci aveva  ripensato perché ‘in fondo calcio e cinema sono nel nostro DNA…” e gli dissi che avrebbe fatto tutto lui . È molto soddisfatto. Se la gente sa fare, io lascio fare. A volte mi imputano di occuparmi di  bassa macelleria, ma nulla lo è, ogni cosa si può fare in modo straordinario”.

SUPERLEGA

“Sono riuscito a smascherare Blatter quando era alla Fifa, Platini all’Uefa, ora non sono riuscito ancora a ripianare totalmente il calcio a livello mondiale. Questo fatto della Superlega è figlia delle organizzazioni calcistiche che pensano di fare loro le istituzioni con i nostri soldi. Che interesse ha un Real o un Napoli a fare la Champions, indebitandosi per poter fatturare 70-100 mln in più? Se ne ho spesi già 200 c’è qualcosa che non quadra. Io faccio parte dell’ECA e mi sono interessato del marketing. Ho sempre detto ad Andrea Agnelli che stava sbagliando, perché loro volevano diventare gli attori principali del sistema, quando invece bisogna democraticamente lasciare la porta aperta a tutti. Lui, Perez e gli altri hanno sbagliato, ma non nel dichiarare che il calcio sta fallendo per colpa delle istituzioni. Serve una competizione non gestita dalla Uefa”.

Advertisement

In Evidenza

Musica in lutto, addio a Gianni Nazzaro

Avatar

Pubblicato

del

E’ morto poco dopo le 19 a Roma, al Policlinico Gemelli, Gianni Nazzaro, cantante e attore. Era gravemente malat. Nato a Napoli il 27 ottobre 1948, è stato tra i protagonisti della musica leggera anni ’70. Tra le sue hit, “Quanto è bella lei”, “L’amore è una colomba”, “Non voglio innamorarmi mai”, “A modo mio”, “In fondo all’anima”. Alle spalle sei partecipazioni al Festival di Sanremo, Nazzaro è stato anche attore, nelle soap Un posto al sole e Incantesimo e ha partecipato all’edizione 2014 di Tale e quale show, condotto da Carlo Conti. Accanto a lui, fino all’ultimo, la compagna Nada Ovcina, assistita anche dal cappellano del Gemelli.

Continua a leggere

Esteri

“Mi ha spiata”, l’ex amante Corinna Larsen fa causa a Juan Carlos

Avatar

Pubblicato

del

Piu’ di otto anni di minacce, diffamazioni e spionaggio illegale attraverso agenti dei servizi segreti: sono le accuse con cui l’imprenditrice tedesca Corinna Larsen — conosciuta anche con il cognome zu Sayn-Wittgenstein —, ex amante del re emerito di Spagna Juan Carlos I, gli ha fatto causa nel Regno Unito, chiedendo un risarcimento danni e un’ordinanza restrittiva che impedisca a lui o a suoi collaboratori di avvicinarla.

E’ un nuovo capitolo della controversa vicenda che coinvolge l’ex monarca spagnolo e la donna che fu sua compagna per parte dell’ultimo decennio in cui sedette sul trono di Spagna prima di abdicare nel 2014. E, per Juan Carlos, una possibile nuova grana giudiziaria in vista, che si aggiunge alle inchieste aperte da parte della giustizia spagnola e di quella svizzera su presunte irregolarita’ fiscali che lo coinvolgerebbero, scandali che hanno contribuito a un crescente discredito della sua immagine pubblica in patria. Larsen ha chiesto l’intervento dell’Alta Corte di Londra: la sua denuncia contro l’ex re di Spagna e’ stata presentata lo scorso dicembre, ma e’ venuta alla luce solo adesso, grazie a un articolo del Financial Times poi confermato dai media iberici. Il nocciolo della questione ha a che vedere con un’ingente donazione, 100 milioni di dollari, che Juan Carlos ricevette dal defunto re saudita Abdullah nel 2008 e che avrebbe poi girato in buona parte all’ex amante nel 2012.

Larsen afferma nella denuncia che l’ex monarca pretese poi che lei gli restituisse la somma o gliene garantisse “l’accesso”, richieste che lei respinse. Dopo questi fatti, racconta la donna, sarebbero cominciate le diffamazioni, minacce e molestie da parte di Juan Carlos e di suoi uomini. Sui 100 milioni donati dal re saudita al monarca emerito spagnolo e’ da tempo aperta un’inchiesta di un pm svizzero, che sospetta si tratti in realta’ di fondi provenienti da operazioni illecite. Una vicenda in cui anche la stessa Larsen risulta indagata. Secondo il Financial Times, Juan Carlos ha respinto le accuse rivoltegli dall’ex amante. L’ex re conosceva da tempo l’esistenza della denuncia presso l’Alta Corte di Londra, afferma dal canto suo El Pais. Il caso potrebbe andare per le lunghe: non e’ ancora stato chiarito se la giustizia britannica sia legittimata ad agire su un ex capo di Stato di un altro Paese che non vive nel Regno Unito. Da agosto 2020 Juan Carlos si trova negli Emirati Arabi, una volta lasciata la Spagna mentre si susseguivano notizie e indiscrezioni su sue presunte malefatte finanziarie.

Continua a leggere

Corona Virus

Rallentamento della crescita dei casi covid, ma il virus continua a colpire il Paese

Avatar

Pubblicato

del

covid

I casi di Covid-19 in Italia continuano ad aumentare ma, per la prima volta, negli ultimi 3-4 giorni si osserva un rallentamento della velocita’ di crescita. Un primo segnale da monitorare, anche se e’ troppo presto per dire se si tratti di una reale inversione di tendenza della curva epidemica e, dunque, serve prudenza. I numeri giornalieri dell’epidemia, infatti, sono ancora in salita. Secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute, hanno raggiunto i 4.522 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore (ieri 3.117), sono invece 24 le vittime in un giorno (ieri erano state 22). Il tasso di positivita’, pari all’1,9%, e’ invece in calo rispetto al 3,5% di ieri. Sempre su base giornaliera, continuano inoltre a salire i ricoveri: sono 189 i pazienti ricoverati in intensiva per Covid, 7 in piu’ rispetto a ieri, ed i ricoverati nei reparti ordinari sono 1.611 (+99). Nonostante questo quadro, il segnale che arriva dal rallentamento della velocita’ con cui i casi stanno crescendo negli ultimi giorni potrebbe rivelarsi importante, mentre una quadro analogo che induce a ipotizzare una prima eventuale inversione di trend si sta determinando anche in Gran Bretagna, dove i contagi sono oggi 23.511, che vuol dire una decrescita registrata per il settimo giorno consecutivo. Solo dieci giorni fa, lo scorso 17 luglio, i contagi nel Paese erano 54.674. Rispetto alla situazione italiana, spiega l’epidemiologo Cesare Cislaghi, gia’ presidente dell’Associazione italiana di epidemiologia, “sicuramente da 3-4 giorni il modello di sviluppo dell’epidemia non e’ cosi’ accelerato come lo era all’inizio. L’indicatore di replicazione diagnostica, che e’ un indicatore che io considero, era sempre cresciuto nell’ultimo periodo di giorno in giorno ma ora sembra essersi arrestato. Tale indicatore, che misura in pratica la crescita della crescita, era arrivato al valore di circa 2.3 mentre adesso e’ sceso ad un valore pari a circa 2”. Quindi, sottolinea, “negli ultimi giorni possiamo dire che la crescita dei casi c’e’ sempre, ma si sta ora osservando un rallentamento, cioe’ una crescita meno veloce. Dire pero’ adesso che questa possa essere una tendenza di medio-lungo periodo o possa indicare una inversione del trend e’ prematuro e bisognera’ almeno aspettare la fine della settimana”. Quanto ai motivi del rallentamento della crescita dei casi, cio’ secondo Cislaghi puo’ essere legato anche alle vaccinazioni, ma “non e’ questo il motivo primario”. L’ipotesi, rileva, “e’ che l’ultima ondata di casi nel nostro Paese possa essere stata provocata dalle riaperture di meta’ giugno di attivita’ ludiche e aggregativo-sportive che hanno fatto seguito alla fine delle scuole. C’e’ stata quindi una accelerazione dei casi, tendenza che adesso sta subendo una decelerazione complice anche – afferma – la paura evidentemente innescatasi e che ha spinto probabilmente ad una maggiore attenzione”. Tuttavia, avverte il sottosegretario alla Salute Giampaolo Sileri, in ogni caso “avremo una quarta ondata di casi, prevalentemente nei non vaccinati, ma a parita’ del numero di contagi non avremo lo stesso numero di morti e di ricoveri di gennaio”. Cio’ in virtu’ delle vaccinazioni, che procedono a ritmo sostenuto. L’immunizzazione evita infatti le conseguenze piu’ pesanti della malattia ed i decessi. Come dimostra l’ultimo report periodico sui decessi dell’Istituto superiore di sanita, che attesta come quasi 99 deceduti per Covid su 100 dallo scorso febbraio non avevano terminato il ciclo vaccinale, e fra quelli che invece lo avevano completato si riscontra un’eta’ media piu’ alta e un numero di patologie pregresse maggiori rispetto alla media. Fino al 21 luglio, rileva il report, sono 423 i decessi in vaccinati con ciclo completo e rappresentano l’1,2% di tutti i decessi SARS-COV-2 positivi avvenuti dall’1 febbraio (in totale 35.776 decessi).

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto