Collegati con noi

Sport

Arriva Romelu Lukaku dal Manchester United ed è subito euforia nella torcida nerazzurra

Avatar

Pubblicato

del

“L’Inter non è per tutti, ecco perchè sono qui”. Sono le prime parole di Romelu Lukaku con la maglia dell’Inter, in un video pubblicato dal club su Twitter. E’ quindi ufficiale il passaggio in nerazzurro dell’attaccante ex Manchester United. Dopo le visite mediche e la firma sul contratto,  Lukaku è andato ad Appiano Gentile per  incontrare subito la squadra e il tecnico Antonio Conte, insieme all’ad Marotta e al ds Ausilio. Lukaku si e’ cosi’ presentato ai tifosi nel video pubblicato dalla societa’ su Twitter, ricordando lo slogan “Not for everyone” che rimanda alla campagna di brand del club nerazzurro. Il centravanti belga arriva dal Manchester United per 65 milioni piu’ bonus intorno ai 13 milioni di euro, oltre al 5% dell’eventuale futura rivendita che verra’ incassato dagli inglesi. Lukaku ha firmato un contratto per cinque anni a circa 9 milioni di euro netti a stagione (bonus compresi). Intanto non si ferma l’entusiasmo dei tifosi interisti, che dopo la ressa di ieri notte a Malpensa hanno continuato a seguire il belga nel corso della giornata, tra visite mediche e firma in sede. Un bagno di folla che ha accolto Lukaku anche all’uscita dagli uffici della societa’, da dove il giocatore e’ poi partito verso Appiano. L’attaccante che Conte voleva, il centravanti vecchio stile tutto potenza e sportellate Romelu Lukaku e’ l’uomo scelto dal tecnico per far fare il salto di qualita’ all’Inter e lanciare la sfida alla Juventus.

Con i suoi 92 kg su 192 centimetri d’altezza, e’ il classico giocatore da battaglia e a 26 anni e’ pronto per diventare il trascinatore. I gol non mancano, nonostante l’ultima stagione sottotono (15 reti di cui 12 in Premier League): dal 2013/14 e’ a quota 129 gol in 262 gare tra Everton e Manchester United. Le spalle sono abbastanza larghe, quindi, per sopportare anche l’etichetta di giocatore piu’ pagato di sempre nella storia dell’Inter. I 65 milioni che i nerazzurri verseranno allo United sono infatti la cifra maggiore mai spesa: superati i 46 milioni di Vieri alla Lazio (1999) e i 43 milioni di Joao Mario allo Sporting Lisbona (2016).

Nella top 10 trovano spazio anche Geoffrey Kondogbia (40,9 milioni al Monaco nel 2015), Radja Nainggolan (valutazione di 38 milioni la scorsa estate nell’affare con la Roma), Hernan Crespo (36 milioni alla Lazio nel 2002), Skriniar (33,5 milioni alla Sampdoria), Gabigol (33 milioni al Santos nel 2016), Bastoni (31 milioni all’Atalanta) e Ronaldo, acquistato dal Barcellona per 28 milioni nel 1997. Il grande colpo di Massimo Moratti solo decimo, quindi: il segno dei tempi, ovviamente, con l’impennata dei prezzi nelle ultime stagioni. Ma proprio al periodo dell’ex patron nerazzurro sembra intenzionata a tornare Suning: tra allenatore e mercato top, gli Zhang ora vogliono iniziare a portare a casa risultati.

Advertisement

Sport

Napoli, vertice mercato De Laurentiis-Gattuso, ok a Boga e Under

Avatar

Pubblicato

del

Bilancio della stagione, mercato, primi approcci per il rinnovo del contratto. Questi i temi affrontati da Aurelio de Laurentiis e Rino Gattuso a Capri, nella giornata che chiude la prima annata di Ringhio in azzurro e apre l’avvicinamento alla prossima. Tra i due c’e’ stima e accordo, e c’e’ anche un contratto fino a giugno 2021, il rinnovo ci potra’ essere ma non subito, anche se il Napoli punta su Gattuso per un progetto ampio. Lui, il tecnico, e’ concentrato sull’avvio della sua prima stagione intera in azzurro, ma sa anche che rinnovo vorrebbe dire anche un aumento di ingaggio. Se ne riparlera’ a breve, per ora l’attenzione e’ tutta focalizzata sul mercato per chiudere al piu’ presto la squadra che dal 23 o dal 24 settembre il tecnico ritrovera’ a Castel di Sangro. Preso Osimhen, e a gennaio Lobotka, Demme, Politano, Petagna e Rrahmani, il Napoli ha ora la priorita’ di vendere. In prima fila c’e’ Milik, ormai un corpo estraneo ma anche muro di gomma nei confronti del club: ha un anno di contratto, aspetta che la Juve rinnovi l’interessamento anche con Pirlo in panchina, ma sa anche che il Napoli per meno di 40 milioni non lo vende. La trattativa potrebbe avere una svolta positiva se Bernardeschi accettasse di diventare azzurro, ma tutto e’ ancora in fieri. In lista di sbarco anche Allan, ormai fuori dall’idea di Napoli di Gattuso e invece nelle idee di Ancelotti che potrebbe provare a portarlo all’Everton. In lista di sbarco anche Koulibaly, ormai apparso a fine ciclo in azzurro e in cerca di nuovi stimoli, ma il Napoli vuole fare cassa con il suo talento e aspetta offerte dai 60 milioni in su. Poi c’e’ un pacchetto di altri giocatori da vendere o prestare, come Ounas, tornato dal Bordeaux e in vendita, Ghoulam, che ha pero’ un ingaggio alto ed e’ difficile da piazzare, ma anche Lozano e Younes che potrebbero andare via in prestito. Dal vertice e’ emerso che la priorita’ sarebbe un esterno, visto l’addio di Callejon, con nel mirino Boga del Sassuolo ma anche Under della Roma, e il Napoli starebbe guardando anche al 23nne Reguilon, terzino sinistro tornato al Real Madrid dopo una positiva stagione in prestito al Siviglia. Per la difesa, in caso di addio di Koulibaly, resta in pole position Gabriel, il centrale brasiliano del Lilla. (

Continua a leggere

In Evidenza

Mercato, il Real vuole Dybala mentre Matuidi va verso il Miami. Napoli e Gattuso: tre anni assieme

Avatar

Pubblicato

del

In Spagna sono sicuri, il Real Madrid ha pronta una maxi-offerta per Paulo Dybala. Sul tavolo della Juve una valutazione complessiva di oltre 100 milioni di euro tra cash e una contropartita tecnica. Che la Juve la possa prendere in considerazione, poi, e’ un’altra questione. Due, secondo Marca che riprende rumors italiani, i giocatori che i merengues sarebbero disposti a sacrificare per raggiungere la Joya argentina: Isco o Toni Kroos, entrambi graditi al neo allenatore bianconero Andrea Pirlo. In effetti la Juventus non avrebbe intenzione di privarsi di Dybala, a maggior ragione se Cristiano Ronaldo decidesse di lasciare Torino. Il tormentone del calciomercato e’ dunque servito. Intanto il club bianconero dopo la delusione per l’eliminazione dalla Champions League ha deciso di voltare subito pagina e di iniziare immediatamente a programmare il futuro. Ai saluti il francese Blaise Matuidi, che giochera’ in America con l’Inter Miami. Intesa trovata con il club di David Beckham e, secondo i media francesi, visite mediche gia’ oggi a Parigi. L’obiettivo della Juve e’ quindi quello di ringiovanire la rosa, per cui l’addio di Matuidi non sara’ l’unico in casa bianconera. In partenza, infatti, ci sono anche Sami Khedira e Gonzalo Higuain. In casa Lazio prosegue la trattativa per David Silva. Se nei giorni scorsi l’affare aveva subito un’accelerazione – con tanto di conferme dal papa’ del giocatore -, nelle ultime ore i segnali sono sempre piu’ positivi. I contatti proseguono: si lavora su un triennale, ultimi dettagli da definire con il centrocampista spagnolo, 34 anni, in scadenza di contratto col Manchester City. Ieri ha giocato gli ultimi 9′ della sfida contro il Real Madrid, provera’ a salutare i Citizens con la Champions League. Il Napoli e Gattuso insieme per tre anni. Il tecnico ha incontrato il presidente dei partenopei Aurelio De Laurentiis a Capri, un paio d’ore di colloqui e l’intesa per il futuro. Raggiunta l’intesa si e’ parlato di mercato. Tra i nomi sul taccuino dei dirigenti partenopei quello dell’esterno del Real Madrid, Reguilo’n (che piace anche al Chelsea), Boga, Under e Veretout. Dal punto di vista delle cessioni, Koulibaly e’ sempre in cima alla lista dei desideri del Manchester United che pero’ non e’ intenzionato ad assecondare la richiesta di De Laurentiis che valuta il difensore senegalese 100 milioni di euro. Vuole la Juve Arkadiusz Milik: il Napoli lo valuta 40 milioni. Salutata la Roma, potrebbe tornare in Italia, ma stavolta destinazione Inter, Chris Smalling. Il difensore inglese, infatti, non rientra nei piani dello United.

Continua a leggere

In Evidenza

Al via la rivoluzione Pirlo alla Juve, ecco chi va via e chi arriva: Matuidi è fuori

Avatar

Pubblicato

del

Parte dal centrocampo la rivoluzione di Andrea Pirlo alla Juventus, che intende allestire una rosa all’altezza delle aspettative del suo nuovo tecnico con un occhio al bilancio e alla carta d’identita’ dei giocatori. Gia’ acquistati Arthur e Kulusevski, il primo giocatore a salutare dovrebbe essere Blaise Matuidi, che presto pero’ potrebbe essere seguito anche da altri compagni. A breve potrebbe essere seguito anche da Khedira e Higuain. E forse non solo: sulla lista dei partenti potrebbero esserci anche Bernardeschi, uno dei giocatori offerti al Napoli nella trattativa per Milik, e persino Douglas Costa, che non ha convinto del tutto anche a causa dei numerosi infortuni. Nonostante sia alla prima esperienza in panchina, il neo tecnico bianconero ha le idee chiare su quello che vuole per continuare a vincere in Italia e provare a riuscirci anche in Europa, proprio dove ha fallito il suo predecessore Maurizio Sarri. E allora basta con gli incontristi come Matuidi, che avrebbe trovato l’accordo con la societa’ per andar via un anno prima della scadenza del contratto. Andra’ a parametro zero negli Stati Uniti, dove ad attenderlo c’e’ l’Inter Miami, squadra della Msl di David Beckham con il quale il campione del Mondo avrebbe gia’ un accordo. “Stagione speciale… tanta gioia… e la delusione della Champions League – scrive Matuidi in un post che suona tanto d’addio – Ora e’ tempo per una breve vacanza prima che inizi una nuova stagione!”. Quest’anno di tempo per il mercato ce n’e’ davvero poco, ma nei primi incontri operativi con la dirigenza – l’ultimo di nuovo oggi – Pirlo sembra avere le idee chiarissime. Spetta a Paratici, che il club ha confermato insieme al vicepresidente Pavel Nedved nonostante il flop Sarri, accontentare il nuovo tecnico e mettergli a disposizione una rosa il piu’ possibile vicina alle sue aspettative, come invece non e’ riuscita a fare del tutto con Sarri.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto