Collegati con noi

Cronache

Arrestato il bombarolo di Arzano, costruiva ordigni per far saltare in aria case: a casa sua un arsenale e un Corano

Avatar

Pubblicato

del

Il bombarolo di Arzano che fabbricava ordigni e leggeva libri di Hitler ha evitato una strage di carabinieri

L’8 luglio scorso aveva fatto quasi saltare un’intera palazzina ad Arzano. Questa mattina i carabinieri hanno arrestato O.C., un 23enne residente nella stessa cittadina, con l’accusa di fabbricazione e detenzione illegale di ordigni esplosivi e crollo di costruzioni.  L’indagine dei carabinieri della Tenenza di Arzano  è coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord.

Le attività investigative, condotte con l’ausilio degli artificieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Napoli e della Sezione Rilievi della Compagnia Carabinieri di Casoria, hanno avuto inizio in seguito all’esplosione avvenuta lo scorso mese di luglio, in uno stabile ubicato in Arzano alla via Atellana che cagionava danni strutturali a due appartamenti attigui tali da rendere necessaria l’evacuazione precauzionale dell’intero palazzo.


Le indagini, svolte grazie anche alle dichiarazioni rese da persone informate sui fatti, consentivano di raccogliere un grave quadro indiziario nei confronti dell’indagato nella cui abitazione sono stati rinvenuti numerosi ordigni artigianali di elevatissimo potenziale che venivano realizzati in condizioni di assoluta precarietà per unione di componenti chimici estremamente instabili, quindi, pericolosi. L’arrestato è O.C., conosciuto nella cittadina di Arzano. Molto attivo sui social dove postava foto che lo mostrano mentre imbraccia e si mette in posa con dei fucili mitragliatori d’assalto. sembrano degli Ak 47. A casa i carabinieri nel corso delle perquisizioni hanno trovato e sequestro 28 ordigni già preparati e pronti all’uso. Tutti fabbricati con componenti chimici e in forma di gel. Forse il 23enne bombarolo si dilettava a costruire queste bombe usando le istruzioni che si reperiscono sul web, soprattutto su siti jihadsiti. Non c’è alcuna conferma in ambienti investigativi, ma pare che a casa di questo svitato criminale ci fosse anche un Corano.  Inchiesta non è conclusa, anzi è solo all’inizio. I carabinieri vogliono capire a chi servivano quegli ordigni. Se li fabbricava per qualcuno. Dove sono le armi con cui spesso si è fatto ritrarre. E poi se ha dei complici, com’è ovvio che sia.

 

Advertisement

Cronache

Autista Ncc investe un vigile all’aeroporto di Fiumicino durante un controllo

Avatar

Pubblicato

del

Un vigile investito da un autista Ncc, non in regola, che lo ha travolto durante un controllo. Ancora un episodio shock all’aeroporto di Fiumicino, dopo il pugno sferrato la settimana scorsa da un tassista ad un cliente che reclamava l’uso del tassametro. A riferire la vicenda e’ lo stesso sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, il quale ha anche annunciato che, “come nel caso del tassista, si sta provvedendo ad emettere un altro daspo”. L’agente e’ rimasto lievemente ferito e l’autista, rintracciato e denunciato, si e’ giustificato sostenendo di non essersi accorto di nulla, ma di avere sentito un rumore preferendo comunque andare via. All’uomo – che aveva illecitamente effettuato una corsa senza prenotazione – e’ stata anche ritirata la patente. “L’agente, in servizio in aeroporto, si e’ accorto che il titolare di licenza Ncc stava proponendo i suoi servizi, senza prenotazione, ad una coppia di turiste – ha riferito Montino -. A quel punto, il vigile ha seguito l’uomo che, accortosi della situazione ha caricato le valige delle due donne, gia’ a bordo, e’ salito in auto ed e’ ha messo in moto travolgendo il vigile durante la partenza. Il vigile ha riportato ferite al braccio e alla gamba – ha proseguito Montino – e un’altra pattuglia della municipale lo ha subito soccorso. Rintracciato, questo signore ha preferito finire la sua corsa prima di tornare in aeroporto – ha spiegato il sindaco – Si e’ giustificato sostenendo di non essersi accorto di avere investito una persona, ma di avere sentito un rumore e avere comunque preferito andare via”. All’uomo e’ stata “ritirata la patente, messa l’auto sotto fermo amministrativo e gli sono stati contestati tutti i reati amministrativi del caso per avere effettuato una corsa senza prenotazione. Il vigile se la cavera’ con cinque giorni di prognosi. Non possiamo ritirare la licenza perche’ e’ stata rilasciata da un comune che non e’ il nostro. E anche in questo caso chiediamo al Questore di Roma di estendere il provvedimento per un tempo maggiore di quello permesso ad un sindaco”. A stigmatizzare la vicenda e’ anche il responsabile nazionale dell’Ugl taxi, Alessandro Genovese: “Nelle prossime ore saremo convocati per un vertice in Prefettura – ha annunciato Genovese – . durante il quale proporremo di intensificare i controlli delle forze dell’ordine all’aeroporto di Fiumicino, ormai terra di nessuno, dove quotidianamente da anni denunciamo aggressioni e truffe ai danni dei turisti che sbarcano alla porta di ingresso del Paese”.

Continua a leggere

Cronache

Choc a Caserta, pedofilo insospettabile violentava i due bambini vicini di pianerottolo: arrestato

Avatar

Pubblicato

del

All’alba i carabinieri del comando stazione di Caserta hanno arrestato P. A., 57 anni, indagato per il reato di violenza sessuale in danno di due minori di 11 e 12 anni, residenti nello stesso condominio del pedofilo. Le indagini sono state eseguite in tempi record dai carabinieri. La denuncia è del  26 novembre, quando la madre dei minorenni si è presentata dai carabinieri di Caserta per denunciare che suoi due figli di 11 e 12 anni avevano confessato che il loro vicino di casa con la promessa di giocattoli, regali e altri stratagemmi li aveva adescato in casa sua, ove li aveva costretti a subire atti sessuali. I ragazzini, sentiti nel corso di audizione protetta presso la procura di Santa Maria Capua Vetere hanno fornito agli inquirenti “una narrazione completa e coerente degli eventi, dimostrandosi pienamente attendibili, lineari ed assolutamente incredibili” scrive la procura. Dal triste racconto delle vittime emergeva la strategia predatoria operata dall’indagato per adescarle. L’offerta di giochi l’avvicinamento dei bambini nei frangenti in cui la moglie dell’indagato non era in casa, la tempistica nel cogliere i momenti nei quali i minori erano negli spazi condominiali da soli o comunque lontani dalla madre. La rivelazione delle violenze emergeva grazie al racconto dei due fratellini costretti a subire atti sessuali. Il più piccolo dei due, proprio il 26 novembre aveva seguito l’indagato nella sua casa con la promessa di ricevere un giocattolo ma durante il tentativo di costringerlo a compiere atti sessuali era riuscito a divincolarsi e a fuggire. Il ragazzini di 11 anni ha convinto anche il fratello maggiore di 12 anni a raccontare alla madre i numerosi episodi di violenza subiti negli ultimi anni e che non avevano mai confessato come spesso accade per vergogna e senso di colpa. Dal racconto di due ragazzi e altresì emerso che anche un altro bambino nello stesso palazzo era divenuto oggetto delle attenzioni dell’uomo, il quale aveva tentato un avvicinamento con le stesse modalità descritte dei due piccoli fratelli. L’arresto è stato immediato e  ritenuto indispensabile per scongiurare ogni pericolo di reiterazione del reato. Il pedofilo era una persona come altre, godeva di buona reputazione ed era peraltro anche sposato. La moglie è sconvolta dalle accuse contestate al marito.

Continua a leggere

Cronache

Filma di nascosto la fidanzatina 14enne mentre sono in intimità, il pm indaga un 15enne: revenge porn

Avatar

Pubblicato

del

È accusato di aver filmato la sua fidanzatina. Lo avrebbe fatto di nascosto. Avrebbe inoltrato il video hot a un amico. E da qui questo video avrebbe avuto una diffusione virale. Si spera solo nelle chat whats app. Questa ennesima squallida storia di effusioni tra ragazzini finite su decine, centinaia di smartphone si svolge a Fuorigrotta. Protagonista è uno studente di 15 anni, al quale è stato di recente sequestrato il telefonino cellulare per eseguire degli accertamenti tecnici.

Riprendere scene private senza chiedere il permesso ai protagonisti, perdipiù scene di un rapporto fatto di effusioni amorose provate, integra una violazione della legge penale. Siamo in pieno revenge porn. Secondo quanto accertato dagli inquirenti il 15enne avrebbe registrato il contenuto di una videochiamata hot con la sua ex. Poi il rapporto tra i due ragazzini finisce e la ragazza si accorge dell’esistenza di un filmato che la riguarda in giro.


La denuncia parte subito. Il pericolo maggiore è la diffusione delle immagini della ragazzina. Immagini che rimbalzano sui siti hot. Scattano le indagini che culminano nel sequestro del cellulare del 15enne. Difeso dal penalista napoletano Giuseppe Formicola, l’ indagato si avvale della facoltà di non rispondere, anche se in via puramente preliminare chiarisce un concetto: “Sono il primo ad essere interessato a capire in che modo il video possa essere stato diffuso”. Intanto però il suo nome viene iscritto nel registro degli indagati. Filmare senza chiedere il permesso è un reato; e può diventare un caso di revenge porn, qualora ad essere catturate sono immagini legate alla sfera del sesso.

Continua a leggere

In rilievo