Collegati con noi

Sport

Annuncio choc tra le lacrime di Andy Murray: lascio il tennis dopo gli Australian Open, ho un male all’anca che mi distrugge

Pubblicato

del

Era emozionato. Ha pianto. Aveva gli occhi pieni di tristezza Andy. A 31 anni il grande campione, dopo almeno tre anni di grande sofferenza,  si  è arreso al dolore ed ha annunciato dell’addio al tennis alla vigilia degli Australian Open. Sarà l’ultimo torneo per Andy Murray: l’annuncio a Melbourne. Il campione scozzese, ex numero uno al mondo,  in lacrime ha usato poche semplice parole: “Sto male ormai da troppo tempo. Ho fatto tutto quel che potevo per stare meglio, ma l’anca non è migliorata granchè. Il dolore è sempre troppo forte e non riesco a giocare come vorrei: sono costretto a lasciare”.. L’infortunio all’anca destra che lo tormenta da 20 mesi, e per il quale era stato necessario un intervento chirurgico e altre cure, continua a fare molto male. Murray ci vuole ancora provare, giocherà l’Open australiano, ma non riuscirà a stare in campo a livelli alti, quelli che hanno consentito allo scozzese di vincere tre Slam in carriera e una marea di altri titoli. Da qui la decisione, anticipata al suo team durante la preparazione invernale a Miami, di ritirarsi.

“Sto male ormai da troppo tempo. Ho fatto tutto quel che potevo per stare meglio, ma l’anca non e’ migliorata granche’. Sto certamente meglio rispetto a 6 mesi fa, ma sento ancora dolore” ha detto il rivale storico di Djokovic, attuale numero 1 del mondo, con il quale si e’ incontrato 36 volte, 7 delle quali in finali dello Slam, e con un bilancio di 25 vittorie a 11 per il serbo. Campione sfortunato Murray, ma anche determinato a non fare la comparsa nel grande circo del tennis mondiale. Per i risultati e per certe scelte controcorrente. Nel 2014, alla vigilia di Wimbledon e nel pieno della sua ascesa, Murray scelse per allenatore una donna, non una qualsiasi ma Amelie Mauresmo, ex campionessa Slam. Decisione accolta con commenti spesso poco benevoli nell’ambiente. L’esperienza durò due anni. In precedenza lo scozzese aveva avuto al suo fianco Ivan Lendl, altra stella del passato. In carriera l’unica che l’ha sempre seguito, suscitando talora critiche, è la mamma. L’anno d’oro di Murray è stato il 2016, con il secondo trionfo a Wimbledon dopo quello del 2013, il secondo oro olimpico (dopo quello del 2012) e il posto di numero uno nella classifica del tennis mondiale. L’anno successivo invece e’ stato quello del tracollo, tanti ko, poi a Wimbledon si ferma per i dolori all’anca destra. Seguono stop, intervento, cure. Ma il dolore e’ sempre li’ a tormentare il campione. Murray giochera’ nel primo turno degli Aus Open, al via lunedi’, contro lo spagnolo Roberto Bautista Agut, in quello che potrebbe essere il suo ultimo match. “Giochero’ perche’ posso ancora competere a certi livelli, ma non a quelli che vorrei io. Il dolore e’ davvero tanto ed io non voglio continuare a giocare in questa maniera. Non voglio giocare tanto per giocare – ha sottolineato il campione -. In questa situazione di dolore ho bisogno di fissare una fine. Penso e spero di poter continuare a giocare fino a Wimbledon, perchè è lì (dove ha vinto due volte ndr), che vorrei chiudere la carriera, spero di farcela”. Attualmente sceso al n.230 del ranking, il 31enne scozzese ha vinto 45 tornei in carriera (663 vittorie e 190 sconfitte), 2 ori olimpici, una Davis. Per oltre un decennio Murray, con Federer, Nadal e Djokovic ha dominato il tennis mondiale: un’era che presto – causa limiti anagrafici dei Fab Four – passera’ agli annali.

Advertisement

In Evidenza

La Juventus batte il Milan con un gol di Ronaldo in sospetto fuorigioco e si aggiudica la Super Coppa Italiana a Gedda

Pubblicato

del

Vince ancora la Juventus e si aggiudica la Supercoppa italiana: sul terreno di gioco di Gedda i bianconeri hanno battuto il Milan per 1 a 0 grazie alla rete realizzata nei primi minuti della ripresa da Cristiano Ronaldo, di testa nell’area piccola su lancio di Pjanic. CR7 si conferma goleador quando serve. Un gol che ha provocato le proteste di Rino Gattuso e del Milan perché viziato dal fuorigioco di CR7: l’arbitro Banti e il suo collaboratore di linea hanno indicato con sicurezza il centro di campo, la convalida del gol e non hanno fatto ricorso al Var. Fatto questo che ha provocato le proteste dei rossoneri.

La tensione è salita e si è arrivati all’espulsione di Kessie per un fallo con piede a martello. Così il Milan, ha giocato con un uomo in meno per buona parte della ripresa. È entrato Higuain, protagonista di una telenovela da calciomercato: abbraccia Gattuso, va, resta, Chelsea si , Chelsea no…ma la sua presenza non ha inciso sul risultato.

Continua a leggere

Sport

Il Milan vuole la Supercoppa, Gattuso: Higuain? Vinciamo e poi vediamo

Pubblicato

del

Alla quarta domanda su Gonzalo Higuain, Rino Gattuso si e’ spazientito. Ma le precedenti tre risposte sono bastate a chiarire che l’addio dell’argentino al Milan dopo la Supercoppa italiana e’ un’ipotesi ancora decisamente concreta. “Bisogna capire cosa vuole fare, come sistemare la questione”, ha chiarito l’allenatore. Per questo Leonardo si e’ fermato a Milano, dove ha portato avanti il dialogo con il Genoa per il prestito di Krzysztof Piatek, e non e’ detto che voli in Arabia Saudita in tempo per assistere alla sfida con la Juventus. Nella conferenza stampa di Gedda, Gattuso ha commentato con diplomazia la sede della partita che tante polemiche ha sollevato in Italia: “Ci saranno anche le donne per assistere alla partita, noi siamo qua per fare il nostro lavoro. Per come siamo stati trattati, all’Arabia Saudita va un 10 e lode”. E ha deciso di affrontare di petto il tema Higuain, il giocatore scelto in estate come stella del nuovo corso targato Elliott. Un piano incrinatosi a novembre, nel match di campionato proprio contro la Juventus, che in estate aveva ceduto il giocatore in prestito con diritto di riscatto e ora attende per lui un’offerta del Chelsea.

“Dopo il rigore sbagliato e l’espulsione qualcosa e’ successo nella sua testa, nel suo stato d’animo – e’ sicuro l’allenatore -. Far cambiare idea a un calciatore a volte non e’ facile. Comunque non e’ venuto a dirmi che vuole andare via. Lo sto ancora aspettando. Spero sia una serata importantissima, poi vediamo cosa succedera’. Ma non ci rimarro’ male se andra’ via. Sono stato calciatore, non si puo’ giudicare come ragiona una persona”. In questi giorni Gattuso ha visto l’attaccante “sereno, dentro al progetto, che scherza coi compagni e a volte e’ una radio, non si ferma mai…”. E ha annunciato che sara’ titolare “al 90%: se gioca e’ perche’ lo vedo bene mentalmente”. Patrick Cutrone scalpita ma, almeno per un’ultima partita, al Milan serve il miglior Higuain, anche perche’ nessuno in squadra ha la sua esperienza. “Tanti giocatori sono giovani, voglio vincere per fargli capire che si puo’ spingere ancora di piu’ e costruire qualcosa di importante”, ha detto Gattuso, che esorta il Milan a giocare “senza timore, senza sbracare al primo errore come contro l’Olympiacos”. Questa volta l’avversario e’ ancora piu’ tosto. “Cristiano Ronaldo? Prima faceva show, poi ha smesso e negli ultimi 6-7 anni e’ diventato incredibile. Ora attacca con veemenza, fa le cose per buttare la palla dentro”. Dovra’ limitarlo Alessio Romagnoli, secondo cui il Milan “e’ piu’ maturo e piu’ forte” rispetto alla Supercoppa vinta con la Juventus ai rigori a Doha due anni fa: “Questa coppa puo’ dare una svolta alla stagione”.

Continua a leggere

Cronache

Il razzismo, la violenza nel calcio, la differenza tra sospensione e interruzione di una partita e l’ignoranza di chi travisa con malizia le idee di Carlo Ancelotti

Pubblicato

del

Non se ne può più, anche a Bologna un giocatore di vent’anni l’altro giorno è stato insultato. Ieri a Roma c’erano cori contro Napoli e i napoletani. Oggi gli arresti a Napoli per violenze. Non ha senso. Il calcio italiano non è cambiato, gli ignoranti, i criminali, i maleducati “continuano ad andare negli stadi e per loro serve un corso di educazione, senso civico e rispetto”. L’allenatore del Napoli Carlo Ancelotti nel corso di un intervento all’Università Vanvitelli a Napoli è tornato a parlare del razzismo negli stadi. “Ho avuto la fortuna di stare 9 anni all’estero e queste cose sono state debellate, non si può fare, si deve fare”. E tanto potrebbe fare l’informazione, se fosse uno strumento serio.

 

Ieri lo abbiano sottolineato proprio da questo giornale quando abbiamo sentito porgere al Capo della Polizia Franco Gabrielli una domanda senza senso da un giornalista di una notissima Tv che si occupa di sport. La domanda era, riassumendola, “che cosa dice lei ad Ancelotti che in caso di cori occorre sospendere la partita?”. Davanti a questa domanda stupida, in cui si attribuiscono ad Ancelotti idee che mai ha professato e pensieri che mai ha esplicitato è normale che Gabrielli risponda che “non tocca ad Ancelotti sospendere le partite”.

“Ho sentito dire ‘Ancelotti non puo’ decidere di sospendere una partita’, ma forse quando parlo non mi faccio capire. Non ho mai chiesto di sospendere le partite, so bene che se 60.000 persone devono uscire dallo stadio ci sono problemi. Ma in caso di cori razzisti le partite si devono interrompere, si aspetta qualche minuto e poi si riprende” ha ripetuto per ma millesima volta Ancelotti. “Ho sentito un’intervista del presidente della Federcalcio Gravina – ha spiegato Ancelotti – e so che la federazione sta facendo dei passi per semplificare questa norma. Questo è giusto ma ricordiamoci anche che la norma c’è ed è già applicabile quando c’è un insulto territoriale o razziale e a Milano non è stata applicata. In Bologna-Juve ci sono stati gli insulti a un ragazzo: la partita si ferma temporaneamente, si fa un annuncio, e poi si ricomincia. Si fa cosi’ anche per la pioggia, nel 2000 aspettammo due ore per riprendere”.

Continua a leggere

In rilievo