Collegati con noi

Sport

Annuncio choc tra le lacrime di Andy Murray: lascio il tennis dopo gli Australian Open, ho un male all’anca che mi distrugge

Avatar

Pubblicato

del

Era emozionato. Ha pianto. Aveva gli occhi pieni di tristezza Andy. A 31 anni il grande campione, dopo almeno tre anni di grande sofferenza,  si  è arreso al dolore ed ha annunciato dell’addio al tennis alla vigilia degli Australian Open. Sarà l’ultimo torneo per Andy Murray: l’annuncio a Melbourne. Il campione scozzese, ex numero uno al mondo,  in lacrime ha usato poche semplice parole: “Sto male ormai da troppo tempo. Ho fatto tutto quel che potevo per stare meglio, ma l’anca non è migliorata granchè. Il dolore è sempre troppo forte e non riesco a giocare come vorrei: sono costretto a lasciare”.. L’infortunio all’anca destra che lo tormenta da 20 mesi, e per il quale era stato necessario un intervento chirurgico e altre cure, continua a fare molto male. Murray ci vuole ancora provare, giocherà l’Open australiano, ma non riuscirà a stare in campo a livelli alti, quelli che hanno consentito allo scozzese di vincere tre Slam in carriera e una marea di altri titoli. Da qui la decisione, anticipata al suo team durante la preparazione invernale a Miami, di ritirarsi.

“Sto male ormai da troppo tempo. Ho fatto tutto quel che potevo per stare meglio, ma l’anca non e’ migliorata granche’. Sto certamente meglio rispetto a 6 mesi fa, ma sento ancora dolore” ha detto il rivale storico di Djokovic, attuale numero 1 del mondo, con il quale si e’ incontrato 36 volte, 7 delle quali in finali dello Slam, e con un bilancio di 25 vittorie a 11 per il serbo. Campione sfortunato Murray, ma anche determinato a non fare la comparsa nel grande circo del tennis mondiale. Per i risultati e per certe scelte controcorrente. Nel 2014, alla vigilia di Wimbledon e nel pieno della sua ascesa, Murray scelse per allenatore una donna, non una qualsiasi ma Amelie Mauresmo, ex campionessa Slam. Decisione accolta con commenti spesso poco benevoli nell’ambiente. L’esperienza durò due anni. In precedenza lo scozzese aveva avuto al suo fianco Ivan Lendl, altra stella del passato. In carriera l’unica che l’ha sempre seguito, suscitando talora critiche, è la mamma. L’anno d’oro di Murray è stato il 2016, con il secondo trionfo a Wimbledon dopo quello del 2013, il secondo oro olimpico (dopo quello del 2012) e il posto di numero uno nella classifica del tennis mondiale. L’anno successivo invece e’ stato quello del tracollo, tanti ko, poi a Wimbledon si ferma per i dolori all’anca destra. Seguono stop, intervento, cure. Ma il dolore e’ sempre li’ a tormentare il campione. Murray giochera’ nel primo turno degli Aus Open, al via lunedi’, contro lo spagnolo Roberto Bautista Agut, in quello che potrebbe essere il suo ultimo match. “Giochero’ perche’ posso ancora competere a certi livelli, ma non a quelli che vorrei io. Il dolore e’ davvero tanto ed io non voglio continuare a giocare in questa maniera. Non voglio giocare tanto per giocare – ha sottolineato il campione -. In questa situazione di dolore ho bisogno di fissare una fine. Penso e spero di poter continuare a giocare fino a Wimbledon, perchè è lì (dove ha vinto due volte ndr), che vorrei chiudere la carriera, spero di farcela”. Attualmente sceso al n.230 del ranking, il 31enne scozzese ha vinto 45 tornei in carriera (663 vittorie e 190 sconfitte), 2 ori olimpici, una Davis. Per oltre un decennio Murray, con Federer, Nadal e Djokovic ha dominato il tennis mondiale: un’era che presto – causa limiti anagrafici dei Fab Four – passera’ agli annali.

Advertisement

Sport

Atletica, magnifica Larissa Iapichino: ha superato mamma Fiona May ed è oro a Euro Under 20

Avatar

Pubblicato

del

A 17 anni Larissa Iapichino e’ la campionessa europea under 20 del salto in lungo e sale sul podio come mamma Fiona May che vinse l’oro nel 1987 a Birmingham con la maglia della Gran Bretagna. Tutta in crescita la gara dell’azzurra doppia figlia d’arte (papa’ l’ex astista Gianni) che inizia con 5,93 sotto la pioggia. Poi 6,37, 6,33, 6,51, 6,58 e il 6,53 finale. E’ il quarto oro azzurro a Boras, eguagliato il record di San Sebastian 1993, nella mattinata in cui gli azzurri festeggiano anche l’argento di Riccardo Orsoni nei 10000 di marcia e il bronzo di Elisa Ducoli nei 3000.

Continua a leggere

Sport

Dimaro, la scommessa dei “biondi” del Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Bravi, belli, biondi. Sarà per vezzo, per scaramanzia o goliardia. Fatto sta che alcuni giocatori del Napoli hanno scelto di modificare il proprio look in questa fase del ritiro precampionato qui a Dimaro Folgarida. In fondo sono ragazzi e va bene così. Sintomo anche di quell’armonia che pervade il gruppo.

Perché è proprio questo uno degli elementi che emerge di più, osservando la squadra che si allena dalla tribuna del campo di Carciato: tanto lavoro ma anche la simpatia e l’amicizia tra giocatori e tutto lo staff. José Maria Callejon ha scelto un grigio platinato. Una novità per lui da quando veste la maglia azzurra. Hanno optato invece per la sfumatura bionda Gianluca Gaetano, Elseid Hysaj, Lorenzo Tonelli e Dries Mertens. In fondo sono ragazzi e va bene così.

Continua a leggere

Esteri

Calcio, terrore Palmeiras: aereo rischia di cadere a Mendoza

Avatar

Pubblicato

del

Momenti di terrore per i calciatori del Palmeiras, e lo staff medico, societario e dirigenziale del club, dopo che l’aereo a bordo del quale si trovava la squadra campione del Brasile ha rischiato di precipitare mentre tentava di atterrare a Mendoza, in Argentina. Il velivolo ha avuto per due volte problemi in fase di atterraggio, al punto che il pilota ha dovuto interrompere la manovra e risalire, bruscamente, in alta quota. Piu’ di un componente della comitiva del ‘Verdao’, che proveniva da Fortaleza, dove aveva perso in campionato 2-0 col Ceara’, ed era diretta a Mendoza per il match di Libertadores contro il Godoy Cruz, si e’ sentito male e ha vomitato, secondo quanto hanno riferito fonti del club. Alla fine l’aereo del Palmeiras e’ atterrato sulla pista dello scalo di Rosario, e non si sa quando la partita con il Godoy potra’ essere giocata, e si parla anche di un possibile rinvio.

Continua a leggere

In rilievo