Collegati con noi

Cronache

Anna Siena era incinta ed il feto era in putrefazione, così è morta tra dolori lancinanti in un ospedale che non le ha fatto manco una ecografia

amministratore

Pubblicato

del

L’autopsia effettuata sulla salma di Anna Siena, la donna di 36 anni morta all’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli dopo due ricoveri d’urgenza  per dolori addominali, consegna al magistrato inquirente, il pm Lucio Giugliano,  un quadro già meno nebuloso su cosa è accaduto alla vittima. Non c’è, evidentemente, ancora una relazione ufficiale della perizia necroscopica, ma trapelano indiscrezioni che possiamo riassumere così: Anna Siena è morta per una infezione grave dovuta alla presenza di un feto in fase di putrefazione. Per quale motivo sia morto il nascituro non è dato sapere. Così come non sappiamo se la donna che era incinta sapeva della morte del feto. Non sappiamo se la donna fosse in cura presso un ginecologo che seguiva questa gravidanza. I familiari di Anna Siena, con ogni probabilità, non avevano c0noscenza di questa gravidanza. E allora si tratta di capire anche perché non fosse nota la gravidanza. Di sicuro l’inchiesta del pm Giugliano, che al momento vede iscritti nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio colposo in concorso i due medici (Caterina Vespoli e Federico Nolfi) che hanno curato nel corso dei due ricoveri Anna Siena, parte da questo dato: la donna è morta per una grave infezione causata dal feto in putrefazione.

Anna Siena

Questo significa che la morte è stata determinata dall’infezione e che non c’era alcuna possibilità di salvare la donna che si è presentata per ben due volte al pronto soccorso con dolori addominali lancinanti e problemi di grave pesantezza alle gambe? Nella denuncia presentata dalla madre della vittima, si espone in maniera chiara il fatto che nessuno dei due medici che hanno avuto in cura la paziente, l’hanno sottoposta ad indagini strumentali in ospedale. Se avessero fatto una ecografia all’addome o se avessero fatto comunque delle indagini o parlato con Anna Siena, probabilmente avrebbero capito subito che erano in presenza di una donna in fase di gravidanza. Tutte le altre cose, le altre cure, gli altri interventi da farsi, sarebbero poi arrivati di conseguenza. Ma la morte della donna sarebbe stata evitata se i medici avessero scoperto il feto in putrefazione e dunque capito che cosa fare? Forse sì con una operazione di pulizia dell’addome ed una terapia antibiotica forte. O forse no, forse non ce l’avrebbe fatta Anna. Sono mille domande, mille dubbi che dovrà provare a diradare il pm in una inchiesta che non si fermerà certo alle presunte responsabilità dei due medici allo stato indagati.

Nessuno deve sentirsi condannato, nessuno viene condannato con questo articolo, che prova a fare chiarezza in una vicenda che ha sconvolto la serenità di una famiglia e dell’opinione pubblica. La giustizia si incaricherà di trovare la giusta sentenza a quanto accaduto. Per ora, purtroppo, c’è una sola condannata: Anna Siena. Lei non può più difendersi da niente e da nessuno perché la sua pena è di quelle capitali e vengono scontate subito.

Abbiamo chiesto agli avvocati della famiglia della vittima, Angelo e Sergio Pisani, un commento su questa indiscrezione della perizia necroscopica ma non hanno voluto rispondere. “Siamo vicini al dolore di questa famiglia e quali che siano le cause della morte di Anna, non si può entrare per due volte ad un pronto soccorso di un ospedale, denunciando dolori indicibili e nessun medico dispone o esegue una indagine strumentale” sostiene Angelo Pisani.

Parlano i familiari di Anna Siena: “Vogliamo giustizia. Non si può morire per un mal di pancia”

Va in ospedale con dolori a pancia e schiena, la mandano a casa. Torna dopo due giorni e muore, i legali: potevano salvarla facendo esami

 

Advertisement

Cronache

Cadono calcinacci nel cortile della scuola, ferito uno studente

amministratore

Pubblicato

del

Attimi di panico nell’ ‘istituto professionale Casanova di Napoli, in pieno centro storico: sono caduti alcuni  calcinacci e uno studente che si trovava nel cortile della scuola è rimasto ferito. Fortunatamente il ragazzo ha rimediato solo una botta, sono stati allertati i soccorsi e chiamato il suo papà ma non è la prima volta che nel Casanova succede qualcosa del genere: qualche mese fa a cadere è stato un neon che finì sul banco di uno studente che per fortuna non venne colpito. Adesso bisognerà verificare la struttura, soprattutto i cornicioni per vedere se ci sono altri pericoli.

 

Continua a leggere

Cronache

Ismea, stanziati 100 milioni per investimenti nel settore agroalimentare

Pubblicato

del

Ammonta a 100 milioni l’intervento pubblico messo in campo per investimenti nel settore agroalimentare dall’Ismea che ha aperto il bando per la presentazione dei progetti a partire da oggi fino al 20 maggio. I progetti di investimento possono riguardare la produzione, la trasformazione e la commercializzazione di prodotti agricoli e alimentari. L’intervento dell’Ismea consiste nell’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato (pari al 30% del tasso di mercato) per investimenti compresi tra i 2 e i 20 milioni di euro. L’obiettivo è quello di rafforzare la competitività del settore agroalimentare favorendo la modernizzazione delle imprese attraverso l’innovazione tecnologica, lo sviluppo e la creazione di nuove strutture produttive, l’internazionalizzazione e la crescita delle esportazioni con lo sviluppo di piattaforme logistiche e distributive. “Si tratta – sottolinea il direttore generale dell’ISMEA, Raffaele Borriello – di un intervento pubblico particolarmente importante per il rilancio degli investimenti nel settore agricolo e agroalimentare, che si colloca in un momento cruciale per l’economia del nostro Paese, dove i soggetti pubblici sono chiamati al massimo sforzo nel convogliare risorse in investimenti per favorire la crescita del Pil”.

Continua a leggere

Cronache

Corruzione in Valle D’Aosta, rito abbreviato per sette imputati per un presunto giro di mazzette

Pubblicato

del

l gup Paolo De Paola ha ammesso al giudizio abbreviato i sette imputati nell’udienza preliminare su un presunto giro di corruzione in Valle d’Aosta riguardante partecipate regionali e che coinvolge anche l’ex presidente della Regione Augusto Rollandin, il manager Gabriele Accornero e l’imprenditore Gerardo Cuomo. La discussione prendera’ il via il 28 febbraio prossimo. Il giudice ha sancito l’inutilizzabilita’ delle intercettazioni realizzate fino a una certa data e di alcune sommarie informazioni testimoniali della procura. Gli altri imputati sono Simone D’Anello, di 32 anni, libero professionista di Aosta, Salvatore D’Anello (46), artigiano edile aostano, Davide Bochet (51), imprenditore di Saint-Pierre, Francesco Maruca (44), artigiano di Saint-Christophe. A vario titolo sono contestati i reati di turbata liberta’ del procedimento di scelta del contraente, concorso in corruzione continuata per plurimi atti contrari ai doveri d’ufficio e peculato. Secondo il pm Luca Ceccanti, Rollandin nel 2013 avrebbe favorito l’espansione del Caseificio valdostano di Cuomo nel capannone di una partecipata, ricevendo appoggio elettorale (anche un comizio in azienda) e due pneumatici per l’auto. Gli altri due principali capitoli dell’inchiesta riguardano la gara vinta dall’azienda di Cuomo per le forniture da 70 mila euro al 4K Alpine endurance trail, corsa in montagna di cui era direttore Accornero, e l’affidamento per 120 mila euro di opere del Forte di Bard (di cui lo stesso Accornero era consigliere delegato). Nell’ambito di quest’inchiesta, nell’autunno 2017 Cuomo e Accornero erano finiti 45 giorni ai domiciliari. Il gip aveva invece respinto, nell’aprile 2018, la richiesta di arresto di Rollandin.

Continua a leggere

In rilievo