Collegati con noi

Politica

Ancora uscite di senatori e deputati dal M5s, Di Maio chiude su alleanze per le suppletive

Avatar

Pubblicato

del

Continua lo stillicidio di fuoriusciti dal M5s: un altro senatore formalizza in Aula la sua intenzione di lasciare il Movimento per quella che definisce una “epurazione di fatto” per il solo motivo di aver firmato la richiesta di referendum sul taglio dei parlamentari. E’ Luigi Di Marzio che ora trasloca al Misto dove siedera’ in compagnia di un gruppo sempre piu’ folto di ex deputati pentastellati, quasi la meta’ di tutto il gruppo. E’ un’emorragia che nessuno ormai si azzarda a dare per finita e di cui Luigi Di Maio e’ ben consapevole. Eppure proprio le votazioni sono ora l’altra spina di Di Maio. Oggi il capo politico con il responsabile delle campagne elettorali, Danilo Toninelli, ha incontrato i referenti regionali delle Marche; insieme hanno deciso che anche in questa regione il M5s correra’ da solo. Una valutazione fatta dopo una disamina delle “condizioni politiche” per un’eventuale alleanza con forze politiche. Una strada che invece non vorrebbero abbandonare i liguri che hanno avviato il percorso per l’indicazione dei candidati alla presidenza (il 18 ci sara’ la presentazione e il 20 la prima votazione) ma che non chiudono alla possibilita’ di un accordo con il Pd. Cade invece nel nulla anche il tentativo di trovare un candidato comune con il Pd ed anche con De Magistris per l’elezione suppletiva ad uno dei collegi di Napoli (Campania 7). Oggi in Campania c’e’ stato il voto degli iscritti e a giorni, promette il blog delle Stelle, si faranno anche le parlamentarie per la scelta dei candidati M5s per le suppletive per i collegi uninominali di Umbria e Lazio. Quanto alle nuove uscite, si attendono un paio di nuovi strappi al Senato ma anche alla Camera. Nel mirino ci sono ovviamente quanti si erano distinti per le mancate restituzioni. Molti dei quali hanno gia’ o sono in procinto di versare quanto era rimasto in sospeso. “Sono in ritardo perche’ sto aspettando l’archiviazione del mio processo disciplinare su cui ho presentato una memoria” ai probiviri, spiega ad esempio il deputato Andrea Colletti, fermo con le restituzioni a febbraio 2019. “Ma non me ne vanto, la mia era una questione di principio” spiega. D’altra parte accade anche l’opposto: il senatore Di Marzio lascia, infatti, dopo aver completamente saldato il ‘conto in sospeso’ con il portale “Tirendiconto.it”. “E’ un fatto che gli fa onore: sono lieto che ci raggiunga nel Misto dove lavoriamo tutti con piu’ serenita’” dice l’ex M5s Gregorio De Falco. Ma intanto le voci su nuovi addii si rincorrono: si parla di Andrea Vallascas e Tiziana Drago che smentiscono. Altre indiscrezioni parlano di fuoriuscite verso Italia Viva. Matteo Renzi li attende: “Se ci sono dei grillini che lasciano il M5S meglio che vengano con noi che con la Lega” commenta.

Advertisement

In Evidenza

Berlusconi ancora positivo, polemiche sulla ‘febbre’ di Salvini

Avatar

Pubblicato

del

A oltre tre settimane dal contagio, Silvio Berlusconi e’ ancora alle prese con il coronavirus e lunedi’ il presidente di Forza Italia si sottoporra’ a un nuovo tampone, sperando di risultare il prima possibile negativo a due test consecutivi. Un altro leder del centrodestra, Matteo Salvini, invece, assicura di non avere alcun problema, smentendo i rumor nati alla luce di un suo intervento sul palco di un evento politico a Formello, vicino Roma, dove il leghista ha esordito spiegando di essere “un po’ dolorante, un po’ febbricitante ma ci tenevo a essere qua”. “La giornata non e’ partita benissimo – ha raccontato Salvini al pubblico di Formello scusandosi per il ritardo -. Sono stato due ore attaccato al cortisone, quando mi sono alzato il medico mi ha detto ‘Lei ovviamente adesso va a casa’. Gli ho detto ‘Si’, stia tranquillo, passo prima da Anguillara Sabazia, poi da Formello e finisco a Terracina, ma la sera arrivo a casa”. A seguire, come nei tanti eventi di questa campagna elettorale, il solito momento selfie con i fan. Oggi poi l’ex ministro dell’Interno, dopo aver letto alcune interpretazioni pubblicate su siti, ha chiarito: “Mai avuta febbre, fatto test sul Covid ieri mattina, negativo. Ho il torcicollo come milioni di italiani e ho preso il cortisone. Alcuni ‘giornalisti’ evitassero almeno di speculare e mentire sulla salute del prossimo”. Inevitabili, pero’, le critiche. “Le regole ed il rispetto valgono per tutti – ha protestato il capogruppo Pd in Senato, Andrea Marcucci -. Anche per i leader di partito. Anche per Matteo Salvini. Hai la febbre? Stai a casa, non vai a fare comizi in giro per l’Italia, senza mascherina”. Stessa linea per la renziana Giusy Occhionero che chiede polemica: “i termometri valgono per i bambini ma non per Salvini?”. Se il venerdi’ del leader del Carroccio e’ stato ricco di impegni, ancor piu’ fitta e’ l’agenda di domenica, salvo cambi di programma: sara’ ospite della puntata di ‘Mezz’ora in piu” in onda alle 14.30 su Rai3, poi nel pomeriggio appuntamenti in piazza per “incontri con i cittadini” per sostenere tre candidati alla poltrona di sindaco in gara al ballottaggio in altrettanti comuni lombardi, prima a Voghera (Pavia), poi a Corsico e Legnano, nel Milanese, per concludere la giornata in tv, ospite di ‘Live – Non e’ la D’Urso’, alle 21.30 su Canale 5. Gli eventi pubblici, e ancor di piu’ gli incontri con i familiari (molti dei quali a loro volta hanno preso il coronavirus, non solo i figli Marina, Barbara e Luigi ma anche alcuni nipoti), mancano non poco a Berlusconi, che intanto prosegue il suo isolamento domiciliare ad Arcore, con la fidanzata Marta Fascina, anche lei contagiata. Il leader di Forza Italia, costantemente seguito dal professor Alberto Zangrillo, ha superato la polmonite bilaterale dopo una dozzina di giorni di ricovero al San Raffaele, tornando a Villa San Martino il 14 settembre, ma ancora e’ costretto in casa, dove ha seguito in tv il debutto del suo Monza in Serie B, e lavora partecipando su zoom alle riunioni, come quelle in programma oggi o il summit del Ppe dei giorni scorsi. La paura vissuta in ospedale e’ passata, ma ancora risulta positivo al tampone. Il prossimo e’ in programma lunedi’, e ne servono due consecutivi per poter essere considerati guariti. “Non ha mai chiesto ne’ desiderato – come e’ ovvio – di poter tornare in ospedale”, ha chiarito il suo staff, smentendo alcune ricostruzioni definite “totalmente prive di fondamento”, secondo cui Berlusconi avrebbe chiesto di essere nuovamente ricoverato. “Non ho sintomi. Mi sento come un leone in gabbia”, avrebbe detto rassicurando amici e famigliari, come ha riferito il Corriere della Sera. Martedi’ Berlusconi compira’ 84 anni ma per ora non sono in programma i consueti festeggiamenti a Villa San Martino, sia per limitare al minimo gli impegni sia per evitare qualsiasi possibilita’ di contatto.

Continua a leggere

In Evidenza

Nel Pd romano si fa tutto in famiglia: Montino lancia la moglie Monica Cirinnà candidata sindaco di Roma

Avatar

Pubblicato

del

“Spero che decida di scendere in campo: penso sia un’ottima candidatura, di grande capacita’ e che abbia la grinta, l’esperienza e la forza per governare una citta’ difficile come Roma”. Arriva esplicito l’endorsement del sindaco di Fiumicino Esterino Montino, verso la moglie, la senatrice del Partito Democratico Monica Cirinna’ che ha annunciato di volersi candidare alle primarie del centrosinistra per scegliere il candidato sindaco di Roma, se ci saranno.Lo ha fatto nel corso di una diretta televisiva a Canale 10 durante la trasmissione settimanale “Dillo a Montino”. “Monica nelle prossime settimane avviera’ un percorso di ascolto di varie realta’ cittadine e vedremo se ci saranno le condizioni che per ora ancora non ci sono visto che la data delle primarie non e’ stata fissata dal tavolo della coalizione di centro sinistra. Senza dubbio serve una svolta per Roma e per il suo governo”, ha aggiunto il primo cittadino.

Continua a leggere

Politica

Lezzi abbandona la chat dei parlamentari del M5s e prefigura anche le dimissioni

Avatar

Pubblicato

del

“Voglio prendermi una pausa dalla chat. Non voglio, per un po’, neppure vedere le notifiche sul display. Le mie opinioni le conoscete, non sono cambiate, faro’ uno sforzo per farmi andare bene il matrimonio con il Pd se cosi’ si decidera’ (al 90%). Se non riusciro’, ho una vita che mi aspetta fuori dal Parlamento (quindi dimissioni) e non c’e’ solo la politica. Se avete bisogno di me chiamatemi. Buon lavoro e grazie di tutto”. Questo – a quanto si apprende – il messaggio inviato dalla ex ministra e senatrice M5s Barbara Lezzi nella chat interna dei parlamentari del Movimento.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto