Collegati con noi

Sport

Ancelotti prepara il match col Sassuole, Mertens non ci sarà ma vuole “vincere la l’Europa League e la Coppa Italia”

Avatar

Pubblicato

del

Contro il Sassuolo non ci sarà, per uno stop muscolare, ma Dries Mertens è pronto a cominciare un 2019 ambizioso, puntando ad alzare un trofeo anche grazie ai suoi gol. Il belga non si è allenato con il gruppo a Castel Volturno per uno stop muscolare e riposera’ in Coppa Italia domenica, pronto a dare il massimo in campionato, dove Ancelotti dovra’ fare a meno di Insigne, squalificato. Gli obiettivi, pero’, sono chiari: “Sto un po’ male per la distorsione – spiega a Radio Kiss Kiss Napoli – ma va bene, ora dobbiamo fare bene contro il Sassuolo per ripartire al meglio nel 2019, veniamo da un girone d’andata in cui abbiamo fatto bene, provando a vincere su ogni fronte. Abbiamo fatto 44 punti in 19 partite, sono tanti”. I tifosi napoletani conobbero Mertens nel 2012, in un match di Europa League in cui il Psv, con un suo gol, travolse 3-0 gli azzurri, ora il belga sta per tornare in quella coppa con la maglia azzurra e vuole vincerla: “Sono sicuro – dice il belga – che possiamo vincerla vincere l’Europa League. Siamo stati sfortunati in Champions League, abbiamo perso solo col Liverpool in un girone con due candidate alla vittoria finale. Ma abbiamo fatto ottime partite, anche senza superare il turno. In campionato vogliamo continuare a stare dietro alla Juve. Ci abbiamo provato anche l’anno scorso. C’e’ anche uno scontro diretto. Non si sa mai, la Juventus puo’ perdere punti e fiducia e noi dobbiamo essere qui”. Mertens ora e’ un napoletano d’adozione, i tifosi lo chiamano Ciro e lui gira la citta’ prestandosi a firme e selfie. Ma Mertens ha anche recepito il senso di apertura di Napoli che si riflette sulla squadra e sulla vicinanza a Koulibaly per i cori razzisti: “Non capiamo questi ululati che fanno a ragazzi come Koulibaly – spiega – per me Kalidou e’ un fratello e nello spogliatoio l’ho visto proprio male male. Non per il cartellino rosso, si sentiva male perche’ sentiva d’aver perso contro il razzismo”. Solo la cronaca dira’ se il gruppo azzurro, compatto con la posizione del club e di Ancelotti, si fermera’ in caso di nuovi cori razzisti, per ora Mertens punta a far crescere ancora la squadra: “Siamo insieme da tanti anni – siamo tutti una famiglia e ancora di piu’ con Ancelotti, che e’ piu’ tranquillo di Sarri, ci permette di far venire la famiglia. Da quando sono qui il Napoli e’ cresciuto tantissimo. Non parlo dei primi undici, ma di tutta la rosa composta da 23-25 giocatori. Vedo una societa’ molto cresciuta”. Oltre a Mertens, oggi Ancelotti ha fatto a meno anche di Verdi, influenzato, mentre Hamsik prosegue il lavoro di recupero e non ci sara’ col Sassuolo.

Advertisement

Sport

Champions, Juventus salva: solo una multa per il gestaccio di Ronaldo, evitata la squalifica

Avatar

Pubblicato

del

Niente squalifica per Cristiano Ronaldo. L’Uefa gli ha solo comminato una multa per l’esultanza maleducata alla fine di Juve-Atletico: 20 mila euro, lo stesso importo della sanzione al ‘Cholo’ Simeone per l’analogo comportamento nella partita di andata al ‘Wanda Metropolitano’. Le previsioni della vigilia hanno quindi trovato riscontro nella sentenza di oggi della Commissione disciplinare della Uefa. Per CR7, che solo di ingaggio guadagna 31 milioni di euro netti dalla Juventus, e’ l’equivalente di meno di due ore di lavoro. A fine partita, il 12 marzo, dopo una prestazione con tripletta da vero fuoriclasse, Ronaldo non si era comportato altrettanto bene, lasciandosi andare nel gesto rivolto ai tifosi spagnoli ispirato da quello di tre settimane prima di Simeone, “los huevos”, come e’ stato ribattezzato in Spagna. Era difficile attendersi una squalifica per Ronaldo, vista l’assenza dei comportamenti normati dall’articolo 15 (cattiva condotta in campo e provocazione degli spettatori) tra i capi d’imputazione nell’inchiesta della Uefa: “Assolutamente no, nessuna squalifica – aveva ‘anticipato’ Allegri una settimana fa -. E’ stata solo un’esultanza”. Secondo la Disciplinare non si sarebbe quindi trattato di “provocazione verso i tifosi avversari”, ma di “condotta impropria”, anche se ando’ in scena proprio sotto lo spicchio di Allianz Stadium riservato ai sostenitori spagnoli, oltre 1.500 quella sera. Ronaldo sara’ dunque a disposizione di Allegri nell’andata dei quarti di finale di Champions League contro l’Ajax 10 aprile ad Amsterdam. CR7 non si e’ mai scusato del gesto, almeno finora, a differenza di Simeone, e oggi ha aggiornato il suo profilo social solo con un richiamo “Pronti per domani”) alla partita del Portogallo, contro l’Ucraina per le qualificazione di Euro2000. Per lui e’ un ritorno in nazionale dopo avere saltato, d’accordo con il ct lusitano, amichevoli e partite della Nations League dello scorso autunno. In Spagna il quotidiano sportivo Marca ha promosso un sondaggio online al quale a meta’ pomeriggio avevano votato 12.600 lettori, con un sostanziale equilibrio tra chi ritiene giusta la sanzione – il 55% – e chi non la condivide. L’esultanza sguaiata di Ronaldo va comunque in archivio.

Continua a leggere

Sport

Chelsea, tifosi contro Sarri: in 400 rinunciano al biglietto e lo mettono in vendita

Avatar

Pubblicato

del

Per Maurizio Sarri e il Chelsea non tira buon vento. Ma questa, ormai, non sembra essere più una notizia, tenuto conto delle ultime debacle di Higuain e compagni. Intanto, si moltiplicano le iniziative anti-Sarri da parte della tifoseria ‘Blues’, che da tempo chiede alla dirigenza di Stamford Bridge un avvicendamento in panchina. L’ultima vede protagonisti gli abbonati che, secondo quanto scrive il Daily Mail, avrebbero messo in vendita i propri posti per le prossime partite, boicottando a modo proprio squadra e tecnico. Sarebbero più di 400 i titolari di biglietti che avrebbero messo all’asta i posti per la partita di Premier dell’8 aprile prossimo contro il West Ham. Poco importa se si tratti di uno dei tanti derby di Londra. Per il match del 21 aprile, contro il Burnley, gli abbonati disposti a rinunciare al proprio diritto di andare allo stadio sarebbero addirittura 700. La prossima partita casalinga del Chelsea e’ in programma il 3 aprile contro il Brighton: per quell’occasione dovrebbero essere ‘solo’ 150 gli abbonati assenti a Stamford Bridge.

Continua a leggere

Sport

Calcio, il Real Madrid punta su Pogba per la rifondazione

Avatar

Pubblicato

del

Uno dei top player sui quali punta il Real Madrid della rifondazione è Paul Pogba, da sempre fra i giocatori più ammirati da Zinedine Zidane, che e’ da poco tornato sulla panchina della Casa Blanca. Il francese del Manchester United, dal canto suo, si e’ sempre detto affascinato dalla possibilita’ di potersi esibire un giorno al Santiago Bernabeu. “Sarebbe un sogno per me”, ammise Pogba tempo addietro. La sua permanenza nella Premier – secondo quanto rivelano i media spagnoli – potrebbe essere agli sgoccioli, in cambio di un futuro nella Liga, per indossare la maglia del club piu’ titolato del mondo.

Continua a leggere

In rilievo