Collegati con noi

Cronache

Allarme del Viminale, le mani della mafia sui vaccini

Avatar

Pubblicato

del

I clan mafiosi sfruttano l’emergenza Covid. Le indagini rivelano che stanno gia’ tentando di accedere alle misure di sostegno all’economia e di infiltrarsi nei servizi di sanificazione per le strutture turistiche e commerciali. Il pericolo e’ che ora cerchino di mettere le mani sui vaccini e sulle future risorse che saranno garantite nell’ambito del Recovery Fund. A lanciare l’allarme e’ il quarto report dell’Organismo di monitoraggio istituito dal capo della Polizia e presieduto dal vicecapo Vittorio Rizzi sul rischio di infiltrazione nell’economia da parte delle mafie. Preoccupa l’aumento durante la pandemia di oltre l’8% delle operazioni sospette segnalate all’Unita’ di informazione finanziaria di Bankitalia (ben 67.382, di cui 1583 probabilmente legate direttamente all’emergenza sanitaria), riferibili soprattutto ad attivita’ di riciclaggio (+9%). Ma inquieta anche il pericolo, gia’ concreto, di una strumentalizzazione della stanchezza dei cittadini per le limitazioni legate alla pandemia e per la crisi economica, da parte di alcuni movimenti della destra, delle tifoserie, di gruppi antagonisti e della stessa criminalita’ organizzata, pronta a sfruttare il disagio sociale. Faro dunque puntato sulla diffusione dei vaccini che, segnala il rapporto, potrebbe interessare i gruppi criminali per “l’elevata domanda” e per “la fisiologica bassa offerta iniziale”. Ma non e’ il solo terreno su cui bisogna tenere gli occhi aperti. Rischi di infiltrazione ci sono non solo nei settori economici piu’ colpiti dalla crisi (commercio al dettaglio, turismo, trasporti, attivita’ di intrattenimento) con la mafia pronta a rilevare imprese e attivita’ in sofferenza, ma anche in quelli resi maggiormente attrattivi dal protrarsi della pandemia, legati alla richiesta di presidi medico-sanitari, all’utilizzo dell’e-commerce, alla vendita al dettaglio di prodotti alimentari, ai servizi di pulizia e funebri. Da non sottovalutare nemmeno il pericolo del cosiddetto “welfare criminale”, con la criminalita’ organizzata pronta ad offrire il suo sostegno interessato a soggetti privati e operatori in difficolta’ economica. E a confermare come il Covid possa rivelarsi per alcuni un grande affare sono anche i dati sulle frodi nelle forniture di mascherine a grandi e medie imprese, pari quasi a 25 milioni di euro in pochi mesi. Gli interessi attorno ai vaccini sono dimostrati anche dagli attacchi informatici subiti dal sistema sanitario e della ricerca per carpire “informazioni riservate”. Mentre alcune delle piu’ rilevanti strutture sanitarie impegnate nel trattamento dei pazienti Covid sono state oggetto di campagne di “cyberestorsione”. Un fenomeno che si inquadra nel boom di attacchi informatici alle Infrastrutture critiche di rilevanza nazionale, con un incremento nei primi dieci mesi del 2020 del 353% e l’aumento del 104% delle persone denunciate. Non e’ un caso che mentre dal primo marzo al 31 ottobre del 2020 i reati nel loro complesso son diminuiti del 25% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (sono stati 1.159.258 a fronte dei 1.546.740 del 2019), quelli informatici hanno fatto un balzo in avanti di quasi il 35%. Il web preoccupa anche per i reati che coinvolgono i minori non solo come vittime. Tra i fenomeni piu’ recenti quello delle baby gang virtuali che organizzano pestaggi sui social e poi diffondono il video e i fight club, cioe’ l’uso delle app per promuovere dei veri e propri combattimenti per strada. Risse a cui partecipano decine di ragazzi con tanto di spettatori.

Advertisement

Cronache

Ambulanza soccorre feriti a Napoli, sconosciuto armato la insegue

Avatar

Pubblicato

del

Una pistola comparsa dopo una rissa puntata verso l’ambulanza che stava trasportando due ragazzi feriti. E se fosse partito il colpo avrebbe messo a rischio l’intero equipaggio dell’ambulanza perche’ a bordo ci sono le bombole di ossigeno. E’ quanto denuncia sulla pagina Fb il presidente dell’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate”, Manuel Ruggiero, in merito a fatti accaduti la scorsa notte in zona Piazza Quattro Giornate a Napoli. “Siamo stati allertati stanotte intorno all’1.30 per persona a terra insanguinata a seguito di una rissa a piazza 4 Giornate. Non siamo riusciti ad arrivare sul posto poiche’, fuori la caserma dei carabinieri, che dista poco da li’, c’erano due ragazzi feriti che chiedevano aiuto”, ha raccontato l’autista del mezzo di soccorso all’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate”. “Ci fermiamo e li facciamo salire a bordo entrambi quando, improvvisamente, arriva e cerca di salire in ambulanza, il “gruppo rivale” con delle mazze” dice ancora evidenziando di aver notato “uno degli aggressori, avvicinarsi al portellone laterale e, dall’esterno, infilare un braccio nel finestrino con una pistola”. “Dopo il furto di una ambulanza adesso l’ingresso di una pistola nel mezzo di soccorso…..bastava un solo proiettile per fare esplodere il mezzo visto la presenza all’interno di bombole di ossigeno gassoso. Questa citta’ non merita il 118”, dice sconfortato Ruggiero confessando che si ha “paura di andare a lavorare”. Sulla vicenda indagano gli agenti della polizia.

Continua a leggere

Cronache

Covid: a Napoli in 96 sorpresi a far festa senza mascherina

Avatar

Pubblicato

del

La scorsa notte a Napoli gli agenti del Commissariato Posillipo, durante il servizio di controllo del territorio sono intervenuti in via Manzoni per la segnalazione di una festa in corso. I poliziotti hanno udito musica ad altissimo volume provenire da una terrazza e, con il supporto degli equipaggi dei Commissariati San Ferdinando e Bagnoli, sono riusciti ad accedere alla terrazza ed hanno accertato che vi erano numerosissime persone, tutte prive della mascherina e assembrate. Inoltre, vi erano tavoli apparecchiati con generi alimentari e bevande nonche’ un impianto stereofonico con diffusori acustici e consolle. Novantasei persone tra i 20 e i 37 anni sono state sanzionate per inottemperanza alle misure anti Covid-19; infine, uno di loro e’ stato denunciato per rifiuto di fornire le proprie generalita’.

Continua a leggere

Cronache

Armato di coltello alla stazione Termini, la polizia lo ferma sparando ad una gamba: il video

amministratore

Pubblicato

del

Camminava, intorno alle 19 di ieri, impugnando un coltello da cucina nella zona di Termini. Una arma che ha utilizzato per minacciare alcuni passanti dentro la stazione. Protagonista un cittadino ghanese di 44 anni con precedenti. Un comportamento violento che e’ stato notato da un vigilantes che opera all’interno dello scalo ferroviario della Capitale. La guarda giurata ha, quindi, allertato gli agenti della Polfer che dopo una brevissima caccia all’uomo hanno individuato il ghanese. Da qui, come immortalato da alcuni video finiti in rete, ne e’ nata una breve colluttazione culminata con uno sparo esploso da uno degli agenti. I poliziotti hanno accerchiato il quarantenne in via Marsala, ad una manciata di metri dalla stazione. L’uomo, visibilmente alterato, ha tentato una reazione brandendo l’arma e saltando anche sopra alcuni motorini in sosta. I poliziotti hanno iniziato un’opera di contenimento, volta a tutelare l’incolumita’ dei passanti che in quel momento si trovavano nella strada. Alla luce della reazione del ghanese un operatore ha utilizzato l’arma in dotazione ed ha sparato con l’arma in dotazione mirando agli arti inferiore. Raggiunto dal proiettile l’uomo dopo pochi metri si e’ accasciato in terra ed e’ stato disarmato. Ora si trova ricoverato e piantonato in ospedale in stato di arresto per i reati di tentato omicidio, porto abusivo d’arma, resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale. E’ stato colpito nella zona dell’inguine sinistro e il proiettile e’ fuoriuscito dal gluteo destro. Non e’ in pericolo di vita. L’episodio ha riportato l’attenzione sul tema della sicurezza a Roma e non solo.

“La Stazione Termini di Roma dovrebbe essere il biglietto da visita della citta’” sottolinea Nicola Molteni sottosegretario all’Interno esprimendo “solidarieta’ e gratitudine” agli agenti intervenuti e ringraziando il vigilantes che li ha allertati. “E’ il momento di dotare le Forze di polizia del Taser, strumento di difesa proprio a garanzia dei poliziotti e dei cittadini. Una priorita’, questa, diventata ormai irrinunciabile”, chiosa. D’accordo il portavoce dell’associazione nazionale funzionari di polizia, Girolamo Lacquaniti: “Si ripropone con urgenza il tema delle pistole ad impulsi elettrici da destinare alle forze dell’ordine”. Su quanto avvenuto e’ intervenuta Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, che ha parlato di “scene di ordinaria follia a Roma”, mentre Matteo Salvini si dichiara “sempre dalla parte delle forze dell’ordine”. Il magistrato Simonetta Matone, candidata prosindaco al Campidoglio, afferma che “i fatti accaduti confermano che ci sono luoghi della nostra citta’ ad alto tasso di insicurezza dove vanno investite risorse per riportare la legalita’ nell’interesse di tutti i cittadini, senza odiose speculazioni di alcun tipo”. A quanto si e’ appreso l’uomo arrestato, gia’ in passato si era reso responsabile di episodi di violenza simili e ha precedenti di polizia per lesioni. Aveva danneggiato alcune statue sacre presenti in alcune chiese di Roma, manifestando poi ai poliziotti atteggiamenti di odio nei confronti della religione cristiana. Inoltre, ad aprile 2020 , era stato sorpreso piu’ volte in piazza San Pietro e denunciato per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale nonche’ per offesa a una confessione religiosa e nel giugno di quest’anno e’ stato nuovamente denunciato per danneggiamento e lesioni per avere lanciato bottiglie contro il centro islamico di via San Vito a Roma; circostanza in cui e’ rimasto ferito anche l’imam. Sulla posizione del cittadino straniero, irregolare sul territorio italiano, sono emerse difficolta’ legate all’attribuzione della nazionalita’ dovute alla mancata conclusione delle procedure di riconoscimento presso le Autorita’ Consolari del Gambia, Costa d’Avorio, Nigeria e Ghana avviate nel 2017 che hanno reso non eseguibili le procedure di espulsione a suo carico. Gli investigatori hanno inviato una prima informativa in Procura. A piazzale Clodio anche il materiale video con le immagini della colluttazione e dello sparo e che ora sono al vaglio degli inquirenti.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto