Collegati con noi

Cronache

Al via udienza di appello sul patto tra pezzi dello Stato e Mafia stragista, il presidente della Corte Pellino: non è un processo alla storia

Avatar

Pubblicato

del

Ha un prologo irrituale per un’aula di giustizia l’avvio del processo d’appello sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia cominciato oggi. Non faremo un processo alla storia, annuncia in sintesi Angelo Pellino il presidente della corte d’assise d’appello di Palermo che dovrà pronunciarsi sul presunto patto tra pezzi delle istituzioni e clan negli anni delle stragi mafiose. “Qualcuno ha detto che non si può riscrivere la storia guardandola dal buco della serratura del processo penale, ma può accadere che la riscrittura di un pezzo di storia di un paese possa essere un effetto inevitabile dei temi trattati”, dice. E il riferimento è alle critiche rivolte in questi anni da intellettuali e giuristi come il docente di diritto penale Giovanni Fiandaca sia alla Procura, che ai giudici di primo grado, accusati di aver “usato” la sede processuale per scrivere una verità storica su eventi tragici del Paese. “Lo scopo del processo d’appello – rassicura – è verificare la tenuta della decisione di primo grado sotto la lente di ingrandimento dei motivi d’appello. Gli imputati sono persone che saranno giudicate per ciò che hanno o non hanno fatto. Questo è l’impegno della corte”.

Affari di mafia. Il capo mafia morto Riina

Gli avvocati degli imputati, condannati dalla corte d’assise, ascoltano in silenzio. Poi l’udienza riprende i suoi riti con la richiesta del legale di Massimo Ciancimino, condannato in primo grado a 8 anni per aver calunniato l’ex capo della polizia Gianni De Gennaro e assolto dal reato di concorso in associazione mafiosa, di sottoporre il suo assistito a una perizia che dia un responso sulla sua capacità di partecipare coscientemente al processo. “Ha avuto un ictus cerebrale ed è confuso”, dice l’avvocato. Ma il medico del carcere che lo ha visitato parla di detenuto “lucido e orientato”. Un giallo, quello delle condizioni di Ciancimino jr, che nel dibattimento veste anche i panni di testimone, che si chiarirà nel corso del processo. Prima di procedere alla lunghissima relazione introduttiva che ripercorre le tappe della mastodontica sentenza di primo grado, lunga oltre 5000 pagine, il presidente legge l’ordinanza con cui la corte, dopo aver esaminato gli appelli, dichiara inammissibile il ricorso del legale del boss Toto’ Riina, nel frattempo deceduto. La corte di primo grado aveva dichiarato estinto per morte del reo il reato di minaccia a Corpo politico dello Stato a lui contestato. L’avvocato ha chiesto una assoluzione nel merito. Richiesta respinta. Davanti ai giudici dunque, oltre a Ciancimino, restano i capimafia Leoluca Bagarella e Antonino Cinà, il pentito Giovanni Brusca, l’ex senatore Marcello Dell’Utri e gli ufficiali del Ros Mario Mori, Giuseppe De Donno e Antonio Subranni, tutti, come Riina, accusati di minaccia a Corpo politico dello Stato e condannati a pene severissime dalla corte.

Advertisement

Cronache

La De Majo “offre” la cittadinanza onoraria di Napoli a Liliana Segre che risponde: le cittadinanze si pesano

Avatar

Pubblicato

del

L’assessora alla cultura del comune di Napoli Eleonora De Majo in poche ore di “governo” ha collezionato un po’ di “simpatie” istituzionali, una pioggia di critiche gravi come le accuse di antisemitismo ed una bruciante brutta figura che purtroppo rischia di avere riflessi seri fuori dai confini di Napoli. Manco il tempo di firmare il decreto di nomina ad assessore ed ha proposto di conferire la cittadinanza onoraria di Napoli alla senatrice Liliana Segre. Una proposta bizzarra per le modalità. Di norma di una proposta del genere se ne discute in Giunta, magari se ne parla prima col sindaco, poi quando e se si hanno le idee chiare  si fa quel che si deve per concedere cittadinanze, onorificenze e altro. Invece no,  la neo assessora De Majo ha fatto sapere di questa sua proposta al sindaco attraverso il Mattino, con una lettera. Una lettera in cui la De Majo rivolge “un appello al sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, per la concessione della cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, vittima di un’ intollerabile ondata di insulti antisemiti e minacce di morte provenienti dall’estrema destra, che hanno costretto le autorità a assegnarle una scorta”. I giornalisti del Mattino hanno girato alla senatrice Segre la lettera che la neo assessore alla Cultura ha scritto al sindaco di Napoli. E qual è stata la risposta della signora Segre alla prima strampalata iniziativa della giovane assessore?  Copiamo il testo delle dichiarazioni da Il Mattino. “La cittadinanza onoraria – scrive la Segre al giornale napoletano – non è un fatto passeggero se si può prestare a strumentalizzazioni….è un riconoscimento profondo, un abbraccio ideale tra la città stessa (in questo caso pluridecorata) e chi la riceve. Mi verrebbe da mutuare una vecchia battuta, ci sono cittadinanze che si contano e cittadinanze che si pesano”. Insomma la signora Liliana Segre non ha detto no alla cittadinanza solo perchè non c’è ancora alcuna iniziativa ufficiale del Comune di Napoli se non la bizzarra lettera dell’assessore. Certo, come prima uscita pubblica, quella dell’assessore De Majo non è stata particolarmente intelligente. Ma ha tempo per conoscere la macchina amministrativa,  la struttura organizzativa, le risorse umane di un assessorato cruciale che in questi anni ha provato a far raccontare una Napoli reale, diversa da quella stereotipata e luogocomunista offerta dal main stream mediatico-culturale dominante di questo BelPaese. Oppure, se lo riterrà, potrà anche scrivere una lettera al Mattino per riconsiderare e riconfigurare assieme al sindaco Luigi de Magistris la sua presenza nell’esecutivo. Il Mattino, peraltro, sembra l’organo d’informazione giusto per favorire il dialogo nella giunta arancione. C’è chi la vede benissimo come assessore alle periferie. Napoli avrebbe bisogno di una giovane battagliera come lei per far sentire la voce degli ultimi. Anzi, le proponiamo subito un impegno: vada a Scampia, provi a capire che cosa sta accadendo all’Officina della Cultura Gelsomina Verde. Lì c’è qualcosa che non va. Il Comune di Napoli sta “chiudendo” con la forza (ha mandato i vigili urbani armati) spazi di riscatto sociale, germi di resistenza alla camorra.

Continua a leggere

Cronache

Corruzione, l’avvocato intascava i soldi delle bollette acqua dei morosi: al comune sapevano ma tacevano

Avatar

Pubblicato

del

L’inchiesta è partita da verifiche fiscali della Finanza nei confronti di un  avvocato, Francesco La Face. Gli accertamenti hanno evidenziato come un ex dirigente comunale, in cambio di denaro e regali per 26mila euro fosse sostanzialmente asservito all’avvocato. Durante le perquisizioni nell’abitazione dell’ex dirigente comunale, è stato trovato e sequestrato un “pizzino” che spiegava, in sostanza, le motivazioni della tangente ricevuta. Il legale, grazie alla complicità del responsabile dell’ufficio idrico, che inseriva nel sistema informatico comunale dati falsi, negoziava direttamente sul suo conto corrente personale gli assegni degli utenti morosi (comportamento definito dallo stesso gip “inquietante”), o si faceva pagare “in contanti”, a fronte di uno sconto all’utente, per non lasciare traccia degli importi ricevuti.

I finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno arrestato l’avvocato e notificato un divieto di dimora nel comune di Taormina all’ex dirigente comunale, ora in pensione. Sono accusati di peculato e corruzione. Si sarebbero appropriati di oltre un milione di euro che gli utenti morosi negli anni hanno versato per pagare le bollette dell’acqua. Nell’ambito della stessa inchiesta sono stati sequestrati beni immobili e disponibilita’ finanziarie per un valore complessivo di oltre 800mila euro. Le indagini hanno consentito di accertare che l’avvocato Francesco La Face, incaricato dall’amministrazione comunale di riscuotere le somme dovute per la fornitura dell’acqua nei confronti degli utenti morosi, insieme al responsabile dell’Area Servizi Generali e dell’Ufficio Riscossione del Servizio acquedotto del Comune di Taormina Giovanni Coco, invece di versare nelle casse comunali gli importi riscossi se ne appropriavano.

C’è una aspetto di questa inchiesta che ha sconcertato gl inquirenti. Molti impiegati comunali di Taormina erano a conoscenza del maxi peculato commesso da un avvocato e dall’ex dirigente del Servizio idrico.  La conoscenza dell’accordo criminale tra i due emergerebbe anche dalle intercettazioni. Nessun dipendente comunale, però, ha mai denunciato la vicenda.

Continua a leggere

Cronache

“Niente recita di Natale a scuole per non urtare chi non è cattolico” ma la notizia è falsa

Avatar

Pubblicato

del

“Il simbolo della Natività non offende nessuna sensibilità religiosa e anzi, spesso, nella sua storia, questo istituto ha consentito momenti di autentica inclusione interculturale, al di fuori di rigidi e precostituiti schemi mentali ed in questa prospettiva va concepito e andrà realizzata la recita nella scuola di Moie”. La dirigente scolastica della scuola dell’infanzia ‘Rodari’, Patrizia Leoni, mette a tacere le polemiche nate dopo il diffondersi della notizia dell’annullamento della tradizionale recita di Natale, per non offendere i bimbi non cristiani. La dirigente la definisce una “non notizia, che rischia di compromettere l’immagine di un corpo docenti che, nella sua globalità, sono fiera di guidare una scuola che per anni è stata il faro di iniziative all’avanguardia”.

Secondo quando ha riferito la dirigente, “nella tarda mattinata di ieri” i genitori avrebbero chiesto un colloquio “per individuare modalità condivise a proposito della recita di Natale” e “nessuna altra forma di comunicazione era pervenuta ne’ in modo formale nè informale da parte di istituzioni o singoli”. Pieno sostegno alla dirigente è stato espresso sia da parte della rappresentante del comitato dei genitori, Laura Borroni, sia dei sindaci dei Comuni di Maiolati Spontini, Castelplanio, Poggio San Marcello sui quali sono dislocate le otto scuole dell’istituto che include anche l’asilo di Moie. “Includere significa quindi aggiungere non togliere ciò che è espressione della cultura e di tradizioni universalmente apprezzate – ha concluso Leoni – E proprio poichè le buone notizie vanno divulgate con la medesima celerita’ delle non-notizie, sono lieta di annunciare l’incontro nel nostro istituto con la scrittrice Mariapia Veladiano, venerdì prossimo, in occasione del trentesimo anniversario della convenzione Onu sui diritti dell’infanzia: sarà l’occasione per riflettere insieme sulla necessità di educare le nuove generazioni alla complessita’ del vivere contemporaneo e ai valori del rispetto e del dialogo”.

 

Continua a leggere

In rilievo