Collegati con noi

In Evidenza

Al via Futuro Remoto: le metamorfosi del nostro Pianeta attraverso cambiamenti climatici e grandi eventi come la pandemia da Covid-19

Avatar

Pubblicato

del

Ritorna Futuro Remoto per la trentaquattresima edizione, un segnale positivo nella Campania Zona Rossa: certo si tratterà di un’edizione su piattaforma ma proprio per questo ancora più ricca di eventi e di ospiti internazionali, che potrà utilizzare al meglio le tecnologie per arrivare più lontano possibile. Sarà una edizione quanto mai innovativa e al passo con i tempi. Si ascolterà, si partecipare e si potrà anche giocare.

Futuro Remoto, il primo Festival della Scienza d’Europa ideato nel 1987 da un’idea del fisico Vittorio Silvestrini e promosso da Città della Scienza di Napoli, propone un viaggio attraverso le metamorfosi del nostro Pianeta dovute al cambiamento climatico e ai grandi eventi di dimensione “planetaria”, come la pandemia da Covid19.
La manifestazione con il sostegno della Regione Campania, la co-organizzazione delle sette Università della Campania e la collaborazione dell’Istituto Nazionale di Astrofisica-Inaf, del Consiglio Nazionale delle Ricerche-CNR, del Programma Nazionale di Ricerca in Antartide, dell’Ambasciata italiana in Messico, del Consolato Generale Usa di Napoli e dell’Unione Industriali di Napoli, celebra la sua XXXIV edizione, con eventi on line e una sezione sia nazionale che internazionale, dal 20 al 29 novembre 2020 parlando di Pianeta, cambiamenti epocali e sfide globali.
Tutti i protagonisti dell’organizzazione saranno presenti domani alle ore 10 per l’evento inaugurale al fianco di Riccardo Villari, Presidente della Fondazione Idis – Città della Scienza, Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, Gaetano Manfredi, Ministro Mur e tra gli altri ospiti Paolo Vineis, docente all’Imperial College di Londra in salute globale, con il quale, insieme a Roberto Cingolani, ha scritto il libro Prevenire e Patrizia Caraveo, astrofisica, impegnata anche nella divulgazione e nella lotta per la parità di genere nella scienza (fruibile al link http://www.cittadellascienza.it/futuroremoto/ ).

Riccardo Villari – Presidente Fondazione IDIS Città della Scienza

Parte da Napoli ma proprio perché sarà interamente da remoto raggiungerà ogni angolo della Terra con collegamenti in diretta, video streaming, dibattiti e conferenze dando voce ai protagonisti della ricerca internazionale, aprendo le porte di laboratori, centri di ricerca e realtà di innovazione sociale al grande pubblico di tutte le età, oggi sempre più cosciente che la ricerca scientifica e quella tecnologica sono imprescindibili per il nostro benessere e quello del pianeta.
Oltre 350 sono gli appuntamenti in programma, 6 mostre, 10 grandi eventi, 22 appuntamenti internazionali.

Ospite d’eccezione di questa edizione è il Premio Nobel per la Fisica del 2011 Saul Perlmutter (24 novembre ore 18) che terrà una conferenza sul ruolo del pensiero scientifico per contrastare la disinformazione e affrontare le grandi sfide del futuro” a cura dell’Exploratorium di San Francisco in collaborazione con l’University of Berkeley.


Il 27 novembre alle 09:30 ci sarà un collegamento diretta dall’Antartide con la base Concordia – evento a cura di ENEA-Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile e il Programma Nazionale di Ricerca per l’Antartide- in cui il pubblico potrà confrontarsi con lo staff logistico e scientifico della 36a Spedizione Italiana per conoscere come vengono condotte le attività in un luogo così inospitale, con temperature esterne che raggiungono anche -80°C, e comprendere ricerche sui cambiamenti climatici e il loro impatto sull’ultimo luogo incontaminato del pianeta.

Tra le mostre immersive: dai territori remoti del pianeta a quelli più vicini, Extreme Tour: dai Greci, ai fasti del Grand Tour alla ricerca della vita su Marte un viaggio all’incrocio tra arte e scienza, conduce alla scoperta dei Campi Flegrei attraverso protagonisti d’eccezione: gli estremofili, microrganismi che sopravvivono e proliferano in condizioni ambientali proibitive per gli esseri umani. Ecco che il Grand” Tour di settecentesca memoria si trasforma in “Extreme” Tour: a partire dalle ricerche sugli estremofili nei Campi Flegrei condotte dal CNR e dall’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’installazione racconta in chiave artistica le affascinati caratteristiche di questi organismi, i luoghi in cui vivono e la ricchezza di territori segnati da preziose testimonianze dei Greci e dei Romani, in una narrazione che coniuga storia, arte e mito con ricerca scientifica e tecnologia. L’installazione si inaugura il 15 dicembre ed è allestita a Città della Scienza dove sarà visitabile fino a gennaio 2021.

Si parlerà anche di medicina e attualità naturalmente, in relazione alla pandemia in corso, a cominciare dall’appuntamento con la virologa Ilaria Capua (23 novembre ore 15) in un talk intitolato “Salute Circolare: una rivoluzione necessaria” (perché dichiara “Siamo di fronte a un’opportunità unica di ripensare la salute come sistema circolare tra uomo e ambiente”) ma anche con la biologa Barbara Gallavotti (26 novembre alle ore 16) che nell’incontro Da Frankenstein al futuro dialogherà insieme allo storico del pensiero politico Gennaro Carillo con esperti di diversi campi medici.

Futuro Remoto 2020 non parlerà solo del nostro Pianeta, ma sarà un’occasione per saperne di più sugli altri pianeti. Ci si potrà immergere ad esempio Nell’atmosfera di Marte (martedì 24 novembre ore 15) con l’appuntamento, a cura dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo IAC-CNR, in cui Giuliano Liuzzi del Goddard Space Flight Center della NASA spiegherà, attraverso affascinanti immagini, l’evoluzione dell’atmosfera marziana e le sfide della scienza relative al pianeta rosso.

Si parlerà di Eccellenza Italiana nel mondo (21 novembre ore 17) nell’incontro con 13 ricercatori in biomedicina, a cura del Dipartimento di Farmacia dell’ Università degli Studi di Napoli “Federico II”, introdotto da Pasquale Maffia dell’Università di Glasgow e dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, uno speed dating per conoscere da vicino la ricerca italiana in varie parti del mondo e i suoi risvolti sociali, etici ed economici con collegamenti dal Texas, Londra, New York, Roehampton,Glasgow, San Diego, Trondheim, Parigi.

Tra gli appuntamenti imperdibili ci sarà il collegamento in diretta nelle gallerie del Cern “nel cuore della collisione per capire i primissimi istanti del nostro Universo” (23 novembre ore 11) evento a cura dell’Infn -Sezione di Napoli e CERN di Ginevra, in cui il pubblico potrà confrontarsi con i ricercatori italiani nella galleria a circa 100m sotto il livello del suolo, dove si trova il rilevatore di particelle di grandissime dimensioni, per conoscere gli studi sul comportamento della materia in condizioni vicine ai primi istanti del nostro universo.

Ma come da sempre avviene a Futuro Remoto, con la scienza sì potrà anche giocare: nel collegamento con Michela Leonardi, Ricercatrice al Dipartimento di Zoologia dell’Università di Cambridge sarà infatti possibile partecipare ad un vero e proprio gioco da tavolo educativo in cui sperimentare in modo divertente l’effetto dei cambiamenti climatici sulle specie animali (26 novembre ore 11).

Non mancherà un focus su innovazione e nuove economie con l’incontro Innovation +Green +Future. Tecnologie digitali e processi industriali virtuosi di sostenibilità ambientale (26 novembre ore 15) in cui interverranno Reimund Neugebauer, Presidente del Fraunhofer-Gesellschaft, principale istituto di Ricerca tedesco, l’Assessore alla Ricerca, Innovazione e Start up della Regione Campania Valeria Facione e la Vice Presidente di Confindustria Maria Cristina Piovesana, per un confronto – moderato da Luigi Nicolais, Presidente del Comitato tecnico Scientifico di Città della Scienza – sul contributo della ricerca scientifica ai processi di modernizzazione delle imprese, e su come le tecnologie digitali possono accelerare la transizione energetica degli impianti produttivi, i meccanismi di economia circolare e in generale processi industriali puliti.

Ma poiché parlare di Pianeta significa anche parlare di noi e dei nostri stili di vita si parlerà il 27 novembre alle ore 15 anche del “Progetto GRADITI – dal Piano di Sviluppo Rurale due esperienze di costruzione di una agricoltura sostenibile” – I grani dalla nuova terra grani antichi per nuovi prodotti salutistici con l’obiettivo di individuare formulazioni di prodotti ad alto valore salutistico basati sull’utilizzo di farine ottenute da grani antichi dove per il CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche partecipano Maria Grazia Volpe, Istituto di Scienze dell’Alimentazione (ISA) di Avellino, Giuseppe Sorrentino, Istituto di protezione Sostenibile delle Piante (IPSP), Portici (Na) e Sandra Fiore, Ufficio stampa.

Si potrà partecipare gratuitamente a tutti gli eventi prenotandosi sulla pagina ufficiale di Futuro Remoto 2020: https://www.futuroremoto2020.it/contatti/

Per il programma completo https://www.futuroremoto2020.it/programma/

#futuroremoto #futuroremoto2020 #futuroremotopianeta
#fr2020 #fr2020pianeta #festivalscienzanapoli #cittàdellascienza #pianeta #ambiente
#cambiamenticlimatici

Advertisement

Economia

La ripartenza dopo il Covid, ospite di Juorno Live Interview il presidente di Confesercenti Campania e Molise Vincenzo Schiavo

Avatar

Pubblicato

del

Torna l’appuntamento con l’informazione in diretta di Juorno Live Interview: stasera giovedì 17 giugno, a partire dalle 18:30, sarà con noi Vincenzo Schiavo, presidente di Confesercenti Interregionale Campania e Molise. Durante l’anno terribile della pandemia – che ha paralizzato l’economia delle imprese campane – Schiavo è stato un punto di riferimento per le aziende del territorio e ha saputo interfacciarsi in maniera propositiva con le istituzioni, lavorando nella direzione di un’abolizione graduale delle restrizioni. Con lui faremo il punto sullo stato di salute delle imprese all’indomani della ripartenza: con l’allentamento della morsa del virus e l’avanzamento della campagna vaccinale, riprendono i consumi e si intravedono spiragli di luce dopo oltre un anno di paralisi economica.

Il turismo è stato uno dei comparti che più ha patito le limitazioni Covid, di fatto azzerando per molti mesi la propria attività. Adesso il settore riparte, ma la ferita inferta dal virus è stata profonda: nel 2020 le imprese turistiche della nostra Regione hanno bruciato 800 milioni di fatturato. Lo stesso Schiavo in questi ultimi giorni ha lamentato la mancanza di una promozione strategica per il comparto. Molti Comuni avrebbero infatti aumentato la tassa di soggiorno e quella per la sosta dei bus turistici per il carico e lo scarico dei passeggeri. Una mossa che rischia di scoraggiare il turismo verso la nostra Regione. Molto contestato è stato anche il mantenimento del coprifuoco per i mesi di aprile e maggio, che ha contribuito a ridurre le prenotazioni dall’estero, rallentando l’avvio della stagione turistica e favorendo uno spostamento dei flussi verso i Paesi concorrenti.

C’è poi il settore della ristorazione, anch’esso profondamente martoriato dalle restrizioni Covid e solo in minima parte risarcito dai ristori, spesso legati a criteri di accesso molto stringenti. Con Schiavo proveremo a comprendere come procede la ripartenza, alla vigilia dell’abbandono definitivo del coprifuoco. Analizzeremo i costi della pandemia sociale, provando a stimare il numero di attività che hanno chiuso per sempre i battenti durante l’ultimo anno. Parleremo dei rischi concreti di infiltrazione camorristica nelle imprese campane in difficoltà e affronteremo la questione delle aziende che in questa fase faticano a trovare dipendenti per le proprie attività.

Continua a leggere

In Evidenza

Maresca: se augurare buona salute a chi sta male è un errore, me ne prendo la responsabilità

Avatar

Pubblicato

del

“Mi è stato chiesto di Berlusconi partendo dalle sue condizioni di salute. Mi han chiesto che cosa ne pensassi. Ho augurato buona salute, cosa che non mi rimangerei. Se poi augurare buona salute a qualcuno è un errore, ho commesso un errore. Me ne prendo la responsabilità. Io auguro buona salute a tutti”. Così in una intervista a LaPresse, il candidato sindaco civico di Napoli, Catello Maresca, ha fissato un concetto che qualcuno ha provato a strumentalizzare. Il magistrato che si è candidato a sindaco non fa nomi ma è evidente che si riferisce agli attacchi politici strumentali ricevuti dal Pd napoletano, dal sindaco televisivo Luigi de Magistris e dalla candidata del sindaco in quota demA Alessandra Clemente. “Le loro critiche per ciò che ho detto? Auguro buona salute anche a loro” dice Maresca, che è tornato anche sulla visita di Conte, Di Maio e Fico a Napoli per fare da testimone a Manfredi. “Non c’era bisogno della loro presenza e del loro pranzo per sapere che la pizza è tra le nostre specialità più conosciute al mondo”. “Bisogna capire – incalza Maresca – come valorizzare quella pizza e quei posti che ospitano le nostre eccellenze. Come risolvere i problemi delle persone che quella pizza non se la riescono a mangiare perché non hanno i soldi per farlo. Come risolvere problemi dei camerieri che portano le pizze al tavolo che non si trovano”. A Maresca hanno chiesto ancora una volta della fede juventina di Manfredi, il candidato delle sinistre. E Maresca non ha avuto esitazione a dire che la sfida non è sul tifo ma sui programmi.  “Quella con Manfredi certo non è una sfida tra Napoli-Juve. Vero è, però, che io sono un napoletano verace, orgoglioso del tifo per la mia squadra del cuore. Sono cresciuto con Maradona e non con le magliette di Maradona” ha chiosato Maresca. Che si è detto seccato dell’utilizzo della maglia di Maradona per consentire “al povero Manfredi di farsi fotografare con la maglia del campione argentino”. Una maglia che uno juventino non ama. “Non ci confronteremo su questo – ha aggiunto Maresca -. Abbiamo la nostra identità, la nostra caratterizzazione. I napoletani sceglieranno sui programmi e sulla serierà della squadra, non sulla squadra di calcio ma di governo. Ognuno conserva intimamente le sue convinzioni di tifo, i suoi amori e passioni, come quella che ho per la squadra della mia città” ha concluso il pm.

Il tema della candidatura del pm Catello Maresca a Napoli non e’ stato approfondito durante il vertice del centrodestra. Ma il nodo resta che il magistrato gradito a Matteo Salvini, che gia’ ha avviato la sua campagna, chiede che non vi siano liste con simboli di partiti a sostegno della sua candidatura. E questo non piace ai partiti di centrodestra, in particolare a Fratelli d’Italia, non disponibile a rinunciare al simbolo. Come Milano e Bologna ogni decisione su Napoli e’ stata rinviata dai leader del centrodestra alla prossima settimana.

Continua a leggere

In Evidenza

Spazzata via anche al Svizzera, l’Italia di Mancini è già agli ottavi

amministratore

Pubblicato

del

Tenera e’ la notte romana per la nazionale di Roberto Mancini, che a suon di 3-0 batte avversari e record in serie mettendo nello stesso tempo in cassaforte la qualificazione agli ottavi di finale dell’Europeo. Con i tre gol inflitti stasera alla Svizzera grazie a una doppietta dello strepitoso Locatelli e a una rete di Immobile in chiusura, un risultato che per occasioni e gioco prodotto poteva persino essere molto piu’ ampio, gli azzurri infatti superano di slancio il girone eliminatorio rendendo la sfida di domenica con il Galles solo uno spareggio per il primo posto nel gruppo: una posizione chissa’ quanto vantaggiosa (il gioco degli accoppiamenti in questa fase e’ sempre difficile da interpretare), e comunque non necessaria per andare avanti. Bastano all’uopo i 6 punti attuali in classifica della squadra di Mancini, che allunga la striscia positiva a 29 risultati utili e dieci successi consecutivi (senza subire gol) ed e’ la prima qualificata alla seconda fase.

Non sempre partire forte vale automaticamente un torneo di primissimo piano (nel 2016 gli azzurri di Conte cominciarono con due vittorie anche piu’ significative, ma si fermarono ai quarti di finale; il Portogallo poi campione prese l’abbrivio con tre pareggi). Ma la squadra di Mancini, fatta la tara degli avversari non di altissimo livello affrontati finora, con il suo gioco sempre votato all’attacco e alimentato da un eccellente possesso palla, manda un messaggio forte all’Europa del calcio, nella quale altre big mettono in mostra talenti straordinari ma nessuna la capacita’ azzurra di costruire con semplicita’ la vittoria.

Rientrato ampiamente l’allarme Berardi, in avvio Mancini aveva proposto in pratica la stessa squadra della sfida con la Turchia. Unica eccezione, il convalescente Florenzi sostituito da Di Lorenzo che gia’ nel secondo tempo della gara di apertura lo aveva rimpiazzato molto degnamente.

Neanche in panchina, invece, Verratti, tenuto prudenzialmente lontano dalla tentazione di affrettare il rientro. E scontato il modulo, l’abituale 4-3-3 alla ricerca di gioco e gol con il tridente offensivo Insigne-Berardi-Immobile. Anche Petkovic, per il quale l’Olimpico e’ stato campo di casa per un anno e mezzo ai tempi in cui allenava la Lazio, non rinunciava a un modulo apparentemente diretto alla costruzione del gioco come il suo 3-4-1-2. A dispetto di tutta una filmografia, che parte dall’immenso Manfredi emigrante in Pane e cioccolata, gli svizzeri si erano comunque presentati con una nazionale fortemente multietnica e votata all’integrazione, con terminale offensivo il dirompente Embolo, nato in Camerun a fare coppia in avanti con Seferovic (di origine bosniaca). A metterli in movimento, Shaqiri (nato in Kosovo), un pochino appesantito nella muscolatura ma sempre temibile per gli estri.

Fatto sta che nonostante la buona volonta’ di Petkovic, era la propulsione italiana a porre il piano inclinato della gara nella meta’ campo avversaria: nella prima mezz’ora si giocava praticamente sempre li’, e ne emergevano perlomeno un paio di grandi occasioni: la prima al 10′ scaturiva dalla solita fuga sulla sinistra di Spinazzola, bravo a mandare al centro una palla che chiedeva solo di essere messa in rete: ma Immobile non era altrettanto bravo e metteva alto con un colpo di testa goffo.

E la seconda arrivava al 19′, quando su angolo di Insigne Chiellini travolgeva in mischia Xhaka e Akani prima di realizzare da due passi. Karasev concedeva il gol, ma l’intervento dell’uomo alla Var lo spingeva a ripensarci. Il gol azzurro era comunque maturo, e nonostante un risentimento alla coscia sinistra avesse costretto al 23′ Mancini a sostituire il capitano Chiellini con Acerbi, arrivava al 25′ quando Locatelli giganteggiava a centrocampo in fase di interdizione lanciando sulla destra Berardi: l’ esterno s’involava sulla corsia di destra e rimetteva la palla al centro, dove trovava, guarda un po’, proprio Locatelli che dopo avere sprintato 50 metri realizzava da due passi. La Svizzera provava a dare profondita’ alle sue manovre, ma senza costrutto: era semmai ancora l’Italia a farsi pericolosa con un paio di contropiede di Insigne e Spinazzola.

Nella ripresa la Svizzera si ripresentava con Gavranovic al posto di Seferovic e provava a incidere di piu’ in avanti, ma prendeva subito il colpo del ko definitivo: a sferrarlo al 7′ era ancora Locatelli, con un sinistro secco da fuori area dopo azione Berardi-Barella. A riaprire la partita ci provava Zuber al 19′, ma sul suo tiro ravvicinato metteva una pezza Donnarumma, guadagnandosi un bel voto in pagella. Entravano Chiesa e Toloi al posto di Insigne e Berardi, Pessina e Cristante per Locatelli (scattava la standing ovation) e Barella, segnava il terzo gol con un tiro da lontano Immobile con la collaborazione di Sommer: ma il senso della serata non cambiava, e la festa nell’estate romana ricominciava.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto