Collegati con noi

Ben'essere

Al vertice dell’Onu del Vino c’è Luigi Moio

Pubblicato

del

Torna un italiano al vertice dell’Onu del vino. A quarant’anni di distanza dalla presidenza di Mario Fregoni, unico italiano ad aver presieduto l’Oiv oltre a Pier Giovanni Garoglio, l’Italia torna a guidare l’Organisation Internationale de la Vigne et du Vin con Luigi Moio, professore ordinario di enologia nel dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, produttore con la cantina Quintodecimo, in Irpinia, neo presidente dell’Oiv. ”L’Italia, al pari di Francia e Spagna, ha sempre partecipato attivamente ai lavori dell’Oiv, con una importante delegazione di esperti, dando un contributo molto importante. La presidenza significa essere all’apice, o meglio tornarci, a quarant’anni di distanza dal professore Fregoni. È importante trovare il consenso, l’equilibrio e l’armonia – ricorda Luigi Moio – perché l’obiettivo fondamentale dell’Oiv è mettere in armonia i diversi Paesi e farli convergere su regole comuni, aspetto particolarmente importante se si parla di commercio internazionale, basta vedere cosa sta succedendo in Russia con lo Champagne”.

Advertisement
Continua a leggere

Ben'essere

Ischia, inizia “Andar per cantine” per festeggiare la vendemmia

Pubblicato

del

Fino al 2 ottobre a Ischia si festeggerà le vendemmia 2022 ( e il buon bere) con la manifestazione “Andar per cantine”: conclusa la raccolta dell’uva in tutte le sue contrade, con l’ormai classica manifestazione d’inizio autunno, c’è un ventaglio amplissimo di opportunità per gli amanti della natura e del buon bere. Il programma, curato dalla Pro Loco Panza, prevede ogni giorno passeggiate lungo i percorsi più suggestivi dell’isola tra terra e mare, percorsi emozionali con degustazioni nelle antiche cantine e presso le aziende agricole che custodiscono e tramandano tradizioni e riti della viticoltura eroica ischitana, eventi corali per celebrare l’eccellenza dei vini e degli altri prodotti della fertile terra vulcanica dell’Isola Verde.

Già nella prima giornata, la XIV edizione di “Andar per Cantine” propone al mattino e nel pomeriggio cinque dei sei percorsi di degustazione che portano il nome dei più importanti vini ischitani: Epomeo, Biancolella, Frassitelli, Forastera, San Lunardo. E gli itinerari trekking quotidiani, tutti con la presenza di una guida esperta, inizieranno dal Sentiero delle Due Baie (di nuovo protagonista il 28 settembre), che si snoda per circa 6 chilometri alla portata di tutti tra le suggestioni visive e olfattive della rigogliosa macchia mediterranea che accompagna al Monte di Panza e degli incantevoli boschetti che segnano il cammino fino alla magnifica Baia della Pelara, dove si rivela ancora incontaminata la natura vulcanica dell’isola, per poi proseguire verso Toccaneto, altra area vocata alla viticoltura fin dal tempo dei Greci. La passeggiata si concluderà alla tenuta “L’Oro d’Ischia”, dove si allevano le api, per una visita con degustazioni dei mieli e degli altri prodotti delle preziose impollinatrici.

Cantine Scardecchia

Quella di mercoledì 21 sarà la prima serata di “Cantinando sotto le stelle” (le altre saranno il 23, 27 e 29 settembre), seguendo i percorsi guidati con degustazioni di vini e prodotti tipici locali in alcune delle più antiche cantine dell’isola, scavate nel tufo grigio o verde a seconda dei versanti, con il valore aggiunto della compagnia del cielo stellato di settembre, che fa risplendere il mare e parla ancora d’estate.

Cantina Raustella

Continua a leggere

Ben'essere

Vino: annata soddisfacente per quantità e qualità secondo Assoenologi, Uiv e Ismea

Pubblicato

del

Nonostante la siccita’, la produzione di vino in Italia resta su ottimi livelli. Secondo stime di Assoenologi, Uiv e Ismea si tratta di “un’annata soddisfacente per quantita’ e sorprendente per qualita’”. Ed e’ anche la prima annata all’insegna dello standard nazionale di sostenibilita’. Certo, una virata decisiva l’hanno dato le piogge delle ultime settimane che hanno di fatto graziato i vigneti del nostro territorio consentendo una vendemmia – appena iniziata – che secondo i primi calcoli dovrebbe produrre 50,27 milioni di ettolitri di vino, piu’ o meno la stessa quantita’ dell’anno precedente che e’ stata di 50,23 milioni. Si calcola pertanto un +3% rispetto al quinquennio 2017-2021. Ma anche la qualita’ non difetta, con una gradazione che va da “buona” a “ottima”, anche se molto dipende dalle aree di riferimento, specie in una stagione funestata dal caldo torrido e dalla siccita’. Cosicche’, a livello quantitativo, si assiste ad una importante flessione della Lombardia (-20%), seguita da quella piu’ moderata del Piemonte (-9%), della Liguria (-5%) e della Sicilia (-5%), mentre si stimano in crescita Sardegna (+15%), Toscana (+12%), Valle d’Aosta (+10%), Trentino-Alto Adige (+10%) Umbria (+10%) e Basilicata (+10). Dal punto di vista qualitativo, viticoltori ed enologi si aspettano vini eccellenti in Trentino-Alto Adige e Sicilia, mentre puntano l’asticella sull'”ottimo” Piemonte, Val d’Aosta, Friuli Venezia-Giulia, Toscana, Lazio, Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia e Sardegna, con Liguria, Emilia-Romagna, Marche, Campania, Basilicata e Calabria, piu’ caute su previsioni “buone/ottime”. Decisamente “buone”, invece, le attese per le etichette lombarde e venete.

Altro fattore decisivo della produzione vitivinicola di quest’annata e’ che si tratta di una vendemmia che puo’ vantare lo standard nazionale di sostenibilita’, il che significa una maggiore attenzione al prodotto, al suo aspetto economico e sociale e quindi piu’ in generale al futuro delle singole aziende. Ora la partita dell’annata si giochera’ pero’ tutta sulla redditivita’ del prodotto, anche perche’ il record produttivo non e’ automaticamente anche un indice di ricchezza. Per esempio, le “rese valoriali” del vigneto Italia – secondo un’analisi realizzata dall’Osservatorio Uiv – registrano performance nettamente inferiori rispetto a quelle francesi, che segna una redditivita’ tripla per ogni ettaro coltivato (16,6mila euro vs 6 mila) e per ogni ettolitro prodotto (294 vs 82 euro).

Continua a leggere

Ben'essere

Lo chef stellato marchigiano Pierpaolo Ferracuti vince il campionato di cous cous

Pubblicato

del

E’ Pierpaolo Ferracuti, marchigiano di Porto San Giorgio (Fermo), chef patron al ristorante “Il Restroscena”, il vincitore del Campionato italiano di cous cous Conad, la gara tra 4 chef nazionali svolta nell’ambito della 25^ edizione del Cous Cous Fest, il festival internazionale dell’integrazione culturale in programma fino al 25 settembre a San Vito Lo Capo che e’ tornata ad ospitare, come da tradizione, Paesi e culture diverse per promuovere la pace, lo scambio e la multiculturalita’. Lo chef ha conquistato i palati della giuria tecnica, presieduta da Paolo Marchi, e di quella popolare, con una panzanella mediorientale: cous cous con gambero e gazpacho battendo in finale lo sfidante Alessandro Billi di Tortona (Alessandria) chef patron all’Osteria Billis che, con le sue polpettine di cous cous alla sanvitese, polpo, salsa di alici, maionese saporita, mandorle e cetriolo, ha ricevuto un premio speciale dedicato alla sostenibilita’ del piatto, promosso da Bia CousCous.

Ferracuti, una stella Michelin, e’ stato proclamato sul palco in piazza Santuario dal sindaco di San Vito Lo Capo, Giuseppe Peraino, e premiato da Claudio Alibrandi, presidente Conad. Essendosi aggiudicato la vittoria, lo chef marchigiano rappresentera’ l’Italia al Campionato del mondo di cous cous, la gara tra chef internazionali che vedra’ 8 squadre di chef in gara provenienti da: Argentina, Brasile, Costa d’Avorio, Francia, Italia, Marocco, Palestina e Tunisia. “La giuria e’ stata conquistata dall’acidita’ e dalla croccantezza del mio piatto – ha detto Ferracuti – e’ la prima volta che partecipo ad un concorso nazionale e sono felice di avere vissuto questa fantastica esperienza”. E’ invece siciliano il giovane vincitore del “Next generation student contest Conad”, il Campionato che ha visto a confronto gli studenti degli istituti alberghieri italiani, una delle novita’ di quest’anno. Erik Cinquerughe, diciottenne di San Cataldo dell’Euroform, Scuola Professionale dei Mestieri si e’ imposto con una ricetta dal titolo “abbracci di cous cous”: “un piatto – ha detto Erik, accompagnato dal professore Simone Pallare e dal dirigente scolastico Pietro Rapisarda – che racconta l’amore per la mia isola, in un incontro sensoriale di sapori mediterranei, tra mare e terra, che si uniscono come in un intenso abbraccio”. Lo studente e’ stato premiato sul palco da Francesco Cicognola,

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto