Collegati con noi

Tecnologia

Al Cira di Capua Samantha Cristoforetti in visita

Pubblicato

del

Il Centro Italiano Ricerche Aerospaziali ha ospitato l’Ingegner Samantha Cristoforetti, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), per rafforzare la collaborazione nel settore spaziale e promuovere lo sviluppo delle tecnologie aerospaziali continentali. La visita è iniziata con una presentazione tecnica delle attività del Cira. Durante l’incontro sono stati illustrati i principali progetti del Centro, con un focus particolare sulle attività spaziali e sulle collaborazioni già in essere con l’Esa. L’Ingegner Cristoforetti ha poi incontrato i dipendenti del Cira nella Sala Pascale, dove ha tenuto un breve intervento. Successivamente l’Ingegner Cristoforetti ha visitato gli impianti del Centro.

Con una delegazione del CIRA si è recata presso il Plasma Wind Tunnel (PWT), utilizzato per lo studio delle condizioni di rientro atmosferico, il Laboratorio di Qualifica Spaziale (LQS), dedicato alla qualifica di componenti e sistemi tecnologici destinati allo spazio, e i laboratori del centro di manifattura e testing di strutture. La visita è stata focalizzata sul programma LEO Cargo Return Service dell’Agenzia Spaziale Europea, guidato dall’Ingegner Cristoforetti e che vedrà il CIRA coinvolto, all’interno del consorzio guidato da Thales Alenia Space, nello sviluppo di tecnologie e soluzioni per il rientro in atmosfera.

Obiettivo del programma è dotare l’Europa di un servizio cargo indipendente per il rientro e recupero di payload da stazioni spaziali in orbita bassa. Altro punto focale della visita è stato lo sviluppo delle capacità tecnologiche e sistemistiche fondamentali per garantire la sicurezza e l’efficacia di future missioni spaziali umane. In quest’ambito, il CIRA è fortemente impegnato nell’avanzamento delle relative capacità ingegneristiche, forte di un ruolo di primissimo piano nei TPS (Thermal Protection Systems, Sistemi di Protezione Termica) come ad esempio con il Programma Space Rider.

Il Presidente del CIRA, Antonio Blandini, ha commentato: “La visita di Samantha Cristoforetti al CIRA sottolinea l’importanza decisiva della collaborazione tra attori europei nel settore spaziale. Il nostro Centro è un protagonista chiave nei principali programmi di ricerca, grazie alle avanzate capacità di test e alla profonda expertise nelle tecnologie abilitanti al trasporto spaziale. Questo ruolo rafforza il nostro impegno nelle strategie nazionali ed internazionali nell’esplorazione spaziale”.

Advertisement

Economia

Fastweb lancia il suo supercomputer e sfida Tim nell’Ia

Pubblicato

del

Fastweb lancia il suo Supercomputer dedicato all’intelligenza artificiale al servizio delle imprese e della Pa, un ‘guanto di sfida’ per Tim Enterprise. “Siamo già un player di riferimento nel settore business, come lo è Tim del resto: sarà una bella competizione, accesa come sempre – commenta il ceo Walter Renna – anche se sui temi di Intelligenza artificiale, per quel che io sappia, siamo più avanti, perchè siamo partiti ormai un anno fa e oggi mettiamo a terra questa strategia, e speriamo di accelerare il più possibile”. Renna guarda anche all’acquisizione di Vodafone Italia che va avanti secondo le tempistiche previste (entro il primo trimestre 2025 dovrebbe arrivare la risposta dell’Antitrust italiano) e l’IA sarà un driver di crescita anche per la nuova Fastweb.

NeXXt AI Factory, il primo e più potente supercomputer di un’azienda privata (ma a disposizione anche della PA) dedicato all’Intelligenza artificiale generativa ha casa a Pontesanpietro (Bergamo), nel Campus di Aruba (200.000 m² con un livello di sicurezza certificato al massimo livello). Parlerà italiano, ovvero si dedicherà a sviluppare MIIA (Modello Italiano Intelligenza Artificiale), avrà così un modello culturale che saprà comprendere meglio le domande delle Pmi italiane. Gli altri pilastri della strategia sono il “controllo totale sui dati, custoditi in Italia; cybersicurezza e governance che significa trasparenza e rispetto delle regole”. L’offerta commerciale partirà a fine anno ma Fastweb ha già stretto alcuni accordi, in particolare quello quinquennale con Mondadori.

Per le ulteriori fasi di addestramento del linguaggio del Supercomputer intervengono anche Bignami Editori e Istat (Istituto Nazionale di Statistica) che hanno creato il più grande e affidabile dataset in lingua italiana, con 1.500 miliardi di token, equivalenti a 11 milioni di libri e sono state strette collaborazioni con La Sapienza di Roma e l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. “Il modello di business è totalmente aperto, vogliamo dare alle aziende e alla Pa la possibilità di decidere a che livello investire: possono avere solo spazio nel cloud, c’è chi vuole il nostro modello linguistico e chi, auspichiamo, vorrà creare con noi applicazioni verticali” spiega Renna che non dà dettagli finanziari sull’investimento, ma ricorda che “fa parte di quel 25% che ogni anno investiamo in infrastrutture”. “Ci aspettiamo – in termini invece di ricavi – di superare la doppia cifra in tre anni, è un mercato che cresce molto rapidamente e che oggi vale 500 milioni ma che ci aspettiamo arrivi a 2 miliardi in 5 anni”.

Continua a leggere

In Evidenza

Fondazione Zuckerberg premia la ricerca italiana con 400mila dollari

Pubblicato

del

La Fondazione Zuckerberg ‘premia’ la ricerca italiana, con un finanziamento ad hoc a due studiosi dell’Università di Padova, per premere sulla Bioinformatica del futuro. Circa 400mila dollari per ‘aggiornare’ Bioconductor, uno dei software opensource più usato dalla comunità scientifica per comprendere e analizzare i dati genomici, come quelli di Dna o Rna. Questo è l’obiettivo del finanziamento assegnato dalla Chan Zuckerberg Initiative agli italiani Davide Risso e Gabriele Sales, dell’ateneo italiano, e al collaboratore Levi Waldron della City University di New York.. Quando si parla di tecnologie di frontiera i tempi di innovazione sono rapidissimi e quello che fino a poco fa era una frontiera si può trovare improvvisamente a dover rincorrere per non diventare obsoleto: è quello che in qualche modo sta avvenendo in pochi anni a uno dei principali strumenti della bioinformatica, il software open source Bioconductor. I recenti rapidi sviluppi dell’intelligenza artificiale hanno portato alla ribalta un ‘vecchio’ tipo di tecnologia informatica, le schede Gpu nate inizialmente nel mondo della grafica e dei video game ma che nel tempo si sono dimostrate particolarmente utili per fare altre tipologie di calcoli, ossia quelli necessari per algoritmi di deep learning e lo sviluppo dei Large Language model come ChatGpt. Computer basati sulle Gpu stanno dimostrando incredibili capacità su alcune tipologie di elaborazioni, ad esempio per la IA, e ora anche la bioinformatica sta virando verso questa tipologia di macchine. Ma per fare questa trasformazione serve rivedere radicalmente anche tutti i software sviluppati finora.

Continua a leggere

Tecnologia

Un anno di Threads, l’anti X ha 175 milioni utenti

Pubblicato

del

Threads cresce ma non scalza X. Ad un anno dal suo lancio l’alternativa di Meta alla piattaforma di Elon Musk ha raggiunto il traguardo dei 175 milioni di utenti attivi mensili. Il nuovo social è apparso il 5 luglio 2023 mentre molti utenti e inserzionisti iniziavano a disertare l’ex Twitter dopo una serie di annunci caotici. Mark Zuckerberg ha colto l’attimo e ha lanciato il nuovo social innescando così un’accesa rivalità con Musk, tanto che il tycoon l’ha sfidato ad un combattimento. Ipotesi poi tramontata. “Threads conta ora più di 175 milioni di utenti attivi ogni mese. Che anno”, ha scritto Zuckerberg per sottolineare il traguardo.

Rispetto allo scorso aprile ci sono 25 milioni di utenti in più. Concepita come una costola di Instagram, Threads ad una settimana dal lancio aveva registrato 100 milioni di utenti. La spinta di Instagram l’ha aiutata a diventare l’app scaricata più velocemente di sempre superando il record detenuto da ChatGpt. In Europa e in Italia il social è stato disponibile con qualche mese di ritardo, a dicembre 2023, per rispettare la normativa europea. L’entusiasmo iniziale per Threads, tuttavia, è scemato e l’utilizzo è cresciuto meno velocemente con gli esuli di X che si sono riversati anche su un’altra piattaforma che si chiama Mastodon. Per diventare più grande di X “ci vorrà del tempo, ma lo considero un fallimento se non ci arriviamo”, ha spiegato al sito Platformer Adam Mosseri, a capo di Threads e Instagram. Mosseri ha aggiunto che spera il social nel tempo diventi più indipendente da Instagram e che potrebbe aprire agli inserzionisti, al momento assenti. I numeri aggiornati di Threads arrivano a poche settimane dai conteggi di Elon Musk: ha affermato che X ora ha raggiunto 600 milioni di utenti attivi mensili e che metà di questi lo utilizza quotidianamente. Vale la pena ricordare, però, che la società da quando non è più quotata in Borsa non presenta dati ufficiali e che Musk non ha chiarito se il numero include anche gli account automatizzati, i cosiddetti bot.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto