Collegati con noi

Economia

Accordo in Ue sull’energia, ma Berlino blocca price cap

Pubblicato

del

Dopo lo strappo, i tentativi di ricucire. Roma a favor di telecamere, Berlino per bocca del portavoce del cancelliere Olaf Scholz. Ma la distanza tra le due capitali sul tetto al prezzo del gas resta siderale. E il secco ‘no’ della Germania a qualsivoglia forma di cap da applicare alle importazioni verso l’Europa allontana sempre di piu’ l’ipotesi di arrivare a un punto di caduta comune in sintonia con le richieste di Italia, Francia e altri 13 Paesi, schermate anche dalla Commissione europea. L’unico successo resta fin qui l’accordo politico trovato dai ministri dell’Energia sul pacchetto di misure che prevede il taglio obbligatorio dei consumi dell’elettricita’ del 10%, di cui il 5% nelle ore di punta, da dicembre a marzo 2023; un tetto di 180 euro a megawatt per gli extra-ricavi delle grandi compagnie energetiche che producono elettricita’ da fonti a basso costo; e un contributo di solidarieta’ a carico delle oil&gas. L’ennesimo nulla di fatto sul price cap era nell’aria gia’ alla vigilia della riunione straordinaria dei ministri. Con lo scontro frontale tra Roma e Berlino anche sul nuovo maxi-pacchetto tedesco da 200 miliardi di aiuti di Stato che aveva certificato il nervosismo ormai alle stelle. La posizione del governo Scholz e’ risultata inflessibile anche dopo la nottata: la contrarieta’, ha indicato una fonte diplomatica, non e’ dovuta a “ragioni ideologiche”, ma alle preoccupazioni sulla sicurezza degli approvvigionamenti e all’eventualita’ che il Continente venga tagliato fuori dalle forniture e il Gnl fugga verso l’Asia e oltre. L’unica soluzione percorribile per Berlino appare quella di negoziare direttamente con i fornitori. Un’ipotesi condivisa da Bruxelles, intenzionata gia’ nei prossimi giorni – secondo quanto indicato dalla commissaria europea Kadri Simson al termine del round di colloqui con le capitali – a mettere sul tavolo una nuova proposta (resta da capire se ufficiale o informale) per “usare bene” il proprio “potere negoziale” non tanto per introdurre un price cap, proposta “legittima ma radicale”, quanto piu’ per aprire “corridoi del gas” con i diversi partner commerciali energetici. Di tutt’altro avviso Roma, Parigi e le altre capitali da settimane in pressing. Il ministro della Transizione energetica, Roberto Cingolani, ha cercato di gettare acqua sul fuoco: con la Germania non ci sono tensioni e, ha scandito, “abbiamo lavorato veramente al meglio di quello che potevamo”, in attesa di nuove proposte Ue. Una cooperazione evocata anche da Berlino, con un messaggio di riconciliazione affidato da Scholz al suo portavoce: l’amicizia con l’Italia e’ “profonda” e “cosi’ restera’”. Intanto pero’ resta da trovare la quadra di una discussione che sta spaccando l’Europa nel momento in cui, sotto il peso del caro energia, piu’ avrebbe bisogno di solidarieta’. “Piu’ che ‘price cap’, lo strumento su cui si lavora a livello europeo per la crisi del gas e’ un ‘tetto con forchetta’”, ha indicato Cingolani, illustrando l’idea di “trovare un range tra un minimo e un massimo in cui ci possa sempre essere una variazione”. Ma per Berlino, ha ribadito l’omologo Robert Habeck, il tetto “puo’ essere applicato solo se si dice cosa succede se non arriva abbastanza gas in Europa”. Perche’, ha tuonato, una carenza “porterebbe l’Europa ai suoi limiti, probabilmente alla sua fine”. L’unica via condivisa al momento si registra nell’idea – sostenuta anche dall’esecutivo Ue – di creare un nuovo indice di riferimento per il Gnl diverso dal tradizionale Ttf di Amsterdam, lavorando su benchmark come il Brent o l’Henry Hub. Ma gli unici a poter imprimere una direzione politica piu’ chiara ai negoziati e avvicinare le posizioni sembrano essere i capi di Stato e di governo, attesi il 6 e 7 ottobre a Praga. Forse la visita del presidente francese Emmanuel Macron a Berlino, lunedi’ 3 ottobre, nel Giorno dell’unita’ tedesca, potrebbe dare una mano anche a far ritrovare quella europea. Consci che questo inverno, ha avvertito Bruxelles, “sara’ duro” e il prossimo “ancora di piu'”.

Advertisement

Economia

Alis, aumentare Marebonus, 100 milioni per logistica

Pubblicato

del

Cinque milioni e mezzo di camion in meno sulle strade, oltre 5 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 evitate e aumenti di efficienza per 6,8 miliardi di euro, di cui oltre 5 miliardi di euro sotto forma di risparmi sui beni al consumo per le famiglie. Sono questi i risultati dell’intermodalità marittima e ferroviaria, nel 2022, in Italia, rivendicati dall’assemblea di Alis – Associazione logistica dell’intermodalità sostenibile. “Siamo l’unica scelta di trasporto sostenibile oggi disponibile”, afferma il presidente di Alis, Guido Grimaldi, visto che i veicoli elettrici non sono ancora in grado di coprire lunghe distanze e che le tecnologie alternative come il gnl hanno costi elevatissimi. Chiede quindi una defiscalizzazione, la rapida attuazione degli investimenti del Pnrr e incentivi per rendere più attraente il settore. A partire dal Marebonus, che va portato – è la richiesta di Grimaldi – da 20 milioni a 100 milioni all’anno.

La misura, secondo uno studio dell’Enea citato all’assemblea di Alis, si è dimostrata dieci volte più efficace del superbonus edilizio, portando allo stesso risparmio energetico (circa 191mila tonnellate equivalenti di petrolio nel 2019) con costi pari a un decimo per lo Stato. Un altro punto centrale, per l’associazione, è evitare le nuove tasse sul settore previste dal pacchetto europeo Fit for 55, con l’applicazione alle compagnie armatoriali dell’Ets, il sistema di scambio delle emissioni. Alis chiede di esentare le linee di Autostrade del Mare e quelle di cabotaggio insulare.

La misura avrebbe infatti un effetto “paradossale”, per l’associazione: il ritorno di “milioni di camion sulle autostrade italiane ed europee” e un balzo delle emissioni di CO2 del 70%. Questo appello è accolto dal vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Matteo Salvini, che promette impegno contro le “scelte economiche suicide” di Bruxelles come questa “tassa sull’inquinamento che porterebbe a inquinare di più”.

Salvini propone anche di “abbattere il muro dei signori del no” alle opere pubbliche, a partire dal ponte dello Stretto di Messina per cui auspica l’avvio degli scavi entro due anni. Interviene sull’importanza del ponte anche il ministro per la protezione civile e il mare, Nello Musumeci, dicendo che “non è un capriccio per i siciliani” ma un’infrastruttura necessaria per permette al Mezzogiorno di giocare il suo ruolo di piattaforma logistica del Mediterraneo. Il mare, sottolinea il Vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri, è stato inserito dal governo tra le priorità programmatiche e “non è soltanto turismo, è trasporti, logistica, portualità, autostrade del mare che sono per l’Italia una straordinaria alternativa”.

Continua a leggere

Economia

La manovra da 35 mld arriva in Parlamento: tutte le misure dalla flat tax al pos, dalle pensioni al cuneo

Pubblicato

del

La prima manovra del governo Meloni sta per arrivare in Parlamento. Riceve la bollinatura della Ragioneria e la firma del Presidente della Repubblica. E’ ora pronta per un rush Parlamentare e l’ok entro la fine dell’anno. Rispetto all’ultima bozza il testo sale a 174 articoli, ma non ci sono grosse modifiche, l’impianto è sostanzialmente quello predisposto dal Mef e resta invariato anche l’aumento a 60 euro della soglia per accettare pagamenti in contanti, al centro di un confronto con Bruxelles. Tra le novità, invece, entrano due fondi per la cybersicurezza e 50 milioni per la metro C di Roma. Per il resto viene confermato l’impianto da circa 35 miliardi di euro – tre quarti impegnati negli aiuti contro il caro energia – che taglia il reddito di cittadinanza ma per gli otto mesi che gli restano lo rende cumulabile con i lavori saltuari.

ENERGIA. 21 miliardi contrasteranno il caro bollette fino a marzo. Spariscono gli oneri impropri delle bollette elettriche (come le spese per lo smaltimento del nucleare) e viene rafforzato il bonus sociale (la soglia Isee passa da 12.000 euro a 15.000 euro). Potenziato anche il credito d’imposta per le imprese. Dimezzato invece, da dicembre, lo sconto carburanti (da 30,5 a 18,3 centesimi).

LAVORO E CUNEO. E’ la misura più costosa dopo l’energia: oltre 4 miliardi, che taglieranno il cuneo di 2 punti per i redditi fino a 35mila euro, di 3 punti per quelli fino a 20mila euro. C’è anche un incentivo all’assunzione: decontribuzione azzerata per chi assume donne, giovani under 36 anni o percettori del reddito di cittadinanza. Arrivano anche i buoni lavoro nei settori agricoltura, del comparto Horeca e per lavori domestici fino a 10mila euro.

FISCO E FLAT TAX: Vengono confermate anche per il 2023 le agevolazioni per acquisto prima casa per gli under 36. Viene aumentato anche il tetto al contante, che sale a 5.000 euro, e viene portata a 60 euro la soglia oltre la quale gli esercenti sono obbligati ad accettare carte e bancomat. Confermato poi l’innalzamento della soglia della flat tax da 65.000 euro a 85.000 euro per gli autonomi che avranno anche una flat tax per incrementi di reddito fino a 40mila euro.

PENSIONI. Viene rivisto il meccanismo di indicizzazione, comprese le minime aumentate a 600 euro. Per le nuove uscite, viene introdotta la ‘pensione anticipata flessibile’ (o Quota 103) con 41 anni di contributi e 62 anni d’età. Ma c’è un ‘tetto’ che, fino al raggiungimento dell’età pensionabile, non può superare cinque volte le pensioni minime. L”Opzione donna’ viene prorogata di un anno, ma solo per tre categorie: caregiver, invalide almeno al 74%, dipendenti di imprese in crisi. A questo si aggiunge l’innalzamento dell’età d’uscita da 58 a 60 anni: calerà in base al numero dei figli di un anno per ogni figlio, fino al massimo di due. IMPRESE. Viene rifinanziato con 1 miliardo il fondo di garanzia per le Pmi. Viene prorogato anche bonus Ipo, un credito di imposta per favorire la quotazione delle Pmi in Borsa. Prorogata anche per il 2023 la sospensione dell’entrata in vigore di plastic e sugar tax.

EXTRAPROFITTI. La tassa diventa un “contributo di solidarietà” a carico dei soggetti che in Italia producono, importano o vendono energia elettrica, gas e prodotti petroliferi. Il contributo è del 50% sul reddito 2022 che eccede per almeno il 10% la media dei redditi 2018-21. Sono interessate 7mila aziende.

INFLAZIONE. Per aiutare le famiglie l’Iva scende dal 10 al 5% per i prodotti per l’infanzia e per l’igiene intima femminile. Viene inoltre istituito un fondo di 500 milioni di euro per la “Carta risparmio spesa” per redditi fino a 15mila.

SCUOLA E SANITA’. Per la scuola, ha annunciato il ministro Valditara, ci sono circa 530 milioni in più rispetto all’anno scorso. Tra le altre cose è previsto il ripristino del contributo alle scuole paritarie (70 milioni) e 24 milioni al trasporto disabili. Previste anche nuove risorse per la sanità (1,4 miliardi per il 2022 e 500 milioni per il 2023).

ENTI LOCALI E TRASPORTI. Per gli enti locali, compreso il trasporto pubblico, vengono stanziati circa 3,1 miliardi. Spunta un fondo (160 milioni) per il contrasto al consumo di suolo. Per il ponte sullo Stretto è prevista la riattivazione della società Stretto di Messina spa in liquidazione, nata nel 1981. Viene inoltre evitato il previsto aggiornamento al rialzo degli importi delle multe stradali.

Continua a leggere

Cronache

Farine aumentano del 34% ma il costo del pane si ferma

Pubblicato

del

Continuano a sfornare pane ma a causa dei rincari delle materie prime e dell’energia faticano a far quadrare i conti o lavorano in perdita. Sono i panificatori sardi che denunciano il calo delle vendite di rosette, michette, civraxiu e moddizzosu conseguenza del fatto che le persone comprano lo stretto necessario e cominciano a limitare gli sprechi scegliendo sempre più pezzature di pane da un chilogrammo, al posto della consueta forma da mezzo chilo, da consumare non solo nel giorno stesso, ma anche nei successivi. Secondo l’analisi dell’Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Sardegna, su dati Istat, ogni giorno si sfornano oltre 100mila tonnellate di pane fresco per oltre 800 i tipi di prodotto. Per ciò che riguarda i consumi, sono 730.510 le famiglie sarde che in media spendono ogni mese circa 21 euro per infarinati, insemolati ma anche per schiacciatine, baguette, bananine e lingue senza dimenticare il pane alla ricotta o quello con le olive. Partendo da questo dato è possibile stimare che in media la spesa annua sostenuta da tutte le famiglie dell’Isola per l’acquisto di pane ammonta a 186 milioni di euro. Gli ultimi dati dicono che se la farina è aumentata del 33,8% tra ottobre-novembre 2021 e ottobre-novembre di quest’anno, e dello 0,8% tra agosto-settembre 2022 e ottobre-novembre 2022, il prezzo del pane, quindi del prodotto finito, è cresciuto di meno della metà e quindi del 16% tra ottobre-novembre 2021 e ottobre-novembre di quest’anno, e dello 0,8% tra agosto-settembre 2022 e ottobre-novembre 2022. Ma per lavorare le pagnotte occorrono, solo per fare degli esempi, anche l’olio EVO (cresciuto del 29%), quello di oliva (+43,6%) di semi vari (+16,6%), burro (+23,5%) e lo zucchero (+19,4%). “Le imprese della panificazione – sottolinea Confartigianato Imprese Sardegna – producono beni di prima necessità la cui distribuzione non può essere messa a repentaglio, pena il rischio di gravi ripercussioni sulla tenuta sociale. Ingiusto far mancare il pane alla popolazione”. “Per questa ragione – rimarca l’Associazione Artigiana – chiediamo interventi specifici per far fronte ai rincari di farina, imballaggi, gasolio, attrezzi e macchinari. Nell’Isola ci sono 800 imprese, con oltre 2.400 addetti, che da oltre due anni stanno affrontando una situazione di fortissima instabilità che ha messo a dura prova la tenuta delle produzioni e a rischio la qualità delle produzioni alimentari, simbolo della nostra Isola. Senza interventi mirati e immediati il pane artigianale, bene primario per eccellenza, potrebbe presto venire a mancare dalle tavole sarde e italiane”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto