Collegati con noi

Cronache

Accoltellato a morte fuori scuola un bambino di 7 anni

Avatar

Pubblicato

del

La storia è raccapricciante. Coinvolge un bambino di 7 anni,  accoltellato a morte a Basilea mentre tornava da scuola. L’assassina è una di 75 anni che si è costituita, affermando di essere responsabile dell’omicidio. Questo è quello che racconta la polizia cantonale. Non si conoscono i motivi del gesto. L’aggressione è avvenuta verso le 12.45 a 200-300 metri di distanza dalla scuola. Stando ai primi elementi di inchiesta, lo scolaro stava rientrando a casa ed era solo sul marciapiede quando è stato accoltellato. Il bimbo perdeva sangue in maniera copiosa. . La sua insegnante, che stava pure rientrando in bicicletta dopo le lezioni, ha trovato il ragazzino a terra ed ha immediatamente avvertito i soccorsi. Il personale dell’ambulanza ha tentato di rianimare il bambino e lo ha condotto al Pronto soccorso dell’Ospedale pediatrico universitario. Tutto si è svolto in pochissimi minuti. Il bambino è stato sottoposto ha un intervento chirurgico d’emergenza, ma è morto poco dopo. Aveva perso troppo sangue. La polizia ha immediatamente avviato le ricerche della presunta responsabile dell’aggressione poiché una donna anziana è stata vista allontanarsi dalla scena del crimine. Poco dopo una anziana di 75 anni si è presentata in procura e ha confessato il delitto. I motivi e la dinamica non sono ancora stati chiariti. Non si sa al momento se esiste un legame fra il bambino e l’anziana. Le indagini sono in corso e la polizia ha lanciato un appello a eventuali testimoni. La comunità è sotto choc. La polizia sta provando a capire da questa donna i motivi di questa gesto aberrante.

Advertisement

Cronache

Coronavirus: scuole e università chiuse anche in Campania fino al 1. marzo

Avatar

Pubblicato

del

Con l’ordinanza numero 4 del 26 febbraio anche la Regione Campania dispone la chiusura delle scuole di ogni ordine fino al 1 marzo compreso per “consentire, a  cura dei soggetti competenti la realizzazione di un programma di disinfezione straordinaria dei locali di scuole, istituti di formazione ed università. In pratica quello che già avevano anticipato a Napoli ed in altri comuni. L’ ordinanza è stata trasmessa al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Salute, ai Prefetti delle Province della regione Campania, al Dirigente scolastico regionale.

Nel corso della riunione con i sindaci della Campania il Governatore Vincenzo De Luca ha parlato anche di “un piano B o C: dobbiamo mettere in conto che arriverà – ha affermato – e ci stiamo preparando”.  H poi annunciato di essere in stretto contatto con le forze dell’ordine per individuare luoghi come caserme in disuso destinati a quarantena per gruppi di cittadini, qualora dovesse essere necessario”.

 

Continua a leggere

Cronache

Coronavirus: dalle assenze a scuola ai rimborsi per i viaggi, un vademecum pratico per tutti

Avatar

Pubblicato

del

Come farsi rimborsare un biglietto di treno o di aereo se si deve rinunciare al viaggio a causa del coronavirus. Come chiedere la sospensione della rata del mutuo se si vive nella ‘zona rossa’. Come certificare il rientro in classe dopo un’assenza. Dai trasporti alla scuola, passando per il fisco, sono tanti problemi pratici che una buona parte di italiani si stanno trovando ad affrontare. Per aiutarli, l’associazione Cittadinanzattiva ha creato uno spazio online da consultare per avere informazioni pratiche certificate. Queste alcune delle domande piu’ frequenti.

RIMBORSO TRENI: Ho prenotato un biglietto di treno ma devo rinunciare al viaggio per Coronavirus. Posso aver il rimborso? Si, e le modalita’ dell’erogazione del voucher variano a seconda che si tratti di Trenitalia o Italo. A questo scopo sul sito sono disponibili link e modulistica.

RIMBORSO VOLI: Devo chiedere il rimborso del biglietto aereo per un volo prenotato per la Cina. Posso procedere? Si hai diritto al rimborso del prezzo pieno del biglietto pagato senza nessuna decurtazione. L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (Enac) dal 31 gennaio 2020 ha provveduto a sospendere tutti i collegamenti aerei tra l’Italia e la Cina. Nel caso in cui proponessero un rimborso parziale del biglietto, il consiglio e’ quello di contestare l’offerta ricevuta e di rivolgersi direttamente all’ENAC o farlo attraverso associazioni di consumatori.

RATA DEL MUTUO: Mi trovo in una regione oggetto delle misure straordinarie per il contenimento del virus. Posso chiedere la sospensione della rata del mutuo? L’ABI sta valutando insieme al Governo l’applicabilita’ del protocollo gia’ in vigore per la sospensione delle rate di mutuo in caso di calamita’ naturali.

GITE SCOLASTICHE: Mio figlio va a scuola a Roma ma hanno annullato l’uscita a teatro. Perche’? Dalle gite di piu’ giorni alle uscite di poche ore, sono sospese le uscite didattiche almeno fino al 15 marzo e i genitori verranno rimborsati.

CERTIFICATI MEDICI: Mia figlia e’ stata assente da scuola per malattia per piu’ di 5 giorni. Puo’ tornare anche senza certificato? Fino al 15 marzo, se non verra’ prorogato oltre, sara’ necessario portare il certificato medico in tutte le Regioni, anche in quelle che lo avevano abolito.

CHIUSURA SCUOLE: Frequento le scuole superiori in Veneto e ho gia’ fatto molti giorni di assenza. Con la chiusura delle scuole, rischio di perdere l’anno scolastico? No, la normativa stabilisce che “al ricorrere di situazioni imprevedibili e’ fatta salva la validita’ dell’anno scolastico”.

FESTE: Vivo a Napoli e ho organizzato un compleanno nello spazio di una parrocchia. Devo annullarlo? Le feste in luoghi come parrocchie o centri commerciali che non rientrano nella ‘Zona Rossa’ non vanno obbligatoriamente annullati. Questi centri possono pero’ decidere di sospenderne l’organizzazione.

TRUFFE: per tutelare i consumatori e’ a disposizione la mail coronavirus@cittadinanzattiva.it a cui segnalare truffe e speculazioni legate all’emergenza.

Continua a leggere

Cronache

Spazzacorrotti: la Consulta restituisce atti a giudici di Caltanissetta e Palermo e alla Cassazione

Avatar

Pubblicato

del

La Corte costituzionale ha restituito gli atti alla Corte d’appello di Caltanissetta, alla Corte di Cassazione e alla Corte d’appello di Palermo, che avevano sollevato dubbi di costituzionalità sull’inserimento, operato dalla legge Spazzacorrotti, del peculato e dell’induzione indebita nell’elenco dei reati cosiddetti “ostativi”, che precludono al condannato l’accesso a qualunque beneficio penitenziario in assenza di collaborazione con la giustizia. Questo perche’ valutino – come spiega un comunicato della Corte – se, ai fini della loro decisione, le censure sollevate siano ancora rilevanti alla luce della sentenza (le cui motivazioni sono state depositate oggi) che ha dichiarato costituzionalmente illegittima l’applicazione retroattiva della legge Spazzacorrotti ai reati commessi prima della sua entrata in vigore. In tutti e tre i casi esaminati, infatti, i reati sono stati commessi in data anteriore alla entrata in vigore della legge.

Continua a leggere

In rilievo