Collegati con noi

In Evidenza

A Bruxelles avanza il fronte dei no-Nutriscore

Pubblicato

del

L’Italia torna a intensificare l’azione a Bruxelles contro il Nutriscore. Alla sua prima visita ufficiale a Bruxelles da ministro dell’agricoltura Francesco Lollobrigida ha ribadito il ‘no’ dell’Italia al modello di etichetta a colori per le informazioni ai consumatori sui valori nutrizionali dei prodotti alimentari. Lollobrigida ha incontrato il commissario Ue all’Agricoltura Janusz Wojciechowski e gli omologhi di Spagna, Austria, Polonia e Francia. “Abbiamo posto questo problema a tutti”, ha spiegato. “Non abbiamo avuto posizioni ufficiali – ha sottolineato il ministro – ma la nostra sensazione è che tutti abbiano la consapevolezza che” il Nutriscore “non possa essere uno strumento che garantisce appieno il consumatore finale e sia utile all’economia di questa nostra Europa”. Sulla stessa linea un gruppo di oltre venti eurodeputati di tutti i partiti. In una lettera datata 9 novembre ma fatta circolare oggi, indirizzata ai vertici della Commissione europea, gli europarlamentari non nominano mai il Nutriscore. Ma chiedono una etichettatura nutrizionale che è il suo opposto.

L’etichetta dovrà essere “semplice” ma “non semplicistica”, “priva di giudizi di valore”, con “informazioni su calorie e nutrienti per porzione”. Per l’Italia, la lettera è firmata da 9 eurodeputati di diverso colore e da Confederazione Italiana Agricoltori, Confagricoltura e Federalimentare. Prese di posizione che non fanno che rendere più complesso il rebus per la Commissione europea, che ha più volte indicato di voler proporre un’etichetta non divisiva. Una proposta legislativa era attesa per fine anno, ma con tutta probabilità non arriverà prima del secondo semestre del 2023. A difendere il Nutriscore è uno dei suoi padri, il professore francese di scienze della nutrizione Serge Hercberg, che nei giorni scorsi è tornato a twittare: “L’affermazione secondo cui NutriScore si opporrebbe al cibo mediterraneo è totalmente falsa”. E ha ricordato il lavoro dell’equipe scientifica creata da Francia, Spagna, Germania, Lussemburgo, Olanda e Svizzera per aggiornare l’algoritmo. “La versione aggiornata del Nutriscore prevista per il 2023 è ancora più in linea con il modello della Dieta Mediterranea – scrive – l’olio d’oliva si classificherà B” ci saranno “più penalizzazioni per carni rosse e prodotti ad alto contenuto di zucchero e sale e punteggi migliori per il pesce grasso e prodotti a base di cereali integrali”.

Advertisement

In Evidenza

Koulibaly segna, porta il Senegal agli ottavi e dedica il gol a Ischia

Pubblicato

del

Ha segnato il gol che ha battuto l’Ecuador e portato il Senegal agli ottavi di finale dei Mondiali 2022 ma Kalidou Koulibaly non era felice e alla fine della partita si è capito perchè: ha voluto dedicare quel gol e i suoi pensieri all’isola di Ischia. Una dedica speciale per Ischia gravemente colpita dall’alluvione di domenica scorsa, uno dei luoghi del cuore di Kalidou e della sua famiglia, dove ha trascorso le sue vacanze : “Dedico il gol a Ischia in questo momento difficile. A causa delle frane – ha ricordato l’ex difensore del Napoli – ci sono stati molti morti. A Ischia e ai suoi abitanti, per dare loro forza in questo momento così difficile – ha aggiunto – voglio dedicare questo gol”.

 

 

Continua a leggere

Economia

Alis, aumentare Marebonus, 100 milioni per logistica

Pubblicato

del

Cinque milioni e mezzo di camion in meno sulle strade, oltre 5 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 evitate e aumenti di efficienza per 6,8 miliardi di euro, di cui oltre 5 miliardi di euro sotto forma di risparmi sui beni al consumo per le famiglie. Sono questi i risultati dell’intermodalità marittima e ferroviaria, nel 2022, in Italia, rivendicati dall’assemblea di Alis – Associazione logistica dell’intermodalità sostenibile. “Siamo l’unica scelta di trasporto sostenibile oggi disponibile”, afferma il presidente di Alis, Guido Grimaldi, visto che i veicoli elettrici non sono ancora in grado di coprire lunghe distanze e che le tecnologie alternative come il gnl hanno costi elevatissimi. Chiede quindi una defiscalizzazione, la rapida attuazione degli investimenti del Pnrr e incentivi per rendere più attraente il settore. A partire dal Marebonus, che va portato – è la richiesta di Grimaldi – da 20 milioni a 100 milioni all’anno.

La misura, secondo uno studio dell’Enea citato all’assemblea di Alis, si è dimostrata dieci volte più efficace del superbonus edilizio, portando allo stesso risparmio energetico (circa 191mila tonnellate equivalenti di petrolio nel 2019) con costi pari a un decimo per lo Stato. Un altro punto centrale, per l’associazione, è evitare le nuove tasse sul settore previste dal pacchetto europeo Fit for 55, con l’applicazione alle compagnie armatoriali dell’Ets, il sistema di scambio delle emissioni. Alis chiede di esentare le linee di Autostrade del Mare e quelle di cabotaggio insulare.

La misura avrebbe infatti un effetto “paradossale”, per l’associazione: il ritorno di “milioni di camion sulle autostrade italiane ed europee” e un balzo delle emissioni di CO2 del 70%. Questo appello è accolto dal vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Matteo Salvini, che promette impegno contro le “scelte economiche suicide” di Bruxelles come questa “tassa sull’inquinamento che porterebbe a inquinare di più”.

Salvini propone anche di “abbattere il muro dei signori del no” alle opere pubbliche, a partire dal ponte dello Stretto di Messina per cui auspica l’avvio degli scavi entro due anni. Interviene sull’importanza del ponte anche il ministro per la protezione civile e il mare, Nello Musumeci, dicendo che “non è un capriccio per i siciliani” ma un’infrastruttura necessaria per permette al Mezzogiorno di giocare il suo ruolo di piattaforma logistica del Mediterraneo. Il mare, sottolinea il Vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri, è stato inserito dal governo tra le priorità programmatiche e “non è soltanto turismo, è trasporti, logistica, portualità, autostrade del mare che sono per l’Italia una straordinaria alternativa”.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, gli appelli: mascherine per salvare il Natale

Pubblicato

del

Mascherina o Natale a letto. Così si possono salvare le feste imminenti secondo il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che, rivolgendosi agli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, li ha spronati a indossare la protezione dal Covid, quando ci sono momenti di assembramento. “Non fate i disinvolti, gli ottimisti. Ho contato solo 6 persone, 6 ‘pellegrini’ che la indossano stamattina. Eppure – dice De Luca – c’è qualche segnale preoccupante che arriva dalla Cina. Quello che succede lì dopo un mese e mezzo arriva da noi. Speriamo di non incappare in qualche variante che può creare problemi”. Sulla stessa scia, un appello arriva dalla premier francese Elisabeth Borne: “Rispettiamo le misure di protezione, indossiamo la mascherina non appena siamo con persone vulnerabili o in zone affollate come i trasporti pubblici. Sono piccoli gesti che salvano vite”. In una scuola del Palermitano, l’Ugo Marsia di Carini, una circolare rimette al centro l’obbligo di mascherina in classe per il personale e per gli alunni a rischio di sviluppare forme severe della malattia, e adotta altre precauzioni come avveniva già durante la pandemia. Ma in Italia ci sono anche elementi per dirsi ottimisti. Massimo Ciccozzi, responsabile dell’Unità di ricerca di epidemiologia molecolare dell’Università Campus Bio-medico di Roma, afferma che il Covid “si sta adattando sempre più a noi”, la sottovariante Cerberus è meno contagiosa della Omicron 5, anche se occorre essere sempre pronti nell’eventualità di nuove varianti più temibili di Omicron. Il governo si prepara intanto ad allentare il periodo di isolamento per gli asintomatici positivi. “Stiamo lavorando per fa sì che gli asintomatici possano rientrare nelle loro attività dopo cinque giorni. Su questo, a breve, presenteremo un disegno di legge”, ha detto il ministro della Salute Orazio Schillaci. Un cambio di regole che secondo il presidente della Liguria Giovanni Toti andrebbe adottato anche per i tamponi in entrata in ospedale nel caso di soggetti sintomatici ‘per far ripartire la sanità senza stop and go’. ‘Inutile farli a un paziente vaccinato che arriva con il ginocchio gonfio’, dice. A livello nazionale, sottolinea il presidente della Lombardia Attilio Fontana, “ci sono le condizioni per guardare avanti con ottimismo”. Secondo l’analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo Picone del Cnr, i casi di Covid-19 sono ‘in crescita frenata’ in Italia, così come i ricoveri nelle terapie intensive. Si registra invece una crescita di tipo lineare per i ricoveri nei reparti ordinari ed è in debole aumento l’incidenza dei decessi, con 80 morti al giorno. A preoccupare più del Covid, secondo l’assessore della Regione Lombardia al Welfare Guido Bertolaso, è invece l’influenza “già ad alta intensità”. Bertolaso valuta rinforzi nei Pronto soccorso e sollecita i cittadini a vaccinarsi. Il ministero della Salute presenterà giovedì una campagna ad hoc per le vaccinazioni, ha annunciato il sottosegretario Marcello Gemmato: “Tutti vaccini sono importanti, anche quello contro influenza”, ha detto.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto