Collegati con noi

Cronache

8 marzo, i maschi in due mese del 2021 hanno ucciso 13 donne: c’è poco da festeggiare

Avatar

Pubblicato

del

Sono 13 i femminicidi nei primi due mesi dell’anno, in calo del 35% rispetto ai 20 del primo bimestre 2020, secondo i dati del Servizio analisi criminale della direzione centrale Polizia Criminale del dipartimento della Pubblica sicurezza, pubblicati sul sito del Viminale. Dodici sono stati commessi da partner o ex partner. Sicilia e Lombardia sono le regioni col maggior numero di vittime donne (3). Passando ad esaminare il movente, nel 2020, il 40% delle donne e’ stato ucciso per motivi legati al rapporto; nel 2021 si attesta predominate la ‘lite/futili motivi’ con il 39% dei casi. Quanto al modus operandi, si evidenzia per quest’anno la totale assenza dell’uso delle armi da fuoco, in quanto le 13 vittime sono state quasi tutte aggredite mortalmente con coltelli o con altre armi improprie. Il 2020 con il lockdown ha fatto registrare una diminuzione generalizzata dei reati, con il netto calo anche degli omicidi (-13% rispetto al 2019). E’ aumentata, pero’, l’incidenza percentuale di donne uccise, passata dal 35,2% nel 2019 al 41,1% nel 2020 (sul totale di omicidi commessi). Le donne uccise in ambito familiare/affettivo sono passate dalle 94 del 2019 alle 99 del 2020. Nella maggior parte dei casi hanno trovato la morte per mano del partner o dell’ex partner, sia nel 2019 (72%) che nel 2020 (68%). In contrapposizione con la diminuzione degli omicidi in ambito familiare/affettivo, l’incidenza delle vittime donne aumenta (dal 62% del 2019 al 69% del 2020), mentre diminuisce quella delle donne uccise in ambito familiare/affettivo da partner ed ex partner (dal 72% al 68%). Nel 2020 i reati spia – cioe’ i delitti indicatori di violenza di genere, espressione dunque di violenza fisica, sessuale, psicologica o economica, diretta contro una donna in quanto tale – sono stati 39.166, con un calo del 6% rispetto al 2019. Durante il lockdown si e’ registrata una flessione di questo tipo di reati, che subiscono un nuovo incremento gia’ a partire dall’estate, con l’allentamento delle misure restrittive. Per gli atti persecutori, escluso il periodo del lockdown nel quale si evidenziano delle diminuzioni, i dati mantengono lo stesso trend dell’anno precedente. Le violenze sessuali durante la ‘chiusura’ sono diminuite sensibilmente per tornare ad aumentare nel periodo successivo, raggiungendo il maggior numero e luglio (555 casi), mantenendosi, fino a settembre, con valori superiori rispetto agli stessi mesi del 2019, per poi ridursi di nuovo sensibilmente negli ultimi due mesi dell’anno. Le chiamate al 1522, il numero di pubblica utilita’ attivato dal Dipartimento per le Pari Opportunita’, sono aumentate soprattutto nei mesi del lockdown (sono state 12.833 nei primi dieci mesi dell’anno; erano 7.526 nello stesso periodo dell’anno precedente). Da marzo, in particolare, l’incremento e’ stato esponenziale, per poi decrescere con le successive fasi legate alle progressive riaperture dal 4 maggio in poi. La violenza denunciata al telefono e’ per lo piu’ di tipo fisico e psicologico, raggiungendo nel 2020 il 52% di casi di violenza fisica, con una diminuzione di quella psicologica. Nella maggior parte dei casi e’ una violenza che si consuma da anni (67,7% nel 2020) o da mesi (21,9%), mentre nel 4,4% dei casi si tratta di primo o unico caso di segnalazione. Nel 2020, si registra una quota maggiore di violenze che non hanno una storia pregressa, forse sviluppatesi nella prima fase della pandemia.

Advertisement

Cronache

Incidente a Qualiano, un 16enne morto e 4 feriti: 19enne arrestato dai Carabinieri per omicidio stradale

Avatar

Pubblicato

del

I carabinieri della stazione di Qualiano hanno arrestato nella notte un 19enne incensurato del posto per il reato di omicidio stradale. Il ragazzo, alla guida della sua auto lanciata a folle velocità nel centro cittadino e con tre amici a bordo, aveva perso il controllo della stessa impattando con altro veicolo che percorreva il medesimo tratto di strada. A seguito dell’urto, l’auto dei ragazzi si è ribaltata ed uno di questi, un 16enne di Villaricca, ha perso la vita per le lesioni riportate. Gli altri due giovani sono stati ritenuti guaribili in 30 giorni per fratture multiple, mentre gli occupanti dell’altra auto coinvolta hanno riportato lesioni di lieve entità. Il guidatore, illeso, è stato sottoposto ad esami per l’accertamento dell’eventuale assunzione di alcol e droghe i cui esiti perverranno successivamente. Lo stesso, tenuto conto della condotta di guida, accertata anche attraverso immagini di video-sorveglianza acquisite, è stato tratto in arresto e sottoposto ai domiciliari.

Continua a leggere

Cronache

Tragedia a Qualiano, tre ragazzi coinvolti in un incidente: 16enne morto, altri due in gravi condizioni

Avatar

Pubblicato

del

L’incidente si è verificata in via Consolare Campana. L’auto, una Audi,  si è ribalta. Dall’abitacolo sono stati estratti tre giovanissimi. Trasportati d’urgenza in ospedale per le gravissime condizioni in cui sono stati recuperati grazie anche all’intervento dei vigili del fuoco, uno dei giovani, 16 anni, è morto al Cardarelli di Napoli. Non ce l’ha fatta. I medici le hanno tentate tutte per rianimarlo, ma il ragazzo era in condizoni disperate. Un altro dei tre giovani ricoverato all’ospedale di Giugliano, nella notte è stato trasferito in codice rosso al Cardarelli. Anche in questo caso le condizioni sono gravissime. Un terzo giovane, invece, è attualmente ricoverato all’ospedale La Schiana di Pozzuoli. Sulla dinamica dell’incidente non ci sono ancora versioni chiare ed ufficiali. Sul luogo dell’impatto hanno lavorato vigili urbani e carabinieri. Una delle ipotesi al vaglio è quella secondo cui l’Audi nel nel sorpassare una Fiat Panda l’ha urtata sulla fiancata, capovolgendosi così più volte e impattando sull’Opel Zafira che era parcheggiata.

Continua a leggere

Cronache

Prima fa una strage e poi si uccide: le vittime sono la moglie, il figlio e i padroni di casa

amministratore

Pubblicato

del

Ha sparato, e ucciso, la moglie, il figlio disabile e una coppia di anziani coniugi proprietari della loro abitazione. E, all’arrivo dei carabinieri, si e’ sparato, ferendosi in modo grave. Tragedia in un appartamento di Rivarolo Canavese (Torino), dove nella notte i carabinieri hanno scoperto quattro persone morte. L’uomo che ha sparato, uccidendole, e’ ora in gravi condizioni in ospedale a Torino. Sul posto stanno operando i carabinieri della Compagnia di Ivrea, che stanno cercando di stabilire il movente del gesto. La pistola era regolarmente detenuta. I carabinieri hanno rinvenuto poco dopo le 3 le quattro persone morte, all’interno di una abitazione privata. Erano state colpite nelle ore precedenti con una pistola da un inquilino pensionato che, durante le fasi di accesso dei militari dal balcone dell’appartamento con l’ausilio dei vigili del fuoco, si e’ sparato ferendosi in modo grave. Le persone decedute sono appunto la moglie e un figlio disabile dell’omicida, nonche’ una coppia di anziani coniugi, proprietari dell’appartamento e domiciliati in un altro alloggio al piano di sopra del medesimo stabile.

I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Torino stanno effettuando i rilievi nell’appartamento di Rivarolo Canavese, al quinto piano di un condominio di Corso Italia, in cui 83enne Renzo Tarabella ha ucciso la moglie Rosaria Valovatto, 79 anni, il figlio disabile di 51 anni, Wilson, e i padroni di casa Osvaldo Dighera e Liliana Heidempergher, marito e moglie di 74 e 70 anni. E’ accaduto al civico 46, nel centro della cittadina, poco piu’ di 12 mila abitanti a mezz’ora d’auto da Torino. I carabinieri stanno anche ascoltando vicini di casa e parenti per ricostruire quanto accaduto e delineare un movente. A dare l’allarme, secondo una prima ricostruzione, e’ stata la figlia dei proprietari di casa. La donna, che abita in un edificio di fronte ai genitori, non riuscendo a contattarli al telefono, e’ andata a suonare il campanello e, non trovandoli in casa, ha chiamato i carabinieri. Che fosse accaduto qualcosa al piano di sotto, nell’appartamento che la coppia affittava da tempo a due anziani coniugi con il figlio disabile, i militari l’hanno capito quando, dopo aver risposto al citofono, Tarabella ha smesso di parlare coi militari. L’uomo si e’ sparato alla testa con la stessa pistola usata prima per uccidere le quattro persone mentre i carabinieri entravano nell’alloggio dal balcone con l’ausilio dei vigili del fuoco. In prognosi riservata, e’ ora piantonato all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto