Collegati con noi

Cronache

50 fotografi insieme ai piccoli ambasciatori di pace Saharawi

Avatar

Pubblicato

del

Cinquanta fotografi in mostra, 100 fotografie, un video/portfolio “Ospitalità 2019”  con le immagini di 53 fotografi, napoletani, italiani, stranieri. Sono questi i numeri della serata organizzata per domani 22 luglio alle ore 19 dalla associazione TIRIS, da anni impegnata a sostenere la decolonizzazione del Sahara Occidentale. Appuntamento  presso FOQUS Fondazione Quartieri Spagnoli onlus,  in via Portacarrese a Montecalvario 69. Tutte le foto in mostra verranno poi estratte a sorte per raccogliere fondi  utili all’ospitalità di nove «piccoli ambasciatori di pace» Saharawi.

I piccoli ambasciatori di pace Saharawi sono ospitati da alcuni anni presso la sede della Fondazione FOQUS ai Quartieri Spagnoli, una sorta di vacanza/missione che li vede interagire splendidamente con la realtà del quartiere napoletano e con le numerose attività che si svolgono all’interno di  FOQUS, oramai struttura riconosciuta e apprezzata dal tessuto sociale del territorio. I giovani Saharawi, imparano a conoscere il territorio, scoprendo numerosi aspetti storici ed artistici della città e della regione.

I 50 fotografi che prendono parte alla iniziativa hanno messo a disposizione  due delle loro foto che faranno parte del sorteggio domani sera durante il vernissage della mostra, per contribuire alla raccolta fondi per la permanenza e per l’organizzazione di altre missioni dei piccoli ambasciatori di pace.

 

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Cronache

Bulli 15enni terrorizzano coetanei e anziani, presi

Avatar

Pubblicato

del

Avrebbero bullizzato dei coetanei rapinandoli con un coltello, ponendosi inoltre a capo di una banda di bulli responsabile di aggressioni anche ad anziani nelle strade del centro di Caserta, in particolare nell’area verde attrezzata di villetta Giaquinto. E’ l’accusa a carico di due 15enni di Caserta, che sono stati arrestati e posti in comunita’ dalla Polizia di Stato – Squadra Mobile di Caserta – su ordine del Gip presso il tribunale dei minori di Napoli. Le indagini sono state coordinate dalla Procura per i minorenni di Napoli. Diversi gli episodi violenti di cui si sarebbero resi responsabili i due adolescenti: il piu’ grave e’ la rapina ai danni di due fratelli minori avvenuta il 12 settembre scorso, quando le vittime furono colpiti con schiaffi e pugni, quindi minacciati con un coltello, e costretti a cedere il denaro in loro possesso. Il successivo 4 ottobre, i due bulli presero di nuovo di mira i due fratelli, cui cercarono di rubare la bici, ma la resistenza determinata delle vittime li fece desistere. I ragazzini, aiutati da altri minori, hanno anche offeso, deriso e lanciato arance verso degli anziani che erano alla villetta Giaquinto; ma gli investigatori della Polizia di Stato hanno accertato che la banda avrebbe bullizzato numerosi minori, specie di sera; in un caso ad una vittima fu rotto anche un dente. I poliziotti hanno anche perquisito le abitazioni dei due minori, trovando e sequestrando due pistole “giocattolo”, una delle quali perfetta replica di quelle in dotazione alle forze dell’ordine, tre coltelli, uno dei quali utilizzato per commettere la rapina del 12 settembre, e un passamontagna.

Continua a leggere

Cronache

I genitori della paziente picchiano l’infermiera, ennesima aggressione a Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Ritenevano che la loro figlia ventenne, che lamentava dolori al petto, fosse trascurata. E cosi’ hanno picchiato con calci e pugni una infermiera dell’ospedale Cardarelli di Napoli. E’ accaduto la scorsa notte. L’infermiera, secondo quanto ha riferito ai carabinieri, aveva gia’ incontrato il giorno precedente i genitori della ragazza e gia’ allora avevano avuto discussioni. Poi, ore dopo, il confronto e’ degenerato e il marito e la moglie, insieme ad altre due persone in corso di identificazione, hanno aggredito la donna. Per l’infermiera, dieci i giorni di prognosi. I due aggressori saranno, invece, denunciati. Indagini dei carabinieri sono in corso.

Continua a leggere

Cronache

Maradona: prefetto Napoli autorizza intitolazione stadio

Avatar

Pubblicato

del

Il prefetto di Napoli, Marco Valentini, con provvedimento in data odierna, “vista la richiesta del Comune di Napoli e valutata la possibilita’ di concedere la deroga prevista dall’articolo 4 della legge n.1988/1927″, ha autorizzato il Comune di Napoli a intitolare lo stadio San Paolo a Diego Armando Maradona, con la denominazione ” Stadio Diego Armando Maradona”. L’atto fa seguito alla decisione annunciata ieri dal sindaco Luigi de Magistris

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto