Collegati con noi

Spettacoli

10 anni senza Sandra Mondaini, mai senza Raimondo

Avatar

Pubblicato

del

Dieci anni fa, il 21 settembre del 2010 moriva, l’attrice Sandra Mondaini, un martedi’ poco prima delle 13, all’ospedale San Raffaele di Milano dove era ricoverata da circa 10 giorni. Aveva 79 anni era malata da tempo, nata l’1 settembre del 1931. Pochi mesi prima era rimasta vedova del marito Raimondo Vianello, 52 anni di vita insieme, molta passata in tv, interrotta il 15 aprile 2010. Era visibilmente sofferente, al funerale di Raimondo il compagno di una vita – lei scelse il low profile per uscire dalla ribalta. Attrice brillante che puntava sulla comicita’ pura e sulla recitazione, Sandra Mondaini e’ stata protagonista di un susseguirsi di sketch indimenticabili che hanno segnato la sua carriera. I piu’ famosi sono quelli con il marito Raimondo Vianello, fra i quali spicca la sit-com Mediaset del 1988 “Casa Vianello”- che ha lanciato il celebre tormentone del “che barba, che noia> nel lettone matrimoniale – , anche se i suoi primi sketch “coniugali” furono quelli recitati con Corrado a ‘’la trottola’’ nel 1964. Tra i personaggi interpretati senza il marito, uno di quelli piu’ rimasti nell’immaginario collettivo e’ quello del clown , apprezzato non solamente dai bambini.

Nata il primo settembre del 1931, figlia di Giacinto Mondaini, Sandra diventa famosa gia’ da piccolissima, quando il padre la fa comparire a soli sei mesi in una campagna di sensibilizzasione contro la tubercolosi. Giovanissima, negli anni Quaranta, aiuta la famiglia lavorando come modella per la rivista e poi per Borsalino. Il debutto sul palcoscenico risale al 1949 con una parte nella commedia di Marcello Marchesi, al Teatro Olimpia di Milano. Ma e’ nel 1955 la vera svolta della sua carriera quando viene chiamata da Erminio Macario che due anni prima l’aveva vista lavorare come ‘generica’ in uno dei primi programmi della tv italiana. Accanto al genio della rivista e della comicita’, Sandra impara la professione e la disciplina ferrea del palcoscenico ottenendo un successo straordinario. Nel 1958 Sandra incontra il giovane Raimondo Vianello, il quale quattro anni dopo (1962) diventera’ suo marito e compagno di vita e di lavoro. Insieme con lui e a Gino Bramieri, formano un trio che s’impone con successo. Poi la Mondaini viene chiamata da Garinei e Giovannini per interpretare la commedia musicale ‘Un mandarino per Teo’, accanto a Walter Chiari, Alberto Bonucci e Ave Ninchi. Dopo questa esperienza si dedica soprattutto alla televisione, nella quale aveva cominciato a lavorare nel 1953. La sua lunga carriera annovera anche alcune commedie sul grande schermo: ‘Noi siamo due evasi’ (1959), ‘Caccia al marito’ (1960), ‘Ferragosto in bikini’ (1961) e ‘Le motorizzate’ (1963). Ma e’ la tv il suo habitat naturale: il primo grande successo arriva con un classico come ‘Canzonissima’ (1961-62), dove interpreta il personaggio di Arabella. La coppia Vianello-Mondaini porta invece in scena negli anni Settanta in varieta’, come ‘Sai che ti dico?’ (1972), ‘Tante scuse’ (1974), ‘Noi… no’ (1977), ‘Io e la Befana’ (1978), ‘Stasera niente di nuovo’ (1981). Dal 1982 la coppia passa alle reti Fininvest dove, con grande successo di pubblico, presentano numerosi varieta’ come ‘Attenti a quei due’ (1982), ‘Zig Zag’ (1983-86) e la trasmissione che porta il loro nome: ‘Sandra e Raimondo Show’ (1987). I due dal 1988 sono interpreti su Canale 5 della sit-com ‘Casa Vianello. E’ un grande successo che rientra a pieno titolo nella storia della tv. Casa Vianello diventa cosi’ negli anni un vero e proprio format declinato anche in ‘Cascina Vianello’ (1996) e ‘I misteri di Cascina Vianello'(1997) e nell’inedito Crociera Vianello. E proprio alla coppia era stato tributato un omaggio all’ultimo festival di Sanremo prima della loro scomparsa con il premio Siae alla creativita’. Nei siparietti matrimoniali con Raimondo e’ sempre lei a stimolare le battute del marito. Come quando seduta sul bordo del letto, cerca di far ammettere a Vianello di averla tradita: ”Dimostra coraggio e affronta le tue responsabilita’. Raimondo, tu hai un’amante” dice Sandra. E lui: ”Ma magari! No, voglio dire, non e’ affatto vero”. E arriva la freddura di lui: ”Noi due abbiamo avuto alti e bassi, ma ti diro’ la verita’ io ho sempre provato a tradirti e non ci sono mai riuscito”. La vita e la scena si sono cosi’ intrecciate nella storia di Vianello e Mondaini che anche le loro frasi e battute piu’ divertenti sono legate a un contesto che li unisce. Sandra commosse l’opinione pubblica con affianco la famiglia filippina che la coppia aveva adottato, sconvolta dal dolore, seduta sulla sedia a rotelle su cui era costretta da anni, accompagnando il marito nell’estremo saluto nei funerali celebrati nella chiesa di Dio Padre a Segrate mmando’ un lungo bacio e fece ciao con la mano. Lei che aveva sempre mantenuto il suo nome e cognome.

Advertisement

In Evidenza

Nicola Di Bari in rianimazione dopo operazione al cuore

Avatar

Pubblicato

del

Nicola Di Bari e’ ricoverato in rianimazione all’Ospedale San Raffaele di Milano. A darne notizia e’ il suo manager, Franco Mariello. Le condizioni del cantautore pugliese si sono aggravate nelle ultime ore a seguito di un’operazione alle coronarie, a cui era stato sottoposto tre giorni fa. Di Bari, vincitore per due volte del Festival di Sanremo e autore di brani entrati nella storia della musica leggera italiana come Chitarra suona piu’ piano o La prima cosa bella, ha compiuto 80 anni il 29 settembre scorso.

Continua a leggere

Cronache

“Striscia la Notizia” costringe il Questore a “dare i numeri” sui parcheggiatori abusivi che infestano Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Parcheggiatori abusivi? Nonostante i servizi di Striscia la Notizia, con Luca Abete. Nonostante le battaglie del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. E nonostante il lavoro delle forze dell’ordine, sembra che il fenomeno odioso delle estorsione ai dannai di  automobilisti per strada ad opera di parcheggiatori abusivi, spesso delinquenti con pedigree criminale di tutto rispetto, sia ben lontano dall’essere debellato.

E però, siccome Luca Abete ha deciso di non mollare e continua a martellare con i suoi servizi che vanno in onda su Canale 5, a Striscia la Notizia, ecco che il questore di Napoli, Alessandro Giuliano, ci teneva a far sapere che la polizia di Stato se ne occupa di questo fenomeno criminale. E così, senza che nessuno gliel’abbia chiesto e soprattutto senza che nessuno lo accusi di non belligeranza con i delinquenti del parcheggio abusivo, il questore di Napoli con una nota fa sapere che dal 2018 ha emesso “445 divieti di accesso alle aree urbane (Dacur)”.

Questore di Napoli. Alessandro Giuliano ha dato i numeri sui provvedimenti emessi nel contrasto al fenomeno criminale dei parcheggiatori abusivi

“I provvedimenti – è scritto nella nota – sono stati predisposti dalla Divisione Polizia Anticrimine, che ha inoltre coordinato una specifica attività dei Commissariati volta a verificare, con il contributo dell’Inps, la percezione del reddito di cittadinanza da parte dei soggetti colpiti da Dacur. La normativa prevede infatti sanzioni penali per i percettori di reddito di cittadinanza che omettono di comunicare le variazioni reddituali, pur se derivanti da attività irregolari. I Commissariati di polizia hanno dunque svolto accertamenti presso l’Inps nei confronti di 30 parcheggiatori abusivi abituali, già colpiti da più ordini di allontanamento, alcuni dei quali sanzionati decine di volte in varie aree cittadine quali i piazzali antistanti gli ospedali Monaldi, Cardarelli, ospedale del Mare e Vecchio Pellegrini, via Cesare Battisti e via Filzi, piazza Cavour, via Sedile di Porto, via Santa Maria di Costantinopoli”. Ebbene, da questa indagine della polizia è emerso che “i nuclei familiari di 27 parcheggiatori abusivi hanno indebitamente percepito oltre 190mila euro a titolo di reddito di cittadinanza. Già lo scorso luglio, un’analoga attività del Commissariato “San Ferdinando” aveva portato all’emissione, da parte della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, di 40 avvisi di conclusione delle indagini preliminari”. La speranza è che ora lo Stato possa recuperare quanto indebitamente percepito da questi signori. Operazione quasi da “mission impossible” visto che sono persone normalmente nullatenenti e senza alcun bene intestato su cui rivalersi. E allora?

E allora siccome questo odioso fenomeno dei parcheggiatori abusivi non è debellato, sembra proprio che Luca Abete e Striscia la Notizia non molleranno la presa. Gli autori di Striscia, in collaborazione con l’inviato Luca Abete, hanno “inventato” il format “i quattro parcheggianti”. Una ironica rivisitazione dei “Quattro Ristoranti” di Alessandro Borghese. Solo che i protagonisti della gara di Abete invece di quattro ristoratori che si cimentano su manicaretti, servizio a tavola, menù e prezzo, sono quattro parcheggiatori che si fanno beffe del codice penale ed estorcono soldi ad automobilisti occupando suolo pubblico abusivamente e facendo anche concorrenza sleale a garage. Il reality show di Striscia analizza i comportamenti di quattro operatori abusivi della sosta a sbafo con richieste talvolta estorsive agli automobilisti. E chi conduce meglio l’impresa criminale del parcheggio abusivo si aggiudica il titolo di parcheggiatore abusivo del giorno. Un modo ironico quello scelto da Striscia la Notizia per sottolineare la gravità di un fenomeno criminale che non è questione napoletana ma problema nazionale. Ma si sa, Napoli, anche grazie a Luca Abete, è sempre una casa di vetro trasparente dove niente passa inosservato. Soprattutto quello che non va e che dev’essere denunciato. Sotto questo profilo il programma cult della televisione italiana, inventato da Antonio Ricci, tutto è fuorché un telegiornale cosiddetto satirico. Forse è uno dei pochi telegiornali nazionali che si occupano con serietà del racconto del Paese reale con coraggio e senza sconti per nessuno.

Continua a leggere

Spettacoli

Guerra legale tra Bosè e l’ex compagno per i 4 figli

Avatar

Pubblicato

del

 Miguel Bose’ finisce in tribunale su denuncia del suo ex. La causa, che si e’ aperta oggi a Madrid, riguarda il futuro dei loro quattro figli: due coppie di gemelli, nati da due gravidanza surrogate gestite autonomamente dal cantante italo-spagnolo e da colui che e’ stato il suo compagno per 26 anni, lo scultore Nacho Palau. Dopo la loro rottura, avvenuta due anni fa, Bose’ si e’ trasferito in Messico con due gemelli, mentre gli altri sono rimasti in Spagna con Palau, che ora chiede ai giudici di dichiarare che i quattro sono fratelli e hanno pari diritti. “I bambini hanno bisogno l’uno dell’altro, tutto questo non ha senso”, ha detto Palau in un’intervista qualche giorno fa, lamentando la separazione dei figli. E ieri, alla vigilia del processo, ha pubblicato una foto sul suo profilo Instagram molto toccante che risale a quest’estate, quando i bambini si sono riuniti per la prima volta dopo due anni di lontananza: Tadeo, Diego, Ivo e Telmo, che ora hanno nove anni, camminano insieme per una strada di campagna abbracciati. ‘Fratelli per sempre’, il commento di Palau. Nel processo lo scultore dovra’ dimostrare che e’ stato il compagno di Bose’ per quasi trent’anni – anche se la loro relazione non e’ mai stata ufficializzata con un matrimonio o una dichiarazione di essere una coppia di fatto – e che i quattro bambini sono il frutto del loro desiderio di formare una famiglia. I piccoli – nati tutti nel 2011 a distanza di solo sette mesi – sebbene non siano fratelli di sangue sono cresciuti come tali fin dalla nascita. Motivo per cui lo scultore chiede di condividere la cura di tutti loro, insieme, come avveniva prima della rottura con Bose’. E che, soprattutto, abbiano gli stessi diritti. Ora la Corte dovra’ determinare la paternita’, se i bimbi siano stati concepiti come un progetto di famiglia e quale debba essere il loro luogo di residenza. Decisioni non facili per i giudici visto il vuoto legislativo del diritto di famiglia (in Spagna la maternita’ surrogata non e’ prevista dalla legge) e vista la mancanza di precedenti giudiziari in materia. Il cantante e’ stato sempre molto geloso della sua sfera privata al punto che la sua relazione con Palau e’ diventata pubblica solo al momento della rottura. Anche lui oggi era presente all’udienza, ma lontano dalle telecamere: ha preferito entrare dal parcheggio per non farsi vedere. “Confido nella giustizia”, ha detto invece Palau ai giornalisti lasciando il tribunale.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto