Collegati con noi

Esteri

Via libera della Regina al principe Harry e sua moglie verso la nuova vita lontani da Corte

amministratore

Pubblicato

del

Esteri

Terremoto devastante in Turchia: decine di morti

Marina Delfi

Pubblicato

del

Notte d’inferno in Turchia dove la forte scossa di terremoto, 6.6 della Scala Richter, ha raso al suolo palazzi, provocato incendi. Per il momento sarebbero 14 i morti e più di 200 i feriti ma numerosi sono i dispersi e purtroppo il bilancio sembra destinato tragicamente a salire.

 

Continua a leggere

Esteri

Riforma delle pensioni, la Tour Eiffel chiusa per sciopero

Avatar

Pubblicato

del

Tour Eiffel chiusa oggi a causa della partecipazione di parte del suo personale alla 51/a giornata consecutiva di scioperi e proteste contro la riforma delle pensioni di Emmanuel Macron: e’ quanto annuncia la Sete, la societa’ che amministra il monumento parigino. “Il numero di effettivi presenti sul posto non consente di accogliere i visitatori in condizioni ottimali”, hanno indicato i responsabili, aggiungendo che il piazzale sottostante resta tuttavia accessibile. Dall’inizio delle mobilitazioni contro la riforma previdenziale, il 5 dicembre, la Dama di Ferro ha gia’ chiuso tre volte. Oggi, in Francia, e’ stata indetta una settima giornata di manifestazioni nazionali, in coincidenza con la presentazione della riforma in consiglio dei ministri. Tra l’altro, alcuni sindacati hanno lanciato un appello a tornare in piazza il 29 gennaio.

Continua a leggere

Esteri

Nel piano di Trump anche la Valle del Giordano a Israele

Avatar

Pubblicato

del

Riconoscimento della sovranita’ israeliana sulla Valle del Giordano e sugli insediamenti nell’Area C della Cisgiordania, quella, in base agli Accordi di Oslo, gia’ sotto controllo da parte dello Stato ebraico. In cambio, riconoscimento a tempo debito da parte degli Usa di uno Stato palestinese “smilitarizzato” che includerebbe il resto del territorio della stessa zona C, oltre le attuali Aree A e B, piu’ Gaza. Questi i punti principali, secondo varie fonti citate anche dai media, del piano di pace del presidente Trump che dovrebbe essere reso noto, a parere di alcuni, entro il 2 marzo. Ovvero prima delle elezioni politiche in Israele. Il Piano e’ stato respinto in toto da Ramallah dalla dirigenza palestinese. “Insistiamo – ha detto Nabil Abu Rudeina, portavoce di Abu Mazen – per la fine dell’ occupazione israeliana e per la costituzione di uno Stato palestinese lungo le linee del 1967, con capitale a Gerusalemme est”. “Che Israele e Usa – ha concluso – non valichino linee rosse”. Nell”Accordo del Secolo’ messo a punto da Trump insieme al consigliere Jared Kushner ed altri (definito dai media di Israele “la migliore offerta mai fatta”), sarebbe previsto il riconoscimento da parte palestinese di Gerusalemme come capitale di Israele e di Israele come Stato ebraico. Per quanto riguarda la smilitarizzazione dello Stato palestinese, questa comporterebbe anche la Striscia di Gaza e quindi di Hamas. Condizioni che al momento – secondo molti analisti – appaiono difficili visto che l’Autorita’ nazionale palestinese (Anp) di Abu Mazen non ha alcun potere a Gaza. I dettagli del Piano saranno presentati martedi’ prossimo a Washington sia al premier Benyamin Netanyahu sia al suo maggiore oppositore, il centrista Benny Gantz. Il premier ha fatto sapere di essere stato lui ad insistere con gli Usa per estendere l’invito anche a Gantz perche’ – ha spiegato – “e’ importante che non perdiamo questa storica opportunita’ con tali amici alla Casa Bianca. Dobbiamo mettere insieme il piu’ vasto consenso possibile”. L’invito di martedi’ prossimo alla Casa Bianca coincide con il giorno in cui la Knesset avrebbe dovuto cominciare – dopo molte polemiche all’interno del parlamento e tra i partiti – a discutere sulla richiesta di immunita’ parlamentare da parte di Netanyahu per le sue inchieste giudiziarie. Un obiettivo molto perseguito da Blu-Bianco, il partito di Gantz, in vista delle elezioni politiche del 2 marzo e molto osteggiato dal Likud di Netanyahu. Ora si attendono le mosse successive per capire se in presenza dell’incontro a Washington la Knesset andra’ avanti o rinviera’ la seduta.

Continua a leggere

In rilievo