Collegati con noi

Economia

Verso decreto da 40 miliardi, garanzie a chi investe Italia

Avatar

Pubblicato

del

Nel fine settimana il decreto per una garanzia da circa 200 miliardi per le imprese medio grandi. Poi entro Pasqua un nuovo decreto, che potrebbe arrivare anche a 40 miliardi con misure a sostegno di sanita’, aziende, lavoratori, enti locali e famiglie: oltre 60 miliardi in totale se si sommano alle misure del decreto Cura Italia. La nuova “manovra” anti Coronavirus prende forma in un susseguirsi di riunioni di maggioranza e con l’opposizione. Il governo si impegna a prorogare la cassa integrazione, rinviare le tasse, finanziare i primi ristori, aumentare il bonus per gli autonomi e aiutare chi non ha reddito. Le richieste dei partiti sono tantissime e gli spazi di manovra, avverte Gualtieri, “non illimitati”. Si attende di capire in concreto che aiuto arrivera’ dall’Ue, per non caricare tutto il peso sul debito italiano. Ma l’ipotesi, cui ha aperto il premier Giuseppe Conte, che una parte dei contributi arrivi attraverso il Mes torna ad alimentare tensioni con il M5s e con l’opposizione, Lega in testa. Il decreto per garantire liquidita’ alle imprese sarebbe dovuto arrivare in Consiglio dei ministri venerdi’ ma il testo non e’ pronto: il Cdm dovrebbe riunirsi tra sabato e domenica e, a mercati chiusi, potrebbe anche vagliare l’annunciato rafforzamento del golden power in difesa delle aziende italiane. In una riunione con l’opposizione Gualtieri annuncia che il decreto sulla liquidita’ aggiungera’ una garanzia per circa 200 miliardi di credito, fino al 25% del fatturato, per le imprese a partire da quelle medie e grandi: un ombrello che si aggiunge ai 100 miliardi garantiti dal fondo centrale di garanzia, che verra’ ulteriormente rafforzato e semplificato, e ai 290 interessati dalla moratoria. In totale “piu’ della Francia”, afferma: oltre 500 miliardi. Con la novita’ che sara’ messo nero su bianco il divieto di distribuire dividenti e l’obbligo di operazioni legate al territorio italiano. Non basta, secondo Iv: “Vanno considerate anche le partite Iva, commercianti, artigiani, e garantire loro liquidita’ usando come riferimento il fatturato dell’anno precedente”, spiega Ettore Rosato. Raggiungere sulle misure il consenso piu’ ampio possibile e’ l’obiettivo dichiarato dal governo, tanto che una nuova riunione con l’opposizione viene convocata per venerdi’ sera. Anche sul fronte europeo il premier Conte, mentre vede aumentare il consenso europeo, vorrebbe muoversi con la spinta concorde del mondo politico italiano. E concorde e’ il sostegno agli Eurobond, cosi’ si legge tra le righe delle reazioni bipartisan di plauso alla lettera con cui Ursula Von Der Leyen chiede scusa per la mancanza di una reazione europea nelle prime fasi di emergenza. Ma emergono crepe quando si tocca il tema Mes: Conte ha aperto all’utilizzo del fondo senza condizionalita’, ma il M5s ribadisce la sua contrarieta’ col ministro Stefano Patuanelli. “Non si parli piu’ di Mes”, avverte Matteo Salvini. Quanto alla collaborazione sulle misure economiche, il tentativo in atto e’ convincere le opposizioni a ritirare gli emendamenti al decreto Cura Italia, recependo invece alcune proposte nel decreto di aprile. Subito in Senato potrebbero arrivare rimborsi per le rette degli asili nido, cosi’ come uno ‘scudo’ per i medici e infermieri dai rischi di cause per il lavoro svolto nell’emergenza. Nel nuovo decreto sono attese misure per la casa, reddito di emergenza e aumento dell’indennita’ per gli autonomi, insieme a un nuovo pacchetto per gli enti locali, per l’agricoltura e il turismo. Arrivano intanto dal Mit 46 milioni che le Regioni potranno distribuire ai Comuni per quegli inquilini che hanno subito sfratti per morosita’ incolpevole (anche gli sfratti sono sospesi al momento). Mentre l’Arera, dopo la proroga delle misure restrittive per contenere l’epidemia al 13 aprile, sposta a quella data il blocco gia’ attuato in queste settimane del distacco di luce, acqua o gas per morosita’. Sul fronte degli affitti stavolta di bar, ristoranti e negozi, l’esecutivo sta anche pensando al “modello Francia”, come ha spiegato il viceministro Laura Castelli, cioe’ a incentivi ai proprietari di immobili che abbasseranno gli affitti, per dare ossigeno a chi e’ costretto a tenere chiuse le saracinesche.

Advertisement

Economia

Recovery Fund da 750 miliardi, all’Italia 173 miliardi di cui 82 di aiuti e il resto da rimborsare entro il 2058

Avatar

Pubblicato

del

“La Commissione propone un Recovery Fund da 750 miliardi che si aggiunge agli strumenti comuni già varati. Una svolta europea per fronteggiare una crisi senza precedenti”. La notizia la dà il commissario all’economia Paolo Gentiloni. Il pacchetto del Recovery fund proposto dalla Commissione europea per l’Italia ammonta a 172,7 miliardi di euro. Di questa somma enorme 81,807 miliardi sarebbero versati come aiuti e 90,938 miliardi come prestiti da rimborsare entro il 2058. È questo il bazooka che sarà utilizzato per risollevare l’economia del vecchio continente che esce dalla più grave crisi sanitaria del secolo.

I 172,7 miliardi proposti dalla Commissione Ue per l’Italia, come si diceva, rappresentano la quota più alta destinata a un singolo Paese. E questo sia in termini assoluti sia per quanto riguarda gli aiuti a fondo perduto che i prestiti. Segue l’Italia la Spagna, con un totale di 140,4 miliardi, divisi tra 77,3 miliardi di aiuti e 63,1 miliardi di prestiti.  La Commissione trovare i fondi, i 750 miliardi di euro, innalzando “temporaneamente” il tetto delle risorse proprie del bilancio comune al 2% del Pil Ue, e andando sui mercati a finanziarsi. Il debito così emesso dovrà essere rimborsato tra il 2028 e il 2058, attraverso il bilancio comune post 2027. Per reperire risorse Bruxelles propone di includere nuove risorse da tasse sulle emissioni, sulle grandi multinazionali, sulla plastica e web tax.

“Sono giorni importanti. Il piano di intervento europeo sta assumendo la sua fisionomia definitiva. L’Italia deve farsi trovare pronta all’appuntamento. Deve programmare la propria ripresa e utilizzare i fondi europei che verranno messi a disposizione varando un “piano strategico” che ponga le basi di un nuovo patto tra le forze produttive e le forze sociali del nostro Paese” spiega Conte senza toni trionfalistici benchè quello europeo è un suo successo.

Recovery Fund, le reazioni dei politici alle proposte della Commissione

Continua a leggere

Economia

Lagarde, niente eurocrisi ma Pil fra -8 e -12%

Avatar

Pubblicato

del

Nessuna nuova crisi esistenziale dell’Eurozona come dieci anni fa, grazie ai tassi bassissimi e alla politica monetaria e di bilancio in modalita’ ultra-espansiva. Ma lo shock da Covid-19, con i lockdown nazionali e la botta al commercio, fanno presagire un conto salatissimo per l’economia dell’euro, con il Pil che sta progressivamente peggiorando rispetto allo scenario intermedio di un -8%. Christine Lagarde, la presidente della Bce oggi intervenuta allo European Youth Event 2020, e’ categorica: “no, la risposta e’ no” risponde a chi le chiede se l’Europa fronteggi di nuovo un rischio di disintegrazione per colpa dei maxi-debiti che la pandemia sta facendo gonfiare a dismisura. E’ un fenomeno che sta accadendo in tutto il mondo, spiega. E – quasi ricalcando quanto detto da Mario Draghi quasi due mesi fa in un articolo sul Financial Times, “l’uso del debito non solo e’ raccomandato, ma e’ la strada da seguire”. E’ un incoraggiamento a misure di bilancio coraggiose a livello nazionale, dopo che Paesi come l’Italia avevano fatto i conti con iniziali perplessita’ temendo che il debito potesse sfuggire di mano in una spirale senza controllo. Ed e’ un incoraggiamento alla risposta arrivata oggi dalla Commissione europea con il recovery fund, che rompe il tabu’ dell’emissione di debito comune fra i Paesi e di trasferimenti fra i Paesi. Una risposta, a quella che Draghi aveva definito una “guerra”, che e’ inevitabile dato che nelle nuove stime della Bce che Lagarde presentera’ al consiglio direttivo del 4 giugno “e’ molto probabile che lo scenario piu’ favorevole (-5% del Pil,ndr) sia ormai fuori portata e che la caduta del Pil sara’ a meta’ strada fra lo scenario intermedio (-8%) e lo scenario piu’ grave, che e’ un po’ piu’ di -12%”. Fra le numerose incertezze, a partire dalla durata dei lockdown e da che tipo di ripresa ci sara’ – difficilissimo per molte imprese riaprire come se nulla fosse accaduto – la Bce e’ pronta a continuare a giocare il suo ruolo di garante della stabilita’ finanziaria. Il Pepp, il programma di acquisti di debito per l’emergenza pandemica da 750 miliardi di euro, rischia di esaurire le cartucce in autunno al ritmo attuale. E la Bce ha gia’ fato capire di essere pronta a incrementarne la potenza di fuoco: si parla di 250 miliardi in piu’, qualcuno azzarda un raddoppio. “Se vediamo che la situazione e’ peggiorata e se riteniamo che siano necessari nuovi stimoli, la Bce sara’ pronta ad espandere tutti i suoi strumenti per raggiungere il suo obiettivo di stabilita’ dei prezzi”, spiega al Financial Times Isabel Schnabel, membro (di nazionalita’ tedesca) del comitato esecutivo. Anche perche’ la Bce intende tirare dritto rispetto alla decisione della corte costituzionale tedesca, che ha messo i bastoni fra le ruote al Qe minacciando di bloccare l’operativita’ della Bundesbank negli acquisti. Un rebus apparente di fronte al quale la Bce non intende spendersi direttamente: equivarrebbe a legittimare una competenza dei giudici nazionali a una giurisdizione che invece, per Francoforte, e’ esclusivamente europea. E confida invece in una soluzione tutta politica. “Non succedera’”, risponde Schnabel alla domanda se la Bce rischi di doversi chiamare fuori dagli acquisti di debito. “Sono sicura che ci sara’ una comunicazione fra la Bundesbank e il Parlamento e il Governo tedesco e si dovra’ trovare una soluzione”.

Continua a leggere

Economia

Milano chiede alla Ue 3,5 miliardi per autobus ad emissioni zero

amministratore

Pubblicato

del

Un “programma indicativo da 3,5 miliardi” per “l’acquisto di autobus a emissioni zero” dovrebbe essere incluso nel pacchetto Ue per la ripresa che sarà annunciato domani. E’ il suggerimento delle amministrazioni di Milano, Bonn, Bruxelles e Dublino in una lettera inviata al vicepresidente Frans Timmermans e alla commissaria ai trasporti Aldina Valean, sostenuta anche da Ong come lo European Environment Bureau e Transport & Environment. Un regime di sostegno del genere, si legge nella lettera permetterebbe di avere “tutti gli autobus urbani nuovi acquistati nell’Ue (circa 12.000)” a zero emissioni “entro la meta’ del 2020”, con il livello di sovvenzioni pubbliche che potrebbe cosi’ diminuire nella seconda meta’ del decennio.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto